A Roma i vigili non smantellano più i mercati abusivi perché Ama non pulisce

Pubblicato domenica, 16 febbraio 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Che senso ha smantellare un mercatino abusivo o un insediamento spontaneo se poi nessuno viene a ripulirne i resti? E’ questa la domanda più che legittima che da settembre si fanno gli uomini del Pics, il pronto intervento centro storico della Polizia Locale. Da ormai cinque mesi Ama ha smesso di affiancarli nei loro interventi con la successiva pulizia e bonifica delle aree, privando le operazioni di un’importante seconda fase. E allora, si sono risposti, tanto vale nemmeno iniziare. Non si smantella più. D’altronde, raccontava al Foglio tempo fa uno di loro: “Con gli interventi nei giorni festivi nel mercato di piazza di Porta maggiore arrivavamo a riempire due ‘squaletti’ dell’Ama di roba sequestrata, e ognuno trasporta tre metri cubi di materiale!”. Ammassi di cianfrusaglie e schiffezze che se lasciati poi in mezzo alla strada vanificano, di fatto, l’intervento.
 
“Fino a settembre – ci dice oggi il vigile – di operazioni di questo tipo ne facevamo quotidianamente, ma adesso siamo bloccati: ci arrivano le segnalazioni, ma non possiamo fare nulla”. “Per fortuna – prosegue – i quattro principali mercatini – porta Maggiore, via Ricasoli, via delle cave ardeatine e via Acri – hanno ormai un presidio fisso attivo 24 ore su 24”. “Ma è come giocare ad ‘Ammazza la talpa’: tappato un buco c’è sempre una nuova via dove spuntano questi mercati. Ce ne sono in tutta la città: dal Quadraro a via Cipro regna una sorta di mafia della monnezza, ma adesso noi non possiamo più fare niente”.

 
Ma perché Ama ha smesso di aiutare i vigili in questa fondamentale attività? Dietro alla decisione apparentemente folle si nasconde in realtà una valutazione severa, ma di assoluto buon senso. Da giugno, infatti, i rapporti tra Ama e Campidoglio sono regolati da un nuovo contratto di servizio che distingue le attività programmate e ordinarie di Ama – come quella della raccolta dei rifiuti – coperte dalla Tari, da quelle straordinarie, come appunto il pronto intervento per la pulizia e la bonifica di insediamenti abusivi e mercatini. Questa seconda attività andrebbe regolata con un’apposita convenzione firmata, in questo caso, con il corpo della Polizia Locale che spenderebbe parte del suo budget per pagare ad Ama il servizio. In questo modo da un lato si evita che gli interventi non abbiano un corrispettivo contabile e amministrativo, rimanendo solo attività di fatto. Dall’altro il management di Ama può valutare in modo trasparente se ci sono sufficienti risorse per svolgere le attività straordinarie oltre alle mansioni principali della municipalizzata: pulire la strada e raccogliere la monnezza. “Spesso – hanno raccontato due vigili dei Pics nel corso di una seduta della commissione capitolina Ambiente – anche i consiglieri o i semplici cittadini ci chiamano direttamente per segnalare qualche situazione di degrado dove intervenire, ma noi non sappiamo più cosa fare”. La cosa ha fatto correre un brivido lungo la schiena di Laura D’Aprile, dirigente capitolina responsabile del capitolo Rifiuti. “Quindi voi vi muovereste così, sull’imput di chiunque – ha risposto – mi sembra che sinora questa attività sia stata completamente fuori controllo, finirà che dovrò segnalare tutto alla Corte dei conti”. E il nervosismo della dirigente è facilmente spiegabile: in fondo queste attività – mosse più dalla buona volontà e dalla scossa emotiva di qualcuno – senza una precisa indicazione amministrativa, sono la ragione dei contenziosi contabili tra Ama e il Campidoglio che hanno portato al siluramento di due consigli di amministrazione e tengono ancora ostaggio il bilancio consuntivo del 2017 (che entro un mese, forse, sarà approvato). Per questo D’Aprile non ci sta a essere additata come la resposabile dello stallo. “Noi – ha detto nel corso della commissione – abbiamo scritto cento volte alla Polizia locale che basta stipulare una convenzione per risolvere il problema, ma loro non vogliono non so e non capisco francamente il perché”. In attesa che questo surreale braccio di ferro tra apparati capitolini si risolva, i mercanti abusivi si sfregano le mani pronti a srotolare i loro teli e a esporre le loro cianfrusaglie certi di non correre, almeno per un altro po’, alcun rischio.

