Vista la nascita di un sistema binario di stelle di neutroni

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Uno sbiadito bagliore, molto breve, proveniente da una galassia lontanissima, ha permesso agli astronomi di assistere a una prima assoluta: la nascita di un sistema binario di stelle di neutroni (compact neutron star binary). Una stella di neutroni è un oggetto estremamente denso e compatto, costituito per lo più da neutroni (i costituenti dei nuclei atomici) tenuti insieme dalla gravità: queste stelle, che si formano generalmente per collasso gravitazionale, finiscono per avere una massa di poco superiore al Sole (da 1,5 a 3 masse solari) "condensata" in poche decine di chilometri di diametro.

 




In sintesi: lo studio dei dati rilevati nel 2014 da un programma automatico di monitoraggio del cielo mostra un altro evento unico (l'altro è la foto dell'orizzonte degli eventi di un buco nero), mai osservato prima: la formazione in diretta di un sistema binario stelle di neutroni, oggetti costituiti da una forma della materia non ancora del tutto compresa.


Il collasso gravitazionale, che può portare sia a un buco nero sia a una stella di neutroni, si verifica quando una stella massiccia (tra 10 e 30 masse solari) ha esaurito il combustibile per la fusione nucleare che la tiene "accesa": se in quella fase la stella ha perso la maggior parte del suo guscio di idrogeno ed elio, il risultato finale sarà una stella di neutroni. Quando la pressione verso l'esterno dovuta alle reazioni nucleari non riesce più a contrastare l'immensa gravità dell'oggetto, subentra il collasso - che comprime gli atomi fino a fondere tra loro elettroni e i protoni, trasformandoli in neutroni.

 



Illustrazione: un'ipotesi sulla morfologia di una stella di neutroni. | Nasa / Elab. Dread83, via WikiMedia


In casi rari (per quel che ne sappiamo) è possibile che due stelle di un sistema binario subiscano entrambe la stessa sorte, trasformandosi in stelle di neutroni, e perciò in un sistema binario di stelle di neutroni. Un fenomeno contemplato dalla teoria, ma mai riscontrato prima d'ora.

 

La galassia IV Zw 155, a circa 900 milioni di anni luce da noi, è nota per la sua strana forma a "spirale a braccia spalancate" dovuta, secondo gli astronomi, a un "recente" scontro con un'altra galassia. Il 14 ottobre 2014 una telecamera montata sul telescopio da 1,22 metri di diametro Samuel Oschin, dell'osservatorio di Palomar, parte del progetto di monitoraggio intermediate Palomar Transient Factory (iPTF), ha rilevato in quella galassia un punto luminoso che il giorno prima non c'era e che pochi giorni dopo era scomparso.

 

Come prima spiegazione gli astronomi ipotizzarono un evento di supernova, che coinvolge una stella di 9-10 masse solari in fase esplosiva, ma dopo una serie di osservazioni in varie lunghezza d'onda, dalla luce all'ultravioletto, dall'infrarosso ai raggi X e fino alle onde radio, giunsero alla conclusione che l'emissione di energia era anomala per una supernova: anomala per intensità, durata e tipo di emissione.

 



La galassia IV Zw 155, con la sua curiosa forma a spirale con i bracci aperti, in tre momenti in successione: nel cerchio tratteggiato, la foto in mezzo mostra il bagliore rilevato dagli strumenti del Palomar Sky Survey. | SDSS / Caltech / Keck / De et al.


 

Dopo avere valutato diverse ipotesi, il team di ricerca internazionale che ha studiato l'emissione e i dati è infine giunto alla conclusione che i nostri strumenti hanno colto la nascita di una stella di neutroni in rotazione attorno a un'altra stella simile: lo studio è disponibile in versione integrale in PDF. Che stelle di questo genere possano dare vita a un sistema binario è noto da quando si sono registrate le onde gravitazionali prodotte dalla fusione di due stelle di neutroni, in un evento che gli astrofisici chiamano kilonova: lo stesso destino che probabilmente attende la coppia di stelle nella galassia IV Zw 155.

