Polo Nord Magnetico: la nuova mappa

Pubblicato domenica, 10 febbraio 2019 ‐ Focus.it

La curiosità sulla posizione del Polo Nord Magnetico è dovuta al fatto che, poche settimane fa, il National Geophysical Data Center degli Stati Uniti ha reso noto che il modello geomagnetico della Terra noto come World Magnetic Model, utilizzato per i dati di navigazione dal Dipartimento per la Difesa degli Stati Uniti, per la navigazione marittima e commerciale, per le reti di satelliti GPS e via dicendo fino alla totalità degli smartphone Android e iOS, aveva bisogno di un rapido aggiornamento, in largo anticipo rispetto alle previsioni.

 

Questo perché il nord magnetico del Pianeta si è spostato. Di per sé non è una notizia, non sorprende, succede da sempre: è invece sorprendente la velocità con la quale si è spostato negli ultimi mesi, accumulando una differenza tale dall'attuale versione del modello di riferimento (rilasciata nel 2015) da imporre un aggiornamento.

 



Una semplice analogia: si può immaginare il campo magnetico come il prodotto di una potentissima calamita posta al centro del pianeta.


Le due Agenzie statunitensi che rendono disponibile le diverse versioni del modello, del software e della relativa documentazione (versioni diverse a seconda degli usi e dei "clienti") hanno pubblicato la nuova mappa che mostra l'attuale, precisa posizione del Polo Nord Magnetico rispetto al Polo Nord Geografico (quest'ultimo è il punto dove fuoriesce - virtualmente - l'asse di rotazione della Terra). L'asse del campo magnetico è adesso inclinato di 9,34° rispetto all'asse di rotazione terrestre ed è variato di 2,5° negli ultimi 22 anni.

 

È tanto o poco? A questa domanda non c'è una risposta: è un qualcosa che al momento non sappiamo valutare. Sappiamo però che i due assi non sono mai coincisi: fin da quando si hanno dati a disposizione, l'asse del campo magnetico si è mosso rispetto a quello terrestre. L'anomalia, rispetto a ciò che è considerato normale, è che dal 2015 a oggi lo spostamento è avvenuto con una velocità mai registrata prima.

 

La calamita al centro della Terra. Il nostro pianeta si comporta come un grande magnete sferico generato da un "dipolo magnetico", ossia da una specie di gigantesca calamita situata al centro della Terra, il cui asse è spostato dall'asse di rotazione terrestre di circa 11 gradi (si tratta di una media e il valore attuale, che è inferiore, contribuisce a questa media). Ciò significa che i poli geografici nord e sud e i poli magnetici nord e sud non si trovano nello stesso punto. Per quello che sappiamo, il campo magnetico terrestre può cambiare direzione e intensità (che possono essere misurate) in qualunque momento.

 



Il campo magnetico si estende per molte migliaia di chilometri oltre la superficie terrestre. Circonda e protegge il pianeta, per esempio dal vento solare, che investe la magnetosfera a 700 km al secondo. Conosciamo ancora poco la struttura della Terra e il geomagnetismo nasconde ancora molte sorprese. | DTU Space


 

Conoscere la posizione esatta dell'asse del campo magnetico non è pura curiosità: ha invece un'importanza notevole, anche nella vita quotidiana di tutti noi.

 

I militari utilizzano la posizione del Polo Nord magnetico per la navigazione sottomarina e aerea; la Nasa, la Federal Aviation Administration, la US Forest Service e le omologhe di molti Paesi del mondo usano questa informazione per tracciare carte geografiche, per definire e monitorare l'orbita dei satelliti, per la gestione del traffico aereo: i controllori di volo forniscono ai piloti le coordinate delle piste relative ai dati del campo magnetico. Infine, i produttori di elettronica, smartphone e relativi software si affidano alla posizione dell'asse del campo magnetico per fornire app precise per bussola, mappe, geolocalizzazione, servizi Gps.

