Alesina, l'economista che trasformava le cose complicate in semplici

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Non sottovalutate mai la mia abilità di tradurre cose complicate che non capisco in cose semplici che capisco”. Questa è una delle frasi “storiche” di Alberto, commentata insieme ad un gruppo di suoi studenti proprio nei giorni scorsi. Alberto aveva la capacita’ unica di scrivere su una ampia varietà di argomenti in Politica Economica ed Economia da punti di vista che
a) prima del suo contributo erano sfuggiti o erano stati ignorati
b) dopo il suo contributo sono diventati di fondamentale importanza.
 
Di fatto Alberto ha fondato il campo di Politica Economica come lo intendiamo oggi, cioè lo studio della intersezione tra economia, politica e istituzioni. Per esempio, i suoi lavori teorici ed empirici hanno mostrato l’importanza di andare oltre il vincolo di bilancio intertemporale per comprendere la politica fiscale, analizzando argomenti quali l’effetto della divisione all’interno dei governi, l’importanza di avere governi tecnici, la dimensione e il numero delle nazioni, la comprensione dei diversi approcci al “welfare state”.
 
Ma Alberto era uno scienziato sociale onnivoro, con una diversità di interessi quasi unica nella professione, che però riusciva a non essere mai banale: i suoi lavori recenti spaziano dalla composizione razziale dei condannati a morte, al ruolo delle attitudini nei confronti della famiglia nell’influenzare la società, alla formazione dei valori sociali, alle determinanti della povertà, alle attitudini verso l’immigrazione.
Nonostante questa eccezionale varietà di interessi accademici, Alberto ha avuto un ruolo importante anche nel dibattito di politica economica. A livello mondiale ed europeo, con i suoi fondamentali contributi sugli effetti dell’austerità. In Italia, con i suoi libri e articoli sul Corriere della Sera scritti con Francesco Giavazzi, un punto di riferimento fondamentale per il dibattito di politica economica e per la capacità innata di trasformare cose complicate che non si capivano in cose semplici che si capivano benissimo.
 
La sua capacità di interagire con studenti e colleghi di ogni background ed estrazione, sia a livello umano che professionale, era semplicemente straordinaria. Ad Harvard, Alberto ha allevato uno stuolo di studenti sparsi in tutte le università del mondo, e molti ora in Bocconi. Con molti di essi ha collaborato poi a lavori accademici. Nella nostra Università Alberto ha entusiasmato, incoraggiato generazioni di studenti, che poi ha seguito nei loro studi di specializzazione negli Stati Uniti.
Tutto questo unito a una umanità straordinaria, che nessuna parola riuscirà però a trasmettere, e che rimarrà sempre un tesoro privato e prezioso per coloro (come chi scrive) che ne hanno beneficiato.
Alberto era Nathaniel Rhodes Professor of Political Economy ad Harvard University, Visiting professor in Bocconi, Fellow of the Econometric Society e membro dell'American Academy of Art and Science, Alumnus Bocconi dove si è laureato in Discipline Economiche e Sociali nel 1981.
  
*Carlo Favero, Deutsche Bank Chair in Asset Pricing and Quantitative Finance del Dipartimento di finanza
Roberto Perotti, professore ordinario del Dipartimento di economia

Questo ricordo è stato pubblicato sul quotidiano dell'università Bocconi di Milano Via Sarfatti 25

Tag: #AlbertoAlesina #Economia #UniversitàBocconi

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La questione del velo integrale continua a essere un’inesauribile materia di incomprensione tra la Francia e gli Stati Uniti – scrive Sophie de Peyret. In un lungo articolo pubblicato il 10 maggio, il Washington Post ha espresso ironicamente la sua...

Pubblicato lunedì, 25 maggio 2020 ‐ Il Foglio

L’epidemiologia quantitativa, in Lombardia, ha fatto passi da gigante. Dopo le dichiarazioni dell’assessore alla Sanità lombardo, ho preso infatti ispirazione per proporre alla comunità scientifica mondiale un nuovo indicatore epidemiologico: il...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

La quindicesima tappa del Giro d'Italia 2020 doveva partire dalla base aerea di Rivolto e arrivare al Piancavallo. La quindicesima tappa di GiroDiVino (qui trovate tutte le altre puntate) è da leggere bevendo una bottiglia ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

In quarantena non è stata domenica. Non c’erano le paste, le partite, l’ombra del lunedì in ufficio, Quelli che il calcio. A Mia Ceran, che lo ha condotto fino all’ultimo giorno prima del lockdown insieme a Luca e Paolo, ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Il “caso Palamara” sulle cosiddette nomine pilotate al Csm travolge di nuovo l’Associazione nazionale magistrati. Ieri sera, il presidente dell’Anm Luca Poniz e il segretario Giuliano Caputo si sono dimessi a seguito dell’uscita delle...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Diranno che è un romanzo al femminile. Poi che è un romanzo femminista. Poi che è una storia dolorosa e anche intensa – molto, molto intensa. Scriveranno che si legge con lo stesso spirito con cui, da bambini, ci si faceva schermo con le mani quando ...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Ora che Virginia Raggi ha parlato senza parlare e come Michelangelo punta a portare a compimento con un secondo mandato da sindaca la sua personalissima Cappella Sistina (il paragone iperbolico e sprezzante del ridicolo è dell’ex...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Tra le cause del degrado della vita pubblica Luigi Sturzo annoverava “statalismo, partitocrazia e sperpero del denaro pubblico”, che definiva “le tre male bestie”. Il sacerdote siciliano riteneva lo statalismo la degenerazione del legittimo...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma-Milano, che succederà nel post Corona? Era un match che appassionava prima della pandemia. Con la capitale abbandonata ai degradi e Milano arrembante nell’efficienza (con polemiche anche aspre). Adesso tutto pare cambiato: intanto le ricette...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

“Navigare a vista, in autogestione”. Così il presidente di centrosinistra dell'VIII municipio, Amedeo Ciaccheri, descrive quella che, in città, gli pare una situazione “caotica da tutti i punti di vista”. Qualche tempo fa...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

No, il plexiglas no. “Col plexiglas la spiaggia sembrerebbe una friggitoria”, dice Vittorio Maschietto, detto Titti, gagliardo signore 78enne dalla duplice natura. Urbanista di suo, e per caso anche erede di uno dei miti di Forte dei Marmi, cioè...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Aspira a un nuovo mandato, adesso, Chiara Appendino, sindaca di Torino benedetta da Vito Crimi, disponibile a concedere una deroga a chi ha già fatto due giri nelle istituzioni. Chiede persino una mano al Pd: “Non...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Sono ripartiti tutti in bicicletta, e quelli dei mezzi pubblici hanno tirato un sospiro di sollievo. Sulla Darsena, tra il negozio di frutta e verdura e quello delle spezie, il biciclettaio lavora incessantemente: chi ha bisogno di lui forma una lunga...

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Per fotografare gli anziani negli ospizi usava quello che lui definiva un lampo: un flash, una luce forte che illuminasse tutte le rughe, le pieghe del viso, del corpo molle, nudo e indifeso dei vecchi distesi nei letti o in attesa di essere cambiati....

Pubblicato domenica, 24 maggio 2020 ‐ Il Foglio

Milano. La macchina fotografica è uno strumento semplice: tutti possono usarla, ma la vera sfida consiste nel creare attraverso di essa quella combinazione tra verità e bellezza chiamata arte. È una ricerca soprattutto spirituale prima che...