Il solito copione democratico

Pubblicato mercoledì, 26 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Mancano tre giorni al voto in South Carolina e meno di una settimana al Super Tuesday, che assegnerà i delegati di 15 stati. Due scadenze vicine e importanti che, in teoria, avrebbero dovuto mettere alle strette i candidati democratici e spingerli a dare il meglio di sé. Invece niente di tutto questo è successo. O meglio, niente di tutto questo si è visto dal palco del dibattito di ieri notte: due ore di confusione e noia, nelle quali, complice anche la pessima organizzazione dei tempi e delle domande da parte di Cbs, i candidati hanno girato a vuoto, arrovellandosi su questioni interessantissime e importanti, ma senza nessuna presa elettorale (roba tipo il destino di Gerusalemme, per dire, o il filibuster, una complessa regola di voto al Senato). Si è parlato, com’era ovvio fosse, di coronavirus, ma la faccenda è stata liquidata abbastanza in fretta, visto che tutti i candidati erano concordi nel dire che Donald Trump non è assolutamente in grado di gestire la crisi.
Per il resto, nessuno è riuscito ad emergere davvero sugli altri, nessuno è riuscito a espandere davvero la sua platea di elettori potenziali.
In buona sostanza ognuno è tornato a casa con quello che aveva, dopo aver replicato la sua parte in commedia. 
 


 
Buttigieg, per dire, “ha fatto Buttigieg”: preparato, efficace, tagliente, è una macchina da slogan (“If you are a leader, first be a servant”) e ha la capacità di infondere calma a chi lo ascolta, come se avesse la situazione sotto controllo. Peccato per lui che i sondaggi non lo premino per niente. Anzi. E difficilmente i suoi attacchi di ieri sera a Bernie Sanders lo porteranno lontano.
 


 
Sanders, invece, forte del suo vantaggio in voti e sondaggi, è carismatico ma riottoso: ha la faccia e il tono di uno pronto a fare a cazzotti a ogni domanda e, benché parli di creare “un grande movimento di persone” attorno alla sua candidatura, sembra non avere nessuna interesse per i moderati cui non piace Donald Trump. Anzi, sembra quasi li provochi, li trolli, intenzionato a piacere loro meno ancora di quanto piaccia l’attuale Presidente. A un certo punto si è pure incartato sulla questione delle dittature che “fanno anche cose buone”: ci sentiamo di consigliargli di lasciar perdere.
 


 

Joe Biden, invece, si è ripreso e per la prima volta ha portato a casa un dibattito nel quale è stato brillante, preciso, simpatico e affilato. Benché continui a spiccare per buona educazione e garbo con gli avversari, ieri ha finalmente sfilato i guantoni e attaccato Bernie Sander frontalmente, colpendolo su uno dei suoi punti più deboli, almeno agli occhi dei dem: la sua ambigua posizione sul controllo delle armi. In particolare Biden ha rinfacciato a Sanders di aver votato, nel 2007, per una legge che esonerava i produttori di armi da ogni responsabilità per le sparatorie. Un voto che Sanders stesso ha definito ‘sbagliato’, ma che Biden ha saputo usare a suo vantaggio.
 
 

 
Anche Elizabeth Warren si è confermata quella di sempre: lucida e preparata, ha (o meglio dire “avrebbe”) un piano per tutto. Se solo riuscisse a diventare presidente, o almeno candidata. I sondaggi però, purtroppo per lei, la inchiodano nelle parti basse della classifica, e la senatrice del Massachusetts sembra destinata a restare niente di più che una suggestiva ipotesi. Per rifarsi ha provato a giocare ancora un po’ al gatto col topo con Bloomberg, ma si è visto che dopo un po’ la faccenda ha detto quello che doveva dire, e allora ha lasciato perdere.
  


 
Stessa aria di rompete le righe anche dalle parti di Amy Klobuchar: combattiva sì, ma sottotono, come una che non ci crede più nemmeno lei. Ma ha messo a segno il colpo più duro ai danni di Bernie Sanders, dicendo che le sue “Sono promesse vuote, buone solo per gli adesivi da mettere sulla macchina”. Ahia.
 
Infine, sul palco, c’erano due miliardari: Tom Steyer e Mike Bloomberg. Di Steyer non c’è molto da dire: benché stia spendendo un mare di soldi (200 milioni dall’inizio della campagna, il doppio secco di quanto speso da Sanders) i suoi risultati sono veramente scarsi. Se gli va bene (ma proprio benissimo) riuscirà ad arrivare terzo in South Carolina. E poco altro. 