 

Windrose: una nuova rosa dei venti


Vai alla gallery (9 foto)


 

10 cose che (forse) non sai sul Circolo polare artico


Vai alla gallery (11 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Focus.it

Lo Stratolaunch, l'aereo con l'apertura alare più ampia ad aver mai volato, ha appena svolto un ottimo volo di prova. Ha superato i 300 km/h e raggiunto un'altitudine di 5,8 km. Ma il suo obiettivo è arrivare a 10 km, per "lanciare" satelliti...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Focus.it

Oumuamua, l’asteroide interstellare che ha fatto parlare tanto di sé, potrebbe non essere il primo visitatore del nostro sistema solare proveniente da un’altra stella. Una meteora, che bruciò nell’atmosfera terrestre nel 2014, potrebbe averlo...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Focus.it

Volete prestare un libro a un amico? Facile, non dovete fare altro che consegnarglielo (sperando che poi si ricordi di restituirvelo!). Ma che succede se invece voleste prestargli un ebook? La questione è più complicata. Talmente complicata che... in...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

Pasqua e Natale sono festività della Chiesa Cattolica che si accompagnano a giorni di festa e di vacanza in quasi tutti i Paesi del mondo, osservate anche da confessioni e fedi diverse e da non credenti. Quando cadono, esattamente? Per il Natale non ci...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

Gli aborti selettivi in base al genere praticati negli ultimi decenni hanno causato una distorsione imprevista nel rapporto numerico tra maschi e femmine. È quanto emerge da uno studio quinquennale su genere dei nuovi nati e popolazione...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

La conferma arriva dalla Spagna: il calabrone bicolore (Vespa bicolor), un imenottero asiatico dalla colorazione particolarmente brillante, si riproduce in Spagna, nella provincia di Malaga, e potrebbe aver stabilito così una...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

Nella serie televisiva Homeland il protagonista uccide il Vicepresidente degli Stati Uniti manomettendo da remoto il suo pacemaker. Ma quanto è reale questo rischio? È davvero possibile che un hacker riesca ad accedere a un dispositivo medico...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Le più antiche, elementari forme di vita sulla Terra sorsero probabilmente nei laghi poco profondi, e non negli oceani primordiali. Lo sostiene uno studio del MIT pubblicato su Geochemistry, Geophysics, Geosystems, che prende in considerazione...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Il ruolo del microbiota intestinale nella salute dell'organismo è sempre più spesso sotto le lenti degli scienziati: di particolare interesse sono gli studi sul cosiddetto asse intestino-cervello, che indagano la capacità dei microrganismi digerenti...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Uno sbiadito bagliore, molto breve, proveniente da una galassia lontanissima, ha permesso agli astronomi di assistere a una prima assoluta: la nascita di un sistema binario di stelle di neutroni (compact neutron star binary)....

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

L'85 per cento trova subito un impiego e il 45 per cento un contratto a tempo indeterminato: sono alcune delle cifre che rendono la formazione professionale il fiore all'occhiello della Regione Lombardia. “Costruendo voi stessi oggi, costruirete il...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

La capacità dei batteri di sviluppare resistenza agli antibiotici è ben conosciuta: meno spesso si dice che anche i funghi hanno sviuppato questo super potere. È forse anche per questo che un fungo...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

Lo Spazio non ha riguardi per il corpo umano: da quel poco che sappiamo sulle missioni spaziali di lunga durata, appreso nell'ambiente ancora relativamente protetto della ISS, il nostro organismo risente delle condizioni di microgravità, delle...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

I flussi piroclastici sono le valanghe di cenere, gas e rocce che possono precipitare a valle da alcuni vulcani durante un'eruzione, così velocemente che sembrano violare le leggi della fisica. I materiali di cui sono composti dovrebbero fare...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Le origini dell’uovo di cioccolato sono da ricondurre al re Sole, Luigi XIV. Fu lui che per primo, a inizio Settecento, fece realizzare un uovo di crema di cacao al suo chocolatier di corte. L'usanza di regalare le uova a...