Tappeti di polvere per Mercurio e Venere

Pubblicato martedì, 19 marzo 2019 ‐ Focus.it

Due scoperte degli ultimi mesi sono importanti, per i planetologi, per cercare di comprendere meglio le caratteristiche della regione del Sistema Solare più vicina al Sole. Si è scoperto che Mercurio condivide la sua orbita con un anello di polveri, e che una nube di asteroidi (ancora da scoprire) sarebbe responsabile di una analoga passerella di polveri lungo l'orbita di Venere. Due scoperte indipendenti, ma soprattutto sorprendenti, perché stiamo parlando del giardino di casa - che dovremmo conoscere meglio.

 

Non era impensabile che Venere, così come la Terra, in virtù delle dimensioni (e perciò della gravità) potessero trascinarsi dietro, lungo l'orbita, una scia di polvere fine. Era invece più difficile immaginare una situazione analoga per Mercurio: «Abbiamo sempre pensato che quel pianeta fosse troppo piccolo e troppo vicino al Sole per avere una simile struttura lungo la sua orbita», afferma Guillermo Stenborg (Naval Research Lab., Washington): «l'idea era che il vento solare e le forze magnetiche del Sole avrebbero spazzato tutto dall'orbita di Mercurio». La scoperta, resa possibile dai rilievi della coppia di sonde STEREO (Solar TErrestrial RElations Observatory) della Nasa, in orbita attorno al Sole dal 2006, dimostra il contrario.

 



Illustrazione schematica: le orbite dei pianeti interni e quella delle due sonde STEREO. | Nasa


 

Sono anelli estremamente rarefatti: l'alone nell'orbita di Venere, per esempio, è solo il 10 per cento più concentrato della media di ciò che si può misurare nel Sistema Solare. Da dove arriva quella polvere? Marc Kuchner (Goddard Space Flight Center, Nasa), ammette che le ipotesi si sono sprecate: dal materiale in orbita nella fascia degli asteroidi (tra Marte e Giove) a quello che potrebbe essere arrivato dalla Nube di Oort, casa di miliardi di comete, «ma nessuna di queste ipotesi ha permesso di spiegare l'origine di quella polvere, così abbiamo provato un'altra strada: l'idea che ci sia esista una popolazione di asteroidi sconosciuti che sfrecciano attorno al Sole proprio lungo il percorso di Venere».

Guida al Sistema Solare



Pare che i sistemi solari tendano ad avere pianeti con dimensioni simili, distanziati in modo regolare. Fa eccezione la nostra regione di Spazio: il Sistema Solare è speciale?


Un'ipotesi, quest'ultima, che pare poter spiegare la polvere di Venere, ma che potrà essere confermata solo quando si riuscirà a scoprire almeno uno di questi ipotetici asteroidi - che sulla base dei modelli potrebbero essere circa 800.

 

La vera curiosità (e torniamo alla "sorpresa") è che è assolutamente possibile che una colonia di asteriodi nell'orbita di Venere sia sfuggita a qualunque osservazione, semplicemente perché finora nessuno si è mai messo a guardare in quella direzione per cercare sassi più o meno piccoli e del tutto oscurati dal bagliore del Sole. Ora che sappiamo che potrebbe esserci qualcosa da trovare focalizzeremo in modo diverso lo studio della regione più vicina alla nostra stella.

 

Come appaiono le albe e i tramonti sugli altri pianeti?


Vai alla gallery (8 foto)


 

7 misteri sullo Spazio non ancora risolti


Vai alla gallery (7 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Focus.it

Negli anni Novanta le sonde Pioneer 10 e 11 (lancio: marzo 1972 e aprile 1973) furono le prime missioni robotiche ad affacciarsi oltre Nettuno. Nel 2012 e nel 2018 le sonde Voyager 2 e 1 (lancio: agosto e settembre 1977) attraversarono...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Focus.it

Riuscireste ad immaginare un evento che capita una volta ogni mille miliardi di volte l’età dell’Universo che è di 13,8 miliardi di anni?  È difficile, molto difficile. Eppure esiste un fatto che può capitare proprio una volta in questo lasso di ...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Focus.it

Un pesce pallido e sfuggente che si aggira come un fantasma nella Fossa delle Marianne è il primo organismo degli abissi estremi di cui si sia riusciti a sequenziare il DNA. La speranza degli scienziati è che questa mappa genetica descritta su...

