Vista la nascita di un sistema binario di stelle di neutroni

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Uno sbiadito bagliore, molto breve, proveniente da una galassia lontanissima, ha permesso agli astronomi di assistere a una prima assoluta: la nascita di un sistema binario di stelle di neutroni (compact neutron star binary). Una stella di neutroni è un oggetto estremamente denso e compatto, costituito per lo più da neutroni (i costituenti dei nuclei atomici) tenuti insieme dalla gravità: queste stelle, che si formano generalmente per collasso gravitazionale, finiscono per avere una massa di poco superiore al Sole (da 1,5 a 3 masse solari) "condensata" in poche decine di chilometri di diametro.

 




In sintesi: lo studio dei dati rilevati nel 2014 da un programma automatico di monitoraggio del cielo mostra un altro evento unico (l'altro è la foto dell'orizzonte degli eventi di un buco nero), mai osservato prima: la formazione in diretta di un sistema binario stelle di neutroni, oggetti costituiti da una forma della materia non ancora del tutto compresa.


Il collasso gravitazionale, che può portare sia a un buco nero sia a una stella di neutroni, si verifica quando una stella massiccia (tra 10 e 30 masse solari) ha esaurito il combustibile per la fusione nucleare che la tiene "accesa": se in quella fase la stella ha perso la maggior parte del suo guscio di idrogeno ed elio, il risultato finale sarà una stella di neutroni. Quando la pressione verso l'esterno dovuta alle reazioni nucleari non riesce più a contrastare l'immensa gravità dell'oggetto, subentra il collasso - che comprime gli atomi fino a fondere tra loro elettroni e i protoni, trasformandoli in neutroni.

 



Illustrazione: un'ipotesi sulla morfologia di una stella di neutroni. | Nasa / Elab. Dread83, via WikiMedia


In casi rari (per quel che ne sappiamo) è possibile che due stelle di un sistema binario subiscano entrambe la stessa sorte, trasformandosi in stelle di neutroni, e perciò in un sistema binario di stelle di neutroni. Un fenomeno contemplato dalla teoria, ma mai riscontrato prima d'ora.

 

La galassia IV Zw 155, a circa 900 milioni di anni luce da noi, è nota per la sua strana forma a "spirale a braccia spalancate" dovuta, secondo gli astronomi, a un "recente" scontro con un'altra galassia. Il 14 ottobre 2014 una telecamera montata sul telescopio da 1,22 metri di diametro Samuel Oschin, dell'osservatorio di Palomar, parte del progetto di monitoraggio intermediate Palomar Transient Factory (iPTF), ha rilevato in quella galassia un punto luminoso che il giorno prima non c'era e che pochi giorni dopo era scomparso.

 

Come prima spiegazione gli astronomi ipotizzarono un evento di supernova, che coinvolge una stella di 9-10 masse solari in fase esplosiva, ma dopo una serie di osservazioni in varie lunghezza d'onda, dalla luce all'ultravioletto, dall'infrarosso ai raggi X e fino alle onde radio, giunsero alla conclusione che l'emissione di energia era anomala per una supernova: anomala per intensità, durata e tipo di emissione.

 



La galassia IV Zw 155, con la sua curiosa forma a spirale con i bracci aperti, in tre momenti in successione: nel cerchio tratteggiato, la foto in mezzo mostra il bagliore rilevato dagli strumenti del Palomar Sky Survey. | SDSS / Caltech / Keck / De et al.


 

Dopo avere valutato diverse ipotesi, il team di ricerca internazionale che ha studiato l'emissione e i dati è infine giunto alla conclusione che i nostri strumenti hanno colto la nascita di una stella di neutroni in rotazione attorno a un'altra stella simile: lo studio è disponibile in versione integrale in PDF. Che stelle di questo genere possano dare vita a un sistema binario è noto da quando si sono registrate le onde gravitazionali prodotte dalla fusione di due stelle di neutroni, in un evento che gli astrofisici chiamano kilonova: lo stesso destino che probabilmente attende la coppia di stelle nella galassia IV Zw 155.

