Così la Cina entra al gran bazar delle obbligazioni mondiali

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Milano. La Cina può essere anche un’opportunità se si ha in mente una strategia come quella che è alla base della decisione di inserire le obbligazioni emesse nel paese asiatico in uno dei più grandi indici di mercato mondiali, il Bloomberg-Barclays Global Aggregate, promosso dal gruppo finanziario di Michael Bloomberg e dalla banca britannica.
 
La novità è stata annunciata da un rappresentante del Fondo monetario internazionale, Alfred Schipke, il quale, in un’intervista all’agenzia ufficiale di stampa cinese Xinhua, ha detto che a partire dal mese di aprile i titoli denominati in yuan emessi dal governo di Pechino e dalle banche cinesi saranno inclusi nell’indice globale con un periodo di transizione di venti mesi diventando così la quarta componente valutaria del mercato del reddito fisso, dopo il dollaro, l’euro e lo yen giapponese.
 
Lo stesso Schipke ha definito la mossa “una pietra miliare per l’integrazione del settore finanziario cinese a livello globale”. E, in effetti, si tratta di una svolta destinata ad avere effetti non solo nel mondo degli investimenti ma anche sul piano geopolitico, considerato il fatto che d’ora in poi il debito cinese comincerà a essere esposto alle fluttuazioni di mercato. L’inclusione dei titoli nell’indice Bloomberg-Barclays porterà, infatti, a più acquisiti di obbligazioni cinesi da parte di investitori stranieri, i quali in questa fase sono a caccia di occasioni per diversificare le proprie attività e aumentare i rendimenti depressi dalle politiche monetarie espansive delle banche centrali. I dati ufficiali riportati dall’agenzia cinese dicono che nel 2018 il mercato obbligazionario del Dragone ha già fatto un balzo del 46 per cento rispetto al 2016 attestandosi a circa 8.600 miliardi di yuan (12,8 miliardi di dollari). Ma il bello deve ancora venire. Secondo una ricerca appena pubblicata dal gruppo Invesco, con sede ad Atlanta, “un terzo degli investitori obbligazionari di tutto il mondo – in particolar modo del nord America (58 per cento) – intende aumentare le allocazioni sulla Cina nei prossimi tre anni”.

 
Dunque, nonostante negli Stati Uniti non ci sia mai stata una grande inclinazione verso le emissioni del governo di Pechino, si prospetta un cambio di passo anche in presenza di tensioni commerciali. E questo non è poco per una nazione che tende prevalentemente a investire nei propri mercati obbligazionari (ossia statunitensi). Inoltre, dall’analisi Invesco emerge che oltre la metà degli operatori che si dichiara propenso a comprare titoli cinesi lo fa con un approccio di lungo termine. “Anche altri indici stanno valutando di includere obbligazioni governative e societarie cinesi o di aumentarne il peso – dice al Foglio Luca Tobagi, strategist di Invesco – Le ragioni sono legate al crescente peso economico della Cina e allo sviluppo del suo mercato obbligazionario anche spinto da un’iniziativa strategica come la Nuova via della Seta”.

 
L’altra faccia della medaglia di questa evoluzione finanziaria della Repubblica popolare è la maggiore esposizione alle fluttuazioni di mercato e ai giudizi delle agenzie di rating internazionali. Il debito cinese è in costante crescita e ormai rappresenta complessivamente il 300 per cento del prodotto interno lordo che si espande più lentamente rispetto al passato. Era prevedibile che prima o poi Pechino arrivasse promuovere le proprie emissioni presso gli investitori internazionali, ma è presto per dire se la Cina sta gettando le basi per diventare dipendente dai mercati, molto dipenderà da quanta parte del debito finirà nelle mani di operatori esteri, ma conoscendo la proverbiale cautela della dirigenza cinese è prevedibile che questo processo avvenga in modo graduale. Anche perché – come sottolinea Tobagi – ci potrebbe essere un effetto collaterale e cioè il rischio di “una riduzione significativa e brusca del peso di altre regioni nei portafogli degli investitori a causa del maggior rendimento offerto dalle obbligazioni cinesi soprattutto rispetto ai paesi occidentali”.