 

I 10 oggetti più strani dell'Universo conosciuto


Vai alla gallery (10 foto)


 

12 galassie lontane lontane


Vai alla gallery (12 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Focus.it

Grande sorpresa per chi, il 18 agosto, si trovava sulla spiaggia Eloro-Pizzuta di Noto (Siracusa). I bagnanti hanno assistito a un fenomeno davvero inusuale, la nascita di un centinaio di tartarughe comuni (Caretta caretta): inusuale perché...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Focus.it

Lo stress è contagioso e l'osmosi emozionale (cioè la "trasmissione di emozioni") positiva, ma anche negativa, fra individui della stessa specie è dimostrata da numerose ricerche: il topolino di campagna mostra elevati livelli di stress se il suo...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Focus.it

Nell'estate del 2018, dopo un viaggio di 300 milioni di chilometri durato 1.302 giorni, la sonda Hayabusa-2 ha raggiunto l'asteroide Ryugu, un piccolo oggetto di 850 metri circa di diametro: da allora, la sonda...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Focus.it

L'Amazzonia brucia, e diversamente dagli incendi che hanno interessato diversi Paesi artici nelle ultime settimane, non si tratta di roghi spontanei. L'abbondanza di incendi che nel mese di agosto ha investito la più grande foresta...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Focus.it

Tra i resti fossili di un piccolo dinosauro con quattro ali vissuto attorno a 125 milioni di anni fa, un Microraptor zhaoianus, poco più grande di un corvo, sono stati rivenuti i resti non ancora digeriti del suo ultimo pasto, una nuova specie...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Focus.it

È opinione comune che molti asteroidi siano una miniera di metalli preziosi, utili e rari, tanto che l'estrazione spaziale potrebbe diventare in futuro un business al pari dell'odierna estrazione petrolifera. Per aprire la strada verso questa...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Focus.it

Le immagini del NASA Earth Observatory mostrano impietosamente le conseguenze più evidenti dell’aumento delle temperature nelle aree più a nord del Pianeta: l'immagine simbolo è quella della totale scomparsa di un grande ghiacciaio islandese,...

Pubblicato giovedì, 22 agosto 2019 ‐ Focus.it

A scanso di equivoci: l'immagine qui sopra non è una fotografia del pianeta LHS 3844b, ma una ricostruzione affidabile e verosimile della superficie come non era mai stato fatto, con questa precisione, per nessun pianeta extrasolare di...

Pubblicato giovedì, 22 agosto 2019 ‐ Focus.it

Gli esperti della NASA stanno offrendo consulenze gratuite alle space company, le agenzie spaziali private che stanno sviluppando le tecnologie per raggiungere e superare la Luna. Così facendo, l'agenzia americana getta benzina sul fuoco della...

Pubblicato giovedì, 22 agosto 2019 ‐ Focus.it

Se lo dice il dottore... Il presupposto della maggior parte delle persone che si rivolgono a un medico è che i consigli e i farmaci prescritti, le cure e trattamenti ricevuti siano, se non certezze granitiche, almeno il frutto della migliore...

Pubblicato giovedì, 22 agosto 2019 ‐ Focus.it

Nel 2018 il numero di persone senza cibo a sufficienza è salito a 820 milioni, pari al 10,8% della popolazione mondiale. Nel 2017, erano 811 milioni: per il terzo anno di seguito i numeri della malnutrizione risultano in crescita - una...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Piuttosto basso, sanguigno, eccelso suonatore di mandolino. Vincenzo Peruggia, ventinovenne stuccatore e decoratore originario di Dumenza, in provincia di Varese, risponde a parecchi degli stereotipi sugli immigrati.   La mattina di lunedì 21...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Il lago Roopkund è una piccola perla d'acqua incastonata tra le montagne dell’Himalaya, a 5.029 metri sul livello del mare: piccola, perché è più una pozza che un lago, con i suoi 40 metri appena di diametro. Con una brutta fama,...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Il primo viaggio di andata e ritorno a Marte vedrà impegnata anche l’Europa, impegnata a riportare a Terra campioni di suolo marziano. Sarà un passo decisivo per verificare se sul Pianeta Rosso siano mai esistite la vita o le condizioni per...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Da alcuni anni un gruppo di scienziati dell'Università di Harvard si prepara a lanciare un pallone atmosferico a 20 km dalla superficie terrestre con l'obiettivo di rilasciare aerosol riflettenti che possano rispedire al mittente parte della...