Troppo tempo davanti allo schermo rallenta lo sviluppo dei bambini?

Pubblicato mercoledì, 06 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Lasciare che un bambino di due o tre anni di età trascorra molte ore davanti allo schermo di tablet, smartphone o tv potrebbe ritardare lo sviluppo di abilità cognitive fondamentali per il linguaggio, il problem solving, le relazioni interpersonali e la coordinazione motoria. Uno studio canadese effettuato su circa 2.400 bambini e pubblicato su JAMA Pediatrics riapre il dibattito su quali siano il numero limite di ore e l'età minima di esposizione dei piccoli allo schermo, e sugli effetti di quei passatempi sulla loro crescita.

 

La ricerca rileva che la quantità di tempo passata davanti allo schermo a due e tre anni di età ha avuto ripercussioni negative sulle performance cognitive espresse rispettivamente a tre e a cinque anni. Non sono invece emerse prove del fatto che i bambini con problemi nello sviluppo venissero lasciati più a lungo davanti allo schermo per contenere comportamenti difficili (un meccanismo che avrebbe potuto influire sui risultati).


Sei cose da sapere e da discutere sulla dipendenza dalla tecnologia



Autovalutazione. I ricercatori delle Università di Waterloo, Calgary e dell'Alberta Children's Hospital Research Institute hanno chiesto alle madri dei bambini di tener conto delle ore passate davanti allo schermo (TV, computer o altri device) dai loro bambini a due, tre e cinque anni di età, una finestra di tempo critica per il neurosviluppo.

 

Le madri hanno anche dovuto compilare questionari standard per valutare la crescita cognitiva dei bambini: si chiedeva, per esempio, se i figli sapessero completare alcuni compiti come disegnare particolari forme, imitare certi comportamenti o formulare determinate frasi - mansioni che spaziavano dal controllo motorio a quello della capacità di comunicazione.

 




Giusto per saperlo: dieci modi in cui il tuo smartphone ti sta cambiando. | Shutterstock


Un effetto prolungato. In media, i piccoli trascorrevano 17 ore alla settimana davanti allo schermo all'età di due anni, 25 ore a tre anni e 11 all'età di cinque anni, dopo l'inizio dell'impegno scolastico. Ma la tendenza rilevata dagli scienziati, è stata che all'aumentare delle ore passate davanti a un device corrispondeva un abbassamento dei punteggi cognitivi nell'anno, o nei due, successivi. I bambini che sono rimasti più a lungo davanti a uno schermo all'età di 24 mesi hanno ottenuto punteggi peggiori nei test cognitivi all'età di 36 mesi, e un simile effetto si è osservato tra i 36 mesi e i 5 anni.

 

Quanto conta? Questa relazione è comunque di entità contenuta: sarebbe riconducibile allo schermo meno dell'1% della variabilità nei punteggi dei test sul neurosviluppo. In pratica, altri fattori come una buona qualità del sonno o il fatto che si legga spesso al bambino, o ancora che la madre abbia un'indole positiva avrebbero un impatto molto più significativo, sulla crescita dei bambini.


Possibili spiegazioni. Quando un bambino è "parcheggiato" davanti a uno schermo (specialmente con contenuti di bassa qualità), perde l'opportunità di esercitare la propria intelligenza in compiti più utili per la crescita: non corre, non gioca, non ha interazioni dirette con la famiglia o con gli amici. Non è chiaro quindi se sia lo schermo il diretto "colpevole" o se piuttosto pesino altri fattori, come il modo in cui si organizza il tempo del piccolo o lo si educa.

 

Un rapido test. Inoltre, lo studio non specifica nulla sul tipo di programma guardato, né su quale sia il numero limite di ore da considerarsi "sicuro". Come ricordato su BBC, più che concentrarsi su un'unità di tempo, sarebbe opportuno domandarsi se, in famiglia: si abbia il controllo del tempo trascorso davanti a uno schermo; le attività davanti allo schermo interferiscano con i piani quotidiani, o con il sonno; se vi siano ambienti (come la camera da letto) o momenti della giornata (come la cena) in cui l'uso di cellulari e tablet è "vietato". Se le risposte sono positive, probabilmente non c'è motivo di preoccuparsi.

