Attacco in due moschee in Nuova Zelanda

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Il Foglio

New York. Un commando di terroristi ha fatto una strage di musulmani in due moschee a Christchurch in Nuova Zelanda. Uno degli attentatori ha trasmesso l'attacco in diretta su Facebook, secondo un piano ben studiato per dare all’attentato il massimo risalto possibile. Il video è stato salvato e poi caricato su altri siti come YouTube e Twitter in modo che avesse la massima diffusione – e questo suggerisce che altre persone oltre allo stragista si siano prestate, consapevolmente oppure no, a farlo circolare (Il Foglio ha una copia di diciassette minuti del video ma non diffonde le immagini per non collaborare).
 


   
Secondo quanto riferito dal primo ministro neozelandese Jacinda Ardern, i morti sono 40 e almeno 20 i feriti. Nel video si vede il terrorista che entra nell’edificio a mezzogiorno di venerdì – quando è certo di trovare più fedeli del solito – uccide un paio di persone all’ingresso, percorre un breve corridoio e spara a raffica ai presenti. Un paio riescono a fuggire, tutti gli altri si rannicchiano in due angoli della moschea senza muoversi ma il terrorista si accanisce su di loro e continua a svuotare i caricatori del suo fucile d’assalto contro entrambi i gruppi. Poi esce indisturbato, ammazza una donna che passa davanti alla moschea e fugge in macchina. Il video è girato da una piccola telecamera fissata al corpo.
 
L’uomo, come confermato anche dal primo ministro australiano Scott Morrison, è un cittadino australiano che vive in Nuova Zelanda. Su internet ha pubblicato un manifesto scritto prima dell’attacco per spiegare le motivazioni che lo guidano e che sono riconducibili al terrorismo di estrema destra. E’ strutturato come una lunga intervista a se stesso, in cui tra le altre cose il terrorista risponde a molte delle domande e degli stereotipi che si leggono sui giornali dopo le stragi di questo tipo. Per esempio irride la teoria che i videogiochi lo abbiano fatto diventare violento, precisa che non approva il presidente americano Donald Trump per la sua politica, ma lo approva invece come simbolo del risveglio della consapevolezza bianca e per questo motivo apprezza anche la Brexit, che lui legge in chiave di lotta razziale. Si definisce “eco-fascista”, dice che la fertilità della razza bianca è così bassa che tutti i bianchi sono in pericolo e che è necessario che riprendano a fare figli altrimenti diventeranno una minoranza oppressa dalle altre etnie – ma nel frattempo è necessario respingere gli invasori con queste stragi, senza pietà nemmeno per i bambini “perché da grandi anche loro saranno invasori”.
 
Lo stragista nel suo manifesto sostiene che la vittoria di Macron in Francia è stata uno degli elementi scatenanti che lo ha convinto della necessità di fare la strage perché quando il Front National ha perso ha capito che non è possibile una soluzione politica e chiede l’uccisione di Angela Merkel, del presidente turco Erdogan e del sindaco di Londra di origini pachistane Sadiq Khan. Cita come ispirazione maggiore Anders Breivik, il nazista norvegese che uccise 79 persone nel 2011 come protesta per la politica troppo morbida con l’islam, e dice di avere avuto la sua benedizione per questa strage.
 

  
Ogni particolare della strage è stato pensato in anticipo. Sulle armi e sui caricatori (foto sopra) il terrorista ha scritto dediche alle persone e alle figure storiche che ammira e che considera compagni nella lotta per la stessa causa. C’è il nome di Luca Traini, l’uomo che aprì il fuoco contro i migranti a Macerata nel febbraio 2018, e quello di Marcantonio Colonna, l’ammiraglio della flotta papale che combattè la battaglia di Lepanto per fermare la flotta dell’impero Ottomano.
 


 
La polizia neozelandese ha annunciato di avere fermato quattro persone, tre uomini e una donna. Una di queste sarebbe poi stata rilasciata. Secondo quanto riferito dalla Ardern, sono stati disinnescati anche due ordigni esplosivi piazzati su due automobili.

