XMM-Newton cattura il lamento a raggi-X di una stella smembrata da un buco nero

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Grazie al telescopio spaziale XMM-Newton, dell'Agenzia spaziale europea (Esa), un gruppo di astronomi ha seguito l'evoluzione di un buco nero mentre divorava una stella e, rilevando i segnali eccezionalmente luminosi e stabili che arrivavano da questo evento, hanno potuto determinare la velocità di rotazione del buco nero stesso (i risultati dello studio sulle osservazioni fatte a partire dal 2014, quando è stato rilevato l'evento, sono pubblicati su Science). È noto che vi sono buchi neri al centro di tutte le galassie massicce dell'Universo, strettamente correlati alle proprietà delle galassie stesse. Per questo motivo conoscere il loro comportamento permette anche di comprendere meglio le caratteristiche di galassie lontane.

 



La galassia ASASSN-14li, che ospita il buco nero studiato ai raggi-X. | Esa


La forza di gravità esercitata dai buchi neri massicci è tale che può lacerare le stelle che vi si avvicinano troppo. I detriti degli astri smembrati si muovono a spirale verso l'interno del buco nero, si riscaldano ed emettono intensi raggi-X.

 

Nonostante il gran numero di buchi neri che si ipotizza esistano nell'Universo, si suppone che molti siano in regiodi di Spazio relativamente sgombre e perciò non c'è materiale in caduta libera tale da emettere radiazioni rilevabili - per questo sono difficili da studiare. Tuttavia, statisticamente, ogni poche centinaia di migliaia di anni una stella passa abbastanza vicino a un buco nero da esserne attratta e lacerata. Questo offre una breve finestra di opportunità per studiare alcune proprietà fondamentali di questi oggetti, come la massa e la velocità di rotazione.

I 10 oggetti più strani dell'Universo conosciuto

Dheeraj Pasham, del Kavli Institute for Astrophysics and Space Research del MIT, coordinatore dello studio, afferma che «è molto difficile calcolare la velocità di rotazione di un buco nero, perché gli effetti della rotazione emergono solo molto vicino ad esso, dove la gravità è immensamente elevata, e dunque è difficile fare analisi corrette. Tuttavia i modelli mostrano che la massa di una stella smembrata dal buco nero si deposita in una sorta di disco che emette una grande quantità di raggi-X. Da tempo abbiamo capito che analizzare queste emissioni permette di studiare la rotazione di un buco nero, ma fino a oggi le osservazioni non erano abbastanza sensibili per esplorare in modo affidabile quella regione a forte gravità».

 



Il buco nero ai raggi-X, così com'è stato "visto" da XMM-Newton. | Esa


Velocità relativistiche. Grazie all'evento chiamato ASASSN-14li, scoperto dall'All-Sky Automated Survey per SuperNovae (ASASSN), si è aperto uno spiraglio per studiare un buco nero con una massa di almeno un milione di volte maggiore di quella del Sole. «Per noi, ASASSN-14li è la stele di rosetta per questo tipo di eventi», spiega Dheeraj Pasham: «tutte le proprietà del fenomeno sono state studiate con i principali telescopi a raggi-X attualmente operativi.»

 

Nel gruppo di telescopi c'è anche quello dell'Esa. I segnali a raggi-x sono stati sorprendentemente intensi e hanno oscillato con un periodo di 131 secondi per 450 giorni. Combinando questa informazione con la massa e le dimensioni del buco nero, gli astronomi hanno stimato che ruota a una velocità superiore al 50 per cento della velocità della luce.

7 misteri sullo Spazio non ancora risolti

«È un risultato eccezionale, ottenuto grazie anche a un segnale così stabile così a lungo, come non era mai stato rilevato prima», spiega Alessia Franchini (università del Nevada): «inoltre, il segnale arrivava proprio da molto vicino all'orizzonte degli eventi del buco nero, quel confine oltre il quale non è possibile osservare più nulla perché la gravità è così forte che non sfugge nulla, nemmeno la luce». Qui sotto, il video "artistico" realizzato dalla Nasa per illustrare eventi del genere studiato:

 



 

Con questa ricerca e con i risultati ottenuti si apre una nuova porta verso la complessa fisica che si osserva vicino ai buchi neri: andando alla ricerca di fenomeni simili ad ASASSN-14li si potranno ottenere informazioni che forse oggi neppure riusciamo a immaginare.

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Provate a immaginare: un parassita trova la via per entrare nel vostro corpo e, in men che non si dica, prende possesso della vostra mente. Vi sembra un'ipotesi suggestiva, ma poco realistica, che potrebbe al massimo ispirare romanzi e film horror? Vi...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati coordinati da Mark Cheung, del Lockheed Martin Solar and Astrophysics Laboratory di Palo Alto (Usa), ha sviluppato la prima simulazione completa del ciclo di vita di un brillamento solare (flare): dall'accumulo di energia...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Se immaginiamo un miniatore chino su un manoscritto antico a decorare l'iniziale di un paragrafo, pensiamo tipicamente a un uomo, un monaco dotto e di una certa età. Ma l'arte di copiare i codici classici e dipingerne i capilettera non era soltanto...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Il nome vuol dire “piccolo cervello”, e finora al cervelletto, per quanto importante, era stato riconosciuto il ruolo di protagonista solo nella funzione del controllo del movimento, in particolare della coordinazione e dell’equilibrio. Invece pare ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

I batteri che colonizzano in modo pacifico il nostro intestino hanno un ruolo importante nella digestione, nella regolazione del sistema immunitario, forse persino nella genesi di alcune malattie neurodegenerative. Ora un'analisi di questi microrganismi...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

L’asteroide dei dinosauri, quello da 14 chilometri di diametro che impattò tra il Messico e l’Oceano Atlantico circa 66 milioni di anni fa, non solo scombussolò il clima del pianeta al punto da causare o con-causare la scomparsa di ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Addio foglioline lunari: è stato bello, finché è durato. A tre giorni dalla notizia del primo seme germogliato sulla Luna, all'interno del lander cinese Chang'E-4, la pianta di cotone di cui tutti parlavano è morta... congelata. Per sopravvivere...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Siamo abituati a vederle come pacifiche divoratrici di plancton, ma un tempo i banchetti delle balene erano più variegati e cruenti: l'analisi di un fossile di Basilosaurus isis (un gigantesco cetaceo del passato) e di alcuni reperti animali...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati di Harvard e della Columbia University ha messo a punto un processo chimico per trasformare la luce infrarossa in luce visibile, una tecnica che in futuro permetterà di utilizzare innocue radiazioni luminose a scopo terapeutico...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Secondo una recente e bizzarra teoria c'è un altro Universo dove tutto è fatto principalmente di antimateria, un Universo speculare al nostro. Bizzarra o meno, con questa ipotesi un team di scienziati canadesi afferma di poter rispondere ad alcune...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Non crescono più in fretta se glielo chiedete, e non è detto che apprezzino Mozart: in ogni caso può darsi che le piante ci sentano, ma soprattutto, che sentano gli esseri viventi cui più di tutti sono interessate, gli impollinatori. Due...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Chi vive nelle grandi città si rassegni: ha più probabilità di ammalarsi perché l'influenza dura di più. Anche se, sian ben chiaro, non esistono metropoli più o meno sicure. È quanto rivela una ricerca basata su un'analisi di tipo ...

Pubblicato martedì, 15 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Fino a non molto tempo capitava di sentire parlare di Venere come del gemello sfortunato della Terra. In realtà quanto più lo si studia, tanto più ci si rende conto della profonda diversità tra i due pianeti, la cui...