Mano robotica: il primo impianto permanente

Pubblicato giovedì, 07 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Una donna svedese è diventata la prima paziente al mondo a ricevere un impianto transradiale (cioè sotto il gomito) di una mano robotica con sensibilità tattile, che potrà usare anche fuori dal laboratorio, nella vita di tutti i giorni. In un intervento pionieristico eseguito in Svezia, nelle due ossa dell'avambraccio della donna sono stati inseriti impianti in titanio dai quali si estendono 16 elettrodi che raggiungono i nervi e i muscoli del moncone, e fanno da "ponte" tra il cervello e la mano artificiale.

 

Gli elettrodi permettono di portare segnali motori alla mano, controllandone i movimenti, e anche di ricevere sensazioni tattili. È la prima volta che una protesi robotica di mano abile nei movimenti e "senziente" viene impiantata in modo permanente.

 

La protesi è stata sviluppata in Italia dalla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e dalla sua spin-off Prensilia, mentre l'intervento di impianto è stato eseguito presso lo Sahlgrenska University Hospital da Max Ortiz Catalan di Integrum, azienda specializzata in osteointegrazione, in collaborazione con la Chalmers University of Technology.

 



Alcuni esempi delle capacità della mano robotica sviluppata in Italia. | Prensilia/Scuola Superiore Sant'Anna/DeTop project


Successo condiviso. L'impianto fa parte del progetto di ricerca DeTOP (Dexterous Transradial Osseointegrated Prosthesis with neural control and sensory feedback), coordinato dall'Istituto di BioRobotica della Sant'Anna di Pisa e finanziato dalla Commissione Europea all'interno del programma Horizon 2020. Del progetto fanno farte, oltre a Prensilia, le Università di Gothenburg e di Lund (Svezia), l'Università di Essex (Regno Unito), il Centro svizzero di Elettronica e Microtecnologia, il Centro Protesi INAIL, l'Università Campus Bio-Medico di Roma e l'Istituto Ortopedico Rizzoli (Bologna).

 

un livello superiore di complessità. Le protesi tradizionali ricorrono ad elettrodi sistemati sulla pelle per estrarre i segnali di controllo motorio dai muscoli del moncone. Non sempre tuttavia questi segnali risultano affidabili, e le informazioni limitate che trasmettono sono sufficienti a compiere un paio di movimenti, di apertura e chiusura della mano. L'impianto di elettrodi in tutti i rimanenti muscoli del moncone consente di trasmettere e ricevere segnali più precisi: ecco perché la paziente è stata sottoposta a un intervento di osteointegrazione.

 

Prima d'ora, questa tecnica era stata sperimentata su un paziente amputato sopra il gomito: il caso dell'amputazione sotto il gomito è più complesso, perché l'impianto deve essere posizionato su due ossa (ulna e radio) e non su uno. Nell'avambraccio ci sono anche più muscoli a controllare il movimento, e questa è un'opportunità che ha consentito un controllo più preciso della protesi.

 

Le attuali mani prostetiche danno inoltre un limitato feedback sensoriale: l'utilizzatore deve ricorrere alla vista mentre le usa, perché non permettono di valutare con certezza la forza impiegata per afferrare un oggetto, di capire quando effettivamente avvenga il contatto o come stia proseguendo il movimento. Impiantando elettrodi sui nervi che prima raggiungevano la mano perduta, questi possono ricevere sensazioni tattili simili a quelle un tempo convogliate alla mano reale.

 



La paziente produce un movimento con una mano virtuale, comandata dagli elettrodi impiantati nell'avambraccio. Prima di "indossare" la protesi è necessario un training per rafforzare i muscoli del moncone. | Dr. Max Ortiz Catalan


Un passo alla volta. Ora la paziente, reduce dall'impianto degli elettrodi, sta seguendo un programma di riabilitazione per rafforzare l'avambraccio e poterlo a breve caricare del peso della mano robotica. Nel frattempo, si sta allenando a comandare la mano attraverso un programma di realtà virtuale.

 

Tra qualche settimana potrà utilizzare la protesi per i compiti funzionali e tattili anche nella vita reale, fuori dal laboratorio: questa è forse la più grossa novità, perché di solito la protesi rimane impiantata per un breve periodo, sufficiente a compiere alcuni test di valutazione. Nei prossimi mesi, altri due pazienti riceveranno impianti di questo tipo, in Italia e in Svezia.

