Pacemaker (e altri dispositivi biomedicali) a prova di hacker

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

Nella serie televisiva Homeland il protagonista uccide il Vicepresidente degli Stati Uniti manomettendo da remoto il suo pacemaker. Ma quanto è reale questo rischio? È davvero possibile che un hacker riesca ad accedere a un dispositivo medico impiantato nel nostro corpo e disattivarlo o modificarne il funzionamento?


Troppo wireless. Apparecchi come pacemaker e pompe per l’insulina di ultima generazione sono dotati di connessione wireless che permette a medici e ingegneri di controllarne il funzionamento da remoto senza bisogno di intervenire chirurgicamente sui pazienti.

 

Questi dispositivi utilizzano connettività wi-fi o bluetooth che, teoricamente, potrebbe essere violata da un malintenzionato in azione a decine o centinaia di metri di distanza.



Anche se fino ad oggi non sono mai stati registrati casi di hackeraggio di pacemaker o di altri impianti, la Food and Drug Administration ha presentato, già da qualche anno, una proposta di legge che stabilisce rigidi protocolli di cybersicurezza per tutte le apparecchiature biomedicali.

 



Wi-Fi e Bluetooth formano attorno al nostro corpo una rete wireless intercettabile da diversi metri di distanza. | Purdue University


Cuore,e non solo, al sicuro. Un team di ricercatori della Purdue University si è spinto oltre, e ha messo a punto una nuova tecnologia che rende di fatto impossibile l’accesso non autorizzato a pacemaker, pompe per l’insulina ma anche a dispositivi indossabili di utilizzo più comune come smartwatch, sensori per il fitness o braccialetti che tracciano il sonno.


Secondo Deyaban Sen, coordinatore della ricerca, tutti i dispositivi elettronici che portiamo quotidianamente addosso e che comunicano costantemente tra loro, formano un vero e proprio body network, una rete wireless collegata a Internet dove scorrono centinaia di informazioni sul nostro stato di salute, ma anche sulle nostre abitudini, sui nostri spostamenti, sulle nostra vita di tutti i giorni.


Se un malintenzionato riuscisse ad accedere a questa rete, oltre che manomettere i dispositivi, potrebbe banalmente impossessarsi di dati su di noi: sulla nostra condizione fisica, sulla nostra routine del sonno, sui nostri spostamenti e molto altro ancora.


Il team di ricercatori ha messo in sicurezza la body network contenendo il segnale all’interno del corpo umano: smartwatch, smartphone, apparecchi biomedicali e sensori vari comunicano tra loro utilizzando come conduttore gli stessi tessuti corporei.

 



Il dispositivo della Purdue University permette di tenere i segnali di tutti i dispositivi che indossiamo dentro al nostro corpo. | Purdue University


La rete  dentro di te. Il segnale elettromagnetico non viene quindi più trasmesso via etere dal bluetooth, ma viene diffuso lungo la pelle e i tessuti adiposi. Queste comunicazioni non possono più essere intercettate da remoto, ma solo da dispositivi fisicamente a contatto con il corpo dell’interessato: al momento in


Gli scienziati della Purdue hanno messo a punto un sistema di comunicazione, che utilizza particolari circuiti elettrici, che richiede pochissima energia per funzionare e che permette di realizzare una body network completamente sicura: a fare da "punto di accesso" per i collegamenti da remoto (per esempio per acquisire i parametri misurati) è, in questo caso, lo smartphone della persona monitorata (smartphone che dovrebbe comunicare in modo sicuro, almeno lui, con l'esterno).


Il prossimo obiettivo dei ricercatori è quello di integrare questa tecnologia in un circuito microscopico, facilmente installabile in tutti i sistemi indossabili e nei dispositivi biomedicali.

