Cosa vuole l’Ue dalla Cina

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Il Foglio

Il Foglio ha ottenuto in anteprima grazie al corrispondente David Carretta una bozza della dichiarazione congiunta che l’Unione europea ha inviato a Pechino per il summit Ue-Cina del prossimo 9 aprile, e che sarà discussa giovedì nel vertice di Bruxelles tra i leader europei, proprio mentre il presidente cinese Xi Jinping atterra in Italia.
  
La bozza è parte di un negoziato ampio tra Bruxelles e Pechino su commercio, clima, investimenti, e costituisce l’offerta negoziale dell’Ue alla quale la controparte cinese dovrà rispondere. A Pechino avranno molto da lavorare: il documento, che arriva una settimana dopo la revisione da parte della Commissione europea della strategia nei confronti della Cina in cui si definiva Pechino come un “rivale sistemico”, è molto assertivo su molti nodi centrali dei rapporti tra le due economie, ed è tarato all’insegna della reciprocità.
   
Nella bozza si chiede un accordo sugli investimenti, uno su un accesso più equilibrato ai rispettivi mercati, uno sulle indicazioni protette nell’agroalimentare, si chiede più reciprocità negli appalti pubblici, si pongono alcuni paletti alle manovre più espansionistiche della Belt and Road Initiative, la nuova Via della seta.
 
Un funzionario europeo di alto livello ha detto al Foglio che l’obiettivo dell'Ue è siglare “entro il 2020 un ambizioso accordo Ue-Cina sugli investimenti. I negoziati finora sono andati troppo piano, ma i leader sono pronti a impegnarsi direttamente”. Una delle priorità dei leader europei per raggiungere un'intesa è quella di “ribilanciare le barriere all'accesso di mercato”, per ottenere un “trattamento non discriminatorio” delle aziende europee.
 
L’altro obiettivo, spiega il funzionario, è quello di presentare entro il luglio del 2019 un accordo “per migliorare l’accesso al mercato degli appalti cinesi”, un tema che sta molto a cuore ai leader Ue, poiché le aziende europee sono di norma escluse dalle gare per le grandi opere pubbliche in Cina, come lo furono per la costruzione delle infrastrutture delle Olimpiadi di Pechino 2008 e come lo sono state per la realizzazione delle ferrovie ad alta velocità nel paese asiatico.

Tag: #Ue #Cina #InvestimentiCina

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. “Le ‘infrastrutture sociali’ sono crollate: scuole, ospedali, strutture sportive e ricreative e istituzioni culturali hanno dovuto chiudere”. La Zeit, il primo settimanale tedesco, questa settimana dedica uno speciale al fenomeno...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

"Il futuro è storia" l’ho visto il mese scorso passando davanti a una vetrina nel centro di Roma. Di Masha Gessen ho avuto per le mani un paio d’anni fa una biografia di Putin, piuttosto parziale a dire il vero, intitolata “L’uomo senza...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Archistar fasce contro archistar sovietiche. Non è un reality show molto di nicchia ambientato nei Carpazi per volere di Putin, ma lo spirito di una mostra che a a Como, a San Pietro in Atrio, mette in scena un confronto architettonico e ideologico tra...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Togli qui e metti là: ogni giugno, così pare, il sindaco Virginia Raggi mette mano a un “Piano Sampietrini”. Cubetti di porfido da spostare (quelli di viale Aventino e via IV novembre) e da impiantare in via del...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

A fine maggio il presidente dell’Inps Pasquale Tridico ha lanciato la suggestiva idea di istituire una task force per contrastare il caporalato nei campi agricoli anche attraverso l’uso di droni. E’ possibile che veicoli autonomi volanti abbiano...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Francia, D-Day +7. Così, in gergo, si indicano i giorni trascorsi dall’inizio di un’operazione militare. E l’invasione della Normandia, iniziata il 6 giugno di settantacinque anni fa con l’obiettivo di liberare passo dopo passo...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Roma. Il M5s è scomparso dalla cartina della provincia di Roma. Territorio che fu avanguardia delle amministrazioni M5s da quando nel 2013 i grillini vinsero a Pomezia. L’anno successivo fu la volta di Civitavecchia. Poi, di...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Una città all'insegna del 4-3-3: questa è Pescara. Non si scappa da tale sistema di gioco da quando lo impose Giovanni Galeone nella seconda metà degli anni Ottanta, imprimendo alla squadra abruzzese un marchio di spettacolo coniugato ...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Eletto per distribuire, per dare al popolo quel che è del popolo, il governo ha cominciato a estrarre. Dopo quindici mesi di bugie e illusioni, adesso deve almanaccare su come metter mano ai portafogli degli italiani. “I soldi ci sono”, è stata la...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Giuliano Ferrara mi ha invitato a leggere il libro di Masha Gessen (“Il futuro è storia”, Sellerio) e di riferire le mie impressioni per i lettori del Foglio. Lo faccio volentieri, anche se il libro precedente dell’autrice, un...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

C’è un’affermazione molto netta al fondo della prima grande monografia che lo studio romano Labics ha pubblicato di recente – “Structures” Park Books, Zurigo – e cioè che l’architettura milanese è composta perlopiù di facciate, alla...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Giovanni di Lorenzo sta chiudendo il numero della Zeit in edicola questa settimana e scherza: “Faccio un titolo un po’ osé, vediamo che effetto fa”. Sulla copertina del settimanale che dirige, che è uno dei prodotti editoriali...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

La storia ci insegna che un’immagine può influenzare il modo in cui le persone percepiscono e interpretano un evento e persino indirizzare, in un verso o nell’altro, l’agenda politica di un paese. Ne è un esempio la fotografia scattata lungo le...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Cara Annalena, le persone perbene sanno che non devono chiedermi “Stai scrivendo?”, così come non chiederebbero alla nipote, zitella di paese, se si sia infine fatta il fidanzato. Tuttavia non basta, perché ormai il mio livello d’isteria è...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Il Foglio

Dite voi se devo scusarmi, perché questo articolo è quasi un’autorecensione. Dico quasi. Non parlerò infatti di me stesso, ma di un testo apparso nel terzo numero di una rivista, L’età del ferro, ideata e fondata dal mio amico...