Pubblicato mercoledì, 24 aprile 2019 ‐ Focus.it

La bandiera italiana nasce come bandiera militare: fu proposta nel 1796 per distinguere il contingente italiano all’interno dell’esercito di Napoleone, nelle repubbliche Cispadana e Cisalpina. Il 7 gennaio del 1797 il Tricolore fu adottato, a Reggio...

Pubblicato mercoledì, 24 aprile 2019 ‐ Focus.it

Con la liberazione delle grandi città del Settentrione e la resa dei tedeschi in Italia, la primavera del 1945 segnò la fine del nazifascismo nel nostro Paese. La data del 25 aprile, giorno della liberazione di Milano, fu scelta in seguito come...

Pubblicato mercoledì, 24 aprile 2019 ‐ Focus.it

Tempi duri per l’intelligenza artificiale: dopo gli errori del sistema di guida semi-autonoma di Tesla, altri due test condotti nelle ultime settimane accendono i riflettori sull’effettiva affidabilità dei software che replicano i meccanismi di...

Pubblicato mercoledì, 24 aprile 2019 ‐ Focus.it

Lo scorso 6 aprile un debole segnale sismico è stato registrato dallo strumento Seismic Experiment for Interior Structure (SEIS), il sismometro deposto su Marte dalla sonda InSight (Nasa), atterrata sul Pianeta Rosso il 26 novembre...

Pubblicato mercoledì, 24 aprile 2019 ‐ Focus.it

Per cinque mesi tra il 2017 e il 2018, una media giornaliera di 365 particelle di plastica si è depositata su ogni metro quadrato di un'area disabitata e teoricamente incontaminata dei Pirenei francesi, a 1500 metri di quota: in questa zona...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Focus.it

Quando il 24 aprile del 1990 il telescopio spaziale Hubble fu messo in orbita attorno alla Terra, alla Nasa si pensava che sarebbe rimasto in servizio fino al 2005. Oggi, superato di 14 anni il fine-vita previsto, Hubble ha qualche...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Focus.it

Sabato 20 aprile, durante i test a terra di una Crew Dragon di SpaceX, qualcosa è andato storto: la capsula spaziale destinata a traghettare gli astronauti della NASA da e verso la ISS è andata distrutta in una violenta esplosione...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Focus.it

Circa 10 mila anni fa, una popolazione di cacciatori-raccoglitori si stabilì in una pianura dell'odierna Turchia, e vi rimase per un migliaio di anni. Di quel villaggio, nel sito di Aşıklı Höyük, sono rimaste testimonianze importanti: i resti di...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Focus.it

I ricercatori del MIT, in collaborazione con la Nasa, hanno messo a punto un nuovo tipo di ala che potrebbe rivoluzionare la progettazione e la costruzione degli aeroplani. La nuova struttura è formata da centinaia di pezzi, tutti uguali tra loro,...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Focus.it

Un evento meteo letale che si è riversato sul Nepal sudorientale alla fine di marzo potrebbe essere il primo tornado mai verificatosi nel Paese: una circostanza talmente rara, che per riconoscerla e ricostruirne il percorso è stato necessario ricorrere ...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Focus.it

Alcuni scienziati cinesi hanno dato vita a un nuovo, inquietante ibrido animale: hanno creato macachi recanti nel loro DNA un gene importante per lo sviluppo del cervello e dell'intelligenza umana. Lo studio dell'Accademia Cinese delle Scienze pubblicato ...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Focus.it

Scienziati e ricercatori di tutto il mondo sono costantemente a caccia di nuovi materiali da utilizzare nei più diversi ambiti dell’industria e della ricerca. Che siano più resistenti o più sottili, più rigidi o più flessibili, più isolanti o...