 

Qui sotto, un video che mostra i movimenti della mano:

 



 

10 cose che (forse) non sai sulle tue mani


Vai alla gallery (10 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Focus.it

I cambiamenti climatici influenzano i tempi di fioritura delle piante e i loro habitat di diffusione, e hanno effetto su ibernazione e migrazioni delle specie animali. Che il global warming potesse disturbare i processi di impollinazione era un fatto...

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Focus.it

Nel mondo animale competere per una risorsa è normale, ma non sempre la lotta è una strategia vincente. Meglio mostrarsi aggressivi o risolvere pacificamente il conflitto? È il dilemma che affrontano le vespe parassite della specie Eupelmus...

Pubblicato martedì, 23 luglio 2019 ‐ Focus.it

Uno dei primi esperimenti scientifici depositati sul suolo lunare potrebbe vivere una seconda giovinezza nei futuri programmi della NASA: Doug Currie (Dip. di Fisica dell'Università del Maryland), che nel 1969 aiutò a progettare l'esperimento di...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Focus.it

LightSail 2, la vela solare di Planetary Society che potrebbe rivoluzionare il sistema di propulsione delle sonde spaziali, ci ha regalato nei giorni scorsi alcune magnifiche foto della Terra dalla sua orbita, a 720 km di quota, dove sta affrontando gli...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Focus.it

L'epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo è ora un'emergenza per la salute pubblica di interesse internazionale: lo ha dichiarato mercoledì 17 luglio un portavoce dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, auspicando che si...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Focus.it

Aggiornamento del 22 luglio - Alle 11:13 ora italiana il razzo indiano GSLV Mk.3 è partito dalla rampa di lancio di Sriharikota. A bordo: la sonda Chandrayan-2, diretta alla Luna con otto strumenti scientifici, un lander (Vikram) -...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Focus.it

La comparsa dei sapiens in Europa sarebbe avvenuta 210.000 anni fa, ossia più o meno 160.000 anni prima di quanto si pensava: una differenza non da poco, se venissero confermati i risultati dello studio (pubblicato su Nature) effettuato su...

Pubblicato lunedì, 22 luglio 2019 ‐ Focus.it

Nella vita l'importante è essere convinti e gli americani lo sono sempre stati. Convinti, come disse circa un secolo fa il presidente Woodrow Wilson, di essere "la nazione più giusta, più progressista, più...

Pubblicato domenica, 21 luglio 2019 ‐ Focus.it

Ha fatto discutere la foto scattata da Karen Mason, fotografa naturalista: protagonisti dello scatto postato sul profilo Instagram della Audubon Florida (associazione attiva su tematiche ambientali), catturato sulla spiaggia di Saint Petersburg, in...

Pubblicato domenica, 21 luglio 2019 ‐ Focus.it

21 luglio 1969, ore 2:56 del meridiano di Greenwich. L'astronauta americano Neil Armstrong è il primo essere umano a calpestare il suolo della Luna. Scendendo dalla scaletta del modulo d'atterraggio Lem, allunato 6 ore prima, pronuncia la storica frase: ...

Pubblicato domenica, 21 luglio 2019 ‐ Focus.it

Poco più di due milioni di anni fa compare sulla scena del mondo il genere umano, con l'Homo abilis, e dovranno passare altri 1,8 milioni di anni prima di arrivare ai primi Sapiens. Ma ancora prima, quasi tre milioni di anni fa, altri...

Pubblicato domenica, 21 luglio 2019 ‐ Focus.it

Uno dei pochi americani a non seguire la diretta dell'allunaggio era un assente più che mai giustificato: in quel momento si trovava nel Columbia, sopra al lato nascosto della Luna, tagliato fuori dalle comunicazioni radio con la Terra, l'Eagle e i suoi ...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Focus.it

I sentimenti sono più forti della memoria? Forse è proprio così. Lo vediamo quando un malato di Alzheimer non riconosce più un familiare (un figlio, il compagno di una vita, un fratello...), perché la memoria se n’è andata da tempo, ma il...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Focus.it

Sabato 20 luglio alle 18:28 ora italiana la Soyuz MS-13 porterà Luca Parmitano e i colleghi Andrew Morgan (NASA) e Alexandr Skvortsov (Roscosmos) sulla Stazione spaziale internazionale: per l'astronauta dell'ESA avrà inizio Beyond, la seconda missione...

Pubblicato sabato, 20 luglio 2019 ‐ Focus.it

Le Voyage dans la Lune, di Georges Méliès, è un film del 1902: una decina di minuti, è da molti considerato il primo, vero film della storia del cinema perché racconta una storia, anziché proporre allo spettatore riprese...