L'equinozio di primavera 2019

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Focus.it

Ormai lo sappiamo: astronomi e meteorologi hanno date diverse per l'inizio delle stagioni. I primi guardano alla posizione della Terra nella sua orbita attorno al Sole, con punti di riferimento come l'afelio (quando siamo alla massima distanza dal Sole) il perielio (la minima distanza) e altri ancora. Dal momento che la Terra non orbita intorno al Sole in 365 giorni esatti (come vorrebbe il calendario gregoriano), ci sono delle variazioni (ore e minuti) sul giorno e sull'ora di inizio stagione da un anno all'altro. Per tradizione, noi rispettiamo il calendario degli astronomi: qui sotto, lo schema semplificato dei riferimenti astronomici che regolano l'alternanza delle stagioni.

 



| Horst Frank, via WikiMedia


 

I meteorologi pensano diversamente: quando parlano di meteo pensano alla disposizione delle alte e basse pressioni sull'intero globo. Questi sono gli elementi che contraddistinguono il quadro stagionale e che hanno però il vizio di non rispettare le date astronomiche, ma di correre o rallentare in funzione di una gran quantità di altri fattori. Per esempio, la disposizione barica (il quadro generale delle pressioni) e le temperature del 15 di agosto, in piena estate, sono generalmente ben diverse da quelle del 15 di settembre, che è ancora estate astronomica, ma è già autunno meteorologico. Così, per semplificare il problema, i meteorologi fanno iniziare le loro stagioni il primo giorno del mese in cui cade l'inizio di stagione astronomica: per loro, la primavera 2019 è iniziata il 1° marzo (e così anche per le altre). Qui sotto, uno schema generale dell'inizio e della fine delle stagioni, per astronomi e meteorologi.

 






 

L'equinozio. Torniamo all'astronomia e all'orbita della Terra attorno al Sole: nel momento in cui il pianeta si trova a una delle estremità di quella che abbiamo appunto chiamato linea degli equinozi (vedi lo schema dei riferimenti astronomici), il terminatore, cioè la linea che divide la parte illuminata (diurna) della Terra dalla parte che in quel momento è ancora in ombra (notturna) è perpendicolare all'equatore: passa cioè sia per il Polo Nord sia per il Polo Sud. Il dì e la notte hanno (quasi) la stessa durata: è il giorno che chiamiamo equinozio, dalla parola latina aequinoctium (notte uguale).

 

I due equinozi (primavera e autunno) corrispondono a un preciso evento astronomico, ma in realtà c'è qualche minuto di differenza nella durata del dì (luce) e della notte (buio). Succede perché i raggi del Sole iniziano a inondare una regione della Terra prima che il disco solare sia completamente visibile (all'alba) e scompaiono dopo che è scomparso dalla vista: i minuti di luce che precedono e seguono la completa comparsa o il completo tramonto riducono la durata della notte.

 



L'equinozio visto dal satellite Meteosat: il terminatore, il confine tra il giorno e la notte, passa esattamente per i poli. | Meteosat


Il conto dei minuti spiccioli sposta l'equilibrio tra buio e luce a qualche giorno prima dell'equinozio di primavera e a qualche giorno dopo quello d'autunno, a quello che chiamiamo equilux - quando notte e dì hanno per davvero la stessa durata.

 

Lo slittamento delle date. Il calendario gregoriano è di 365 giorni: è comodo, ma non rispecchia l'anno siderale, ossia l'effettiva durata dell'orbita della Terra attorno al Sole, che è di 365 giorni, 6 ore, 9 minuti e 10 secondi. Per compensare la differenza è stato introdotto il sistema degli anni bisestili, che prevede l'aggiunta di un giorno alla fine di febbraio, in generale per tutti gli anni non secolari (che non segnano il passaggio di secolo) e divisibili per 4: questa soluzione offre una buona approssimazione, ma è comunque un'approssimazione.

 

Per fare tornare i conti la regola non è stata rispettata per il 2000, che è stato bisestile: questo però sta provocando un graduale slittamento all'indietro degli eventi del calendario astronomico. Il cambio di stagione "arretra", anno dopo anno: addirittura, nel 2044 l'equinozio di primavera cadrà per la prima volta il 19 di marzo.

