Un sistema di AI traduce i pensieri direttamente in discorso parlato

Pubblicato lunedì, 11 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Un gruppo di neuroscienziati della Columbia University ha creato un'interfaccia capace di tradurre quanto udito da un paziente in un discorso scandito da un sintetizzatore vocale, ben comprensibile a un ascoltatore esterno. Si tratta di un passo importante che potrebbe aprire la strada a nuove forme di comunicazione mediate da computer per le persone impossibilitate a parlare, perché affette da malattie neurodegenerative o reduci da lesioni cerebrali.

 

La svolta dell'AI. Lo studio, descritto su Scientific Reports, è stato possibile grazie a un sistema di intelligenza artificiale che ha imparato a riconoscere i tratti ricorrenti delle onde cerebrali e a tradurle in parola. Ogni volta che parliamo o immaginiamo di parlare, infatti, il cervello produce schemi caratteristici di onde cerebrali, e lo stesso succede quando ascoltiamo qualcuno che parla, o immaginiamo di ascoltare.

 

Finora i tentativi di decodificare le onde cerebrali si basavano sull'analisi computerizzata di spettrogrammi - le rappresentazioni grafiche delle frequenze sonore - ma i risultati lasciavano a desiderare. Nima Mesgarani, primo autore dello studio, ha pensato invece di utilizzare un vocoder, un sistema che produce linguaggio parlato dopo essersi "istruito" su registrazioni di persone che parlano. «È la stessa tecnologia utilizzata da Amazon Echo e da Siri per fornire risposte verbali alle nostre domande», spiega.

 

Dall'ascolto alla parola. Per addestrare il vocoder, Mesgarani ha collaborato con un neurochirurgo che trattava pazienti epilettici, coinvolti in interventi di routine. Gli elettrodi impiantati nel cervello di questi pazienti a scopo terapeutico hanno anche permesso di registrare la loro attività cerebrale mentre ascoltavano brevi storie narrate da quattro diversi lettori.

 

A questo punto, quando l'algoritmo del vocoder era ormai sufficientemente "allenato", gli stessi pazienti hanno ascoltato uno speaker che pronunciava i numeri da 0 a 9. Il vocoder ha analizzato le onde cerebrali prodotte nella loro corteccia uditiva, e le ha usate per tradurre in parola quei pensieri che aveva "ascoltato" . Il suono prodotto è stato analizzato e ripulito da un sistema di reti neurali, un tipo di AI che imita struttura e funzionalità dei neuroni nel cervello umano. Ascoltatori esterni hanno riconosciuto i numeri elencati dalla voce robotica nel 75% dei casi, la prova che il segnale era ben riconoscibile. 

 

Un ponte per comunicare. I prossimi passi saranno testare il sistema con frasi più articolate, ma soprattutto provarlo con i segnali cerebrali emessi quando una persona parla, prova a parlare o immagina di parlare. Se funzionasse, si potrebbe immaginare che in futuro - si parla di un decennio almeno -, un impianto (invasivo) a base di elettrodi cerebrali simile a quello di alcuni pazienti epilettici permetterà di tradurre i pensieri del paziente direttamente in parole.

 

10 applicazioni di intelligenza artificiale che già utilizzi (e forse non lo sai)


Vai alla gallery (10 foto)

Tag: #Comportamento

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Negli ambienti bui e isolati delle caverne si incontrano le più curiose e tenaci forme di vita, ma quella di recente scoperta in un paio di grotte carsiche canadesi sembra batterle tutte, quanto a resilienza. L'animale, un piccolo artropode del tutto...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Ammettiamolo: se c’è una cosa a cui proprio non diamo valore sono... le feci. E non a caso nel linguaggio parlato diventano spesso metafora di cose o persone di nessun valore. Siccome anche le feci non sfuggono al postulato di...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Negli anni della Guerra Fredda l'arcipelago russo di Novaya Zemlya, nel Mare Glaciale Artico oltre il Circolo polare, fu usato per compiere numerosi esperimenti atomici (inclusa l'esplosione, nel 1961, della Bomba Zar, il più potente ordigno atomico mai ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Sono stati pubblicati i risultati preliminari di un esperimento sociale durato due anni, condotto in Finlandia, con l'obiettivo di valutare nuove forme di contrasto alla disoccupazione. La Social Insurance Institution (FSII) del Paese ha reso noti gli...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Anzianotti e conservatori: è questo, in estrema sintesi, il profilo tipico del pubblicatore seriale di fake news che ha seminato zizzania sui social durante la campagna elettorale per le elezioni presidenziali americane del 2016. È quanto emerge da uno ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Focus.it

È stato un saluto commovente, anche se atteso, quello dedicato dai ricercatori della NASA al rover Opportunity, prima investito e poi messo fuori uso dalla più violenta tempesta di sabbia mai documentata sul Pianeta Rosso. L'amarezza...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Nato a Pisa il 15 febbraio 1564 da famiglia di antiche origini ma mezzi modesti, Galileo Galilei era il maggiore dei sette figli di Vincenzo Galilei e Giulia Ammannati, il padre fiorentino della borghesia decaduta, la madre con due porpore cardinalizie...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Immigrazione, Europa, terrorismo e populismo. Sono quattro questioni spinose che stanno caratterizzando questo inizio del 2019. Focus Storia ne ha parlato con Stefano Polli, vicedirettore dell’Ansa. A partire dalla sfida epocale che riguarda i...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Difficile che in ambito scientifico si parli di amore senza citare a stretto giro l'ormone che sembra regolare ogni tipo di relazione affettiva: sull'ossitocina, negli ultimi 10-15 anni, si è scritto molto (spesso con enfasi...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Focus.it

La tradizione di San Valentino quale protettore degli innamorati risale  all'epoca romana,  nel 496 d. C., quando l’allora papa Gelasio I volle porre fine ai lupercalia, gli antichi riti pagani dedicati al dio della fertilità...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Come molte loro simili, le api del Capo (Apis mellifera capensis), una sottospecie di ape mellifera sudafricana, vivono in colonie in cui l'unico individuo fertile è la regina, che ritorna dai suoi voli d'amore per deporre le uova da cui...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Il Sistema Solare è soltanto un piccolo mucchio di polvere rapportato all'intero Universo, ma incredibilmente vasto rapportato a noi o anche all'intero pianeta Terra. Con il glossario degli oggetti del Sistema Solare abbiamo raccontato di meteore,...

Pubblicato mercoledì, 13 febbraio 2019 ‐ Focus.it

La ricerca farmacologica è divisa tra le due opposte esigenze di trovare nuovi composti per la cura di nuove e vecchie malattie, e investire in prodotti che garantiscano ricavi più o meno sicuri: capita spesso, quindi, che i farmaci appena approdati...

Pubblicato mercoledì, 13 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Al primo posto le Filippine, al secondo il Brasile e terza la Thailandia. Solo 22° posto per l’Italia che si piazza tra Hong Kong e la Polonia. È la sintesi del Global Digital Report 2019, il...

Pubblicato mercoledì, 13 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Il sito neolitico di Stonehenge è l'esempio più famoso di uno stile architettonico - la disposizione più o meno ragionata di grosse pietre erette, i megaliti - che si ritrova in altre 35 mila località d'Europa, dalla Sardegna alla...