XMM-Newton cattura il lamento a raggi-X di una stella smembrata da un buco nero

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Grazie al telescopio spaziale XMM-Newton, dell'Agenzia spaziale europea (Esa), un gruppo di astronomi ha seguito l'evoluzione di un buco nero mentre divorava una stella e, rilevando i segnali eccezionalmente luminosi e stabili che arrivavano da questo evento, hanno potuto determinare la velocità di rotazione del buco nero stesso (i risultati dello studio sulle osservazioni fatte a partire dal 2014, quando è stato rilevato l'evento, sono pubblicati su Science). È noto che vi sono buchi neri al centro di tutte le galassie massicce dell'Universo, strettamente correlati alle proprietà delle galassie stesse. Per questo motivo conoscere il loro comportamento permette anche di comprendere meglio le caratteristiche di galassie lontane.

 



La galassia ASASSN-14li, che ospita il buco nero studiato ai raggi-X. | Esa


La forza di gravità esercitata dai buchi neri massicci è tale che può lacerare le stelle che vi si avvicinano troppo. I detriti degli astri smembrati si muovono a spirale verso l'interno del buco nero, si riscaldano ed emettono intensi raggi-X.

 

Nonostante il gran numero di buchi neri che si ipotizza esistano nell'Universo, si suppone che molti siano in regiodi di Spazio relativamente sgombre e perciò non c'è materiale in caduta libera tale da emettere radiazioni rilevabili - per questo sono difficili da studiare. Tuttavia, statisticamente, ogni poche centinaia di migliaia di anni una stella passa abbastanza vicino a un buco nero da esserne attratta e lacerata. Questo offre una breve finestra di opportunità per studiare alcune proprietà fondamentali di questi oggetti, come la massa e la velocità di rotazione.

I 10 oggetti più strani dell'Universo conosciuto

Dheeraj Pasham, del Kavli Institute for Astrophysics and Space Research del MIT, coordinatore dello studio, afferma che «è molto difficile calcolare la velocità di rotazione di un buco nero, perché gli effetti della rotazione emergono solo molto vicino ad esso, dove la gravità è immensamente elevata, e dunque è difficile fare analisi corrette. Tuttavia i modelli mostrano che la massa di una stella smembrata dal buco nero si deposita in una sorta di disco che emette una grande quantità di raggi-X. Da tempo abbiamo capito che analizzare queste emissioni permette di studiare la rotazione di un buco nero, ma fino a oggi le osservazioni non erano abbastanza sensibili per esplorare in modo affidabile quella regione a forte gravità».

 



Il buco nero ai raggi-X, così com'è stato "visto" da XMM-Newton. | Esa


Velocità relativistiche. Grazie all'evento chiamato ASASSN-14li, scoperto dall'All-Sky Automated Survey per SuperNovae (ASASSN), si è aperto uno spiraglio per studiare un buco nero con una massa di almeno un milione di volte maggiore di quella del Sole. «Per noi, ASASSN-14li è la stele di rosetta per questo tipo di eventi», spiega Dheeraj Pasham: «tutte le proprietà del fenomeno sono state studiate con i principali telescopi a raggi-X attualmente operativi.»

 

Nel gruppo di telescopi c'è anche quello dell'Esa. I segnali a raggi-x sono stati sorprendentemente intensi e hanno oscillato con un periodo di 131 secondi per 450 giorni. Combinando questa informazione con la massa e le dimensioni del buco nero, gli astronomi hanno stimato che ruota a una velocità superiore al 50 per cento della velocità della luce.

7 misteri sullo Spazio non ancora risolti

«È un risultato eccezionale, ottenuto grazie anche a un segnale così stabile così a lungo, come non era mai stato rilevato prima», spiega Alessia Franchini (università del Nevada): «inoltre, il segnale arrivava proprio da molto vicino all'orizzonte degli eventi del buco nero, quel confine oltre il quale non è possibile osservare più nulla perché la gravità è così forte che non sfugge nulla, nemmeno la luce». Qui sotto, il video "artistico" realizzato dalla Nasa per illustrare eventi del genere studiato:

 



 

Con questa ricerca e con i risultati ottenuti si apre una nuova porta verso la complessa fisica che si osserva vicino ai buchi neri: andando alla ricerca di fenomeni simili ad ASASSN-14li si potranno ottenere informazioni che forse oggi neppure riusciamo a immaginare.

