XMM-Newton cattura il lamento a raggi-X di una stella smembrata da un buco nero

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Grazie al telescopio spaziale XMM-Newton, dell'Agenzia spaziale europea (Esa), un gruppo di astronomi ha seguito l'evoluzione di un buco nero mentre divorava una stella e, rilevando i segnali eccezionalmente luminosi e stabili che arrivavano da questo evento, hanno potuto determinare la velocità di rotazione del buco nero stesso (i risultati dello studio sulle osservazioni fatte a partire dal 2014, quando è stato rilevato l'evento, sono pubblicati su Science). È noto che vi sono buchi neri al centro di tutte le galassie massicce dell'Universo, strettamente correlati alle proprietà delle galassie stesse. Per questo motivo conoscere il loro comportamento permette anche di comprendere meglio le caratteristiche di galassie lontane.

 



La galassia ASASSN-14li, che ospita il buco nero studiato ai raggi-X. | Esa


La forza di gravità esercitata dai buchi neri massicci è tale che può lacerare le stelle che vi si avvicinano troppo. I detriti degli astri smembrati si muovono a spirale verso l'interno del buco nero, si riscaldano ed emettono intensi raggi-X.

 

Nonostante il gran numero di buchi neri che si ipotizza esistano nell'Universo, si suppone che molti siano in regiodi di Spazio relativamente sgombre e perciò non c'è materiale in caduta libera tale da emettere radiazioni rilevabili - per questo sono difficili da studiare. Tuttavia, statisticamente, ogni poche centinaia di migliaia di anni una stella passa abbastanza vicino a un buco nero da esserne attratta e lacerata. Questo offre una breve finestra di opportunità per studiare alcune proprietà fondamentali di questi oggetti, come la massa e la velocità di rotazione.

I 10 oggetti più strani dell'Universo conosciuto

Dheeraj Pasham, del Kavli Institute for Astrophysics and Space Research del MIT, coordinatore dello studio, afferma che «è molto difficile calcolare la velocità di rotazione di un buco nero, perché gli effetti della rotazione emergono solo molto vicino ad esso, dove la gravità è immensamente elevata, e dunque è difficile fare analisi corrette. Tuttavia i modelli mostrano che la massa di una stella smembrata dal buco nero si deposita in una sorta di disco che emette una grande quantità di raggi-X. Da tempo abbiamo capito che analizzare queste emissioni permette di studiare la rotazione di un buco nero, ma fino a oggi le osservazioni non erano abbastanza sensibili per esplorare in modo affidabile quella regione a forte gravità».

 



Il buco nero ai raggi-X, così com'è stato "visto" da XMM-Newton. | Esa


Velocità relativistiche. Grazie all'evento chiamato ASASSN-14li, scoperto dall'All-Sky Automated Survey per SuperNovae (ASASSN), si è aperto uno spiraglio per studiare un buco nero con una massa di almeno un milione di volte maggiore di quella del Sole. «Per noi, ASASSN-14li è la stele di rosetta per questo tipo di eventi», spiega Dheeraj Pasham: «tutte le proprietà del fenomeno sono state studiate con i principali telescopi a raggi-X attualmente operativi.»

 

Nel gruppo di telescopi c'è anche quello dell'Esa. I segnali a raggi-x sono stati sorprendentemente intensi e hanno oscillato con un periodo di 131 secondi per 450 giorni. Combinando questa informazione con la massa e le dimensioni del buco nero, gli astronomi hanno stimato che ruota a una velocità superiore al 50 per cento della velocità della luce.

7 misteri sullo Spazio non ancora risolti

«È un risultato eccezionale, ottenuto grazie anche a un segnale così stabile così a lungo, come non era mai stato rilevato prima», spiega Alessia Franchini (università del Nevada): «inoltre, il segnale arrivava proprio da molto vicino all'orizzonte degli eventi del buco nero, quel confine oltre il quale non è possibile osservare più nulla perché la gravità è così forte che non sfugge nulla, nemmeno la luce». Qui sotto, il video "artistico" realizzato dalla Nasa per illustrare eventi del genere studiato:

 



 

Con questa ricerca e con i risultati ottenuti si apre una nuova porta verso la complessa fisica che si osserva vicino ai buchi neri: andando alla ricerca di fenomeni simili ad ASASSN-14li si potranno ottenere informazioni che forse oggi neppure riusciamo a immaginare.

