Assalto all’amuchina

Pubblicato martedì, 25 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Uno degli effetti collaterali, certo non il più rilevante, ma in ogni caso significativo, dell’epidemia di coronavirus ormai diffusa in alcune regioni italiane è l’aumento di prezzo di alcuni beni, come le mascherine o alcuni disinfettanti. Non è certo la prima volta che problemi come questo si manifestano. Nel 2017, dopo l’uragano Irma, i prezzi dell’acqua minerale in Florida salirono vertiginosamente. Lo stesso accadde a Boston dopo la rottura dell’acquedotto nel 2010. In entrambi i casi ci furono proteste per l’aumento del prezzo di beni di prima necessità e appelli all’intervento delle autorità competenti per impedire che ciò avvenisse.
 
Ma l’esempio più noto di rincaro dei prezzi di beni di prima necessità per chiunque abbia studiato in Italia è quello descritto nel capitolo XII dei Promessi Sposi. Nel 1628, dopo un raccolto scarso, a Milano e in tutta la Lombardia il prezzo del grano e quindi quello del pane aumentò. Con le parole di Manzoni: “La penuria si fece subito sentire, e con la penuria quel suo doloroso, ma salutevole come inevitabile effetto, il rincaro”. Dei tre aggettivi usati da Manzoni due sono facili da capire, mentre il secondo, “salutevole”, sembra strano. Perché un rincaro dei prezzi porta dei benefici? Per capirlo, basta continuare nella lettura del capitolo dei Promessi Sposi. Per placare il malcontento popolare, il cancelliere Ferrer decise con un decreto di ridurre il prezzo del pane a un livello ritenuto “giusto”. Il risultato fu, come noto, l’assalto ai forni.

 
“Se i fornai strillassero, non lo domandate. Intridere, dimenare, infornare e sfornare senza posa; perché il popolo, sentendo in confuso che l’era una cosa violenta, assediava i forni di continuo, per goder quella cuccagna fin che durava”. Come sappiamo, non durò a lungo. Alla fine i deputati, “sapendo bene che giocavano una gran carta, ma convinti che non c’era da far altro, conclusero di rincarare il pane. I fornai respirarono; ma il popolo imbestialì”. Gli economisti riconoscono in questi brani una lezione semplice: impedire al meccanismo dei prezzi di funzionare normalmente ha dei costi. In particolare, imporre un tetto al prezzo può causare un eccesso di domanda rispetto all’offerta e quindi un problema di razionamento. Il meccanismo dei prezzi ha una virtù: alloca i beni a chi ha la maggiore disponibilità a pagare. Ovviamente la disponibilità a pagare dipende non solo dalle preferenze e dai bisogni ma anche dalla distribuzione del reddito. Chi è più ricco potrà, a parità di altri fattori, avere una maggiore disponibilità a pagare. In altre parole, il meccanismo dei prezzi può portare a situazioni che tutti noi percepiamo come inique, poiché riserva l’acquisto di beni che noi riteniamo essenziali solo a chi può permetterseli. Purtroppo anche le alternative presentano degli svantaggi. Imporre un prezzo basso, tale da creare uno squilibrio tra domanda e offerta, lascia in ogni caso aperta la domanda su come allocare i beni. Un meccanismo di razionamento può essere quello di consentire l’acquisto a tutti fino all’esaurimento dello stock di merce. In altre parole, chi arriva per primo compra e gli altri si arrangiano. È quello che è successo domenica scorsa con l’acqua minerale in alcuni supermercati del Nord Italia. Anche questo meccanismo non garantisce equità e può, per giunta, creare una psicosi da “assalto ai forni”.

 
Alternativamente, si può combinare l’imposizione di un prezzo basso a un tetto alla quantità che si può acquistare, in stile carta annonaria durante la seconda guerra mondiale. Ma anche questo meccanismo ha dei problemi: come si fa a stabilire il fabbisogno di diversi individui/famiglie? Occorre necessariamente avere regole generali che non possono tenere in considerazione situazioni particolari. Inoltre, è noto come in questi casi fiorisca spesso un mercato nero che ristabilisce il funzionamento del meccanismo dei prezzi e quindi alloca di nuovo i beni in base alla disponibilità a pagare. Insomma, soluzioni facili e indolori per problemi di eccessi di domanda non sono disponibili. Assicurare un’efficiente fornitura di beni necessari e fare in modo che i più bisognosi e i più poveri non siano penalizzati è la sfida che le autorità pubbliche fronteggiano in questi giorni. Ma c’è un’importante differenza rispetto al caso narrato nei Promessi Sposi: Manzoni descrive una situazione di penuria di grano e pane in un’epoca in cui era difficile aumentare l’offerta nel breve periodo. Questo, per fortuna, non dovrebbe accadere per i beni che oggi gli italiani fanno fatica a trovare sugli scaffali dei supermercati o in farmacia. Aumentare la produzione di mascherine e disinfettanti o dirottare quella destinata ad altri Paesi verso l’Italia dovrebbe essere relativamente facile. Quanto maggiore è la concorrenza in tali mercati e quanto più liberi gli scambi, tanto più veloce ed efficace sarà questo processo. L’aumento, speriamo solo temporaneo, dei prezzi, da questo punto di vista, gioca un ruolo positivo poiché incentiva un aumento dell’offerta dove maggiore è la domanda. Le cose diventerebbero ovviamente più serie e difficili da affrontare se l’epidemia ostacolasse le attività di produzione e/o di distribuzione. Ma anche in quel caso, che non sembra al momento all’orizzonte, come ci insegna Manzoni, inveire contro incettatori e fornai non ci aiuterà. 