 

Il genere umano secondo Pawel Kuczynski


Vai alla gallery (39 foto)

Tag: #Comportamento

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Le più antiche, elementari forme di vita sulla Terra sorsero probabilmente nei laghi poco profondi, e non negli oceani primordiali. Lo sostiene uno studio del MIT pubblicato su Geochemistry, Geophysics, Geosystems, che prende in considerazione...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Il ruolo del microbiota intestinale nella salute dell'organismo è sempre più spesso sotto le lenti degli scienziati: di particolare interesse sono gli studi sul cosiddetto asse intestino-cervello, che indagano la capacità dei microrganismi digerenti...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Uno sbiadito bagliore, molto breve, proveniente da una galassia lontanissima, ha permesso agli astronomi di assistere a una prima assoluta: la nascita di un sistema binario di stelle di neutroni (compact neutron star binary)....

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

L'85 per cento trova subito un impiego e il 45 per cento un contratto a tempo indeterminato: sono alcune delle cifre che rendono la formazione professionale il fiore all'occhiello della Regione Lombardia. “Costruendo voi stessi oggi, costruirete il...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

La capacità dei batteri di sviluppare resistenza agli antibiotici è ben conosciuta: meno spesso si dice che anche i funghi hanno sviuppato questo super potere. È forse anche per questo che un fungo...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

Lo Spazio non ha riguardi per il corpo umano: da quel poco che sappiamo sulle missioni spaziali di lunga durata, appreso nell'ambiente ancora relativamente protetto della ISS, il nostro organismo risente delle condizioni di microgravità, delle...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

I flussi piroclastici sono le valanghe di cenere, gas e rocce che possono precipitare a valle da alcuni vulcani durante un'eruzione, così velocemente che sembrano violare le leggi della fisica. I materiali di cui sono composti dovrebbero fare...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Le origini dell’uovo di cioccolato sono da ricondurre al re Sole, Luigi XIV. Fu lui che per primo, a inizio Settecento, fece realizzare un uovo di crema di cacao al suo chocolatier di corte. L'usanza di regalare le uova a...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Non è facile osservare un "funerale" tra gorilla: i primati morenti spesso si allontanano dal gruppo per andarsene in disparte, e i gesti esibiti dagli esemplari ospiti di riserve o giardini zoologici non sono scientificamente attendibili. Così la...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

La città di New York ha dichiarato uno stato di emergenza sanitaria martedì 9 aprile a causa dell'aggravarsi di un'epidemia di morbillo nei quartieri di Brooklyn e del Queens. Da ottobre 2018 all'8 aprile 2019 ci sono stati almeno 285 casi di contagio, ...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Si ipotizza che gli asteroidi composti quasi unicamente da metalli nacquero all'inizio della storia del Sistema Solare, quando i pianeti si stavano ancora formando. È possibile che in quel caos creativo planetesimali, planetesimi e protopianeti, tutti...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Focus.it

Contenuto sponsorizzato a cura di Enel X   Enel X schiaccia il piede sull'acceleratore e punta dritto verso mobilità sostenibile e smart home. La società che si occupa di innovazione e...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Focus.it

La plastica galleggiante onnipresente nei mari non è che una minuscola frazione di quella che gettiamo: si stima che soltanto 250.000 di 4-12 milioni di tonnellate di plastica che ogni anno si riversano negli oceani affiorino in superficie: di tutto il...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Focus.it

Gli oggetti interstellari come quello che di recente ha attraversato il Sistema Solare interno, Oumuamua, potrebbero accelerare la formazione di pianeti nelle nubi di gas che circondano le stelle appena formate. Lo sostiene una ricerca del Jülich...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Focus.it

Si chiama taser, è una pistola che “spara” scariche elettriche per immobilizzare i malintenzionati. È impiegata da qualche anno dalle polizie di molti Paesi del mondo (Usa, Regno Unito, Francia e un altro centinaio) e da settembre 2018 è...