I grillini sono al collasso anche a Genzano

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Se a Roma si piange dopo il terremoto seguito ieri all’arresto di Marcello De Vito e con la maggioranza grillina dell’XI Municipio incamminata verso il collasso, il Movimento ha poco da ridere anche a Genzano. Dove oggi dovrebbe consumarsi l’ultimo atto dell’amministrazione del sindaco Daniele Lorenzon, rimasto senza maggioranza dopo le dimissioni di sei dei dieci consiglieri pentastellati e sfiduciato di fatto mentre era in missione “diplomatica” in Giapppone. E se dall’oriente il sindaco trentunenne postava selfie sorridenti, nella maggioranza grillina si consumava la notte dei lunghi coltelli che ha messo a fine trentadue mesi di travagliato governo grillino.
 
“Un vile gioco politico”, aveva tuonato il primo cittadino che ieri via Facebook ha annunciato le proprie dimissioni anticipando quelle dei consiglieri d’opposizione pronti così a far mancare il numero legale e a far decadere il Consiglio già dalla riunione di questa mattina.
 
“Ho informato personalmente il Prefetto – ha spiegato Lorenzon – affinché possa valutare quanto prima tale situazione procedendo allo scioglimento del Consiglio comunale e alla nomina di un Commissario”. Più della rabbia dei genzanesi per i tagli al welfare cittadino, più dei milioni di fondi regionali e europei persi per l’incapacità di scrivere bandi adeguati (da quelli per l’Infiorata a quelli per la sistemazione delle scuole, da quelli per la manutenzione stradale a quelli per la ristrutturazione di edifici pubblici) e ancora più della scomparsa della tradizionale “Estate Genzanese”, a condannare la maggioranza grillina è stata una guerra fra bande combattuta appena sotto la patina leggera dell’apparenza. E al sindaco e ai suoi pasdaran, si racconta nei corridoi di palazzo comunale, non sarebbe bastata neanche l’ombra protettrice del senatore Emanuele Dessì, il fedelissimo di Roberta Lombardi con la casa popolare a Frascati a 7 euro al mese e le foto assieme al rampollo del clan Spada di Ostia. Troppo forte la fronda di quello che era il meet up locale e dei consiglieri che a Lorenzon hanno imputato di aver tradito il mandato popolare conquistato col motto corale “Il sindaco siamo noi” governando in ostinato isolamento. Troppo forte anche la corrente che si raccoglie attorno alla senatrice dissidente Elena Fattori, genzanese di adozione con grande seguito fra gli attivisti della prima ora. “E’ stato accoltellato alle spalle – ha scritto su Facebook nei giorni scorsi Dessì – Per anni ho pensato che chiunque portasse la spilletta del Movimento fosse un grande uomo o una grande donna, che tutti fossimo portatori di grandi valori. Da oggi devo ammettere che anche tra di noi ci sono troppi infami e troppe carogne”.

Tag: #Genzano #M5s #DanieleLorenzon

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

DALL'ITALIA   I minibot sono uno strumento “pericoloso, illegale e non necessario”. Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, a margine di un incontro con gli investitori a Londra, ha smentito...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

“Il linguaggio è spesso lo specchio dell’anima”, dice il gip Piergiorgio Morosini nel corso di un convegno palermitano sulla separazione delle carriere. La toga di Md, che fino a nove mesi fa sedeva nel plenum del ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Trump contro Draghi, usando la parola che adesso il presidente americano usa più spesso: unfair. Si è fissato, ora è tutto unfair per lui, il mondo lo tratta in modo unfair, gli altri paesi sono concorrenti unfair e così via. Il motivo della lite,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Ad aspettare questo giorno erano in 54mila: da oggi e fino al 20 giugno alla Fiera di Roma si terranno i test per gli aspiranti navigator che si contenderanno il compito di orientare gli assegnatari del Reddito di cittadinanza verso un posto di...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

La notizia della ricercatrice universitaria di Torino che ha ottenuto finanziamenti col crowdfunding su Facebook è buona per lei ma non altrettanto per l’università. Sia perché sottoporre la ricerca al giudizio popolare (e il versamento di un obolo...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Parigi. Ancora lì, nella penombra dell’Ufficio anticorruzione della polizia giudiziaria di Nanterre, il luogo della resa dei conti, della fine di un’epoca, della parabola triste della sarkozia che non luccica più e vede le sue pedine...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Un anno fa Albert Rivera, il leader del partito spagnolo Ciudadanos era considerato da tutti l’interlocutore privilegiato di Emmanuel Macron in Europa. Giovani, centristi, europeisti, portatori della retorica del superamento della divisione...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Le indagini della polizia francese sull'assegnazione della Coppa del mondo 2022 al Qatar – avvenuta il 2 dicembre 2010, nella sede della Fifa a Zurigo – avrebbero portato al fermo dell'ex presidente dell'Uefa dal 2007 al 2015,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Un ulteriore allentamento della politica monetaria da parte della Bce è possibile in assenza di miglioramenti del quadro economico. E' in sostanza l'indicazione emersa dal discorso di Mario Draghi al forum dei banchieri in corso a Sintra, in...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Italia-Usa: Salvini, paese vuole diventare il partner più stretto di Trump in Europa New York, 18 giu - (Agenzia Nova) - In un momento di “fragilità” nell’Unione europea, l’Italia punta a diventare il primo e più...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Il Guardian di questa settimana in uno speciale la chiama “cancel culture”. “I tweet che condannano, gli editori che cancellano o alterano i libri e chiedono agli autori di scusarsi, gli autori che pensano che sia rischioso persino...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Domenica al posto della statua che non c’è, a commemorare il vuoto di un personaggio storico da “eroe nazionale” declassato a “nemico”, non c’era nessuno. I pochi che hanno deciso di commemorare Imre Nagy erano a pochi passi ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Professor Cassese, Salvini ha dichiarato (31 marzo 2018): “I nostri confini ce li controlleremo noi”; un anno dopo (marzo 2019): “Per questo gli italiani mi pagano lo stipendio: per difendere i confini e la sicurezza del mio paese”; infine,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Il prossimo, in ordine di tempo, pare sarà quello in Emilia-Romagna. “Essendo una fase di transizione – sospira Guglielmo Golinelli, deputato bolognese della Lega – è inevitabile ricorrere a soluzioni non convenzionali”. Che, nel ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Al caro, meraviglioso Angelo Panebianco, mi sento di fare un’obiezione. Ieri nel Corriere scriveva cose alle quali non si può non essere sensibili. Fate, sosteneva, un’opposizione credibile a Salvini e compagnia. Non siategli, per...