Se il nome diventa un peso... I Crusaders lo cambieranno

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Gazzetta.it

Una delle squadre di rugby più forti del mondo, i neozelandesi Crusaders, vogliono cambiare nome. Giocano a Christchurch, la città che ha pagato con 50 morti la pazzia di un suprematista bianco. Spade, croci, cavalieri con la corazza: dopo l’attentato di venerdì alle due moschee della città, riti e simboli e lo stesso nome adottato dalla squadra si sono improvvisamente caricati di un significato perverso. Sui caricatori preparati per la strage c’era il nome di Boemondo I d’Antiochia e la data “Acri 1189”, due riferimenti diretti alle crociate. Da qui il cortocircuito tra fatti storici, follia omicida e un nome che fino a giovedì nessuno aveva pensato di cambiare.
crociata per la pace
Non era mai capitato che un fatto di cronaca rendesse improvvisamente inopportuni nome e simbolo di un club sportivo. “La squadra e lo staff sono profondamente scioccati — ha detto Colin Mansbridge, amministratore delegato dei Crusaders — e preghiamo per le vittime e per le loro famiglie. Quello che è successo va oltre il rugby. Per quanto riguarda il nome, capiamo tutti i dubbi che sono emersi. Per noi il nome Crusaders è un riflesso dello spirito guerriero della comunità. Ciò per cui ci battiamo è il contrario di quanto è successo a Christchurch venerdì: la nostra crociata è per la pace, per l’inclusione e per lo spirito di comunità. Al momento opportuno terremo in considerazione il tema del cambio di nome, confrontandoci anche con la comunità musulmana”. La squadra tornerà in campo sabato in Australia contro i Waratahs, mentre il primo match a Christchurch è previsto il 6 aprile con i Brumbies. Possibile che per quel giorno qualcosa cambi, almeno nel cerimoniale di inizio partita: le squadre di solito sono accolte da alcuni figuranti vestiti da cavalieri, con spade e una grossa croce sul petto.
politically
Non è la prima volta però che la parola “Crusaders” viene sostituita. Nel 2009 in Inghilterra la squadra di cricket del Middlesex lo trasformò in “Panthers” dopo le proteste delle comunità musulmane ed ebraiche. In Europa però questi cambiamenti sono rari, principalmente perché l’abitudine di affiancare un “nickname” al nome storico del club è recente e d’importazione statunitense. Ed è proprio nello sport americano che sono più frequenti queste discussioni. Secondo il New York Times, sono centinaia le squadre di ogni sport e di ogni livello che nei decenni hanno cambiato nome, il più delle volte su spinta dei Nativi Americani. Il tema è soprattutto quello del rispetto delle minoranze. Sono serviti decenni perché parole come “redskin” o “Indians” diventassero offensive per il sentire comune. La necessità di non usare certi termini, però, spesso si scontra da una parte con la sensibilità dei tifosi, dall’altra con interessi commerciali enormi legati a quel nome e al simbolo che l’accompagna.
il caso chief wahoo
Uno dei casi più clamorosi — e irrisolti — è quello dei Washington Redskins di football: da cinquant’anni i Nativi Americani protestano contro il termine “pellerossa”, ritenuto razzista così come il logo della squadra. Altrettanto famosa la questione attorno alla squadra di baseball di Cleveland, gli Indians, e soprattutto al loro simbolo, “Chief Wahoo”. L’indianino rosso e sorridente è l’amatissima mascotte della squadra e uno dei loghi più riconoscibili e amati dagli appassionati delle Major League, ma dagli Anni Settanta è anche al centro delle proteste delle associazioni per i diritti civili. Dopo decenni di polemiche, alla fine del 2018 Chief Wahoo è stato cancellato dalle uniformi degli Indians, ma il merchandising con il logo può essere ancora venduto allo stadio degli Indians e nell’Ohio (ma non altrove e online).
altri casi
I Washington Wizards di basket Nba fino al 1997 si chiamavano Bullets. A volere il nuovo nome fu il proprietario Abe Pollin, cui non piaceva il nomignolo di “proiettili” in un periodo in cui la città viveva un aumento degli episodi di violenza armata.

