Partorire nello Spazio: perché?

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Fare sesso nello Spazio sembra già talmente complicato, che non capita spesso di immaginare come sarebbe portare avanti una gravidanza (sempre che sia possibile iniziarla) e poi partorire, fuori dalla Terra. A quest'ultima fase guarda una start-up olandese, SpaceLife Origins, che tra cinque anni  vorrebbe inviare in orbita terrestre, a 400 km dal nostro pianeta, una donna incinta a termine, che possa far nascere il primo bambino nello Spazio.

 

Caro, è il momento. Nel concept teorizzato dall'azienda, la futura mamma salirebbe su una capsula spaziale assistita da un team medico appositamente addestrato, affronterebbe un lancio in travaglio o quasi, partorirebbe su una non meglio precisata stazione spaziale e tornerebbe a terra con il neonato, nelle 24-36 ore più complicate della sua vita. Il tutto dovrebbe accadere nel 2024 (l'anno ipotizzato da Musk per la partenza del primo equipaggio umano verso Marte).

 

ne sentivamo il bisogno? L'idea riportata in un articolo sull'Atlantic suscita una serie di interrogativi, il più importante dei quali è: perché? Secondo Egbert Edelbroek, uno dei dirigenti di SpaceLife Origins, Mission Cradle 2024 dovrebbe testare la possibilità, per la nostra specie, di riprodursi al di fuori del pianeta, e proseguire anche quando, della Terra, non rimarrà più nulla di abitabile. La stessa start-up vorrebbe inviare in orbita, per il 2021, spermatozoi e cellule uovo che possano formare embrioni nello Spazio.


Come nuotano gli spermatozoi nello Spazio?



Piedi per terra. Ma se la necessità di mettere su famiglia quando gli esseri umani si saranno "sistemati" su Marte o altrove è facilmente immaginabile, nella lista delle cose da risolvere prima di allora il capitolo nascita è decisamente in fondo. Molto prima di diventare una specie interplanetaria, dobbiamo capire come mantenere in salute un astronauta adulto sulla ISS; realizzare un motore capace di viaggiare nello Spazio profondo (più alcune "quisquilie" una volta arrivati, per esempio, su Marte: atterrare, respirare, coltivare, nutrirci, ripararci dalle radiazioni).

 



Due persone soltanto potrebbero ripopolare la Terra (o un altro pianeta)? | Shutterstock


Una scelta di peso. Occorrerebbe trovare una donna disposta a esporre il figlio e se stessa ai rischi di un parto a 400 km di distanza dal suolo terrestre, sempre che mettere il nascituro in questa situazione le sia legalmente concesso. I medici coinvolti contravverrebbero presumibilmente al giuramento di Ippocrate: accantonando per un attimo il pensiero delle contrazioni coordinate al countdown del razzo, nessuno ha mai studiato gli effetti di un'accelerazione pari a tre volte la forza di gravità su una donna in gravidanza (sei volte, in caso di atterraggio di emergenza).

 

La futura madre non potrebbe sfruttare la gravità per partorire il bambino, e il pensiero di un'epidurale somministrata da un anestesista fluttuante, o dei fluidi corporei liberati in assenza di peso, sembra tratto da un film dell'orrore. Gli esperimenti sulla riproduzione animale condotti nello Spazio (su topi, lucertole, pesci e invertebrati) ci dicono che i cuccioli hanno bisogno di gravità: i ratti venuti alla luce negli anni '90 sugli Shuttle sono nati con problemi al sistema vestibolare, necessario all'equilibrio.

 

Nato a...? Il bimbo spaziale respirerebbe l'ossigeno viziato nella capsula alla prima boccata d'aria, dovrebbe sopravvivere con la madre a un brusco rientro in atmosfera e, una volta a Terra, sempre che fin qui sia andato tutto liscio, affronterebbe ignaro l'annoso problema del certificato di nascita: signora, che cosa scriviamo?

 

Sesso nello spazio, verità o leggenda?