Tag: #NuovaZelanda #Moschea #Musulmani #Terrorismo

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La questione del velo integrale continua a essere un’inesauribile materia di incomprensione tra la Francia e gli Stati Uniti – scrive Sophie de Peyret. In un lungo articolo pubblicato il 10 maggio, il Washington Post ha espresso ironicamente la sua...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

L’epidemiologia quantitativa, in Lombardia, ha fatto passi da gigante. Dopo le dichiarazioni dell’assessore alla Sanità lombardo, ho preso infatti ispirazione per proporre alla comunità scientifica mondiale un nuovo indicatore epidemiologico: il...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La quindicesima tappa del Giro d'Italia 2020 doveva partire dalla base aerea di Rivolto e arrivare al Piancavallo. La quindicesima tappa di GiroDiVino (qui trovate tutte le altre puntate) è da leggere bevendo una bottiglia ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Non sottovalutate mai la mia abilità di tradurre cose complicate che non capisco in cose semplici che capisco”. Questa è una delle frasi “storiche” di Alberto, commentata insieme ad un gruppo di suoi studenti proprio nei giorni scorsi....

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

In quarantena non è stata domenica. Non c’erano le paste, le partite, l’ombra del lunedì in ufficio, Quelli che il calcio. A Mia Ceran, che lo ha condotto fino all’ultimo giorno prima del lockdown insieme a Luca e Paolo, ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Il “caso Palamara” sulle cosiddette nomine pilotate al Csm travolge di nuovo l’Associazione nazionale magistrati. Ieri sera, il presidente dell’Anm Luca Poniz e il segretario Giuliano Caputo si sono dimessi a seguito dell’uscita delle...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Diranno che è un romanzo al femminile. Poi che è un romanzo femminista. Poi che è una storia dolorosa e anche intensa – molto, molto intensa. Scriveranno che si legge con lo stesso spirito con cui, da bambini, ci si faceva schermo con le mani quando ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Ora che Virginia Raggi ha parlato senza parlare e come Michelangelo punta a portare a compimento con un secondo mandato da sindaca la sua personalissima Cappella Sistina (il paragone iperbolico e sprezzante del ridicolo è dell’ex...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Tra le cause del degrado della vita pubblica Luigi Sturzo annoverava “statalismo, partitocrazia e sperpero del denaro pubblico”, che definiva “le tre male bestie”. Il sacerdote siciliano riteneva lo statalismo la degenerazione del legittimo...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma-Milano, che succederà nel post Corona? Era un match che appassionava prima della pandemia. Con la capitale abbandonata ai degradi e Milano arrembante nell’efficienza (con polemiche anche aspre). Adesso tutto pare cambiato: intanto le ricette...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Navigare a vista, in autogestione”. Così il presidente di centrosinistra dell'VIII municipio, Amedeo Ciaccheri, descrive quella che, in città, gli pare una situazione “caotica da tutti i punti di vista”. Qualche tempo fa...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

No, il plexiglas no. “Col plexiglas la spiaggia sembrerebbe una friggitoria”, dice Vittorio Maschietto, detto Titti, gagliardo signore 78enne dalla duplice natura. Urbanista di suo, e per caso anche erede di uno dei miti di Forte dei Marmi, cioè...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Aspira a un nuovo mandato, adesso, Chiara Appendino, sindaca di Torino benedetta da Vito Crimi, disponibile a concedere una deroga a chi ha già fatto due giri nelle istituzioni. Chiede persino una mano al Pd: “Non...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Sono ripartiti tutti in bicicletta, e quelli dei mezzi pubblici hanno tirato un sospiro di sollievo. Sulla Darsena, tra il negozio di frutta e verdura e quello delle spezie, il biciclettaio lavora incessantemente: chi ha bisogno di lui forma una lunga...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Per fotografare gli anziani negli ospizi usava quello che lui definiva un lampo: un flash, una luce forte che illuminasse tutte le rughe, le pieghe del viso, del corpo molle, nudo e indifeso dei vecchi distesi nei letti o in attesa di essere cambiati....