Un miliardario alla conquista dei luoghi più profondi del pianeta

Pubblicato martedì, 08 gennaio 2019 ‐ Focus.it

C'è un piccolo gruppo di persone - circa una settantina - che ha completato il grande slam delle grandi avventure possibili sulla Terra, i nove obiettivi di esplorazione più ambiziosi: il Polo Nord e il Polo Sud a piedi, e le sette vette più alte del mondo. Cos'altro resta da fare, sul pianeta, a un'anima inquieta?

 

Scendere nelle più profonde profondità degli oceani, ha pensato Victor Vescovo, 53 anni, multimiliardario, che dopo avere collezionato tutte le mete dell'Explorers Grand Slam si è fatto costruire un sommergibile biposto Triton da 12 tonnellate, battezzato Limiting Factor, "certificato" fino a 11.000 metri di profondità - qualcosa come 1.100 atmosfere di pressione.

 



Il sommergibile è stato sperimentato in un ambiente dove sono state simulate condizioni di pressione superiori a quella della Fossa delle Marianne, il punto più profondo di tutti gli oceani. Nella foto: Victor Vescovo nel suo Limiting Factor. | Triton Submarines


Il primo obiettivo è in realtà già stato centrato pochi giorni prima di Natale: il punto più profondo dell'Oceano Atlantico, la fossa di Porto Rico, a 8.376 metri di profondità dalla superficie del mare. «È la prima volta nella storia che una "navicella" con equipaggio raggiunge il vero fondale dell'Atlantico: conto di essere il primo a collezionare tutte le fosse oceaniche e contribuire così alla conoscenza di questa parte di mondo ancora ignota e misteriosa», afferma Vescovo.

 

Il programma. Il prossimo obiettivo è la fossa delle South Sandwich, nell'Atlantico meridionale, tra il Sud America e l'Antartide: in quell'area lo attende una gola profonda 8.428 metri che al momento è senza nome e che Vescovo spera di poter battezzare (col suo nome, se l'impresa avrà successo).

La vita pulsante nella Fossa delle Marianne



Il sommergibile ha tre oblò: può resistere a pressioni di oltre mille volte quella atmosferica a livello del mare. | Triton Submarines


Quindi sarà la volta dell'Oceano Australe, dove l'esploratore si inabisserà nella fossa di Giava (7.725 metri), poi toccherà alla fossa delle Marianne (10.925 metri! Quasi al limite della "certificazione di profondità", che evidentemente ha un buon margine di sicurezza): è il punto più profondo del mondo, finora raggiunto solo dagli esploratori e oceanografi Don Walsh e Jacques Piccard e dall'esploratore e produttore cinematografico James Cameron. L'ultima tappa del percorso tra gli abissi di Vescovo sarà una tranquilla immersione ad "appena" 5.669 metri di profondità nelle fredde acque della Molloy Deep, nell'Oceano Artico.

 

Le imprese di Vescovo non saranno solamente "avventura": insieme a lui nel Limiting Factor c'è anche Alan Jamieson, biologo (università di Newcastle, UK), che all'attivo ha oltre 50 missioni di esplorazione in acque profonde e che in questo lungo percorso avrà modo di raccogliere dati e studiare ambienti mai esplorati prima.

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Provate a immaginare: un parassita trova la via per entrare nel vostro corpo e, in men che non si dica, prende possesso della vostra mente. Vi sembra un'ipotesi suggestiva, ma poco realistica, che potrebbe al massimo ispirare romanzi e film horror? Vi...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati coordinati da Mark Cheung, del Lockheed Martin Solar and Astrophysics Laboratory di Palo Alto (Usa), ha sviluppato la prima simulazione completa del ciclo di vita di un brillamento solare (flare): dall'accumulo di energia...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Se immaginiamo un miniatore chino su un manoscritto antico a decorare l'iniziale di un paragrafo, pensiamo tipicamente a un uomo, un monaco dotto e di una certa età. Ma l'arte di copiare i codici classici e dipingerne i capilettera non era soltanto...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Il nome vuol dire “piccolo cervello”, e finora al cervelletto, per quanto importante, era stato riconosciuto il ruolo di protagonista solo nella funzione del controllo del movimento, in particolare della coordinazione e dell’equilibrio. Invece pare ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

I batteri che colonizzano in modo pacifico il nostro intestino hanno un ruolo importante nella digestione, nella regolazione del sistema immunitario, forse persino nella genesi di alcune malattie neurodegenerative. Ora un'analisi di questi microrganismi...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

L’asteroide dei dinosauri, quello da 14 chilometri di diametro che impattò tra il Messico e l’Oceano Atlantico circa 66 milioni di anni fa, non solo scombussolò il clima del pianeta al punto da causare o con-causare la scomparsa di ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Addio foglioline lunari: è stato bello, finché è durato. A tre giorni dalla notizia del primo seme germogliato sulla Luna, all'interno del lander cinese Chang'E-4, la pianta di cotone di cui tutti parlavano è morta... congelata. Per sopravvivere...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Siamo abituati a vederle come pacifiche divoratrici di plancton, ma un tempo i banchetti delle balene erano più variegati e cruenti: l'analisi di un fossile di Basilosaurus isis (un gigantesco cetaceo del passato) e di alcuni reperti animali...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati di Harvard e della Columbia University ha messo a punto un processo chimico per trasformare la luce infrarossa in luce visibile, una tecnica che in futuro permetterà di utilizzare innocue radiazioni luminose a scopo terapeutico...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Secondo una recente e bizzarra teoria c'è un altro Universo dove tutto è fatto principalmente di antimateria, un Universo speculare al nostro. Bizzarra o meno, con questa ipotesi un team di scienziati canadesi afferma di poter rispondere ad alcune...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Non crescono più in fretta se glielo chiedete, e non è detto che apprezzino Mozart: in ogni caso può darsi che le piante ci sentano, ma soprattutto, che sentano gli esseri viventi cui più di tutti sono interessate, gli impollinatori. Due...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Chi vive nelle grandi città si rassegni: ha più probabilità di ammalarsi perché l'influenza dura di più. Anche se, sian ben chiaro, non esistono metropoli più o meno sicure. È quanto rivela una ricerca basata su un'analisi di tipo ...

Pubblicato martedì, 15 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Fino a non molto tempo capitava di sentire parlare di Venere come del gemello sfortunato della Terra. In realtà quanto più lo si studia, tanto più ci si rende conto della profonda diversità tra i due pianeti, la cui...