 
Fausto Panunzi è docente all'Università Bocconi

Tag: #Ilfoglio #AssaltoAiForni #Amuchina #Manzoni #Domanda #Offerta #Coronavirus

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il 28 e il 29 marzo, dalle 10.30 sul nostro sito, c'è il Festival del Realismo in streaming, un nuovo evento con dibattiti e video-interviste su temi di attualità economica e politica con tanti ospiti e giornalisti del ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Sul coronavirus si giocano diverse partite politiche. C’è quella, ormai venuta allo scoperto, della coppia Giuseppe Conte-Rocco Casalino che tenta di lanciare definitivamente il premier accrescendone la popolarità a suon di like su Facebook e di...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Abbiamo chiesto al biologo Enrico Bucci di aiutarci a trovare ogni giorno un tema utile da offrire ai lettori per avere uno spunto di riflessione in più sul tema del contenimento del coronavirus. Questa è la prima puntata della sua rubrica, il...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Chissà che cosa penserà di questa sentenza il ministro di Giustizia, Alfonso Bonafede, quello che ha abolito la prescrizione e ha dato la possibilità ai giudici di trasformare i processi in una persecuzione senza limiti di tempo. Chissà che cosa...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Dante è sempre stato letto in pubblico. Come dice Andrea Battistini, imponente accademico allievo di Ezio Raimondi, è dal Trecento che il suo racconto si comunica oltre il limite del pensiero poetico e concettuale fissato...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Adoriamo Guido Vitiello, la sua simpatia, la sua bella cultura e la sua rubrica sul Foglio, che aveva anche ieri ragioni da vendere nonché, come al solito, deliziosamente formulate: “Un proclama recente del nostro comandante Analfa, Luigi Di Maio,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Molti anni fa, ai tempi eroici di Mani pulite, un tizio che conoscevo, un magnifico mitomane della politica lo si potrebbe definire, si lamentava sempre di non essere preso in considerazione dai pm della banda Di Pietro: “Ormai, se non hai un avvisetto ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Il numero di contagi, ricoveri e morti per coronavirus continua purtroppo a crescere. Forse con meno intensità. Alcuni azzardano a dire che si incomincia a intravvedere una fioca “luce in fondo al tunnel”. E’ fondamentale però,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

I grandi rivolgimenti nella vita di una società – guerre, tsunami, terremoti, uragani, invasioni di rane e di locuste, stragi dei primogeniti, carestie e ovviamente epidemie – ingenerano negli spiriti sensibili allucinazioni di vario tipo. A volte...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Milano. Borse europee in forte recupero dopo giorni, settimane, di crolli e volatilità estrema. Piazza Affari ha guadagnato quasi il 9 per cento, in linea con gli altri listini che da Francoforte (+11 per cento), Parigi (+8,3 per cento), Madrid ...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

È comprensibile che in questo momento di grande diffusione dell’epidemia da coronavirus caratterizzato da altissimi numeri di pazienti ricoverati, intasamento delle terapie intensive e purtroppo ingente perdita di vite umane si desiderino fortemente...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Non ce lo ricordiamo mai, ma forse in questo strano tempo dilatato dell’emergenza sanitaria, alcune cose si ricordano: i bambini incolpevoli reclusi nelle patrie galere insieme alle madri. In Italia sono 59, secondo...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Calogero Venezia, Lillo, è morto a Catania, dopo un breve ricovero per  una polmonite che ha infierito su malanni precedenti. Ha scritto sua sorella, Enza Venezia Signorello: “Con enorme dolore devo comunicarvi che...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto legge che introduce sanzioni più dure per chi viola le norme anti contagio da Coronavirus e che uniforma il quadro normativo su tutto il territorio nazionale. Il premier Giuseppe Conte in...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Gli Stati Uniti cominciano a muoversi nel complicato scacchiere internazionale legato alla guerra dei prezzi del greggio che ha portato il barile a scendere sotto la soglia psicologica dei 30 dollari. La priorità per la Casa Bianca è ora quella ...