Lakers stesi senza LeBron Giannis, rimonta storica

Pubblicato sabato, 16 marzo 2019 ‐ Gazzetta.it

Senza LeBron James, tenuto a riposo, i Lakers vengono maltrattati dai Pistons e crollano per la settima volta nelle ultime 8 partite. I Bucks trovano una rimonta storica, diventando la prima squadra in Nba a recuperare dal -20 dell’intervallo e vincere con 15 punti di scarto. A svegliare Milwaukee ci ha pensato un super Giannis Antetokounmpo, che ha dominato gli Heat nella seconda parte di gara. I Rockets, pur con qualche brivido di troppo, passano sui Suns trascinati dai 41 punti di James Harden. I Sixers sorridono grazie a Joel Embiid. Bene Blazers e Hornets.
Detroit Pistons-Los Angeles Lakers 111-97
I Pistons (35-33) tornano a sorridere dopo 2 sconfitte consecutive, maltrattando sul parquet di casa i Lakers (31-38), arrivati nella Mo-Town privi di LeBron James, tenuto a riposo. Senza il solito contributo del Re, i losangelini rimangono in gara solo per i primi 24 minuti: Detroit, infatti, ha dalla sua il carburante delle motivazioni, con la battaglia per il 6° posto a Est con Brooklyn ancora accesa. A trascinare la squadra di coach Casey ci hanno pensato Reggie Jackson (20 punti), Andre Drummond (mostruosa doppia doppia da 19 punti e 23 rimbalzi) e Langston Galloway (23), che dalla panca mette le pezze alla serataccia al tiro di Blake Griffin, autore di “soli” 15 punti col 3/12 dal campo. I padroni di casa si adagiano, assieme agli avversari, in un 1° tempo freddissimo, prendendosi il vantaggio 46-40 alla sirena dell’intervallo. Nella ripresa, però, i Pistons accelerano: le triple di Galloway e il dominio di Drummond nel pitturato guidano al break di 13-2 che vale il 73-56 a 2’ dalla conclusione della terza frazione. I Lakers, solo a quota 62 punti in apertura di 4° periodo, non riescono a reagire. Il colpo del k.o. lo rifila, ancora, il solito Galloway dall’arco, per il 104-90 a 3’ dalla fine. Inutili i 20 punti e 13 rimbalzi di JaVale McGee, che tiene la testa alta al termine dello scontro con Drummond.
Detroit: Galloway 23 (4/4, 4/6 da 3, 3/3 tl), Jackson 20, Drummond 19. Rimbalzi: Drummond 23. Assist: Griffin 9
L.A. Lakers: McGee 20 (10/16), Caldwell-Pope 17, Caruso 16. Rimbalzi: McGee 13. Assist: Kuzma 10
Miami Heat-Milwaukee Bucks 98-113
Guai a pensare che i Bucks (52-17) possano soffrire di qualche sindrome da “pancia piena”. Nonostante il miglior record che permette di guardare l’intera Association dall’alto, i ragazzi di coach Budenholzer mettono in scena il meglio del repertorio nel 2° tempo, trovando una rimonta storica che lascia al palo gli heat (32-36). Milwaukee, infatti, diventa la prima squadra di sempre a vincere con più di 11 punti di scarto dopo aver toccato il -20 a fine 1° tempo. I Bucks cambiano pelle dopo il -20 toccato nel corso della seconda frazione grazie soprattutto alla svolta di Giannis Antetokounmpo, che dopo l’intervallo accende la modalità MVP e chiude con un tabellino da 33 punti, 16 rimbalzi, 9 assist e 3 stoppate. Al resto ci hanno pensato i 21 punti di Khris Middleton e i 17 di Eric Bledsoe. L’avvio, però, è tutto di Miami: Justise Winslow (20 punti, tutti nei 24’ iniziali) sale presto in cattedra, guidando i suoi sul 37-19 alla prima sirena e al 62-42 all’intervallo, con