Tag: #Yuan #Cina #Fmi

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

DALL'ITALIA   I minibot sono uno strumento “pericoloso, illegale e non necessario”. Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, a margine di un incontro con gli investitori a Londra, ha smentito...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

“Il linguaggio è spesso lo specchio dell’anima”, dice il gip Piergiorgio Morosini nel corso di un convegno palermitano sulla separazione delle carriere. La toga di Md, che fino a nove mesi fa sedeva nel plenum del ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Trump contro Draghi, usando la parola che adesso il presidente americano usa più spesso: unfair. Si è fissato, ora è tutto unfair per lui, il mondo lo tratta in modo unfair, gli altri paesi sono concorrenti unfair e così via. Il motivo della lite,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Ad aspettare questo giorno erano in 54mila: da oggi e fino al 20 giugno alla Fiera di Roma si terranno i test per gli aspiranti navigator che si contenderanno il compito di orientare gli assegnatari del Reddito di cittadinanza verso un posto di...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

La notizia della ricercatrice universitaria di Torino che ha ottenuto finanziamenti col crowdfunding su Facebook è buona per lei ma non altrettanto per l’università. Sia perché sottoporre la ricerca al giudizio popolare (e il versamento di un obolo...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Parigi. Ancora lì, nella penombra dell’Ufficio anticorruzione della polizia giudiziaria di Nanterre, il luogo della resa dei conti, della fine di un’epoca, della parabola triste della sarkozia che non luccica più e vede le sue pedine...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Un anno fa Albert Rivera, il leader del partito spagnolo Ciudadanos era considerato da tutti l’interlocutore privilegiato di Emmanuel Macron in Europa. Giovani, centristi, europeisti, portatori della retorica del superamento della divisione...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Le indagini della polizia francese sull'assegnazione della Coppa del mondo 2022 al Qatar – avvenuta il 2 dicembre 2010, nella sede della Fifa a Zurigo – avrebbero portato al fermo dell'ex presidente dell'Uefa dal 2007 al 2015,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Milano. Un ulteriore allentamento della politica monetaria da parte della Bce è possibile in assenza di miglioramenti del quadro economico. E' in sostanza l'indicazione emersa dal discorso di Mario Draghi al forum dei banchieri in corso a Sintra, in...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Italia-Usa: Salvini, paese vuole diventare il partner più stretto di Trump in Europa New York, 18 giu - (Agenzia Nova) - In un momento di “fragilità” nell’Unione europea, l’Italia punta a diventare il primo e più...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Il Guardian di questa settimana in uno speciale la chiama “cancel culture”. “I tweet che condannano, gli editori che cancellano o alterano i libri e chiedono agli autori di scusarsi, gli autori che pensano che sia rischioso persino...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Domenica al posto della statua che non c’è, a commemorare il vuoto di un personaggio storico da “eroe nazionale” declassato a “nemico”, non c’era nessuno. I pochi che hanno deciso di commemorare Imre Nagy erano a pochi passi ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Professor Cassese, Salvini ha dichiarato (31 marzo 2018): “I nostri confini ce li controlleremo noi”; un anno dopo (marzo 2019): “Per questo gli italiani mi pagano lo stipendio: per difendere i confini e la sicurezza del mio paese”; infine,...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Il prossimo, in ordine di tempo, pare sarà quello in Emilia-Romagna. “Essendo una fase di transizione – sospira Guglielmo Golinelli, deputato bolognese della Lega – è inevitabile ricorrere a soluzioni non convenzionali”. Che, nel ...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Al caro, meraviglioso Angelo Panebianco, mi sento di fare un’obiezione. Ieri nel Corriere scriveva cose alle quali non si può non essere sensibili. Fate, sosteneva, un’opposizione credibile a Salvini e compagnia. Non siategli, per...