Vai alla gallery (15 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Focus.it

Quando si dice che una foto vale più di mille parole: Steffen Olsen, climatologo e glaciologo del Danish Meteorological Institute, ha realizzato questo scatto la scorsa settimana, durante una spedizione di recupero di equipaggiamento scientifico da una...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Focus.it

La strada tracciata dall'Amministrazione americana sembra avere buone possibilità di essere percorsa con successo e fino in fondo: nel 2024 l'uomo tornerà sulla Luna, affermano gli Usa, o anche solo molto vicino o attorno alla Luna. Procedono i piani...

Pubblicato martedì, 18 giugno 2019 ‐ Focus.it

Che le condizioni ambientali e lo stile di vita possano favorire l'insorgere di diabete di tipo 2 è noto da tempo: obesità, sedentarietà, smog e alimentazione inadeguata possono favorire fenomeni di insulino-resistenza, ossia la bassa ...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Focus.it

Prima del Gran Finale e dello schianto su Saturno il 15 settembre 2017, la sonda Cassini ha sorvolato l'alta atmosfera del pianeta con gli anelli, tracciando 22 orbite nello spazio tra la sua superficie e gli anelli. I dati raccolti durante quei...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Focus.it

Attorno al luogo di impatto di un gigantesco asteroide che piombò sulla Terra 1,2 miliardi di anni fa si è scatenata una vera "caccia al tesoro": il masso di 1-2 km di diametro impattò al largo della Scozia nord-occidentale, ma del cratere non si era...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Focus.it

Avete paura prima di una iniezione? Quando l’ago sta per entrare, fate un colpo di tosse; il segreto per sentire meno dolore dal dentista? Prima di salire sulla poltrona, ascoltate la vostra msucia preferita. Questi...

Pubblicato lunedì, 17 giugno 2019 ‐ Focus.it

Perché i nostri lontanissimi progenitori hanno deciso di scendere dagli alberi e camminare in posizione eretta? Ammesso e non concesso che abbiano mai deciso di scendere da un qualche albero, secondo uno studio recente, sarebbe successo a causa ...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Focus.it

Ciascuno di noi potrebbe ingerire in media 5 grammi di frammenti di plastica ogni settimana: messi sul palmo della mano peserebbero circa quanto una carta di credito.   Lo dice l'analisi No Plastic in Nature: Assessing Plastic Ingestion from...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Focus.it

Astenersi dal mangiarle faceva parte del percorso di purificazione perseguito da Pitagora (filosofo greco vissuto alla fine del VI secolo a.C.) e dai suoi discepoli.   Simbolismi. All’origine del divieto ci potrebbero essere...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Focus.it

Due ore di immersione settimanale nella natura sono un toccasana per il benessere psicofisico e la qualità della vita, a prescindere da come si passi questo tempo. Che la vicinanza ad aree verdi o al mare sia un balsamo per la salute è un fatto noto,...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Focus.it

Dopo anni in cui sembrava essere passato di moda, il pianeta Venere sta tornando a destare l'interesse degli scienziati. La prima esplorazione in programma è quella dell'ISRO (l’Agenzia Spaziale Indiana) che, nel 2023, con una sonda dovrebbe entrare...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Focus.it

L’accusa di cannibalismo è sempre stata utilizzata per screditare gli avversari. Così, in tempi di guerra fredda si diffuse la diceria secondo cui “i comunisti mangiano i bambini”.   Nasceva probabilmente dal fatto che in Russia, nel...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Focus.it

Il Giro d'Italia, l'Ironman, gli Ultra trail... alcune competizioni spingono ai limiti della resistenza anche gli atleti più allenati. Ma esiste un tetto oltre al quale non è possibile arrivare? Esiste, e non è solo nella mente, come alcuni...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Focus.it

La radioterapia è uno strumento potente e necessario per neutralizzare le cellule tumorali, ma in alcuni casi finisce per danneggiare, insieme ai tessuti malati, anche quelli sani che li circondano. Ora un...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Focus.it

L’esame di maturità è alle porte e Studenti.it, da più di 20 anni a fianco dei ragazzi come supporto allo studio, presenta in esclusiva assoluta il nuovo brano di Lorenzo Baglioni, Maturandi.   Disponibile da oggi su tutti gli store...