La Champions, il circo Max E la scuola di Fusignano...

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Gazzetta.it

È stato interessantissimo seguire l’8 settembre calcistico, molto italiano, andato in scena dopo Juve-Atletico Madrid. Molti degli hater che hanno costretto Allegri a chiudere i suoi social si sono tolti la divisa in tutta fretta e si sono lanciati in soccorso del vincitore, sul suo carro. Mentre molti partigiani del tecnico juventino, metaforicamente, hanno passato per le armi, sulle piazze virtuali, i critici di Max, senza fare distinzioni. E invece le distinzioni andavano fatte. Giusto chiedere il conto a chi aveva insultato l’allenatore livornese e ne aveva messo in dubbio le qualità professionali per un pugno di partite sotto tono. Folle. Come aveva suggerito lo stesso Allegri: "Servono dottori. Ma quelli bravi". Se anche Max non dovesse vincere più una partita, dalla prossima in poi, passerebbe comunque alla storia come un allenatore bravo e vincente, per tutto quello ha dimostrato, per i trofei vinti e per il calcio educato. Dopo tanti anni, ha superato il punto di non ritorno e la soggettività del giudizio. È bravo e basta.
il paradosso
Il capolavoro di martedì è stato soltanto l’ultimo corollario della tesi. Ma, per i critici che gli rimproveravano una certa avarizia del gioco, il discorso cambia. Loro non sono stati delegittimati dalla prestazione della Juve. Anzi. È esattamente il contrario. Allegri li ha consacrati. Per comodità di ragionamento, chiamiamola la Scuola di Fusignano. Cosa sosteneva? "Max, tu sei bravo e proprio per questo non dovresti accontentarti del risultato, ma pretendere la bellezza che la tua fortissima Juve è in grado di produrre. Non per vezzo filosofico, ma banalmente perché chi gioca meglio alla fine vince sempre. La strategia batte sempre la tattica. La tattica è l’attesa dell’errore dell’avversario, la strategia è un piano positivo da portare a termine. Difendere correndo in avanti, attaccare senza pause, con continuità e coraggio". Per smentire la Scuola di Fusignano, Allegri avrebbe dovuto vincere giocando male, magari con tre contropiede, e poi annunciare: "Conta il risultato. Per il divertimento, andate al circo". Invece ha vinto esattamente come chiedevano loro: ha difeso correndo in avanti, ha spinto i terzini fino alla linea di fondo, ha attaccato senza soste, ha imposto una strategia alla tattica del Cholo, ha travolto l’Atletico con il gioco e non solo con il Giocatore (CR7). E ha divertito come nessun circo al mondo potrebbe fare.
un modello per i quarti
La Champions ha premiato solo squadre con questo spirito positivo e costruttivo. Nei quarti non c’è traccia di Cholismo. Il Porto, che sembra il meno attrezzato, ha eliminato la Roma grazie alla superiorità del suo gioco, non solo per l’arbitro. Per questo la Champions ci entusiasmerà fino alla fine. La migliore Juve della stagione e la migliore di quella scorsa (al Bernabeu) sono nate dalla disperazione, da due rimonte apparentemente impossibili. Questa è la prossima frontiera: riuscire a essere coraggiosa e bella fin dalla partita d’andata, attaccare per scelta e per piacere, non per necessità o disperazione. Come fanno le grandi d’Europa, tipo il Manchester City che può segnarne 7 allo Schalke 04 o 9 al Burton Albion, perché è programmato per attaccare sempre e non per gestire. E così l’Ajax, prima squadra sul cammino dei bianconeri, che è inferiore alla Juve, ma attacca e pressa già in spogliatoio. Da qui "fino alla fine" Allegri sarà costretto a riproporre il circo Max, come piace alla Scuola di Fusignano. Ci divertiremo un sacco.