Milwaukee, per di più, costretta a fare a meno di Malcolm Brogdon, a causa di un problema al tallone destro. Con le spalle al muro, però, i Bucks e asfaltano gli avversari con un 2° tempo 71 punti, contro i soli 36 di Miami. il break decisivo arriva a cavallo tra 3° e 4° periodo: le triple di Ilyasova (15), Mirotic (8) e Connaughton propiziano il 21-9 che vale il sorpasso 89-84 a 9’30” dalla fine. Gli 8 punti consecutivi di Antetokounmpo e l’ennesimo colpo dall’arco di Ilyasova aprono le dighe per il 108-90 con 4’ sull’orologio, il momento in cui Miami capisce di non potersi rialzare.
Miami: Winslow 20 (5/9, 3/7 da 3, 1/2 tl), Whiteside 14, Richardson 11. Rimbalzi: Adebayo 11, Whiteside 11. Assist: Winslow 5, Adebayo 5
Milwaukee: Antetokounmpo 33 (11/15, 1/4 da 3, 8/11 tl), Middleton 21, Bledsoe 17. Rimbalzi: Antetokounmpo 16. Assist: Antetokounmpo 9
Houston Rockets-Phoenix Suns 108-102
Pur senza brillare, I Rockets (43-26) si rimettono subito in marcia. Dimenticato il k.o. contro Golden State, i texani centrano il decimo successo nelle ultime 11 uscite, costretti, però, a tirare fuori tutto il meglio del repertorio sul parquet di casa contro i Suns (16-54). James Harden, infatti, ha dovuto fare gli straordinari. Ma ha assolto il suo compito alla grande: 41 punti, 9 rimbalzi, 11 assist e 6 palle rubate a impreziosire il tutto. Danuel House (18) ed Eric Gordon (19) sono i secondi violini d’élite, che mettono le pezze all’assenza di Chris Paul, tenuto a riposo. Dall’altra parte, invece, non bastano i 29 punti di Devin Booker e i 22 di Kelly Oubre (che prova in tutti i modi a limitare Harden nel finale, dandogli filo da torcere con una gran difesa) a Phoenix, che, dopo aver battagliato alla pari per 36’, si scopre troppo immatura e poco cinica nell’ultima frazione. I padroni di casa, infatti, trovano la fuga negli ultimi 60”: la tripla capitale di House, con il Barba braccato a vista, vale il 105-100 e apre la danza dei tiri liberi. Dalla lunetta Harden trova il 3/4 che scrive il +6 decisivo a tabellone con soli 4” rimasti.
Houston: Harden 41 (9/14, 3/11 da 3, 14/17 tl), Gordon 19, House 18. Rimbalzi: Capela 11. Assist: Harden 11
Phoenix: Booker 29 (8/15, 1/7 da 3, 10/11 tl), Oubre Jr 22, Ayton 17. Rimbalzi: Ayton 14. Assist: Booker 7
Philadelphia 76ers-Sacramento Kings 123-114
Terza vittoria consecutiva per i Sixers (44-25), quella che permette di mettere la freccia del sorpasso su Indiana e prendersi momentaneamente la terza piazza nella Western Conference. A crollare sul campo del Wells Fargo Center tocca ai Kings (33-35), costretti ad inchinarsi alla superiorità di Philadelphia nell’ultima frazione, quando la stanchezza, dopo la battaglia della notte precedente contro Boston, si è fatta sentire. A dare la scossa a Phila è stato il solito Joel Embiid: 21 punti, 17 rimbalzi e 4 stoppate, con la ciliegina sulla torta delle giocate decisive, su entrambi i lati del campo, che ha fatto calare il sipario sulle speranze dei californiani. Ottima gara anche per Jimmy Butler (22 punti) e trascinatore nel break che ha regalato ai suoi la doppia cifra di vantaggio (59-48) nel corso della seconda frazione. I Kings, però, nella ripresa tornano sul parquet intenzionati a riaprire i giochi. Detto, fatto. Buddy