Il Ppe trova un compromesso per salvare Orbán

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Il Ppe sospende Viktor Orbán e trova un compromesso per rimanere unito in vista delle elezioni europee. La presidenza dei popolari ha sospeso Fidesz con effetto immediato, e i delegati hanno approvato la risoluzione con una maggioranza schiacciante: 190 voti a favore e tre contrari. Ha prevalso la linea prudente di chi era contrario a una divisione nell'alleanza, anche a costo di sembrare conniventi con Orbán.
 
Molti temevano che l'Assemblea di oggi tra gli azionisti del Ppe si sarebbe conclusa con l'espulsione del premier ungherese, che avrebbe innescato un meccanismo imprevedibile. Invece, la resa dei conti è stata rinviata e tutti nel Ppe possono intestarsi la vittoria. A partire dallo stesso Orbán, che nella conferenza stampa dopo il voto ha detto di “avere volontariamente sospeso i nostri diritti”. Il leader ungherese è rimasto fermo sulle sue posizioni, non ha voluto dare l'impressione di avere capitolato a Bruxelles. Una fonte presente all'assemblea ha detto al Foglio che è stato aggiunto un inciso alla risoluzione secondo cui "il Ppe e Fidesz si dichiarano d'accordo" sul secondo articolo del testo, quello sulla sospensione del partito. In questo modo, Orbán può raccontare ai suoi elettori di non avere subìto alcuna umiliazione da Bruxelles.
 
Tuttavia, il leader di Fidesz ha cercato un compromesso fino all'ultimo per evitare di essere espulso. Il suo intervento all'Assemblea è stato “insolitamente scialbo”, e orientato verso una mediazione. Orbán ha trovato una sponda nella leader dei cristiano-democratici tedeschi, Annegret Kramp-Karrenbauer (AKK), che è stata l'artefice principale del compromesso. La priorità dei tedeschi era di non volere danneggiare la candidatura alla presidenza della Commissione europea del loro connazionale Manfred Weber. Markus Söder, leader del partito cristiano-sociale da cui proviene Weber, ha proposto alcune modifiche alla risoluzione originale per venire incontro alle esigenze del premier ungherese. L'intervento di AKK, subito dopo quello di Orbán, è stato un appello alla coesione e all'unità, in cui ha voluto ribadire la centralità della Cdu anche dopo l'addio della Merkel dalla guida del partito. Durante una delle pause dell'Assemblea, AKK ha parlato col ministro degli Esteri ungherese, Péter Szijjártó, per spingerlo verso il compromesso, un incontro fondamentale per il buon esito della trattativa. I popolari decideranno sul futuro di Orbán dopo le elezioni europee, e a quel punto avranno un ampio spazio di manovra. Se, ad esempio, i liberali dell'Alde dovessero chiedere l'espulsione di Orbán come condizione per un'alleanza, il Ppe potrebbe comodamente agire di conseguenza. La priorità di oggi era quella di non dividersi prima delle elezioni.
 
Gli unici sconfitti dal voto sono i partiti del nord Europa che avevano chiesto l'espulsione di Orbán. I moderati svedesi e i loro cugini olandesi, lussemburghesi e belgi hanno prima chiesto la sanzione più dura contro il premier ungherese, ma poi hanno votato insieme alla maggioranza. Gli slovacchi e gli austriaci hanno difeso Orbán, mentre le delegazioni più numerose (francesi, spagnoli e italiani) hanno cercato una mediazione. Berlusconi, che non ha partecipato al summit, ha benedetto il compromesso con Orbán, ma Forza Italia è rimasta piuttosto estranea dal dibattito. Tajani, che è arrivato in ritardo all'Assemblea, non ha mai preso la parola.
 
La risoluzione approvata dai delegati prevede che Fidesz non “avrà più diritti all'interno del Ppe”: non potrà partecipare agli incontri del gruppo e “non avrà più diritto di proporre i propri candidati per alcun incarico”. Verrà anche creata una commissione per valutare “il rispetto dello stato di diritto e dei valori popolari” da parte di Orbán, composta dall'ex presidente dell'Eurogruppo, l'olandese Van Rompuy, l'ex presidente del Parlamento europeo, il tedesco Hans-Gert Pöttering, e l'ex cancelliere austriaco Wolfgang Schussel.
 
La scelta di questi nomi è stata eseguita per bilanciare il peso delle diverse correnti del Ppe. Schussel è il membro più filo-orbaniano: anni fa anche lui era stato accusato di avere violato lo stato di diritto dopo l'alleanza a Vienna con l'estrema destra. Van Rompuy, invece, dovrebbe essere il garante dei partiti del nord Europa più ostili a Orbán. Pöttering, l'ex capogruppo del Ppe che ha accolto Fidesz nella famiglia popolare, dovrebbe invece bilanciare gli equilibri interni.
 
