Il governo in confusione sull'ecotassa e il partito di Renzi

Pubblicato giovedì, 06 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Il colmo di ironia sarebbe se l'arresto della vicepresidente ed erede al comando di Huawei fosse stato deciso in seguito a intercettazioni telefoniche, ma c'è poco da scherzare, perché con la richiesta di estradizione negli Stati Uniti di Meng Wangzhou, arrestata in Canada, si apre un confronto politico e commerciale che mette paura. Le borse mondiali sono tutte precipitate, ricordandoci, una volta ancora, che l'apertura dei mercati porta ricchezza, mentre il protezionismo può illudere nel breve periodo ma poi fa danni.
   

 
 
 
Allora, c'è questa storia della ecotassa, di cui non si sa bene quanto sia eco (è tutto da dimostrare) ma è certamente tassa, sull'acquisto di nuove auto, che sono pressoché tutte con motori Euro 6, quindi con alta efficienza energetica. La strategia di comunicazione dei 5 stelle questa volta è andata in tilt, di fronte alle proteste, arrivate anche dall'interno della maggioranza da Matteo Salvini. In sostanza i 5 stelle, ha cominciato Luigi Di Maio, vogliono far passare l'idea che non ci sono tasse per le auto già circolanti. Concetto ovvio, noto a tutti, ma estraneo al dibattito, perché si parla di auto nuove, da vendere l'anno prossimo. Insomma, qui ci si sta incartando per quella che forse è l'unica ideologia che caratterizza i grillini, ovvero l'ossessione ambientalista. E parla ideologicamente il ministro Costa, quando, in pieno scontro sulla nuova tassa, ricorda che però bisogna colpire chi inquina. Concetto di facile presa, ma senza senso, almeno riguardo a nuove auto, con motori di ultima generazione, nei quali, va ricordato, già si paga un sovrapprezzo in nome del miglioramento dell'efficienza energetica e quindi della riduzione delle emissioni. Un sovrapprezzo in termini di costi causati dalla ricerca per adeguare i motori e per rendere più leggere le carrozzerie. Mentre le auto più potenti sono già tassate moltissimo con la progressività del bollo. Salvini comunque promette cambiamenti, mentre l'opposizione attacca e il mondo produttivo è arrabbiatissimo
 
 
 
 
Intanto la manovra non c'è, Tria non va ai vertici, Moscovici attende con fiducia le revisioni italiane, il mercato dei Btp crede al nuovo corso. Alla Camera si vota una fiducia fantasma e il tempo per correggere le cose in modo un po' organico non c'è più: l'unica soluzione a questo punto è un rinvio della partenza dei due provvedimenti simbolo (e poi si vedrà). Ma resta aperta la questione di più lungo termine, il cosiddetto deficit strutturale e il suo rapporto con il debito italiano, ovvero l'unica grandezza importante e che deve essere ridotta in rapporto al pil.
 


 
Poi c'è l'attesa per il Pd? No, per Renzi.
 
 

Tag: #Huawei #DonaldTrump #XiJinping #Ecotassa #LuigiDiMaio #MatteoSalvini #MatteoRenzi

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. “Le ‘infrastrutture sociali’ sono crollate: scuole, ospedali, strutture sportive e ricreative e istituzioni culturali hanno dovuto chiudere”. La Zeit, il primo settimanale tedesco, questa settimana dedica uno speciale al fenomeno...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

"Il futuro è storia" l’ho visto il mese scorso passando davanti a una vetrina nel centro di Roma. Di Masha Gessen ho avuto per le mani un paio d’anni fa una biografia di Putin, piuttosto parziale a dire il vero, intitolata “L’uomo senza...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Archistar fasce contro archistar sovietiche. Non è un reality show molto di nicchia ambientato nei Carpazi per volere di Putin, ma lo spirito di una mostra che a a Como, a San Pietro in Atrio, mette in scena un confronto architettonico e ideologico tra...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Togli qui e metti là: ogni giugno, così pare, il sindaco Virginia Raggi mette mano a un “Piano Sampietrini”. Cubetti di porfido da spostare (quelli di viale Aventino e via IV novembre) e da impiantare in via del...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

A fine maggio il presidente dell’Inps Pasquale Tridico ha lanciato la suggestiva idea di istituire una task force per contrastare il caporalato nei campi agricoli anche attraverso l’uso di droni. E’ possibile che veicoli autonomi volanti abbiano...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Francia, D-Day +7. Così, in gergo, si indicano i giorni trascorsi dall’inizio di un’operazione militare. E l’invasione della Normandia, iniziata il 6 giugno di settantacinque anni fa con l’obiettivo di liberare passo dopo passo...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Il M5s è scomparso dalla cartina della provincia di Roma. Territorio che fu avanguardia delle amministrazioni M5s da quando nel 2013 i grillini vinsero a Pomezia. L’anno successivo fu la volta di Civitavecchia. Poi, di...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Una città all'insegna del 4-3-3: questa è Pescara. Non si scappa da tale sistema di gioco da quando lo impose Giovanni Galeone nella seconda metà degli anni Ottanta, imprimendo alla squadra abruzzese un marchio di spettacolo coniugato ...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Eletto per distribuire, per dare al popolo quel che è del popolo, il governo ha cominciato a estrarre. Dopo quindici mesi di bugie e illusioni, adesso deve almanaccare su come metter mano ai portafogli degli italiani. “I soldi ci sono”, è stata la...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Giuliano Ferrara mi ha invitato a leggere il libro di Masha Gessen (“Il futuro è storia”, Sellerio) e di riferire le mie impressioni per i lettori del Foglio. Lo faccio volentieri, anche se il libro precedente dell’autrice, un...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

C’è un’affermazione molto netta al fondo della prima grande monografia che lo studio romano Labics ha pubblicato di recente – “Structures” Park Books, Zurigo – e cioè che l’architettura milanese è composta perlopiù di facciate, alla...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Giovanni di Lorenzo sta chiudendo il numero della Zeit in edicola questa settimana e scherza: “Faccio un titolo un po’ osé, vediamo che effetto fa”. Sulla copertina del settimanale che dirige, che è uno dei prodotti editoriali...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

La storia ci insegna che un’immagine può influenzare il modo in cui le persone percepiscono e interpretano un evento e persino indirizzare, in un verso o nell’altro, l’agenda politica di un paese. Ne è un esempio la fotografia scattata lungo le...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Cara Annalena, le persone perbene sanno che non devono chiedermi “Stai scrivendo?”, così come non chiederebbero alla nipote, zitella di paese, se si sia infine fatta il fidanzato. Tuttavia non basta, perché ormai il mio livello d’isteria è...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Dite voi se devo scusarmi, perché questo articolo è quasi un’autorecensione. Dico quasi. Non parlerò infatti di me stesso, ma di un testo apparso nel terzo numero di una rivista, L’età del ferro, ideata e fondata dal mio amico...