Troppo tempo davanti allo schermo rallenta lo sviluppo dei bambini?

Pubblicato mercoledì, 06 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Lasciare che un bambino di due o tre anni di età trascorra molte ore davanti allo schermo di tablet, smartphone o tv potrebbe ritardare lo sviluppo di abilità cognitive fondamentali per il linguaggio, il problem solving, le relazioni interpersonali e la coordinazione motoria. Uno studio canadese effettuato su circa 2.400 bambini e pubblicato su JAMA Pediatrics riapre il dibattito su quali siano il numero limite di ore e l'età minima di esposizione dei piccoli allo schermo, e sugli effetti di quei passatempi sulla loro crescita.

 

La ricerca rileva che la quantità di tempo passata davanti allo schermo a due e tre anni di età ha avuto ripercussioni negative sulle performance cognitive espresse rispettivamente a tre e a cinque anni. Non sono invece emerse prove del fatto che i bambini con problemi nello sviluppo venissero lasciati più a lungo davanti allo schermo per contenere comportamenti difficili (un meccanismo che avrebbe potuto influire sui risultati).


Sei cose da sapere e da discutere sulla dipendenza dalla tecnologia



Autovalutazione. I ricercatori delle Università di Waterloo, Calgary e dell'Alberta Children's Hospital Research Institute hanno chiesto alle madri dei bambini di tener conto delle ore passate davanti allo schermo (TV, computer o altri device) dai loro bambini a due, tre e cinque anni di età, una finestra di tempo critica per il neurosviluppo.

 

Le madri hanno anche dovuto compilare questionari standard per valutare la crescita cognitiva dei bambini: si chiedeva, per esempio, se i figli sapessero completare alcuni compiti come disegnare particolari forme, imitare certi comportamenti o formulare determinate frasi - mansioni che spaziavano dal controllo motorio a quello della capacità di comunicazione.

 




Giusto per saperlo: dieci modi in cui il tuo smartphone ti sta cambiando. | Shutterstock


Un effetto prolungato. In media, i piccoli trascorrevano 17 ore alla settimana davanti allo schermo all'età di due anni, 25 ore a tre anni e 11 all'età di cinque anni, dopo l'inizio dell'impegno scolastico. Ma la tendenza rilevata dagli scienziati, è stata che all'aumentare delle ore passate davanti a un device corrispondeva un abbassamento dei punteggi cognitivi nell'anno, o nei due, successivi. I bambini che sono rimasti più a lungo davanti a uno schermo all'età di 24 mesi hanno ottenuto punteggi peggiori nei test cognitivi all'età di 36 mesi, e un simile effetto si è osservato tra i 36 mesi e i 5 anni.

 

Quanto conta? Questa relazione è comunque di entità contenuta: sarebbe riconducibile allo schermo meno dell'1% della variabilità nei punteggi dei test sul neurosviluppo. In pratica, altri fattori come una buona qualità del sonno o il fatto che si legga spesso al bambino, o ancora che la madre abbia un'indole positiva avrebbero un impatto molto più significativo, sulla crescita dei bambini.


Possibili spiegazioni. Quando un bambino è "parcheggiato" davanti a uno schermo (specialmente con contenuti di bassa qualità), perde l'opportunità di esercitare la propria intelligenza in compiti più utili per la crescita: non corre, non gioca, non ha interazioni dirette con la famiglia o con gli amici. Non è chiaro quindi se sia lo schermo il diretto "colpevole" o se piuttosto pesino altri fattori, come il modo in cui si organizza il tempo del piccolo o lo si educa.

 

Un rapido test. Inoltre, lo studio non specifica nulla sul tipo di programma guardato, né su quale sia il numero limite di ore da considerarsi "sicuro". Come ricordato su BBC, più che concentrarsi su un'unità di tempo, sarebbe opportuno domandarsi se, in famiglia: si abbia il controllo del tempo trascorso davanti a uno schermo; le attività davanti allo schermo interferiscano con i piani quotidiani, o con il sonno; se vi siano ambienti (come la camera da letto) o momenti della giornata (come la cena) in cui l'uso di cellulari e tablet è "vietato". Se le risposte sono positive, probabilmente non c'è motivo di preoccuparsi.