Hield (14) e Harrison Barnes (16) si accendono coi canestri per l’aggancio e il sorpasso 71-70 nel 3° quarto. I Sixers provano ancora la fuga, tornando sul +11 (90-79) ma subito riagganciati in apertura di 4° periodo. La gara prende i binari dell’equilibrio, fino al momento in cui Embiid sale in cattedra: suo il jumper per il 116-109 a 4’ dalla sirena, prima della stoppata su Cauley-Stein che apre la strada alla tripla di JJ Redick (19). Il canestro del 121-114 di Big Jo Jo mette in ghiaccio, con 1’45” rimasti sul cronometro.
Philadelphia: Butler 22 (8/13, 0/1 da 3, 6/7 tl), Embiid 21, Harris 19, Redick 19. Rimbalzi: Embiid 17. Assist: Butler 7
Sacramento: Barnes 16 (2/5, 4/6 da 3, 0/2 tl), Fox 16 (3/8, 1/1 da 3, 7/8 tl), Bagley 15. Rimbalzi: Cauley-Stein 7. Assist: Fox 6
New Orleans Pelicans-Portland Trail Blazers 110-122
I Blazers (42-26) vogliono correre: terza vittoria consecutiva, la nona nelle ultime 12 uscite, un tabellino di marcia che li sta confermando una delle squadre da piani alti. A confermarlo è il 4° posto in classifica a Ovest, consolidato col successo in casa Pelicans (30-41) che può far sorridere coach Stotts. Perché, oltre ai soliti Damian Lillard (24 punti) e CJ McCollum (23), sta tornando a crescere il supporting cast, vero X-Factor di Portland, grazie al contributo di Rodney Hood (17), Jusuf Nurkic (11, 12 rimbalzi e 5 assist) e di Enes Kanter (17+8 rimbalzi). New Orleans prova a rispondere aggrappandosi a un super Julius Randle da 45 punti (career high) e 11 rimbalzi e alla tripla doppia da 14 punti, 12 rimbalzi e 16 assist di Elfrid Payton. Ma non basta. I Blazers alzano i giri negli ultimi 6’: le triple di McCollum, Lillard e Hood danno la spallata decisiva per il 115-103 a 3’50” dalla sirena. Il momento in cui NOLA alza bandiera bianca.
New Orleans: Randle 45 (18/27, 2/7 da 3, 3/11 tl), Jackson 16, Payton 14. Rimbalzi: Payton 12. Assist: Payton 16
Portland: Lillard 24 (4/9, 4/9 da 3, 4/4 tl), McCollum 23, Hood 17, Kanter 17. Rimbalzi: Nurkic 12. Assist: Lillard 7
Washington Wizards-Charlotte Hornets 110-116
Successo fondamentale per gli Hornets (31-37), che provano a tenere in vita le speranze per i playoff passando sul parquet dei Wizards (29-40) e avvicinandosi all’ottavo posto a Est, di proprietà di Miami e lontano 1 gara. A guidare la squadra di coach Clifford è il solito Kemba Walker, che mette la firma su 28 punti. Buona prova anche della second unit, con i 16 punti dell’eterno Tony Parker e i 18 di Jeremy Lamb a dare un contributo fondamentale. Washington si aggrappa ai 40 punti di Bradley Beal, ma paga carissimo un terribile 1° tempo che ha reso la rimonta una mission impossible. Gli Hornets, infatti, volano grazie a un 1° periodo da 40 punti e abbattono il muro del +20 (47-26) nella parte iniziale del 2° periodo. Nella ripresa i padroni di casa provano a tornare in scia. Ma i canestri di Beal, che valgono il -6 (107-101) a 4’30” dalla sirena, vengono vanificati dalla risposta di Lamb, che infila 5 punti consecutivi per il 115-108 a 1’35” dalla fine.
Washington: Beal 40 (8/16, 7/13 da 3, 3/3 tl), Green 20, Parker 17. Rimbalzi: Parker 11. Assist: Ariza 5, Beal 5
Charlotte: Walker 28 (8/22, 3/8 da 3, 3/3 tl), Lamb 18, Batum 16, Parker 16. Rimbalzi: Lamb 8. Assist: Batum 6

