Il governo in confusione sull'ecotassa e il partito di Renzi

Pubblicato giovedì, 06 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Il colmo di ironia sarebbe se l'arresto della vicepresidente ed erede al comando di Huawei fosse stato deciso in seguito a intercettazioni telefoniche, ma c'è poco da scherzare, perché con la richiesta di estradizione negli Stati Uniti di Meng Wangzhou, arrestata in Canada, si apre un confronto politico e commerciale che mette paura. Le borse mondiali sono tutte precipitate, ricordandoci, una volta ancora, che l'apertura dei mercati porta ricchezza, mentre il protezionismo può illudere nel breve periodo ma poi fa danni.
   

 
 
 
Allora, c'è questa storia della ecotassa, di cui non si sa bene quanto sia eco (è tutto da dimostrare) ma è certamente tassa, sull'acquisto di nuove auto, che sono pressoché tutte con motori Euro 6, quindi con alta efficienza energetica. La strategia di comunicazione dei 5 stelle questa volta è andata in tilt, di fronte alle proteste, arrivate anche dall'interno della maggioranza da Matteo Salvini. In sostanza i 5 stelle, ha cominciato Luigi Di Maio, vogliono far passare l'idea che non ci sono tasse per le auto già circolanti. Concetto ovvio, noto a tutti, ma estraneo al dibattito, perché si parla di auto nuove, da vendere l'anno prossimo. Insomma, qui ci si sta incartando per quella che forse è l'unica ideologia che caratterizza i grillini, ovvero l'ossessione ambientalista. E parla ideologicamente il ministro Costa, quando, in pieno scontro sulla nuova tassa, ricorda che però bisogna colpire chi inquina. Concetto di facile presa, ma senza senso, almeno riguardo a nuove auto, con motori di ultima generazione, nei quali, va ricordato, già si paga un sovrapprezzo in nome del miglioramento dell'efficienza energetica e quindi della riduzione delle emissioni. Un sovrapprezzo in termini di costi causati dalla ricerca per adeguare i motori e per rendere più leggere le carrozzerie. Mentre le auto più potenti sono già tassate moltissimo con la progressività del bollo. Salvini comunque promette cambiamenti, mentre l'opposizione attacca e il mondo produttivo è arrabbiatissimo
 
 
 
 
Intanto la manovra non c'è, Tria non va ai vertici, Moscovici attende con fiducia le revisioni italiane, il mercato dei Btp crede al nuovo corso. Alla Camera si vota una fiducia fantasma e il tempo per correggere le cose in modo un po' organico non c'è più: l'unica soluzione a questo punto è un rinvio della partenza dei due provvedimenti simbolo (e poi si vedrà). Ma resta aperta la questione di più lungo termine, il cosiddetto deficit strutturale e il suo rapporto con il debito italiano, ovvero l'unica grandezza importante e che deve essere ridotta in rapporto al pil.
 


 
Poi c'è l'attesa per il Pd? No, per Renzi.
 
 

Tag: #Huawei #DonaldTrump #XiJinping #Ecotassa #LuigiDiMaio #MatteoSalvini #MatteoRenzi

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Hezbollah è un gruppo di “terroristi”, ha detto Salvini. “Chi vuole la pace difende la sicurezza di Israele”, ha scritto su Facebook il ministro dell’Interno, in visita allo stato ebraico. Fonti del ministero della Difesa hanno...

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Con Robert Spaemann se ne va un vero maestro, uno dei pochi ancora in circolazione. Per questo il lutto è ancora più grande.   Pensatore cattolico, allievo di Joachim Ritter, Spaemann considerava la filosofia come un vero e proprio esercizio di...

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

E adesso per chissà quanto tempo non ci sarà più il Tmb Salerio, ovvero uno dei due impianti (l'altro è il contestatissimo Rocca Cencia) che a Roma facevano il primo trattamento, quello meccanico e biologico (da cui la sigla TMB) dei rifiuti...

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Nazionalizzare è una delle parole d'ordine del governo gialloverde. Su Alitalia i lavori sono ancora in corso ma nell'attesa i fan delle nazionalizzazioni hanno di che consolarsi. Al comma 221 dell'articolo della legge di Bilancio approvata alla Camera...

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Le "Persone dell'anno" scelte dal magazine americano Time sono i giornalisti imprigionati o assassinati per la difesa della verità. Sulle quattro copertine presentate oggi ci sono Jamal Khashoggi, il giornalista saudita ucciso il 2 ottobre scorso nel...

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Quando il Superclásico sembrava soltanto questione di calcio, sport, popolo, orgoglio, rivalità, e non ancora storia di sassi, assalti al pullman, lacrimogeni e minacce di morte, in molti abbiamo guardato la partita di andata della finale di Copa...

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Lo scandaletto, che a Napoli è uno scandalone, dell'artigiano di San Gregorio Armeno che ha esposto Hitler in vetrina fra le statuette per il presepe può essere utile a un discorso di più ampio raggio, che oltrepassi la diatriba...

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

C’è la foga del calcio, ma pure la rabbia di una città che non si riconosce più nella sua squadra. E poi la preghiera, quella di padre Lyden-Smith, sacerdote cattolico che viene ritratto davanti a una chiesa piena di sciarpe bianco-rosse mentre...

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

A Roma è emergenza rifiuti. È una frase sentita mille volte, ma da questa mattina la questione è più seria che mai. Una nuvola di fumo grigio già da prima dell'alba avvolgeva la via Salaria, ma prima ancora di vederla in tutto il quadrante nord-est...

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Roma. Anche da noi c’è chi vagheggia soluzioni venezuelane, espropriazioni, razionamenti, nazionalizzazioni o interventi salvifici di potenze straniere. La simpatia per il Venezuela appartiene più ai gialli che ai verdi del governo italiano, ...

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Anche se con qualche ritardo, è utile dare un’occhiata un poco più approfondita ai dati sulla crescita reale del pil nel terzo trimestre, in parte per capire meglio le implicazioni congiunturali e in parte per trovare riscontro a...

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Roma produce quotidianamente circa 4.600- 4.700 tonnellate di immondizia al giorno (1,7 milioni di tonnellate l’anno). Secondo i dati dell'Ama il 44,2 per cento (circa 2.000 tonnellate) è differenziato. Le altre 2.700 tonnellate di rifiuti...

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Traduciamo in versione integrale il discorso che Nadia Murad, attivista per i diritti umani di origini yazide, ha tenuto ieri durante la cerimonia di consegna del premio Nobel per la Pace, vinto assieme al medico...

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

In giorni di tumulti e rivolte, di grande confusione politica e discontento generale, è capitato a proposito il primo convegno internazionale sulla figura e l’opera di Giose Rimanelli (1925-2018), che si è tenuto presso l’Università del...

Pubblicato martedì, 11 dicembre 2018 ‐ Il Foglio

Roma. Pensavamo che sarebbero stati gli ebook. Che una delle tecnologie di maggior successo degli ultimi secoli, il libro, sarebbe infine stata mandata in pensione dai libri elettronici, che hanno l’efficienza di potersi portare Guerra e pace...