Troppo tempo davanti allo schermo rallenta lo sviluppo dei bambini?

Pubblicato mercoledì, 06 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Lasciare che un bambino di due o tre anni di età trascorra molte ore davanti allo schermo di tablet, smartphone o tv potrebbe ritardare lo sviluppo di abilità cognitive fondamentali per il linguaggio, il problem solving, le relazioni interpersonali e la coordinazione motoria. Uno studio canadese effettuato su circa 2.400 bambini e pubblicato su JAMA Pediatrics riapre il dibattito su quali siano il numero limite di ore e l'età minima di esposizione dei piccoli allo schermo, e sugli effetti di quei passatempi sulla loro crescita.

 

La ricerca rileva che la quantità di tempo passata davanti allo schermo a due e tre anni di età ha avuto ripercussioni negative sulle performance cognitive espresse rispettivamente a tre e a cinque anni. Non sono invece emerse prove del fatto che i bambini con problemi nello sviluppo venissero lasciati più a lungo davanti allo schermo per contenere comportamenti difficili (un meccanismo che avrebbe potuto influire sui risultati).


Sei cose da sapere e da discutere sulla dipendenza dalla tecnologia



Autovalutazione. I ricercatori delle Università di Waterloo, Calgary e dell'Alberta Children's Hospital Research Institute hanno chiesto alle madri dei bambini di tener conto delle ore passate davanti allo schermo (TV, computer o altri device) dai loro bambini a due, tre e cinque anni di età, una finestra di tempo critica per il neurosviluppo.

 

Le madri hanno anche dovuto compilare questionari standard per valutare la crescita cognitiva dei bambini: si chiedeva, per esempio, se i figli sapessero completare alcuni compiti come disegnare particolari forme, imitare certi comportamenti o formulare determinate frasi - mansioni che spaziavano dal controllo motorio a quello della capacità di comunicazione.

 




Giusto per saperlo: dieci modi in cui il tuo smartphone ti sta cambiando. | Shutterstock


Un effetto prolungato. In media, i piccoli trascorrevano 17 ore alla settimana davanti allo schermo all'età di due anni, 25 ore a tre anni e 11 all'età di cinque anni, dopo l'inizio dell'impegno scolastico. Ma la tendenza rilevata dagli scienziati, è stata che all'aumentare delle ore passate davanti a un device corrispondeva un abbassamento dei punteggi cognitivi nell'anno, o nei due, successivi. I bambini che sono rimasti più a lungo davanti a uno schermo all'età di 24 mesi hanno ottenuto punteggi peggiori nei test cognitivi all'età di 36 mesi, e un simile effetto si è osservato tra i 36 mesi e i 5 anni.

 

Quanto conta? Questa relazione è comunque di entità contenuta: sarebbe riconducibile allo schermo meno dell'1% della variabilità nei punteggi dei test sul neurosviluppo. In pratica, altri fattori come una buona qualità del sonno o il fatto che si legga spesso al bambino, o ancora che la madre abbia un'indole positiva avrebbero un impatto molto più significativo, sulla crescita dei bambini.


Possibili spiegazioni. Quando un bambino è "parcheggiato" davanti a uno schermo (specialmente con contenuti di bassa qualità), perde l'opportunità di esercitare la propria intelligenza in compiti più utili per la crescita: non corre, non gioca, non ha interazioni dirette con la famiglia o con gli amici. Non è chiaro quindi se sia lo schermo il diretto "colpevole" o se piuttosto pesino altri fattori, come il modo in cui si organizza il tempo del piccolo o lo si educa.

 

Un rapido test. Inoltre, lo studio non specifica nulla sul tipo di programma guardato, né su quale sia il numero limite di ore da considerarsi "sicuro". Come ricordato su BBC, più che concentrarsi su un'unità di tempo, sarebbe opportuno domandarsi se, in famiglia: si abbia il controllo del tempo trascorso davanti a uno schermo; le attività davanti allo schermo interferiscano con i piani quotidiani, o con il sonno; se vi siano ambienti (come la camera da letto) o momenti della giornata (come la cena) in cui l'uso di cellulari e tablet è "vietato". Se le risposte sono positive, probabilmente non c'è motivo di preoccuparsi.

