Ryugu, una fragile pila di macerie

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Focus.it

Nell'estate del 2018, dopo un viaggio di 300 milioni di chilometri durato 1.302 giorni, la sonda Hayabusa-2 ha raggiunto l'asteroide Ryugu, un piccolo oggetto di 850 metri circa di diametro: da allora, la sonda giapponese è scesa con successo due volte su 162173 Ryugu, per prelevare campioni da riportare a Terra (nel 2020).

 



Illustrazione: uno spaccato del robot MASCOT. | DLR


A bordo della sonda c'era il robot franco-tedesco MASCOT, un oggetto di 10 kg grande quanto un forno a microonde, dotato di quattro strumenti. Il 3 ottobre 2018 MASCOT, gestito dal Centro aerospaziale tedesco (DLR) di Colonia, si separò dalla sonda quando questa si trovava a 41 metri dall'asteroide, è atterrato con successo e per 17 ore ha condotto esperimenti muovendosi come una cavalletta tra i grandi massi in superficie. In un lavoro che riassume i dati (pubblicato su Science), i ricercatori definiscono Ryugu come un "mucchio di macerie" costituito da due diversi tipi di rocce, tutte quasi nere, con poca coesione interna.

 

Attenti! «Se Ryugu o un altro asteroide simile dovessero avvicinarsi alla Terra al punto da diventare un serio rischio, e si dovesse fare un tentativo per dirottarli, bisognerebbe procedere con grande cura. Perché colpendolo con forza l'intero asteroide, del peso di circa mezzo miliardo di tonnellate, si spezzerebbe in numerosi frammenti: molte singole parti incontrollabili, del peso di diverse tonnellate l'una, che potrebbero impattare sulla Terra», afferma Ralf Jaumann, dell'Istituto di ricerca planetaria di Berlino.

 



Istantanea della superficie di Ryugu, scattata dalla fotocamera di MASCOT durante la discesa sull'asteroide. | DLR


 



Meteoriti carbonacee: questo meteorite caduto vicino al lago Tagish (Canada) è molto simile a un tipo di rocce che costituiscono Ryugu. | DLR


La natura dell'asteroide è molto simile a quella delle meteoriti carbonacee trovate sulla Terra e risalenti a 4,5 miliardi di anni fa. Con una densità media di soli 1,2 grammi per centimetro cubo, Ryugu è solo un po' più "pesante" del ghiaccio d'acqua.

 

Ma poiché l'asteroide è composto da numerosi pezzi di roccia di diverse dimensioni, significa che gran parte del suo volume dovrebbe essere cavo, cosa che renderebbe questo corpo a forma di diamante estremamente fragile.


Vedi anche: i piani dalla Nasa per proteggere la Terra dagli asteroidi



I massi, che si possono ben vedere nelle immagini acquisite dalla fotocamera di MASCOT durante la discesa e sulla superficie sono per lo più scuri, tra i 10 centimetri e il metro di larghezza. In media, Ryugu riflette solo il 4,5% della luce solare incidente, una quantità paragonabile alla riflessione del carbone, rendendolo tra gli oggetti più scuri del Sistema Solare.

 



La superficie di Ryugu è ricoperta da un gran numero di rocce molto scure, da 10 centimetri a 1 metro di grandezza. | DLR


 

Mix di roccia. I due tipi di roccia osservati sono distribuiti approssimativamente allo stesso modo sulla superficie dell'asteroide. Ciò suggerisce due possibili origini: «Ryugu potrebbe essersi formato dalla collisione di due corpi di composizione diversa», spiega Ralf Jaumann: «che hanno dato origine all'oggetto che vediamo oggi. Oppure, l'asteroide potrebbe essere ciò che resta di un singolo corpo che si è frantumato, le cui zone interne presentavano condizioni di temperatura e pressione diverse, determinando così la formazione di due tipi di roccia».


L'asteroide Ryugu è più asciutto del previsto



Mondo senza polvere. Non senza sorpresa, Ralf Jaumann e il suo team hanno rilevato una totale mancanza di polvere sulla superficie: «Ryugu è disseminato di massi, ma non c'è traccia di polvere. Dovrebbe essercene, prodotta dal bombardamento dell'asteroide da parte dei micrometeoriti per miliardi di anni. È possibile che, data la gravità molto bassa, appena un sessantesimo di quella sulla Terra, la polvere sia scomparsa nelle cavità dell'asteroide, o che si sia dispersa nello Spazio».

