Perché le femmine di pinguino finiscono più spesso spiaggiate

Pubblicato sabato, 12 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Al termine della stagione degli amori a febbraio, i pinguini di Magellano (Spheniscus magellanicus) della Patagonia intraprendono l'annuale migrazione verso nord a caccia di acciughe: queste peregrinazioni che li portano fino alle coste del Brasile e che avvengono nei mesi invernali dell'emisfero australe, si concludono spesso con lo spiaggiamento di migliaia di esemplari affamati ed esausti nelle aree costiere di Brasile e Uruguay: i più deboli e provati, vengono trovati già morti per la fatica.

 

Già da tempo i biologi esperti di conservazione animale si erano accorti che il 75% di questi pinguini spiaggiati è femmina, ma il motivo di questo squilibrio non era noto. Ora un gruppo di ricercatori di Giappone e Argentina ha deciso di seguire le peregrinazioni dei pennuti con un sistema di localizzatori satellitari, scoprendo che le femmine si spingono più lontano dei maschi nelle loro migrazioni verso nord. Compiono più strada e si stancano di più: ecco perché rappresentano gran parte degli esemplari arenati.


I pinguini sono monogami?



esiti diversi. Nello studio pubblicato su Current Biology, si legge che Takashi Yamamoto, scienziato dell'Institute of Statistical Mathematics del Giappone, ha seguito 6 pinguini femmine e 8 maschi partiti da Cabo dos Bahía in Argentina nell'aprile 2017. Anche se gli animali seguiti erano pochi, le femmine si sono spinte più a nord, fino alle coste dell'Uruguay, mentre i maschi si sono tenuti vicino ai litorali argentini. Questi ultimi si sono però immersi più in profondità: 59 metri circa, rispetto ai 35 delle loro "metà".

 

Sulle origini di queste differenze sono state avanzate diverse ipotesi: da una suddivisione che eviti la competizione per il cibo, al fatto che i corpi più piccoli delle femmine non consentono immersioni ugualmente profonde. I due generi potrebbero trovare più congeniali diversi intervalli di temperature: può darsi che le femmine prediligano le acque più calde, e che si lascino trascinare più facilmente dalle correnti, arrivando più lontano.

 

Lo zampino dell'uomo. L'inquinamento dei mari con l'abbondanza di rifiuti di plastica e le reti da pesca lasciate in profondità contribuirebbero infine a fiaccare i pinguini già sfiniti dal viaggio. Informazioni, queste, da tenere presenti nei progetti di conservazione di questa specie: lo squilibrio tra sessi negli esemplari spiaggiati potrebbe costituire un problema nella sopravvivenza delle popolazioni.

 

La marcia dei pinguini


Vai alla gallery (14 foto)

Tag: #Ambiente

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Provate a immaginare: un parassita trova la via per entrare nel vostro corpo e, in men che non si dica, prende possesso della vostra mente. Vi sembra un'ipotesi suggestiva, ma poco realistica, che potrebbe al massimo ispirare romanzi e film horror? Vi...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati coordinati da Mark Cheung, del Lockheed Martin Solar and Astrophysics Laboratory di Palo Alto (Usa), ha sviluppato la prima simulazione completa del ciclo di vita di un brillamento solare (flare): dall'accumulo di energia...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Se immaginiamo un miniatore chino su un manoscritto antico a decorare l'iniziale di un paragrafo, pensiamo tipicamente a un uomo, un monaco dotto e di una certa età. Ma l'arte di copiare i codici classici e dipingerne i capilettera non era soltanto...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Il nome vuol dire “piccolo cervello”, e finora al cervelletto, per quanto importante, era stato riconosciuto il ruolo di protagonista solo nella funzione del controllo del movimento, in particolare della coordinazione e dell’equilibrio. Invece pare ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

I batteri che colonizzano in modo pacifico il nostro intestino hanno un ruolo importante nella digestione, nella regolazione del sistema immunitario, forse persino nella genesi di alcune malattie neurodegenerative. Ora un'analisi di questi microrganismi...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

L’asteroide dei dinosauri, quello da 14 chilometri di diametro che impattò tra il Messico e l’Oceano Atlantico circa 66 milioni di anni fa, non solo scombussolò il clima del pianeta al punto da causare o con-causare la scomparsa di ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Addio foglioline lunari: è stato bello, finché è durato. A tre giorni dalla notizia del primo seme germogliato sulla Luna, all'interno del lander cinese Chang'E-4, la pianta di cotone di cui tutti parlavano è morta... congelata. Per sopravvivere...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Siamo abituati a vederle come pacifiche divoratrici di plancton, ma un tempo i banchetti delle balene erano più variegati e cruenti: l'analisi di un fossile di Basilosaurus isis (un gigantesco cetaceo del passato) e di alcuni reperti animali...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati di Harvard e della Columbia University ha messo a punto un processo chimico per trasformare la luce infrarossa in luce visibile, una tecnica che in futuro permetterà di utilizzare innocue radiazioni luminose a scopo terapeutico...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Secondo una recente e bizzarra teoria c'è un altro Universo dove tutto è fatto principalmente di antimateria, un Universo speculare al nostro. Bizzarra o meno, con questa ipotesi un team di scienziati canadesi afferma di poter rispondere ad alcune...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Non crescono più in fretta se glielo chiedete, e non è detto che apprezzino Mozart: in ogni caso può darsi che le piante ci sentano, ma soprattutto, che sentano gli esseri viventi cui più di tutti sono interessate, gli impollinatori. Due...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Chi vive nelle grandi città si rassegni: ha più probabilità di ammalarsi perché l'influenza dura di più. Anche se, sian ben chiaro, non esistono metropoli più o meno sicure. È quanto rivela una ricerca basata su un'analisi di tipo ...

Pubblicato martedì, 15 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Fino a non molto tempo capitava di sentire parlare di Venere come del gemello sfortunato della Terra. In realtà quanto più lo si studia, tanto più ci si rende conto della profonda diversità tra i due pianeti, la cui...