Tag: #Roma #VirginiaRaggi #Ama

Altri articoli pubblicati da Il Foglio

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il 28 e il 29 marzo, dalle 10.30 sul nostro sito, c'è il Festival del Realismo in streaming, un nuovo evento con dibattiti e video-interviste su temi di attualità economica e politica con tanti ospiti e giornalisti del ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Sul coronavirus si giocano diverse partite politiche. C’è quella, ormai venuta allo scoperto, della coppia Giuseppe Conte-Rocco Casalino che tenta di lanciare definitivamente il premier accrescendone la popolarità a suon di like su Facebook e di...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Abbiamo chiesto al biologo Enrico Bucci di aiutarci a trovare ogni giorno un tema utile da offrire ai lettori per avere uno spunto di riflessione in più sul tema del contenimento del coronavirus. Questa è la prima puntata della sua rubrica, il...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Chissà che cosa penserà di questa sentenza il ministro di Giustizia, Alfonso Bonafede, quello che ha abolito la prescrizione e ha dato la possibilità ai giudici di trasformare i processi in una persecuzione senza limiti di tempo. Chissà che cosa...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Dante è sempre stato letto in pubblico. Come dice Andrea Battistini, imponente accademico allievo di Ezio Raimondi, è dal Trecento che il suo racconto si comunica oltre il limite del pensiero poetico e concettuale fissato...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Adoriamo Guido Vitiello, la sua simpatia, la sua bella cultura e la sua rubrica sul Foglio, che aveva anche ieri ragioni da vendere nonché, come al solito, deliziosamente formulate: “Un proclama recente del nostro comandante Analfa, Luigi Di Maio,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Molti anni fa, ai tempi eroici di Mani pulite, un tizio che conoscevo, un magnifico mitomane della politica lo si potrebbe definire, si lamentava sempre di non essere preso in considerazione dai pm della banda Di Pietro: “Ormai, se non hai un avvisetto ...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Roma. Il numero di contagi, ricoveri e morti per coronavirus continua purtroppo a crescere. Forse con meno intensità. Alcuni azzardano a dire che si incomincia a intravvedere una fioca “luce in fondo al tunnel”. E’ fondamentale però,...

Pubblicato mercoledì, 25 marzo 2020 ‐ Il Foglio

I grandi rivolgimenti nella vita di una società – guerre, tsunami, terremoti, uragani, invasioni di rane e di locuste, stragi dei primogeniti, carestie e ovviamente epidemie – ingenerano negli spiriti sensibili allucinazioni di vario tipo. A volte...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Milano. Borse europee in forte recupero dopo giorni, settimane, di crolli e volatilità estrema. Piazza Affari ha guadagnato quasi il 9 per cento, in linea con gli altri listini che da Francoforte (+11 per cento), Parigi (+8,3 per cento), Madrid ...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

È comprensibile che in questo momento di grande diffusione dell’epidemia da coronavirus caratterizzato da altissimi numeri di pazienti ricoverati, intasamento delle terapie intensive e purtroppo ingente perdita di vite umane si desiderino fortemente...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Non ce lo ricordiamo mai, ma forse in questo strano tempo dilatato dell’emergenza sanitaria, alcune cose si ricordano: i bambini incolpevoli reclusi nelle patrie galere insieme alle madri. In Italia sono 59, secondo...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Calogero Venezia, Lillo, è morto a Catania, dopo un breve ricovero per  una polmonite che ha infierito su malanni precedenti. Ha scritto sua sorella, Enza Venezia Signorello: “Con enorme dolore devo comunicarvi che...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo decreto legge che introduce sanzioni più dure per chi viola le norme anti contagio da Coronavirus e che uniforma il quadro normativo su tutto il territorio nazionale. Il premier Giuseppe Conte in...

Pubblicato martedì, 24 marzo 2020 ‐ Il Foglio

Gli Stati Uniti cominciano a muoversi nel complicato scacchiere internazionale legato alla guerra dei prezzi del greggio che ha portato il barile a scendere sotto la soglia psicologica dei 30 dollari. La priorità per la Casa Bianca è ora quella ...