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

Nuova Via della Seta è l'espressione coniata dalla stampa italiana per raccontare la Belt and Road Initiative (BRI), un ambizioso programma del governo cinese che vuole finanziare con oltre 1.000 miliardi di...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

Un piccolo studio preliminare compiuto dai ricercatori dell'Imperial College London fornisce nuovi indizi sul perché un trattamento usato per lenire i sintomi del Parkinson su pazienti che non trovano giovamento dai farmaci sia somministrato, con buoni...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

I batteri pericolosi che popolano gli scarichi fognari e i liquami di allevamento e agricoltura possono "scroccare" un passaggio sulle innumerevoli microplastiche che ormai abitano i nostri mari, e portarsi così da un capo all'altro della...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

Il Sole ci investe con un flusso continuo di particelle, un flusso talvolta molto energetico. Tra le conseguenze più spettacolari, le aurore polari sono fenomeni innocui, che tuttavia possono "accompagnarsi" a problemi più seri quando...

Pubblicato domenica, 17 marzo 2019 ‐ Focus.it

Che cosa succede nel nostro cervello quando vediamo un'opera d'arte, o quando ci appassioniamo a un argomento? È possibile “manipolare” la nostra mente per convincerci a fare qualcosa? E come cambiano i nostri comportamenti quando ci sono di mezzo i ...

Pubblicato domenica, 17 marzo 2019 ‐ Focus.it

Da uno studio da poco pubblicato su Review of Economic Studies, che ci tocca da vicino e che ci vede tra i protagonisti, emerge che gli Stati USA che storicamente hanno accolto più migranti europei ci hanno guadagnato in innovazione,...

Pubblicato domenica, 17 marzo 2019 ‐ Focus.it

L’ultima in ordine di tempo è la scoperta, qualche giorno fa, di 1.500 tartarughe legate con lo scotch e stipate in 4 valigie: partite dall’aeroporto di Hong Kong sono arrivate fino a Manila, nelle Filippine, dove qualcuno le ha poi ...

Pubblicato domenica, 17 marzo 2019 ‐ Focus.it

Non esistono tecnologie né metodi che permettano di prevedere i terremoti: è meglio chiarirlo subito e, finché non cambierà qualcosa, tutte le volte che se ne parla. Ci sono però delle novità: l'evoluzione dei sistemi di...

Pubblicato sabato, 16 marzo 2019 ‐ Focus.it

In uno studio preliminare su un numero piuttosto ristretto di pazienti, i ricercatori dell'Imperial College London hanno analizzato gli spermatozoi di un gruppo di 50 uomini, le cui partner avevano vissuto tre o più aborti spontanei consecutivi....

Pubblicato sabato, 16 marzo 2019 ‐ Focus.it

Prima o poi sarebbe dovuto accadere. E così è stato: alcuni emoji col passare del tempo hanno assunto loro malgrado un significato equivoco. Succede con le parole e i gesti da sempre. Già Cicerone nelle sue lettere stigmatizzava la...

Pubblicato sabato, 16 marzo 2019 ‐ Focus.it

Che cosa succede quando due galassie si scontrano? La Via Lattea, la nostra galassia, e quella di Andromeda, per esempio, sono in rotta di collisione e tra 2-3 miliardi di anni si incontreranno in un abbraccio totale. Possiamo farci un'idea di quello che ...

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Focus.it

Greta Thunberg, la 16enne svedese che con i suoi sit-in davanti al Parlamento svedese ha dato vita al movimento dei #FridaysForFuture, sfociato nello sciopero mondiale per il clima di venerdì 15 marzo, è stata candidata al Nobel per la Pace. La...

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Focus.it

Ringiovanire anziché invecchiare. Riaggiustare un uovo scivolato dalle mani. Spingere indietro la lava eruttata da un vulcano. Il tornare indietro o, più in generale, i processi che permettono di tornare da un sistema caotico a uno ordinato, sono...

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Focus.it

Negli ultimi decenni abbiamo scoperto quasi 4.000 esopianeti: corpi più o meno grandi che orbitano attorno a stelle lontane. Sappiamo però che ci sono anche pianeti che vagano solitari nel cosmo, i pianeti interstellari: se ne...

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Focus.it

Nell'agosto 2018, Greta Thunberg, una ragazza svedese di 15 anni, cominciò una protesta solitaria per il clima davanti al Parlamento a Stoccolma: ogni venerdì si preparava per andare a scuola, ma poi sedeva in strada accanto a un cartello che chiedeva...