Migliaia di stelle della Via Lattea sono ora sfere di cristallo

Pubblicato mercoledì, 09 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Gli ultimi scampoli di stelle, ciò che rimane dei più antichi astri dell'Universo, si trasformano in cristalli alla fine della loro vita: questa fase di transizione era già stata ipotizzata cinquant'anni fa, ma ora un gruppo di scienziati britannici ne ha trovate le prove dirette, e pensa che la nostra galassia sia piena di questi "gioielli".

 

Indurite dall'età. L'analisi dei residui di stelle simili al Sole - le nane bianche - compiuta con il satellite dell'ESA Gaia, dimostra che le più antiche di esse, cioè le più avanti nel processo che progressivamente le "spegne", hanno ora un nucleo solido di ossigeno e carbonio: il risultato di un passaggio di fase - termine che descrive fenomeni anche molto comuni, come la transizione che trasforma l'acqua in ghiaccio (ma per le stelle, naturalmente, le temperature in gioco sono ben diverse).

 

Poiché il processo di cristallizzazione comporta un rilascio anomalo di calore, e dal momento che il progressivo calo di temperatura è usato per stimare l'età delle nane bianche, si pensa che le nane bianche studiate finora potrebbero essere più antiche di quanto si pensasse. La ricerca guidata da Pier-Emmanuel Tremblay, fisico dell'Università di Warwick (Regno Unito), è stata appena pubblicata su Nature.  

 



Il Sole, immaginato come potrebbe essere quando si troverà nello stadio di gigante rossa: che cosa accadrà alla morte del Sole? | Shutterstock


Punti di riferimento. Le nane bianche sono nuclei residui di giganti rosse (il secondo stadio dell'evoluzione stellare, cui è destinato anche il nostro Sole), dopo che queste hanno dissipato tutti gli strati più esterni, e iniziato il processo un graduale processo di raffreddamento che dura miliardi di anni.

 

Poiché il loro ciclo di trasformazioni è oggi ben conosciuto, le nane bianche vengono usate come "orologi cosmici", per stimare l'età delle stelle vicine con un buon livello di precisione.

Piccolo atlante dei colori delle stelle

Fuori dalle regole. Gli scienziati britannici hanno selezionato quindicimila nane bianche nel raggio di 300 anni luce dalla Terra e ne hanno analizzato luminosità e colore con gli strumenti del satellite GAIA, dell'Agenzia spaziale europea, che sta portando avanti un progetto di mappatura 3D senza precedenti delle stelle della Via Lattea. I dati hanno evidenziato la presenza di un buon numero di nane bianche che non rientravano nei parametri noti di massa ed età stellare, per un'anomalia di temperatura.

 

Come previsto. Quando questi valori anomali sono stati confrontati con i modelli sull'evoluzione stellare, si è capito che le stelle in questione appartengono a un gruppo teorizzato cinquant'anni fa: sono cioè nane bianche che hanno completato la fase di cristallizzazione del nucleo.

 

La cristallizzazione è un processo di passaggio allo stato solido, durante il quale gli atomi formano una struttura ordinata. Le pressioni estreme nei nuclei delle nane bianche separano gli elettroni atomici lasciando nuclei fluidi e a carica positiva circondati da un gas elettricamente carico. Quando il nucleo si raffredda fino a 10 milioni di gradi, l'energia in eccesso viene rilasciata; il nucleo si solidifica formando un cuore metallico rafforzato in carbonio.

 



La Via Lattea si allunga nel cielo riflesso dalle acque della Cable Bay, in Nuova Zelanda. La nostra galassia è piena di sfere di cristallo. | Mark Gee, Insight Investment Astronomy Photographer of the Year


 

Più vecchie di quel che sembra. L'avvenuta cristallizzazione comporta il rilascio del calore in eccesso: lo stesso osservato da GAIA. Questa vampata di calore rallenta il processo di raffreddamento anche di 2 miliardi di anni (il 15% circa dell'età della Via Lattea). Questo significa che alcune nane bianche ritenute "giovani" perché ancora troppo calde sono in realtà miliardi anni più antiche di quanto credessimo: il rilascio di calore era dovuto soltanto alla cristallizzazione finale.