 

Immagini dinamiche del cuore in 3D


Vai alla gallery (6 foto)

Tag: #Tecnologia

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato mercoledì, 22 maggio 2019 ‐ Focus.it

La stragrande maggioranza dei fossili terrestri si trova nelle rocce sedimentarie, ma la superficie di Marte è coperta da rocce magmatiche. Questo sarà d'ostacolo ai rover Mars 2020 (Nasa) e ExoMars (Esa), che nel 2021 saranno sul Pianeta Rosso proprio ...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Focus.it

La biodiversità non è un lusso, ma un prerequisito fondamentale del benessere dei viventi - incluso l'uomo, consumatore per eccellenza nella catena alimentare. Quest'anno la Giornata mondiale della biodiversità, istituita dall'Assemblea...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Focus.it

Benvenuti nel nido di un falco pescatore, un rapace dall'apertura alare di 180 cm che – come dice il nome – si nutre quasi esclusivamente di pesce. Questo nido, su cui è puntata la webcam, si trova in Scozia, nella riserva del Loch of the...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Focus.it

Sono 111 in Italia (22 solo in Lombardia) e circa 5.000 nel mondo le piattaforme chirurgiche da Vinci, in molti ambiti considerate oggi più efficaci e sicure della chirurgia tradizionale - per esempio prostatectomia, urologia e ginecologia, trapianti,...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Focus.it

In microgravità, i fluidi che ci irrorano tendono a concentrarsi nella parte superiore del corpo: è per questo che dopo alcuni mesi sulla Stazione spaziale internazionale gli astronauti hanno il volto più gonfio. Ora uno studio pubblicato su...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Focus.it

Un raggio di luce che tocca il cielo di Parigi, una brillante fiamma dorata, un tetto con la struttura a diamante, un altro trasformato in giardino... benvenuti nel fantasioso mondo di architetti e archistar che si sono già sbizzariti a proporre le loro ...

Pubblicato martedì, 21 maggio 2019 ‐ Focus.it

Nell'agosto del 1945, dopo il primo attacco nucleare della storia, solo il 10% degli edifici di Hiroshima era ancora in piedi: gran parte della città fu ridotta in cenere dalla bomba e dagli incendi che seguirono. Dov'è finita la cenere di quei giorni...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Focus.it

Come se non bastasse la minaccia di pesticidi e parassiti, a funestare la Giornata mondiale delle api, istituita dall'ONU il 20 maggio (per la prima volta nel 2018), in riconoscimento del ruolo fondamentale di questi impollinatori, ci si ...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Focus.it

Ricordate il famoso indovinello, pesa di più un chilo di ferro o un chilo di paglia? Probabilmente tutti pensano di saper rispondere, eppure (in realtà) finora non era per nulla scontato che i due chilogrammi pesassero sempre allo stesso modo...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Focus.it

Spesso trascurati a favore delle api, i bombi (Bombus) sono impollinatori fondamentali per la sicurezza alimentare umana: promuovono la biodiversità, ma allo stesso tempo dipendono da essa. Secondo uno studio di recente...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Focus.it

La navicella spaziale LighSail 2, di Planetary Society, è pronta a partire per una missione dimostrativa della potenza del Sole come forza propulsiva di sonde di quel tipo: 5 kg di tecnologia impacchettata in un CubeSat grande...

Pubblicato lunedì, 20 maggio 2019 ‐ Focus.it

Durante l'inverno un singolo alveare ospita 10-20.000 individui: con l'arrivo della primavera la popolazione inizia rapidamente a crescere e può "visitare" fino a 225.000 fiori al giorno, per arrivare in piena estate a contare...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Focus.it

«La Stazione spaziale internazionale, in orbita ormai da vent'anni, è stato davvero uno dei primi esempi di economia circolare: a bordo l'acqua e l'aria vengono costantemente riciclati, nulla si perde, nulla si spreca. In questo come in tanti altri...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Focus.it

Il passaggio nello stretto canale del parto deforma il flessibile cranio dei (quasi) neonati: le ossa non ancora fuse si sovrappongono, il cervello cambia forma e la testa assume temporaneamente un aspetto "a cono". Questa notevole capacità di...

Pubblicato domenica, 19 maggio 2019 ‐ Focus.it

Se c'è una certezza nel mondo delle auto è che tutte le grandi aziende vedono il proprio futuro come produttori di auto a guida autonoma, alimentate da batterie elettriche e connesse tra loro per offrire servizi di mobilità condivisa. E anche Renualt...