 

Il genere umano secondo Pawel Kuczynski


Vai alla gallery (39 foto)

Tag: #Comportamento

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Focus.it

I cambiamenti climatici influenzano i tempi di fioritura delle piante e i loro habitat di diffusione, e hanno effetto su ibernazione e migrazioni delle specie animali. Che il global warming potesse disturbare i processi di impollinazione era un fatto...

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Focus.it

Nel mondo animale competere per una risorsa è normale, ma non sempre la lotta è una strategia vincente. Meglio mostrarsi aggressivi o risolvere pacificamente il conflitto? È il dilemma che affrontano le vespe parassite della specie Eupelmus...

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Focus.it

Uno dei primi esperimenti scientifici depositati sul suolo lunare potrebbe vivere una seconda giovinezza nei futuri programmi della NASA: Doug Currie (Dip. di Fisica dell'Università del Maryland), che nel 1969 aiutò a progettare l'esperimento di...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Focus.it

LightSail 2, la vela solare di Planetary Society che potrebbe rivoluzionare il sistema di propulsione delle sonde spaziali, ci ha regalato nei giorni scorsi alcune magnifiche foto della Terra dalla sua orbita, a 720 km di quota, dove sta affrontando gli...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Focus.it

L'epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo è ora un'emergenza per la salute pubblica di interesse internazionale: lo ha dichiarato mercoledì 17 luglio un portavoce dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, auspicando che si...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Focus.it

Aggiornamento del 22 luglio - Alle 11:13 ora italiana il razzo indiano GSLV Mk.3 è partito dalla rampa di lancio di Sriharikota. A bordo: la sonda Chandrayan-2, diretta alla Luna con otto strumenti scientifici, un lander (Vikram) -...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Focus.it

La comparsa dei sapiens in Europa sarebbe avvenuta 210.000 anni fa, ossia più o meno 160.000 anni prima di quanto si pensava: una differenza non da poco, se venissero confermati i risultati dello studio (pubblicato su Nature) effettuato su...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Focus.it

Nella vita l'importante è essere convinti e gli americani lo sono sempre stati. Convinti, come disse circa un secolo fa il presidente Woodrow Wilson, di essere "la nazione più giusta, più progressista, più...

Pubblicato domenica, 21 luglio 2019 ‐ Focus.it

Ha fatto discutere la foto scattata da Karen Mason, fotografa naturalista: protagonisti dello scatto postato sul profilo Instagram della Audubon Florida (associazione attiva su tematiche ambientali), catturato sulla spiaggia di Saint Petersburg, in...

Pubblicato domenica, 21 luglio 2019 ‐ Focus.it

21 luglio 1969, ore 2:56 del meridiano di Greenwich. L'astronauta americano Neil Armstrong è il primo essere umano a calpestare il suolo della Luna. Scendendo dalla scaletta del modulo d'atterraggio Lem, allunato 6 ore prima, pronuncia la storica frase: ...

Pubblicato domenica, 21 luglio 2019 ‐ Focus.it

Poco più di due milioni di anni fa compare sulla scena del mondo il genere umano, con l'Homo abilis, e dovranno passare altri 1,8 milioni di anni prima di arrivare ai primi Sapiens. Ma ancora prima, quasi tre milioni di anni fa, altri...

Pubblicato domenica, 21 luglio 2019 ‐ Focus.it

Uno dei pochi americani a non seguire la diretta dell'allunaggio era un assente più che mai giustificato: in quel momento si trovava nel Columbia, sopra al lato nascosto della Luna, tagliato fuori dalle comunicazioni radio con la Terra, l'Eagle e i suoi ...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Focus.it

I sentimenti sono più forti della memoria? Forse è proprio così. Lo vediamo quando un malato di Alzheimer non riconosce più un familiare (un figlio, il compagno di una vita, un fratello...), perché la memoria se n’è andata da tempo, ma il...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Focus.it

Sabato 20 luglio alle 18:28 ora italiana la Soyuz MS-13 porterà Luca Parmitano e i colleghi Andrew Morgan (NASA) e Alexandr Skvortsov (Roscosmos) sulla Stazione spaziale internazionale: per l'astronauta dell'ESA avrà inizio Beyond, la seconda missione...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Focus.it

Le Voyage dans la Lune, di Georges Méliès, è un film del 1902: una decina di minuti, è da molti considerato il primo, vero film della storia del cinema perché racconta una storia, anziché proporre allo spettatore riprese...