 

Il genere umano secondo Pawel Kuczynski


Vai alla gallery (39 foto)

Tag: #Comportamento

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Negli ambienti bui e isolati delle caverne si incontrano le più curiose e tenaci forme di vita, ma quella di recente scoperta in un paio di grotte carsiche canadesi sembra batterle tutte, quanto a resilienza. L'animale, un piccolo artropode del tutto...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Ammettiamolo: se c’è una cosa a cui proprio non diamo valore sono... le feci. E non a caso nel linguaggio parlato diventano spesso metafora di cose o persone di nessun valore. Siccome anche le feci non sfuggono al postulato di...

Pubblicato sabato, 16 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Negli anni della Guerra Fredda l'arcipelago russo di Novaya Zemlya, nel Mare Glaciale Artico oltre il Circolo polare, fu usato per compiere numerosi esperimenti atomici (inclusa l'esplosione, nel 1961, della Bomba Zar, il più potente ordigno atomico mai ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Sono stati pubblicati i risultati preliminari di un esperimento sociale durato due anni, condotto in Finlandia, con l'obiettivo di valutare nuove forme di contrasto alla disoccupazione. La Social Insurance Institution (FSII) del Paese ha reso noti gli...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Anzianotti e conservatori: è questo, in estrema sintesi, il profilo tipico del pubblicatore seriale di fake news che ha seminato zizzania sui social durante la campagna elettorale per le elezioni presidenziali americane del 2016. È quanto emerge da uno ...

Pubblicato venerdì, 15 febbraio 2019 ‐ Focus.it

È stato un saluto commovente, anche se atteso, quello dedicato dai ricercatori della NASA al rover Opportunity, prima investito e poi messo fuori uso dalla più violenta tempesta di sabbia mai documentata sul Pianeta Rosso. L'amarezza...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Nato a Pisa il 15 febbraio 1564 da famiglia di antiche origini ma mezzi modesti, Galileo Galilei era il maggiore dei sette figli di Vincenzo Galilei e Giulia Ammannati, il padre fiorentino della borghesia decaduta, la madre con due porpore cardinalizie...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Immigrazione, Europa, terrorismo e populismo. Sono quattro questioni spinose che stanno caratterizzando questo inizio del 2019. Focus Storia ne ha parlato con Stefano Polli, vicedirettore dell’Ansa. A partire dalla sfida epocale che riguarda i...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Difficile che in ambito scientifico si parli di amore senza citare a stretto giro l'ormone che sembra regolare ogni tipo di relazione affettiva: sull'ossitocina, negli ultimi 10-15 anni, si è scritto molto (spesso con enfasi...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Focus.it

La tradizione di San Valentino quale protettore degli innamorati risale  all'epoca romana,  nel 496 d. C., quando l’allora papa Gelasio I volle porre fine ai lupercalia, gli antichi riti pagani dedicati al dio della fertilità...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Come molte loro simili, le api del Capo (Apis mellifera capensis), una sottospecie di ape mellifera sudafricana, vivono in colonie in cui l'unico individuo fertile è la regina, che ritorna dai suoi voli d'amore per deporre le uova da cui...

Pubblicato giovedì, 14 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Il Sistema Solare è soltanto un piccolo mucchio di polvere rapportato all'intero Universo, ma incredibilmente vasto rapportato a noi o anche all'intero pianeta Terra. Con il glossario degli oggetti del Sistema Solare abbiamo raccontato di meteore,...

Pubblicato mercoledì, 13 febbraio 2019 ‐ Focus.it

La ricerca farmacologica è divisa tra le due opposte esigenze di trovare nuovi composti per la cura di nuove e vecchie malattie, e investire in prodotti che garantiscano ricavi più o meno sicuri: capita spesso, quindi, che i farmaci appena approdati...

Pubblicato mercoledì, 13 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Al primo posto le Filippine, al secondo il Brasile e terza la Thailandia. Solo 22° posto per l’Italia che si piazza tra Hong Kong e la Polonia. È la sintesi del Global Digital Report 2019, il...

Pubblicato mercoledì, 13 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Il sito neolitico di Stonehenge è l'esempio più famoso di uno stile architettonico - la disposizione più o meno ragionata di grosse pietre erette, i megaliti - che si ritrova in altre 35 mila località d'Europa, dalla Sardegna alla...