La commissione dovrà anche valutare se Orbán rispetterà le condizioni proposte da Manfred Weber nell'ultimatum dello scorso 5 marzo. La risoluzione obbliga il leader di Fidesz a riconoscere che la campagna diffamatoria contro Juncker ha “causato dei danni politici considerevoli” e a rimuovere “i poster e i materiali” esposti nelle città ungheresi. Inoltre, il premier ungherese dovrà chiarire la posizione della Central European University, l'ateneo fondato da George Soros che Orbán ha dichiarato illegale. Tuttavia, le misure sulla sospensione di Fidesz entreranno in vigore “immediatamente”, senza attendere il parere della commissione.

Tag: #Esteri #UnioneEuropea #Orban

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Lo scorso 11 aprile ha fatto il giro del mondo la notizia dell’arresto di Julian Assange, la controversa figura dietro a WikiLeaks. Da tempo rifugiato all’interno dell’ambasciata ecuadoriana la sua cattura da parte di Scotland Yard ha scatenato una ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Roma. "Due sono i mezzi con cui una struttura storica può conservare o riacquistare la propria vitalità per il presente e per il futuro. Uno è violento e viene dall’esterno (…). Il secondo è spirituale e viene dall’interno (…)....

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Sono passati quasi quarant’anni dal primo incontro tra Gay Talese e Gerald Foos, il vecchio proprietario del Manor House Motel, e cioè il voyeur più famoso del mondo. Foos, che ebbe una lunga relazione confessionale con Talese che...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

La prima ad annunciarmelo è stata la professoressa di Matematica, ai colloqui con i genitori. Mi ha guardato con la faccia delle cattive notizie, e ha detto: poi c’è anche questo problema. Pronunciava: problema, ma i suoi occhi dicevano: sciagura. Ho ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

A metà marzo, proprio mentre un addetto dell'Ufficio Decoro di Roma cancellava la storica scritta “Vota Garibaldi” da un muro della Garbatella, la sindaca Virginia Raggi festeggiava con un video l'arrivo da Israele di una flottiglia di autobus...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

L'ex premier della Slovenia, Alojz Peterle, durante la plenaria del Parlamento europeo, ieri ha tenuto un discorso conclusivo prima delle elezioni Europee. "Grazie per questi cinque anni di unità nella diversità. Buona Pasqua!", ha detto Peterle....

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Da una parte il confine tra Irlanda del Nord e Repubblica d’Irlanda, dall’altra il fiume Foyle che divide in due la città. Nella periferia del quartiere operaio di Bogside, in fondo a Lone Moor Road, la casa del Derry City, il Ryan ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Nelle ultime settimane, quotidiani e magazine sono pieni di pagine di pubblicità di aziende che professano la loro attenzione all’ambiente, compresi i grandi gruppi energetici. Non è solo l’effetto ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Al direttore - Presidente Conte, in queste settimane Lei è impegnato – insieme al ministro Moavero – a cercare di evitare che la crisi libica volga al peggio. Una crisi che si trascina da anni senza che la comunità internazionale sia riuscita...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Italia: rischio nuova crisi bancaria per instabilità politica e finanziaria Londra, 19 apr - (Agenzia Nova) - Il settimanale britannico "The Economst" analizza oggi i possibili rischi che l'instabilità politica dell'Italia ed il precario...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Stanotte a Londonderry, nell’Irlanda del nord, una giornalista di 29 anni anni è stata uccisa durante gli scontri tra manifestanti e polizia. Secondo le autorità, l’assassinio di Lyra McKee, questo è il nome della reporter, è un “atto...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Il New York Times Magazine aveva ieri un lungo saggio su Ruth Wilson Gilmore, una donna impegnata da trent’anni all’abolizione della prigione. L’abolizionismo della galera ha una lunga e illustre storia, ignorata dai più, intoccati dal pensiero...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Se è possibile essere cristiani e querelare Costanza Miriano, essere cristiani e spronare una fanatica ambientalista a proseguire nel suo fanatismo, essere cristiani e prodigarsi per l’islamizzazione d’Europa, essere cristiani e vegani o anche solo...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Ma sai che se invece la Raggi? Boh. E’ solo un dubbio, però. Le mollichine per spiegare il bilancio a Salvini, a Salvini che gli sventola i topacci per spiegargli che deve sloggiare da Roma, non sono sembrati grandi segnali di comunicazione politica....

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Giuliano da Empoli ha passato gli ultimi mesi a studiare “gli ingegneri del caos”, come da titolo del suo nuovo libro che uscirà in Italia per Marsilio il prossimo 2 maggio. Il libro, molto bene accolto in Francia dove l’autore...