Parkinson: la stimolazione cerebrale profonda ricarica le batterie delle cellule cerebrali

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

Un piccolo studio preliminare compiuto dai ricercatori dell'Imperial College London fornisce nuovi indizi sul perché un trattamento usato per lenire i sintomi del Parkinson su pazienti che non trovano giovamento dai farmaci sia somministrato, con buoni risultati, da una ventina d'anni.

 

La stimolazione cerebrale profonda (deep brain stimulation, DBS) prevede l'inserimento di un elettrodo in un punto preciso del cervello collegato a un generatore di impulsi (un pacemaker) nella regione sottocutanea del torace. I piccoli impulsi elettrici che arrivano al cervello aiutano a ottenere una riduzione temporanea, ma significativa, dei sintomi più evidenti della malattia di Parkinson, come i tremori nei movimenti.

 



Sabato 23 marzo 2019 si tiene a Firenze il 41° Convegno Nazionale dell'Associazione Italiana Parkinsoniani (AIP), tradizionale appuntamento che promuove la corretta informazione sulla malattia di Parkinson e parkinsonismi, con la presenza di medici e ricercatori di assoluta rilevanza nel trattamento della malattia. Il convegno è l'occasione per fare il punto sullo stato della ricerca, sui nuovi farmaci a disposizione, sulle nuove terapie chirurgiche poco traumatiche e sulla ricerca scientifica. Per informazioni sul programma e sulla disponibilità di posti: parkinson.it.


Un numero limitato di pazienti, in fase avanzata della patologia e poco sensibili ai farmaci, finisce per ricevere il trattamento. Ma a fronte di risultati soddisfacenti, il motivo del funzionamento della DBS è rimasto a lungo poco chiaro. Il nuovo studio sembra indicare che la stimolazione cerebrale profonda incrementi e fortifichi le "pile" delle cellule cerebrali, i mitocondri. Questo beneficio riattiverebbe i neuroni danneggiati determinando un miglioramento motorio.

 

Meno controllo. La malattia di Parkinson, che secondo alcune stime interesserebbe almeno mezzo milione di pazienti in Italia, comporta la progressiva perdita di cellule in un'area del cervello chiamata substantia nigra o sostanza nera, che produce il neurotrasmettitore dopamina, fondamentale per distribuire i "comandi" per il controllo dei movimenti del corpo. Come risultato, chi è colpito dalla malattia avverte tremori, lentezza e incertezza nell'iniziare a muoversi, disfagia (difficoltà a deglutire): sintomi che rendono sempre più complesso gestire le attività di tutti i giorni.


Morbo di Parkinson: se è una malattia autoimmune cambia tutto



Le cause iniziali della malattia non sono note, ma un recente filone di studi ha evidenziato che i neuroni della sostanza nera dei pazienti hanno meno mitocondri - le strutture che forniscono energia alle cellule e che le tengono in vita.

 

Mitocondri "dopati". Gli scienziati britannici hanno studiato le cellule cerebrali di tre pazienti con Parkinson deceduti che erano stati trattati con DBS; di quattro che avevano avuto il Parkinson ma non avevano ricevuto il trattamento; e di tre senza Parkinson. Le cellule cerebrali dei pazienti del primo gruppo mostravano un più alto numero di mitocondri, e in dimensioni maggiori, di quelli non trattati: una caratteristica che sembra suggerire una migliore produzione energetica.

 

Se i risultati fossero confermati su un numero maggiore di pazienti, si potrebbero studiare nuovi trattamenti per prolungare vita e funzioni dei mitocondri, anche a livello farmacologico: si punterebbe così tenere a bada più a lungo i sintomi della malattia, con procedure meno invasive. 

 

8 modi piacevoli di prevenire il declino cognitivo


Vai alla gallery (9 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

La conferma arriva dalla Spagna: il calabrone bicolore (Vespa bicolor), un imenottero asiatico dalla colorazione particolarmente brillante, si riproduce in Spagna, nella provincia di Malaga, e potrebbe aver stabilito così una...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

Nella serie televisiva Homeland il protagonista uccide il Vicepresidente degli Stati Uniti manomettendo da remoto il suo pacemaker. Ma quanto è reale questo rischio? È davvero possibile che un hacker riesca ad accedere a un dispositivo medico...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Le più antiche, elementari forme di vita sulla Terra sorsero probabilmente nei laghi poco profondi, e non negli oceani primordiali. Lo sostiene uno studio del MIT pubblicato su Geochemistry, Geophysics, Geosystems, che prende in considerazione...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Il ruolo del microbiota intestinale nella salute dell'organismo è sempre più spesso sotto le lenti degli scienziati: di particolare interesse sono gli studi sul cosiddetto asse intestino-cervello, che indagano la capacità dei microrganismi digerenti...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Uno sbiadito bagliore, molto breve, proveniente da una galassia lontanissima, ha permesso agli astronomi di assistere a una prima assoluta: la nascita di un sistema binario di stelle di neutroni (compact neutron star binary)....

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

L'85 per cento trova subito un impiego e il 45 per cento un contratto a tempo indeterminato: sono alcune delle cifre che rendono la formazione professionale il fiore all'occhiello della Regione Lombardia. “Costruendo voi stessi oggi, costruirete il...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

La capacità dei batteri di sviluppare resistenza agli antibiotici è ben conosciuta: meno spesso si dice che anche i funghi hanno sviuppato questo super potere. È forse anche per questo che un fungo...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

Lo Spazio non ha riguardi per il corpo umano: da quel poco che sappiamo sulle missioni spaziali di lunga durata, appreso nell'ambiente ancora relativamente protetto della ISS, il nostro organismo risente delle condizioni di microgravità, delle...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

I flussi piroclastici sono le valanghe di cenere, gas e rocce che possono precipitare a valle da alcuni vulcani durante un'eruzione, così velocemente che sembrano violare le leggi della fisica. I materiali di cui sono composti dovrebbero fare...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Le origini dell’uovo di cioccolato sono da ricondurre al re Sole, Luigi XIV. Fu lui che per primo, a inizio Settecento, fece realizzare un uovo di crema di cacao al suo chocolatier di corte. L'usanza di regalare le uova a...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Non è facile osservare un "funerale" tra gorilla: i primati morenti spesso si allontanano dal gruppo per andarsene in disparte, e i gesti esibiti dagli esemplari ospiti di riserve o giardini zoologici non sono scientificamente attendibili. Così la...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

La città di New York ha dichiarato uno stato di emergenza sanitaria martedì 9 aprile a causa dell'aggravarsi di un'epidemia di morbillo nei quartieri di Brooklyn e del Queens. Da ottobre 2018 all'8 aprile 2019 ci sono stati almeno 285 casi di contagio, ...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Si ipotizza che gli asteroidi composti quasi unicamente da metalli nacquero all'inizio della storia del Sistema Solare, quando i pianeti si stavano ancora formando. È possibile che in quel caos creativo planetesimali, planetesimi e protopianeti, tutti...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Focus.it

Contenuto sponsorizzato a cura di Enel X   Enel X schiaccia il piede sull'acceleratore e punta dritto verso mobilità sostenibile e smart home. La società che si occupa di innovazione e...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Focus.it

La plastica galleggiante onnipresente nei mari non è che una minuscola frazione di quella che gettiamo: si stima che soltanto 250.000 di 4-12 milioni di tonnellate di plastica che ogni anno si riversano negli oceani affiorino in superficie: di tutto il...