 

I 10 oggetti più strani dell'Universo conosciuto


Vai alla gallery (10 foto)


 

12 galassie lontane lontane


Vai alla gallery (12 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Focus.it

Sui libri di scuola il mantello terrestre è quell'involucro dalle tonalità giallo-arancio che separa il nucleo e la crosta. Ma la sua raffigurazione come uno strato omogeneo e uniforme è molto lontana dalla realtà: bisogna invece...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Focus.it

Per la prima volta è stata constatata una variazione secolare del campo magnetico di un altro pianeta, Giove: «una scoperta a cui siamo arrivati solamente grazie agli strumenti della sonda Juno, attorno a Giove dal 2016, proprio per...

Pubblicato sabato, 25 maggio 2019 ‐ Focus.it

Sono giorni difficili (o così si direbbe) per i possessori di smartphone Huawei: il divorzio tra il gigante cinese della tecnologia e Google, imposto dalla Casa Bianca lo scorso 16 maggio, sta suscitando preoccupazioni in milioni di utenti ...

Pubblicato sabato, 25 maggio 2019 ‐ Focus.it

Alito cattivo? Poco importa se mangiare aglio può aiutarci a migliorare la memoria. I ricercatori dell’Università di Louisville (Usa) affermano che consumare abitualmente aglio non solo migliora la memoria, ma...

Pubblicato sabato, 25 maggio 2019 ‐ Focus.it

Più in profondità vive una creatura acquatica, più primitivo sarà il suo sistema visivo: finora questo era uno dei pochi punti fermi di chi studia i pesci abissali, che sono impossibili da prelevare dal loro habitat naturale ...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

La Foresta Rossa, una zona boschiva un tempo costituita da due chilometri di pini silvestri, comincia a soli 500 metri dall'ex complesso nucleare di Chernobyl. Dopo il disastro del 1986, fu una delle aree più colpite dalla ricaduta di...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

Il 24 maggio 1819, duecento anni fa, nacque a Londra Sua Maestà Vittoria, regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda e imperatrice d'India. Il suo lunghissimo regno - durato 63 anni, 7 mesi e due giorni, il secondo più lungo della storia del...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

Che cos'è il populismo? La risposta cambia a seconda che si rivolga la domanda a uno storico o a un politologo, mentre i politici, a seconda di quanto si sentano gratificati o insultati dall'essere chiamati "populisti",...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

Un gruppo di scienziati alimentari che stava studiando il genoma batterico di un ceppo di Salmonella ha individuato in esso un gene che promuove la resistenza alla colistina, un antibiotico di importanza mondiale, perché...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

«Certo che Paperino leggerebbe una rivista scientifica! Così potrebbe vivere avventure fantastiche e straordinarie. Anche con la partecipazione di due scienziati come Archimede e Pico De...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

Venerdì 24 maggio 2019 gli studenti di tutto il mondo scenderanno in piazza per il secondo Global Climate Strike For Future, una manifestazione mondiale per "richiamare" gli adulti, perché siano applicate le disposizioni per arginare il...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

Dopo tre rinvii, si spera che questa sia la volta buona: per le 4:30 (ora italiana) del 24 maggio è previsto il lancio del razzo Falcon 9 di Space X che depositerà su un'orbita a 440 chilometri di altezza (dunque poche decine di chilometri sopra la...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

La prima traccia di un documento che consente di circolare su strada con un autoveicolo (dunque un... antenato della patente B!) si trova in un antico regolamento della circolazione “degli automobili” (allora la parola era di genere maschile,...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

In questo periodo, astrofili di ogni parte del mondo seguono con attenzione l'evoluzione della Grande Macchia Rossa di Giove: sembra che la gigantesca tempesta, in atto da almeno 350 anni, descritta con...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

Poter bloccare immediatamente le emorragie è essenziale nella medicina di emergenza e negli interventi chirurgici. Nella maggior parte dei casi, il sanguinamento incontrollato deriva dalla rottura di un'arteria o dalla lesione di un organo...