Tag: #Calcio

Altri articoli pubblicati da Gazzetta.it

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

"L'intera partita è stata troppo, è stata "sopraffacente" - dice un entusiasta Jurgen Klopp, dopo il ribaltone del suo Liverpool per 4-0 al Barcellona - Abbiamo giocato contro quella che è forse la miglior squadra al mondo. Vincere è difficile, ma...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

I protagonisti che non ti aspetti, Georginio Wijnaldum e Divock Origi. Prima di stasera, messi assieme, avevano segnato un solo gol in Champions League, quello dell’olandese nella semifinale di ritorno un anno fa contro la Roma. Poi stasera il mondo...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

È successo ancora. Non è logico, non è sensato. Ma è successo ancora. Come la Roma 2017-2018, così il Liverpool 2018-2019. Il Barcellona si fa rimontare di nuovo e nel modo più incredibile. Dopo il 3-0 del Camp Nou, i Reds di Klopp asfaltano i...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

È successo per davvero. Senza Firmino e Salah, ribaltando il 3-0 rimediato a Barcellona, il Liverpool va in finale di Champions League. Per Anfield un sogno a occhi aperti, quando tutto sembrava perso, quando tutte le speranze sembravano sepolte dopo i...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Riscatto Ragusa. Che allunga la serie. La Passalacqua di Gianni Recupido batte il Famila (67-62) e si porta sul 2-1. Ma giovedì avrà ancora una chance in casa per portarsi sul 2-2 e tentare il tutto per tutto a Schio domenica, come già le è successo...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Esposito-Panada, l’Italia Under 17 c’è. E conquista la seconda vittoria su altrettante partite agli Europei di Irlanda: gli Azzurrini sono aritmeticamente ai quarti di finale con un turno d’anticipo. I ragazzi di mister Nunziata superano...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Prima punture di spillo, poi le bordate e ora timidi segnali di pace, con tanto di invito a cena. È l'evoluzione della querelle tra il vicepremier, ministro dell'Interno e tifoso rossonero Matteo Salvini e il tecnico del Milan, Gennaro Gattuso. Una...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Italia – Cina Under 23 3-2 (17-25, 25-20, 25-19, 22-25, 15-7) — Il proverbiale ghiaccio è stato rotto per la nazionale italiana femminile. La prima delle due amichevoli contro la Cina Under 23 (la seconda si giocherà domani,...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

King Roger torna sulla terra con una vittoria quasi troppo facile contro Gasquet 6-2 6-3 al Master 1000 di Madrid. Inizia con un break l’atteso rientro di Roger Federer sulla terra contro Gasquet che parte contratto. In un attimo lo svizzero è sul...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Ennesimo capitolo della comunicazione social di Mauro Icardi e Wanda Nara. E potrebbe trattarsi della fine degli scatti “hot” che stanno invadendo da giorni le bacheche dei follower del duo argentino. I due hanno pubblicato la nona foto della serie,...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Ultimo giorno di riposo alla Continassa prima della ripresa dei lavori: dopo i quattro giorni di pausa concessi da Massimiliano Allegri, la Juventus ricomincerà ad allenarsi per preparare la gara di domenica prossima (alle 20,30) con la Roma. Si...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Biglia, Paquetà e naturalmente Bakayoko. Un trio di centrocampo del Milan che non vedremo sabato prossimo al Franchi contro la Fiorentina: con la Champions ancora in ballo e una sfida da vincere a tutti i costi, Rino Gattuso dovrà fare i conti con...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Milinkovic e Radu verso la finale di Coppa Italia. Superati gli ultimi controlli, oggi pomeriggio il centrocampista e il difensore sono tornati a lavorare sul campo, alla ripresa degli allenamenti della Lazio a Formello. Anzi, il difensore, fermatosi il...

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Non potrà mettere piede nello stadio della Juventus per cinque anni il tifoso ripreso sabato sera nel derby mentre mimava il volo di un aereo, gesto offensivo verso il Grande Torino alla vigilia del settantesimo anniversario della tragedia di Superga....

Pubblicato martedì, 07 maggio 2019 ‐ Gazzetta.it

Un largo sorriso illumina il volto di Walter Mazzarri quando vede comparire Iago Falque sul prato del Filadelfia per l’allenamento pomeridiano che inaugura la preparazione in vista del Sassuolo. Lo spagnolo, non accusando più dolore al ginocchio...