 

«Tutte le nane bianche cristallizzano a un certo punto della loro evoluzione - spiega Tremblay - anche se le più massive affrontano il processo prima delle altre. Miliardi di nane bianche nella nostra galassia hanno già completato la trasformazione e sono essenzialmente sfere di cristallo nel cielo. Anche il Sole diventerà una nana bianca cristallizzata, tra circa 10 miliardi di anni.»

 

Il conoscitore delle stelle. Il team ha osservato un eccesso di energia addirittura maggiore di quello teorizzato, dovuto, si pensa, al fatto che l'ossigeno nel nucleo si cristallizza per primo e poi "sprofonda", come fosse il sedimento in un fiume. La sua separazione dal carbonio rilascia energia gravitazionale.

 

Le osservazioni di GAIA aiuteranno a stabilire accuratamente l'età delle nane bianche più antiche della Via Lattea, sincronizzando i nostri "orologi" stellari. Prima del satellite dell'Esa, si conoscevano distanza e luminosità precise di 100-200 nane bianche: adesso, di 200.000.

 

Che cosa accadrà alla morte del Sole?


Vai alla gallery (11 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Provate a immaginare: un parassita trova la via per entrare nel vostro corpo e, in men che non si dica, prende possesso della vostra mente. Vi sembra un'ipotesi suggestiva, ma poco realistica, che potrebbe al massimo ispirare romanzi e film horror? Vi...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati coordinati da Mark Cheung, del Lockheed Martin Solar and Astrophysics Laboratory di Palo Alto (Usa), ha sviluppato la prima simulazione completa del ciclo di vita di un brillamento solare (flare): dall'accumulo di energia...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Se immaginiamo un miniatore chino su un manoscritto antico a decorare l'iniziale di un paragrafo, pensiamo tipicamente a un uomo, un monaco dotto e di una certa età. Ma l'arte di copiare i codici classici e dipingerne i capilettera non era soltanto...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Il nome vuol dire “piccolo cervello”, e finora al cervelletto, per quanto importante, era stato riconosciuto il ruolo di protagonista solo nella funzione del controllo del movimento, in particolare della coordinazione e dell’equilibrio. Invece pare ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

I batteri che colonizzano in modo pacifico il nostro intestino hanno un ruolo importante nella digestione, nella regolazione del sistema immunitario, forse persino nella genesi di alcune malattie neurodegenerative. Ora un'analisi di questi microrganismi...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

L’asteroide dei dinosauri, quello da 14 chilometri di diametro che impattò tra il Messico e l’Oceano Atlantico circa 66 milioni di anni fa, non solo scombussolò il clima del pianeta al punto da causare o con-causare la scomparsa di ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Addio foglioline lunari: è stato bello, finché è durato. A tre giorni dalla notizia del primo seme germogliato sulla Luna, all'interno del lander cinese Chang'E-4, la pianta di cotone di cui tutti parlavano è morta... congelata. Per sopravvivere...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Siamo abituati a vederle come pacifiche divoratrici di plancton, ma un tempo i banchetti delle balene erano più variegati e cruenti: l'analisi di un fossile di Basilosaurus isis (un gigantesco cetaceo del passato) e di alcuni reperti animali...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati di Harvard e della Columbia University ha messo a punto un processo chimico per trasformare la luce infrarossa in luce visibile, una tecnica che in futuro permetterà di utilizzare innocue radiazioni luminose a scopo terapeutico...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Secondo una recente e bizzarra teoria c'è un altro Universo dove tutto è fatto principalmente di antimateria, un Universo speculare al nostro. Bizzarra o meno, con questa ipotesi un team di scienziati canadesi afferma di poter rispondere ad alcune...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Non crescono più in fretta se glielo chiedete, e non è detto che apprezzino Mozart: in ogni caso può darsi che le piante ci sentano, ma soprattutto, che sentano gli esseri viventi cui più di tutti sono interessate, gli impollinatori. Due...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Chi vive nelle grandi città si rassegni: ha più probabilità di ammalarsi perché l'influenza dura di più. Anche se, sian ben chiaro, non esistono metropoli più o meno sicure. È quanto rivela una ricerca basata su un'analisi di tipo ...

Pubblicato martedì, 15 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Fino a non molto tempo capitava di sentire parlare di Venere come del gemello sfortunato della Terra. In realtà quanto più lo si studia, tanto più ci si rende conto della profonda diversità tra i due pianeti, la cui...