I grillini sono al collasso anche a Genzano

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Se a Roma si piange dopo il terremoto seguito ieri all’arresto di Marcello De Vito e con la maggioranza grillina dell’XI Municipio incamminata verso il collasso, il Movimento ha poco da ridere anche a Genzano. Dove oggi dovrebbe consumarsi l’ultimo atto dell’amministrazione del sindaco Daniele Lorenzon, rimasto senza maggioranza dopo le dimissioni di sei dei dieci consiglieri pentastellati e sfiduciato di fatto mentre era in missione “diplomatica” in Giapppone. E se dall’oriente il sindaco trentunenne postava selfie sorridenti, nella maggioranza grillina si consumava la notte dei lunghi coltelli che ha messo a fine trentadue mesi di travagliato governo grillino.
 
“Un vile gioco politico”, aveva tuonato il primo cittadino che ieri via Facebook ha annunciato le proprie dimissioni anticipando quelle dei consiglieri d’opposizione pronti così a far mancare il numero legale e a far decadere il Consiglio già dalla riunione di questa mattina.
 
“Ho informato personalmente il Prefetto – ha spiegato Lorenzon – affinché possa valutare quanto prima tale situazione procedendo allo scioglimento del Consiglio comunale e alla nomina di un Commissario”. Più della rabbia dei genzanesi per i tagli al welfare cittadino, più dei milioni di fondi regionali e europei persi per l’incapacità di scrivere bandi adeguati (da quelli per l’Infiorata a quelli per la sistemazione delle scuole, da quelli per la manutenzione stradale a quelli per la ristrutturazione di edifici pubblici) e ancora più della scomparsa della tradizionale “Estate Genzanese”, a condannare la maggioranza grillina è stata una guerra fra bande combattuta appena sotto la patina leggera dell’apparenza. E al sindaco e ai suoi pasdaran, si racconta nei corridoi di palazzo comunale, non sarebbe bastata neanche l’ombra protettrice del senatore Emanuele Dessì, il fedelissimo di Roberta Lombardi con la casa popolare a Frascati a 7 euro al mese e le foto assieme al rampollo del clan Spada di Ostia. Troppo forte la fronda di quello che era il meet up locale e dei consiglieri che a Lorenzon hanno imputato di aver tradito il mandato popolare conquistato col motto corale “Il sindaco siamo noi” governando in ostinato isolamento. Troppo forte anche la corrente che si raccoglie attorno alla senatrice dissidente Elena Fattori, genzanese di adozione con grande seguito fra gli attivisti della prima ora. “E’ stato accoltellato alle spalle – ha scritto su Facebook nei giorni scorsi Dessì – Per anni ho pensato che chiunque portasse la spilletta del Movimento fosse un grande uomo o una grande donna, che tutti fossimo portatori di grandi valori. Da oggi devo ammettere che anche tra di noi ci sono troppi infami e troppe carogne”.

Tag: #Genzano #M5s #DanieleLorenzon

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Se è vero che alla Terra resta una decina d’anni per salvarsi, è comprensibile che la foga ambientalista spinga a qualche eccesso: ad esempio, nelle Valli Giudicarie un signore ha rubato dieci galline. In una notte di agosto si è munito di apposita...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Lo scorso 11 aprile ha fatto il giro del mondo la notizia dell’arresto di Julian Assange, la controversa figura dietro a WikiLeaks. Da tempo rifugiato all’interno dell’ambasciata ecuadoriana la sua cattura da parte di Scotland Yard ha scatenato una ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Roma. "Due sono i mezzi con cui una struttura storica può conservare o riacquistare la propria vitalità per il presente e per il futuro. Uno è violento e viene dall’esterno (…). Il secondo è spirituale e viene dall’interno (…)....

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Sono passati quasi quarant’anni dal primo incontro tra Gay Talese e Gerald Foos, il vecchio proprietario del Manor House Motel, e cioè il voyeur più famoso del mondo. Foos, che ebbe una lunga relazione confessionale con Talese che...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

La prima ad annunciarmelo è stata la professoressa di Matematica, ai colloqui con i genitori. Mi ha guardato con la faccia delle cattive notizie, e ha detto: poi c’è anche questo problema. Pronunciava: problema, ma i suoi occhi dicevano: sciagura. Ho ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

A metà marzo, proprio mentre un addetto dell'Ufficio Decoro di Roma cancellava la storica scritta “Vota Garibaldi” da un muro della Garbatella, la sindaca Virginia Raggi festeggiava con un video l'arrivo da Israele di una flottiglia di autobus...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

L'ex premier della Slovenia, Alojz Peterle, durante la plenaria del Parlamento europeo, ieri ha tenuto un discorso conclusivo prima delle elezioni Europee. "Grazie per questi cinque anni di unità nella diversità. Buona Pasqua!", ha detto Peterle....

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Da una parte il confine tra Irlanda del Nord e Repubblica d’Irlanda, dall’altra il fiume Foyle che divide in due la città. Nella periferia del quartiere operaio di Bogside, in fondo a Lone Moor Road, la casa del Derry City, il Ryan ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Nelle ultime settimane, quotidiani e magazine sono pieni di pagine di pubblicità di aziende che professano la loro attenzione all’ambiente, compresi i grandi gruppi energetici. Non è solo l’effetto ...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Al direttore - Presidente Conte, in queste settimane Lei è impegnato – insieme al ministro Moavero – a cercare di evitare che la crisi libica volga al peggio. Una crisi che si trascina da anni senza che la comunità internazionale sia riuscita...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Italia: rischio nuova crisi bancaria per instabilità politica e finanziaria Londra, 19 apr - (Agenzia Nova) - Il settimanale britannico "The Economst" analizza oggi i possibili rischi che l'instabilità politica dell'Italia ed il precario...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Stanotte a Londonderry, nell’Irlanda del nord, una giornalista di 29 anni anni è stata uccisa durante gli scontri tra manifestanti e polizia. Secondo le autorità, l’assassinio di Lyra McKee, questo è il nome della reporter, è un “atto...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Il New York Times Magazine aveva ieri un lungo saggio su Ruth Wilson Gilmore, una donna impegnata da trent’anni all’abolizione della prigione. L’abolizionismo della galera ha una lunga e illustre storia, ignorata dai più, intoccati dal pensiero...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Se è possibile essere cristiani e querelare Costanza Miriano, essere cristiani e spronare una fanatica ambientalista a proseguire nel suo fanatismo, essere cristiani e prodigarsi per l’islamizzazione d’Europa, essere cristiani e vegani o anche solo...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Il Foglio

Ma sai che se invece la Raggi? Boh. E’ solo un dubbio, però. Le mollichine per spiegare il bilancio a Salvini, a Salvini che gli sventola i topacci per spiegargli che deve sloggiare da Roma, non sono sembrati grandi segnali di comunicazione politica....