Una membrana ispirata ai polmoni per ricavare energia dall'acqua

Pubblicato martedì, 08 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Respirare è l'atto più naturale e spontaneo al mondo - lo facciamo circa ventimila volte al giorno, per un totale di 11 mila litri di gas scambiati in 24 ore - eppure è un meccanismo estremamente complesso e - per alcune categorie di scienziati - anche una fonte di ispirazione.

 

Un gruppo di ingegneri chimici della Stanford University ha guardato ai polmoni dei mammiferi per ideare un meccanismo che ricavi idrogeno dall'acqua in modo efficiente ed economico, e che potrebbe dare una decisa spinta in avanti alle tecnologie per l'energia pulita. Quello descritto in un articolo scientifico pubblicato su Joule è un elettrocatalizzatore - cioè un materiale che incrementa le reazioni chimiche a un elettrodo senza essere consumato nel processo - in grado di separare l'acqua in molecole di idrogeno e di ossigeno e di riutilizzare l'ossigeno come carburante per la catalisi stessa.

 

Obiettivo ambizioso. L'idea di ricavare dall'acqua un vettore energetico, cioè un elemento che, come l'idrogeno, veicoli l'energia da una forma ad un'altra (pur non essendo una fonte diretta di energia, disponibile in natura) circola da diversi anni, ma il problema è sempre stato la mancanza di efficienza. L'energia che occorre per separare idrogeno e ossigeno nell'acqua è maggiore della quantità di energia generata nel processo. Il nuovo metodo ispirato ai polmoni non solo li separa in uno stesso sistema, ma riutilizza l'ossigeno per alimentare il meccanismo.

 

Biomimetica. Il tentativo qui effettuato prevede di imitare il meccanismo di scambio gassoso in due direzioni che nel nostro corpo avviene all'interno degli alveoli polmonari, le minuscole sacche d'aria che costituiscono le unità di base del nostro sistema respiratorio. Gli alveoli permettono all'ossigeno che inaliamo di diffondersi attraverso di essi fino al circolo sanguigno, e fanno sì che l'anidride carbonica prodotta durante la respirazione cellulare passi attraverso di essi per poi essere espirata.

 

La speciale membrana degli alveoli, che repelle le molecole di ossigeno su di un lato (l'interno) e le attrae sull'altro (l'esterno), fa in modo che lo scambio di gas avvenga in modo efficiente e senza la formazione di pericolose "bolle", che potrebbero finire nella circolazione sanguigna.

 

I primi risultati. Gli scienziati di Stanford hanno incorporato una membrana ultrasottile in polietilene ispirata alla struttura degli alveoli polmonari nel loro sistema, e sono riusciti da un lato a estrarre idrogeno dall'acqua in modo efficiente (con un processo che mima l'espirazione), dall'altra a riutilizzare l'ossigeno ottenuto per sostenere i costi energetici della reazione (con un meccanismo che genera energia consumando ossigeno, e che imita l'inspirazione).

 

Anche se il meccanismo è ancora in fase iniziale e ben lontano dalla commercializzazione, la speranza è che possa un giorno servire ad alimentare celle a combustibile, che ottengono energia elettrica tipicamente da idrogeno e ossigeno, o le batterie metallo-aria, che producono energia a zero emissioni, attraverso l'ossidazione di un metallo con ossigeno atmosferico.

 

8 modi alternativi per produrre energia


Vai alla gallery (8 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Focus.it

Idai, il nome dato al ciclone che tra il 4 e il 16 marzo 2019 ha imperversato su alcune regioni dell'Africa australe, potrebbe aver fatto oltre mille vittime e aver lasciato dietro di sé quasi 400.000...

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Focus.it

Si parla spesso della capacità delle foreste di assorbire CO2 e della loro funzione mitigatrice sui cambiamenti climatici. Meno noto è forse il contributo che la fitta vegetazione fornisce nel regolare la temperatura locale, attraverso la...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Focus.it

Il compositore Johann Sebastian Bach nacque a Lipsia nel 1685. Il giorno segnato dai calendari tedeschi era il 21 marzo, tuttavia, nel resto del mondo, i calendari segnavano già il 31 marzo. Ecco perché molte fonti riportano la nascita ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Focus.it

Guardare una pozza d'acqua, in Africa, è come trovarsi in un bar di Milano all'ora dell'aperitivo. Prima o poi, tutti passano a bersi qualcosa. Basta un po' di pazienza, e attraverso questa webcam si vedono così arrivare animali piccoli e grandi ad...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Focus.it

L'esito di una decisione è in un certo senso prevedibile diversi secondi prima che realizziamo di aver deciso: per lo meno funziona così se la scelta viene presa all'interno di una risonanza magnetica funzionale (fMRI), una macchina che può monitorare ...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Focus.it

Ormai lo sappiamo: astronomi e meteorologi hanno date diverse per l'inizio delle stagioni. I primi guardano alla posizione della Terra nella sua orbita attorno al Sole, con punti di riferimento come l'afelio (quando siamo alla massima...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Focus.it

Dall'antichità ai Gilet gialli, di "no" è piena la Storia. Anita Rubini, giornalista di Focus Storia, racconta il nuovo numero della rivista, che propone anche un lungo dossier sulle ribellioni del passato.   Per che cosa hanno protestato gli...

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Focus.it

Come dovremmo agire, se un asteroide minacciasse la Terra? Meglio deviarlo, o provare a distruggerlo? Dimenticate per un momento la classica scena da film di fantascienza, in cui un gruppo scelto di eroi si sacrifica per disintegrare un pericoloso masso...

Pubblicato martedì, 19 marzo 2019 ‐ Focus.it

Un team di ricercatori della Washington University ha messo a punto un braccio robot per aiutare disabili e invalidi a mangiare in autonomia: si chiama ADA, acronimo di Assistive Dexterous Arm, e si può utilizzare collegato direttamente al letto o alla...

Pubblicato martedì, 19 marzo 2019 ‐ Focus.it

Si sente spesso parlare di resistenza agli antibiotici, ma dove sono distribuiti, soprattutto, i superbatteri indifferenti ai nostri sforzi per debellarli? Qual è la geografia del fenomeno, tra le principali minacce alla salute...

Pubblicato martedì, 19 marzo 2019 ‐ Focus.it

Due scoperte degli ultimi mesi sono importanti, per i planetologi, per cercare di comprendere meglio le caratteristiche della regione del Sistema Solare più vicina al Sole. Si è scoperto che Mercurio condivide la sua orbita con un...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

Nuova Via della Seta è l'espressione coniata dalla stampa italiana per raccontare la Belt and Road Initiative (BRI), un ambizioso programma del governo cinese che vuole finanziare con oltre 1.000 miliardi di...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

Un piccolo studio preliminare compiuto dai ricercatori dell'Imperial College London fornisce nuovi indizi sul perché un trattamento usato per lenire i sintomi del Parkinson su pazienti che non trovano giovamento dai farmaci sia somministrato, con buoni...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

I batteri pericolosi che popolano gli scarichi fognari e i liquami di allevamento e agricoltura possono "scroccare" un passaggio sulle innumerevoli microplastiche che ormai abitano i nostri mari, e portarsi così da un capo all'altro della...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

Il Sole ci investe con un flusso continuo di particelle, un flusso talvolta molto energetico. Tra le conseguenze più spettacolari, le aurore polari sono fenomeni innocui, che tuttavia possono "accompagnarsi" a problemi più seri quando...