 

Sott'acqua con la Nasa per fermare gli asteroidi


Vai alla gallery (13 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Non è (purtroppo) più una novità che gli insetti di tutto il mondo stiano scomparendo a ritmi preoccupanti. Quello che forse non afferriamo ancora è la reale gravità di questa estinzione di massa: secondo uno studio della Technical University di...

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Il rover Curiosity si trova sulla superficie marziana dal 2012 e ha trascorso dunque, circa tre anni (marziani) sul Pianeta Rosso (un anno marziano dura circa due anni terrestri). La notizia è che durante le stagioni primaverili ed estive ha...

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Ormai sono anni che la parola Black Friday è entrata a far parte del nostro linguaggio comune. Sicuramente ne avrete sentito parlare anche voi, da amici, colleghi, parenti o semplici conoscenti. Oppure l'avrete letto in rete, quasi sempre spulciando tra ...

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Uno studio pubblicato su Science denuncia come l'uso dei pesticidi neonicotinoidi nelle risaie vicino al lago Shinji, nell'ovest del Giappone, abbia avuto conseguenze devastanti sulla fauna lacustre: in un solo anno la pesca di anguille e sperlani...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

Diabete è un "termine contenitore" che racchiude un insieme di sindromi diverse con una caratteristica comune: gli alti livelli di glucosio nel sangue per un'alterata quantità o per l'inefficacia dell'insulina, un...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

Il più grande "cimitero di mammut" mai scoperto è in realtà una trappola, creata ad hoc per catturare e uccidere questi animali: il sito è stato identificato in Messico da ricercatori dell'Instituto Nacional de Antropología e Historia, che riportano ...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

C'è voluto il lavoro di 35 gruppi di ricerca di tutta Europa per confermare, se mai ce ne fosse stato bisogno, che i capricci del clima stanno alterando la portata dei fiumi e modificando la severità delle esondazioni, tra i più frequenti e onerosi...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

L'olfatto di una squadra di cani poliziotto ha reso possibile un importante ritrovamento archeologico sulle Alpi Bebie, lungo la costa adriatica croata, dove un gruppo di archeologi ha rinvenuto diverse tombe risalenti all'Età del Ferro europea, con...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Focus.it

Una dieta formulata con le nobili intenzioni di nutrire una popolazione mondiale in crescita, prevenendo le morti dovute a una cattiva alimentazione e migliorando il nostro impatto ecologico, risulterebbe tuttavia troppo costosa per almeno 1,58 miliardi...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Focus.it

Un gruppo di astronomi ha rilevato, da un agglomerato galattico, una enorme emissione di gas, ampia centinaia di migliaia di anni luce o più. Stando a quanto pubblicato su Nature sarebbe la prima osservazione diretta di venti...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Focus.it

Chi vola spesso può incorrere più facilmente nelle batoste in bolletta del roaming, e gli uccelli non sono da meno: se ne sono accorti, a loro spese, alcuni ornitologi russi impegnati nel monitoraggio di 13 aquile delle steppe (Aquila...

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Il pomeriggio dell'11 novembre Mercurio si troverà fra la Terra e il Sole. Potremo quindi ammirare la silhouette del piccolo pianeta stagliata sull'enorme disco solare. Il transito di...

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Una speranza dopo 15 anni di stallo nelle ricerche sulla malattia di Alzheimer - la più comune forma di demenza, che interessa quasi 30 milioni di persone nel mondo - arriva dalla Colombia: una donna geneticamente...

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Anche in passato X-37B, lo spazioplano dell'U.S. Air Force, aveva affrontato missioni di durata lunghissima, da più di 700 giorni. Ma l'ultima, la quinta, l'ha visto fissare un nuovo record: ben 780 giorni in orbita attorno alla Terra....

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Può una scarpa da corsa dare al runner che la indossa un vantaggio così grande da essere considerata doping tecnologico? A porsi questa domanda è nientemeno che la Iaaf, la Federazione Internazionale dell’atletica leggera, che nei giorni scorsi ha...