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Focus.it

Quando si dice che una foto vale più di mille parole: Steffen Olsen, climatologo e glaciologo del Danish Meteorological Institute, ha realizzato questo scatto la scorsa settimana, durante una spedizione di recupero di equipaggiamento scientifico da una...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Focus.it

La strada tracciata dall'Amministrazione americana sembra avere buone possibilità di essere percorsa con successo e fino in fondo: nel 2024 l'uomo tornerà sulla Luna, affermano gli Usa, o anche solo molto vicino o attorno alla Luna. Procedono i piani...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Focus.it

Che le condizioni ambientali e lo stile di vita possano favorire l'insorgere di diabete di tipo 2 è noto da tempo: obesità, sedentarietà, smog e alimentazione inadeguata possono favorire fenomeni di insulino-resistenza, ossia la bassa ...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Focus.it

Prima del Gran Finale e dello schianto su Saturno il 15 settembre 2017, la sonda Cassini ha sorvolato l'alta atmosfera del pianeta con gli anelli, tracciando 22 orbite nello spazio tra la sua superficie e gli anelli. I dati raccolti durante quei...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Focus.it

Attorno al luogo di impatto di un gigantesco asteroide che piombò sulla Terra 1,2 miliardi di anni fa si è scatenata una vera "caccia al tesoro": il masso di 1-2 km di diametro impattò al largo della Scozia nord-occidentale, ma del cratere non si era...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Focus.it

Avete paura prima di una iniezione? Quando l’ago sta per entrare, fate un colpo di tosse; il segreto per sentire meno dolore dal dentista? Prima di salire sulla poltrona, ascoltate la vostra msucia preferita. Questi...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Focus.it

Perché i nostri lontanissimi progenitori hanno deciso di scendere dagli alberi e camminare in posizione eretta? Ammesso e non concesso che abbiano mai deciso di scendere da un qualche albero, secondo uno studio recente, sarebbe successo a causa ...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Focus.it

Ciascuno di noi potrebbe ingerire in media 5 grammi di frammenti di plastica ogni settimana: messi sul palmo della mano peserebbero circa quanto una carta di credito.   Lo dice l'analisi No Plastic in Nature: Assessing Plastic Ingestion from...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Focus.it

Astenersi dal mangiarle faceva parte del percorso di purificazione perseguito da Pitagora (filosofo greco vissuto alla fine del VI secolo a.C.) e dai suoi discepoli.   Simbolismi. All’origine del divieto ci potrebbero essere...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Focus.it

Due ore di immersione settimanale nella natura sono un toccasana per il benessere psicofisico e la qualità della vita, a prescindere da come si passi questo tempo. Che la vicinanza ad aree verdi o al mare sia un balsamo per la salute è un fatto noto,...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Focus.it

Dopo anni in cui sembrava essere passato di moda, il pianeta Venere sta tornando a destare l'interesse degli scienziati. La prima esplorazione in programma è quella dell'ISRO (l’Agenzia Spaziale Indiana) che, nel 2023, con una sonda dovrebbe entrare...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Focus.it

L’accusa di cannibalismo è sempre stata utilizzata per screditare gli avversari. Così, in tempi di guerra fredda si diffuse la diceria secondo cui “i comunisti mangiano i bambini”.   Nasceva probabilmente dal fatto che in Russia, nel...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Focus.it

Il Giro d'Italia, l'Ironman, gli Ultra trail... alcune competizioni spingono ai limiti della resistenza anche gli atleti più allenati. Ma esiste un tetto oltre al quale non è possibile arrivare? Esiste, e non è solo nella mente, come alcuni...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Focus.it

La radioterapia è uno strumento potente e necessario per neutralizzare le cellule tumorali, ma in alcuni casi finisce per danneggiare, insieme ai tessuti malati, anche quelli sani che li circondano. Ora un...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Focus.it

L’esame di maturità è alle porte e Studenti.it, da più di 20 anni a fianco dei ragazzi come supporto allo studio, presenta in esclusiva assoluta il nuovo brano di Lorenzo Baglioni, Maturandi.   Disponibile da oggi su tutti gli store...