Tag: #Nba

Altri articoli pubblicati da Gazzetta.it

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

"L'intera partita è stata troppo, è stata "sopraffacente" - dice un entusiasta Jurgen Klopp, dopo il ribaltone del suo Liverpool per 4-0 al Barcellona - Abbiamo giocato contro quella che è forse la miglior squadra al mondo. Vincere è difficile, ma...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

I protagonisti che non ti aspetti, Georginio Wijnaldum e Divock Origi. Prima di stasera, messi assieme, avevano segnato un solo gol in Champions League, quello dell’olandese nella semifinale di ritorno un anno fa contro la Roma. Poi stasera il mondo...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

È successo ancora. Non è logico, non è sensato. Ma è successo ancora. Come la Roma 2017-2018, così il Liverpool 2018-2019. Il Barcellona si fa rimontare di nuovo e nel modo più incredibile. Dopo il 3-0 del Camp Nou, i Reds di Klopp asfaltano i...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

È successo per davvero. Senza Firmino e Salah, ribaltando il 3-0 rimediato a Barcellona, il Liverpool va in finale di Champions League. Per Anfield un sogno a occhi aperti, quando tutto sembrava perso, quando tutte le speranze sembravano sepolte dopo i...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Riscatto Ragusa. Che allunga la serie. La Passalacqua di Gianni Recupido batte il Famila (67-62) e si porta sul 2-1. Ma giovedì avrà ancora una chance in casa per portarsi sul 2-2 e tentare il tutto per tutto a Schio domenica, come già le è successo...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Esposito-Panada, l’Italia Under 17 c’è. E conquista la seconda vittoria su altrettante partite agli Europei di Irlanda: gli Azzurrini sono aritmeticamente ai quarti di finale con un turno d’anticipo. I ragazzi di mister Nunziata superano...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Prima punture di spillo, poi le bordate e ora timidi segnali di pace, con tanto di invito a cena. È l'evoluzione della querelle tra il vicepremier, ministro dell'Interno e tifoso rossonero Matteo Salvini e il tecnico del Milan, Gennaro Gattuso. Una...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Italia – Cina Under 23 3-2 (17-25, 25-20, 25-19, 22-25, 15-7) — Il proverbiale ghiaccio è stato rotto per la nazionale italiana femminile. La prima delle due amichevoli contro la Cina Under 23 (la seconda si giocherà domani,...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

King Roger torna sulla terra con una vittoria quasi troppo facile contro Gasquet 6-2 6-3 al Master 1000 di Madrid. Inizia con un break l’atteso rientro di Roger Federer sulla terra contro Gasquet che parte contratto. In un attimo lo svizzero è sul...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Ennesimo capitolo della comunicazione social di Mauro Icardi e Wanda Nara. E potrebbe trattarsi della fine degli scatti “hot” che stanno invadendo da giorni le bacheche dei follower del duo argentino. I due hanno pubblicato la nona foto della serie,...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Ultimo giorno di riposo alla Continassa prima della ripresa dei lavori: dopo i quattro giorni di pausa concessi da Massimiliano Allegri, la Juventus ricomincerà ad allenarsi per preparare la gara di domenica prossima (alle 20,30) con la Roma. Si...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Biglia, Paquetà e naturalmente Bakayoko. Un trio di centrocampo del Milan che non vedremo sabato prossimo al Franchi contro la Fiorentina: con la Champions ancora in ballo e una sfida da vincere a tutti i costi, Rino Gattuso dovrà fare i conti con...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Milinkovic e Radu verso la finale di Coppa Italia. Superati gli ultimi controlli, oggi pomeriggio il centrocampista e il difensore sono tornati a lavorare sul campo, alla ripresa degli allenamenti della Lazio a Formello. Anzi, il difensore, fermatosi il...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Non potrà mettere piede nello stadio della Juventus per cinque anni il tifoso ripreso sabato sera nel derby mentre mimava il volo di un aereo, gesto offensivo verso il Grande Torino alla vigilia del settantesimo anniversario della tragedia di Superga....

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Un largo sorriso illumina il volto di Walter Mazzarri quando vede comparire Iago Falque sul prato del Filadelfia per l’allenamento pomeridiano che inaugura la preparazione in vista del Sassuolo. Lo spagnolo, non accusando più dolore al ginocchio...