Oumuamua e gli altri visitatori interstellari: i semi di nuovi pianeti

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Focus.it

Gli oggetti interstellari come quello che di recente ha attraversato il Sistema Solare interno, Oumuamua, potrebbero accelerare la formazione di pianeti nelle nubi di gas che circondano le stelle appena formate. Lo sostiene una ricerca del Jülich Supercomputing Center, in Germania, e della Queen's University Belfast (Irlanda del Nord) pubblicata su The Astrophysical Journal Letters.

 

Lenta aggregazione. Il meccanismo di formazione dei sistemi planetari è oggi piuttosto conosciuto: all'origine dei corpi celesti ci sono gli elementi di base delle nubi stellari (idrogeno, elio e tracce di elementi pesanti), che iniziano a contrarsi e a radunarsi in piccoli nuclei, tenuti insieme da forze microgravitarie. Di norma si tratta di un processo molto lento, perché avviene all'inizio su base molecolare.

 

Ma quando gli aggregati diventano più consistenti, formando i cosiddetti planetesimi (i corpi celesti in orbita attorno a una giovane stella che, aggregandosi, daranno origine ai pianeti veri e propri), la produzione "prende velocità" e il vicinato stellare si anima di continue collisioni e rimbalzi tra frammenti di pianeti.


Oumuamua potrebbe dare un passaggio ai mattoni base della vita?





Un ricostruzione di come potrebbe essere l'asteroide Oumuamua. Da dove arriva il sigaro interstellare? | ESO


Non così rari. Secondo gli scienziati, la formazione planetaria dà origine a una grande quantità di oggetti simili ad Oumuamua, allungati e a forma di sigaro, che riempiono lo spazio interstellare a una concentrazione di un trilione (mille miliardi) di oggetti celesti ogni 3,3 anni luce: significa che in ogni sistema planetario si trovano da uno a dieci milioni di questi planetesimi.

 

Accentratori. I grossi oggetti celesti si comportano come un cristallo di sale aggiunto a una soluzione già supersatura, che attira a sé le molecole di sale disciolte e facilita l'aggregazione di cristalli. Con i planetesimi avviene un processo analogo, non chimico ma gravitazionale: questi oggetti dalla forma allungata attrarrebbero detriti e gas attorno a sé fungendo da base per il futuro pianeta.

 

In base alla nuova teoria, il ruolo di oggetti come Oumuamua nell'accelerare la formazione planetaria potrebbe spiegare la presenza di pianeti già fatti e finiti anche attorno a stelle molto giovani. Inoltre, a mano a mano che si formano nuovi sistemi planetari, il numero di planetesimi aumenta in una sorta di "effetto cascata", aiutando a costruire i pianeti di nuova generazione.

 

Viaggio nel Sistema Solare


Vai alla gallery (19 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Piuttosto basso, sanguigno, eccelso suonatore di mandolino. Vincenzo Peruggia, ventinovenne stuccatore e decoratore originario di Dumenza, in provincia di Varese, risponde a parecchi degli stereotipi sugli immigrati.   La mattina di lunedì 21...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Il lago Roopkund è una piccola perla d'acqua incastonata tra le montagne dell’Himalaya, a 5.029 metri sul livello del mare: piccola, perché è più una pozza che un lago, con i suoi 40 metri appena di diametro. Con una brutta fama,...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Il primo viaggio di andata e ritorno a Marte vedrà impegnata anche l’Europa, impegnata a riportare a Terra campioni di suolo marziano. Sarà un passo decisivo per verificare se sul Pianeta Rosso siano mai esistite la vita o le condizioni per...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Da alcuni anni un gruppo di scienziati dell'Università di Harvard si prepara a lanciare un pallone atmosferico a 20 km dalla superficie terrestre con l'obiettivo di rilasciare aerosol riflettenti che possano rispedire al mittente parte della...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Il tardigrado, chiamato anche orsetto d'acqua, è un minuscolo animale conosciuto da biologi (anche) per la sua incredibile resistenza. Può infatti sopravvivere alle alte e basse temperature, alle radiazioni e alle pressioni estreme. Resiste...

Pubblicato martedì, 20 agosto 2019 ‐ Focus.it

Lo ha colpito con violenza con una mazza, forse di pietra, che gli ha spezzato l'osso parietale e occipitale, e poi lo ha lasciato morire. I nomi dell'omicida e della vittima non li sapremo mai. Ma ora abbiamo la certezza che il fossile di Cioclovina, il ...

Pubblicato martedì, 20 agosto 2019 ‐ Focus.it

Nel pomeriggio del 31 luglio una nuova versione della storica navicella da carico russa Progress, la MS-12, è stata lanciata verso la Stazione spaziale internazionale con carburante, esperimenti e rifornimenti per gli astronauti (le Progress non portano ...

Pubblicato martedì, 20 agosto 2019 ‐ Focus.it

La nuova invenzione di un team di ricercatori dell’Arabia Saudita potrebbe rivoluzionare la vita a milioni di persone costrette a combattere quotidianamente con la mancanza di acqua potabile ed energia. Peng Wang e i suoi colleghi della King...

Pubblicato martedì, 20 agosto 2019 ‐ Focus.it

Una importante organizzazione non profit per la ricerca sul cancro, Cancer Research UK, è stata sommersa da critiche sui social per una recente campagna pubblicitaria un po' controversa: una serie di cartelloni che mostrano pacchetti di sigarette con...

Pubblicato lunedì, 19 agosto 2019 ‐ Focus.it

Il Doodle di oggi 20 agosto celebra una famosissima cantante taiwanese, Fong Fei-Fei (qui il suo sito ufficiale), forse a noi italiani poco nota, ma molto celebre in Estremo Oriente. Era nata proprio 66 anni fa, il 20 agosto 1953 a Taoyuan, una città...

Pubblicato lunedì, 19 agosto 2019 ‐ Focus.it

Una importante organizzazione non profit per la ricerca sul cancro, Cancer Research UK, è stata sommersa da critiche sui social per una recente campagna pubblicitaria un po' controversa: una serie di cartelloni che mostrano pacchetti di sigarette con...

Pubblicato lunedì, 19 agosto 2019 ‐ Focus.it

Ogni anno in autunno ha luogo un'imponente migrazione di farfalle monarca (Danaus plexippus) da Canada e Stati Uniti, verso il sud. Questi lepidotteri nero-arancio, per sfuggire ai rigori invernali del Nord America, raggiungono una piccola valle ...

Pubblicato lunedì, 19 agosto 2019 ‐ Focus.it

Per erodere la comune percezione della gravità dei cambiamenti climatici non occorre censurare con clamore gli studi scientifici sul tema: è sufficiente rimuovere chirurgicamente i termini che si riferiscono al riscaldamento globale dai comunicati...

Pubblicato domenica, 18 agosto 2019 ‐ Focus.it

Da circa 100 milioni di anni fa a oggi la Via Lattea, la nostra galassia, sta vibrando come fosse una campana. Le possibili cause sono due: le conseguenze dello scontro con una piccola galassia che ci faceva da satellite oppure l'impatto con un corpo...

Pubblicato domenica, 18 agosto 2019 ‐ Focus.it

Una nuova tattica si aggiunge alla guerra senza esclusione di colpi tra insetti e pipistrelli: in base a uno studio pubblicato su Current Biology, i piccoli mammiferi sanno regolare l'angolazione del loro sonar biologico per scovare anche le...