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Focus.it

Ciascuno di noi potrebbe ingerire in media 5 grammi di frammenti di plastica ogni settimana: messi sul palmo della mano peserebbero circa quanto una carta di credito.   Lo dice l'analisi No Plastic in Nature: Assessing Plastic Ingestion from...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Focus.it

Astenersi dal mangiarle faceva parte del percorso di purificazione perseguito da Pitagora (filosofo greco vissuto alla fine del VI secolo a.C.) e dai suoi discepoli.   Simbolismi. All’origine del divieto ci potrebbero essere...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Focus.it

Due ore di immersione settimanale nella natura sono un toccasana per il benessere psicofisico e la qualità della vita, a prescindere da come si passi questo tempo. Che la vicinanza ad aree verdi o al mare sia un balsamo per la salute è un fatto noto,...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Focus.it

Dopo anni in cui sembrava essere passato di moda, il pianeta Venere sta tornando a destare l'interesse degli scienziati. La prima esplorazione in programma è quella dell'ISRO (l’Agenzia Spaziale Indiana) che, nel 2023, con una sonda dovrebbe entrare...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Focus.it

L’accusa di cannibalismo è sempre stata utilizzata per screditare gli avversari. Così, in tempi di guerra fredda si diffuse la diceria secondo cui “i comunisti mangiano i bambini”.   Nasceva probabilmente dal fatto che in Russia, nel...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Focus.it

Il Giro d'Italia, l'Ironman, gli Ultra trail... alcune competizioni spingono ai limiti della resistenza anche gli atleti più allenati. Ma esiste un tetto oltre al quale non è possibile arrivare? Esiste, e non è solo nella mente, come alcuni...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Focus.it

La radioterapia è uno strumento potente e necessario per neutralizzare le cellule tumorali, ma in alcuni casi finisce per danneggiare, insieme ai tessuti malati, anche quelli sani che li circondano. Ora un...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Focus.it

L’esame di maturità è alle porte e Studenti.it, da più di 20 anni a fianco dei ragazzi come supporto allo studio, presenta in esclusiva assoluta il nuovo brano di Lorenzo Baglioni, Maturandi.   Disponibile da oggi su tutti gli store...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Focus.it

Tante attività da svolgere dopo l'orario scolastico potrebbero non fare bene ai bambini, perché ostacolano lo sviluppo della capacità di gestirsi in modo autonomo. Lo sostiene uno studio dell’Università del Colorado, che ha preso in esame 70...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Focus.it

La coltivazione di cannabis in Asia orientale da cui ricavare fibre e semi oleosi era già praticata nel 4000 a.C.. Meno conosciuto e più interessante, dal punto di vista culturale, è però il suo utilizzo come sostanza...

Pubblicato giovedì, 13 giugno 2019 ‐ Focus.it

L’esame di maturità è alle porte e Studenti.it, il portale che da più di 20 anni è a fianco dei ragazzi come supporto allo studio, presenta in esclusiva assoluta il nuovo brano di Lorenzo Baglioni, Maturandi.   Il nuovo inno della...

Pubblicato giovedì, 13 giugno 2019 ‐ Focus.it

Non è un mistero che un elevato consumo di carni rosse e di insaccati sia un fattore di rischio per molte malattie croniche, come il diabete di tipo 2, disturbi cardiocircolatori e alcuni tipi di tumori - circostanze che possono favorire i casi di morte ...

Pubblicato giovedì, 13 giugno 2019 ‐ Focus.it

Si direbbero i resti di un metalupo, vissuto realmente non nelle Terre oltre la Barriera del Trono di Spade, ma nella Siberia preistorica: la testa di un esemplare adulto di lupo gigante del Pleistocene è venuta alla luce nel permafrost del...

Pubblicato giovedì, 13 giugno 2019 ‐ Focus.it

Cosimo I de' Medici, duca di Firenze e poi di Siena, granduca di Toscana, nacque a Firenze, 500 anni fa, il 12 giugno 1519, da Giovanni, detto delle Bande Nere (discendente da un ramo cadetto della famiglia Medici, e da Maria Salviati...

Pubblicato giovedì, 13 giugno 2019 ‐ Focus.it

Si direbbero i resti di un metalupo, vissuto realmente non nelle Terre oltre la Barriera del Trono di Spade, ma nella Siberia preistorica: la testa di un esemplare adulto di lupo gigante del Pleistocene è venuta alla luce nel permafrost del...