 
Quanto a Bloomberg è andato leggermente meglio della scorsa volta (difficile fare peggio), ma si è confermato un oratore molto scarso e soprattutto privo di un programma chiaro che non sia la forza del suo nome e del suo portafoglio. Di lui si ricorderanno una battuta sulla sua statura, un attacco piuttosto scomposto a Bernie Sanders (per il quale ha ventilato in modo vago e passivo-aggressivo un ipotetico sostegno da parte di Vladimir Putin) e un momento surreale e involontariamente comico durante il quale l’ex sindaco ha detto di aver trionfato allo scorso dibattito. 
 
Così, dopo due ore di dibattito, le primarie democratiche sono esattamente dove erano: incastrate tra un vincitore in pectore (Sanders) che non piace al partito, e un partito  incapace di trovare un candidato, una linea, una strategia. Né per battere Sanders, né per battere Trump. 

Tag: #Primarie #StatiUniti #Democratici #BernieSanders #MikeBloomberg #JoeBiden

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il 28 e il 29 marzo, dalle 10.30 sul nostro sito, c'è il Festival del Realismo in streaming, un nuovo evento con dibattiti e video-interviste su temi di attualità economica e politica con tanti ospiti e giornalisti del ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Sul coronavirus si giocano diverse partite politiche. C’è quella, ormai venuta allo scoperto, della coppia Giuseppe Conte-Rocco Casalino che tenta di lanciare definitivamente il premier accrescendone la popolarità a suon di like su Facebook e di...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Abbiamo chiesto al biologo Enrico Bucci di aiutarci a trovare ogni giorno un tema utile da offrire ai lettori per avere uno spunto di riflessione in più sul tema del contenimento del coronavirus. Questa è la prima puntata della sua rubrica, il...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Chissà che cosa penserà di questa sentenza il ministro di Giustizia, Alfonso Bonafede, quello che ha abolito la prescrizione e ha dato la possibilità ai giudici di trasformare i processi in una persecuzione senza limiti di tempo. Chissà che cosa...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Dante è sempre stato letto in pubblico. Come dice Andrea Battistini, imponente accademico allievo di Ezio Raimondi, è dal Trecento che il suo racconto si comunica oltre il limite del pensiero poetico e concettuale fissato...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Adoriamo Guido Vitiello, la sua simpatia, la sua bella cultura e la sua rubrica sul Foglio, che aveva anche ieri ragioni da vendere nonché, come al solito, deliziosamente formulate: “Un proclama recente del nostro comandante Analfa, Luigi Di Maio,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Molti anni fa, ai tempi eroici di Mani pulite, un tizio che conoscevo, un magnifico mitomane della politica lo si potrebbe definire, si lamentava sempre di non essere preso in considerazione dai pm della banda Di Pietro: “Ormai, se non hai un avvisetto ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Il numero di contagi, ricoveri e morti per coronavirus continua purtroppo a crescere. Forse con meno intensità. Alcuni azzardano a dire che si incomincia a intravvedere una fioca “luce in fondo al tunnel”. E’ fondamentale però,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

I grandi rivolgimenti nella vita di una società – guerre, tsunami, terremoti, uragani, invasioni di rane e di locuste, stragi dei primogeniti, carestie e ovviamente epidemie – ingenerano negli spiriti sensibili allucinazioni di vario tipo. A volte...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Milano. Borse europee in forte recupero dopo giorni, settimane, di crolli e volatilità estrema. Piazza Affari ha guadagnato quasi il 9 per cento, in linea con gli altri listini che da Francoforte (+11 per cento), Parigi (+8,3 per cento), Madrid ...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

È comprensibile che in questo momento di grande diffusione dell’epidemia da coronavirus caratterizzato da altissimi numeri di pazienti ricoverati, intasamento delle terapie intensive e purtroppo ingente perdita di vite umane si desiderino fortemente...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Non ce lo ricordiamo mai, ma forse in questo strano tempo dilatato dell’emergenza sanitaria, alcune cose si ricordano: i bambini incolpevoli reclusi nelle patrie galere insieme alle madri. In Italia sono 59, secondo...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Calogero Venezia, Lillo, è morto a Catania, dopo un breve ricovero per  una polmonite che ha infierito su malanni precedenti. Ha scritto sua sorella, Enza Venezia Signorello: “Con enorme dolore devo comunicarvi che...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto legge che introduce sanzioni più dure per chi viola le norme anti contagio da Coronavirus e che uniforma il quadro normativo su tutto il territorio nazionale. Il premier Giuseppe Conte in...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Gli Stati Uniti cominciano a muoversi nel complicato scacchiere internazionale legato alla guerra dei prezzi del greggio che ha portato il barile a scendere sotto la soglia psicologica dei 30 dollari. La priorità per la Casa Bianca è ora quella ...