Partorire nello Spazio: perché?

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Fare sesso nello Spazio sembra già talmente complicato, che non capita spesso di immaginare come sarebbe portare avanti una gravidanza (sempre che sia possibile iniziarla) e poi partorire, fuori dalla Terra. A quest'ultima fase guarda una start-up olandese, SpaceLife Origins, che tra cinque anni  vorrebbe inviare in orbita terrestre, a 400 km dal nostro pianeta, una donna incinta a termine, che possa far nascere il primo bambino nello Spazio.

 

Caro, è il momento. Nel concept teorizzato dall'azienda, la futura mamma salirebbe su una capsula spaziale assistita da un team medico appositamente addestrato, affronterebbe un lancio in travaglio o quasi, partorirebbe su una non meglio precisata stazione spaziale e tornerebbe a terra con il neonato, nelle 24-36 ore più complicate della sua vita. Il tutto dovrebbe accadere nel 2024 (l'anno ipotizzato da Musk per la partenza del primo equipaggio umano verso Marte).

 

ne sentivamo il bisogno? L'idea riportata in un articolo sull'Atlantic suscita una serie di interrogativi, il più importante dei quali è: perché? Secondo Egbert Edelbroek, uno dei dirigenti di SpaceLife Origins, Mission Cradle 2024 dovrebbe testare la possibilità, per la nostra specie, di riprodursi al di fuori del pianeta, e proseguire anche quando, della Terra, non rimarrà più nulla di abitabile. La stessa start-up vorrebbe inviare in orbita, per il 2021, spermatozoi e cellule uovo che possano formare embrioni nello Spazio.


Come nuotano gli spermatozoi nello Spazio?



Piedi per terra. Ma se la necessità di mettere su famiglia quando gli esseri umani si saranno "sistemati" su Marte o altrove è facilmente immaginabile, nella lista delle cose da risolvere prima di allora il capitolo nascita è decisamente in fondo. Molto prima di diventare una specie interplanetaria, dobbiamo capire come mantenere in salute un astronauta adulto sulla ISS; realizzare un motore capace di viaggiare nello Spazio profondo (più alcune "quisquilie" una volta arrivati, per esempio, su Marte: atterrare, respirare, coltivare, nutrirci, ripararci dalle radiazioni).

 



Due persone soltanto potrebbero ripopolare la Terra (o un altro pianeta)? | Shutterstock


Una scelta di peso. Occorrerebbe trovare una donna disposta a esporre il figlio e se stessa ai rischi di un parto a 400 km di distanza dal suolo terrestre, sempre che mettere il nascituro in questa situazione le sia legalmente concesso. I medici coinvolti contravverrebbero presumibilmente al giuramento di Ippocrate: accantonando per un attimo il pensiero delle contrazioni coordinate al countdown del razzo, nessuno ha mai studiato gli effetti di un'accelerazione pari a tre volte la forza di gravità su una donna in gravidanza (sei volte, in caso di atterraggio di emergenza).

 

La futura madre non potrebbe sfruttare la gravità per partorire il bambino, e il pensiero di un'epidurale somministrata da un anestesista fluttuante, o dei fluidi corporei liberati in assenza di peso, sembra tratto da un film dell'orrore. Gli esperimenti sulla riproduzione animale condotti nello Spazio (su topi, lucertole, pesci e invertebrati) ci dicono che i cuccioli hanno bisogno di gravità: i ratti venuti alla luce negli anni '90 sugli Shuttle sono nati con problemi al sistema vestibolare, necessario all'equilibrio.

 

Nato a...? Il bimbo spaziale respirerebbe l'ossigeno viziato nella capsula alla prima boccata d'aria, dovrebbe sopravvivere con la madre a un brusco rientro in atmosfera e, una volta a Terra, sempre che fin qui sia andato tutto liscio, affronterebbe ignaro l'annoso problema del certificato di nascita: signora, che cosa scriviamo?

 

Sesso nello spazio, verità o leggenda?


Vai alla gallery (15 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Provate a immaginare: un parassita trova la via per entrare nel vostro corpo e, in men che non si dica, prende possesso della vostra mente. Vi sembra un'ipotesi suggestiva, ma poco realistica, che potrebbe al massimo ispirare romanzi e film horror? Vi...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati coordinati da Mark Cheung, del Lockheed Martin Solar and Astrophysics Laboratory di Palo Alto (Usa), ha sviluppato la prima simulazione completa del ciclo di vita di un brillamento solare (flare): dall'accumulo di energia...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Se immaginiamo un miniatore chino su un manoscritto antico a decorare l'iniziale di un paragrafo, pensiamo tipicamente a un uomo, un monaco dotto e di una certa età. Ma l'arte di copiare i codici classici e dipingerne i capilettera non era soltanto...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Il nome vuol dire “piccolo cervello”, e finora al cervelletto, per quanto importante, era stato riconosciuto il ruolo di protagonista solo nella funzione del controllo del movimento, in particolare della coordinazione e dell’equilibrio. Invece pare ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

I batteri che colonizzano in modo pacifico il nostro intestino hanno un ruolo importante nella digestione, nella regolazione del sistema immunitario, forse persino nella genesi di alcune malattie neurodegenerative. Ora un'analisi di questi microrganismi...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

L’asteroide dei dinosauri, quello da 14 chilometri di diametro che impattò tra il Messico e l’Oceano Atlantico circa 66 milioni di anni fa, non solo scombussolò il clima del pianeta al punto da causare o con-causare la scomparsa di ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Addio foglioline lunari: è stato bello, finché è durato. A tre giorni dalla notizia del primo seme germogliato sulla Luna, all'interno del lander cinese Chang'E-4, la pianta di cotone di cui tutti parlavano è morta... congelata. Per sopravvivere...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Siamo abituati a vederle come pacifiche divoratrici di plancton, ma un tempo i banchetti delle balene erano più variegati e cruenti: l'analisi di un fossile di Basilosaurus isis (un gigantesco cetaceo del passato) e di alcuni reperti animali...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati di Harvard e della Columbia University ha messo a punto un processo chimico per trasformare la luce infrarossa in luce visibile, una tecnica che in futuro permetterà di utilizzare innocue radiazioni luminose a scopo terapeutico...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Secondo una recente e bizzarra teoria c'è un altro Universo dove tutto è fatto principalmente di antimateria, un Universo speculare al nostro. Bizzarra o meno, con questa ipotesi un team di scienziati canadesi afferma di poter rispondere ad alcune...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Non crescono più in fretta se glielo chiedete, e non è detto che apprezzino Mozart: in ogni caso può darsi che le piante ci sentano, ma soprattutto, che sentano gli esseri viventi cui più di tutti sono interessate, gli impollinatori. Due...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Chi vive nelle grandi città si rassegni: ha più probabilità di ammalarsi perché l'influenza dura di più. Anche se, sian ben chiaro, non esistono metropoli più o meno sicure. È quanto rivela una ricerca basata su un'analisi di tipo ...

Pubblicato martedì, 15 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Fino a non molto tempo capitava di sentire parlare di Venere come del gemello sfortunato della Terra. In realtà quanto più lo si studia, tanto più ci si rende conto della profonda diversità tra i due pianeti, la cui...