Tag: #Rugby

Altri articoli pubblicati da Gazzetta.it

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

"L'intera partita è stata troppo, è stata "sopraffacente" - dice un entusiasta Jurgen Klopp, dopo il ribaltone del suo Liverpool per 4-0 al Barcellona - Abbiamo giocato contro quella che è forse la miglior squadra al mondo. Vincere è difficile, ma...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

I protagonisti che non ti aspetti, Georginio Wijnaldum e Divock Origi. Prima di stasera, messi assieme, avevano segnato un solo gol in Champions League, quello dell’olandese nella semifinale di ritorno un anno fa contro la Roma. Poi stasera il mondo...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

È successo ancora. Non è logico, non è sensato. Ma è successo ancora. Come la Roma 2017-2018, così il Liverpool 2018-2019. Il Barcellona si fa rimontare di nuovo e nel modo più incredibile. Dopo il 3-0 del Camp Nou, i Reds di Klopp asfaltano i...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

È successo per davvero. Senza Firmino e Salah, ribaltando il 3-0 rimediato a Barcellona, il Liverpool va in finale di Champions League. Per Anfield un sogno a occhi aperti, quando tutto sembrava perso, quando tutte le speranze sembravano sepolte dopo i...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Riscatto Ragusa. Che allunga la serie. La Passalacqua di Gianni Recupido batte il Famila (67-62) e si porta sul 2-1. Ma giovedì avrà ancora una chance in casa per portarsi sul 2-2 e tentare il tutto per tutto a Schio domenica, come già le è successo...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Esposito-Panada, l’Italia Under 17 c’è. E conquista la seconda vittoria su altrettante partite agli Europei di Irlanda: gli Azzurrini sono aritmeticamente ai quarti di finale con un turno d’anticipo. I ragazzi di mister Nunziata superano...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Prima punture di spillo, poi le bordate e ora timidi segnali di pace, con tanto di invito a cena. È l'evoluzione della querelle tra il vicepremier, ministro dell'Interno e tifoso rossonero Matteo Salvini e il tecnico del Milan, Gennaro Gattuso. Una...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Italia – Cina Under 23 3-2 (17-25, 25-20, 25-19, 22-25, 15-7) — Il proverbiale ghiaccio è stato rotto per la nazionale italiana femminile. La prima delle due amichevoli contro la Cina Under 23 (la seconda si giocherà domani,...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

King Roger torna sulla terra con una vittoria quasi troppo facile contro Gasquet 6-2 6-3 al Master 1000 di Madrid. Inizia con un break l’atteso rientro di Roger Federer sulla terra contro Gasquet che parte contratto. In un attimo lo svizzero è sul...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Ennesimo capitolo della comunicazione social di Mauro Icardi e Wanda Nara. E potrebbe trattarsi della fine degli scatti “hot” che stanno invadendo da giorni le bacheche dei follower del duo argentino. I due hanno pubblicato la nona foto della serie,...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Ultimo giorno di riposo alla Continassa prima della ripresa dei lavori: dopo i quattro giorni di pausa concessi da Massimiliano Allegri, la Juventus ricomincerà ad allenarsi per preparare la gara di domenica prossima (alle 20,30) con la Roma. Si...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Biglia, Paquetà e naturalmente Bakayoko. Un trio di centrocampo del Milan che non vedremo sabato prossimo al Franchi contro la Fiorentina: con la Champions ancora in ballo e una sfida da vincere a tutti i costi, Rino Gattuso dovrà fare i conti con...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Milinkovic e Radu verso la finale di Coppa Italia. Superati gli ultimi controlli, oggi pomeriggio il centrocampista e il difensore sono tornati a lavorare sul campo, alla ripresa degli allenamenti della Lazio a Formello. Anzi, il difensore, fermatosi il...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Non potrà mettere piede nello stadio della Juventus per cinque anni il tifoso ripreso sabato sera nel derby mentre mimava il volo di un aereo, gesto offensivo verso il Grande Torino alla vigilia del settantesimo anniversario della tragedia di Superga....

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Un largo sorriso illumina il volto di Walter Mazzarri quando vede comparire Iago Falque sul prato del Filadelfia per l’allenamento pomeridiano che inaugura la preparazione in vista del Sassuolo. Lo spagnolo, non accusando più dolore al ginocchio...