Le prime forme di vita sulla Terra? Nacquero nei laghi, non nei mari

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Le più antiche, elementari forme di vita sulla Terra sorsero probabilmente nei laghi poco profondi, e non negli oceani primordiali. Lo sostiene uno studio del MIT pubblicato su Geochemistry, Geophysics, Geosystems, che prende in considerazione un argomento piuttosto semplice: la quantità d'acqua. I bacini poco profondi, di 10 e fino a 100 cm di profondità, dovevano avere, infatti, alte concentrazioni di un elemento fondamentale per la nascita della vita: l'azoto.

 

Due possibili partenze. Le teorie più accreditate sull'origine dei viventi sul nostro Pianeta vedono l'azoto come protagonista, in due possibili reazioni. Nell'oceano profondo, gli ossidi di azoto potrebbero aver interagito con l'anidride carbonica emessa dai camini idrotermali per formare i mattoni alla base degli organismi biologici.

 

Oppure, l'azoto potrebbe aver reagito con l'RNA, l'acido ribonucleico che aiuta a trasmettere le informazioni geniche che regolano la sintesi delle proteine. Si pensa che l'RNA delle origini fosse presente nelle acque primordiali come molecola libera, e che l'interazione con gli ossidi di azoto possa averlo indotto a innescare le prime catene molecolari. Queste reazioni potrebbero essere avvenute sia nei mari, sia nei laghi, dove gli ossidi d'azoto erano presenti come prodotto della rottura dell'azoto atmosferico operata dai fulmini.


L'ingrediente segreto del brodo primordiale



Elementi di disturbo. Tuttavia, il nuovo studio ha identificato due fattori che potrebbero aver distrutto buona parte dell'azoto presente nell'acqua, e nei mari in particolare: i raggi ultravioletti del Sole e il ferro disciolto dalle rocce oceaniche primordiali. Secondo Sukrit Ranjan, ricercatore del Dipartimento di Scienze della Terra, Atmosferiche e Planetarie del MIT, queste reazioni potrebbero aver soppresso le concentrazioni di ossidi di azoto negli oceani, riducendole a una quantità mille volte inferiore a quanto calcolato finora.

 

Nei laghi, il minore volume d'acqua avrebbe invece garantito concentrazioni più alte del prezioso elemento. Raggi UV e ferro disciolto avrebbero avuto un impatto minore, soprattutto negli specchi d'acqua più bassi, di 10-100 cm di profondità per una superficie di poche decine di metri quadrati. Studi passati hanno stimato che 3,9 miliardi di anni fa,  sulla Terra, vi fossero circa 500 km quadrati di stagni e laghi poco profondi. Una superficie irrisoria, ma sufficiente a innescare le reazioni di base per popolare il Pianeta.  

 

Si fa presto a dire lago


Vai alla gallery (13 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Focus.it

Sui libri di scuola il mantello terrestre è quell'involucro dalle tonalità giallo-arancio che separa il nucleo e la crosta. Ma la sua raffigurazione come uno strato omogeneo e uniforme è molto lontana dalla realtà: bisogna invece...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Focus.it

Per la prima volta è stata constatata una variazione secolare del campo magnetico di un altro pianeta, Giove: «una scoperta a cui siamo arrivati solamente grazie agli strumenti della sonda Juno, attorno a Giove dal 2016, proprio per...

Pubblicato sabato, 25 maggio 2019 ‐ Focus.it

Sono giorni difficili (o così si direbbe) per i possessori di smartphone Huawei: il divorzio tra il gigante cinese della tecnologia e Google, imposto dalla Casa Bianca lo scorso 16 maggio, sta suscitando preoccupazioni in milioni di utenti ...

Pubblicato sabato, 25 maggio 2019 ‐ Focus.it

Alito cattivo? Poco importa se mangiare aglio può aiutarci a migliorare la memoria. I ricercatori dell’Università di Louisville (Usa) affermano che consumare abitualmente aglio non solo migliora la memoria, ma...

Pubblicato sabato, 25 maggio 2019 ‐ Focus.it

Più in profondità vive una creatura acquatica, più primitivo sarà il suo sistema visivo: finora questo era uno dei pochi punti fermi di chi studia i pesci abissali, che sono impossibili da prelevare dal loro habitat naturale ...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

La Foresta Rossa, una zona boschiva un tempo costituita da due chilometri di pini silvestri, comincia a soli 500 metri dall'ex complesso nucleare di Chernobyl. Dopo il disastro del 1986, fu una delle aree più colpite dalla ricaduta di...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

Il 24 maggio 1819, duecento anni fa, nacque a Londra Sua Maestà Vittoria, regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda e imperatrice d'India. Il suo lunghissimo regno - durato 63 anni, 7 mesi e due giorni, il secondo più lungo della storia del...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

Che cos'è il populismo? La risposta cambia a seconda che si rivolga la domanda a uno storico o a un politologo, mentre i politici, a seconda di quanto si sentano gratificati o insultati dall'essere chiamati "populisti",...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

Un gruppo di scienziati alimentari che stava studiando il genoma batterico di un ceppo di Salmonella ha individuato in esso un gene che promuove la resistenza alla colistina, un antibiotico di importanza mondiale, perché...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

«Certo che Paperino leggerebbe una rivista scientifica! Così potrebbe vivere avventure fantastiche e straordinarie. Anche con la partecipazione di due scienziati come Archimede e Pico De...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

Venerdì 24 maggio 2019 gli studenti di tutto il mondo scenderanno in piazza per il secondo Global Climate Strike For Future, una manifestazione mondiale per "richiamare" gli adulti, perché siano applicate le disposizioni per arginare il...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

Dopo tre rinvii, si spera che questa sia la volta buona: per le 4:30 (ora italiana) del 24 maggio è previsto il lancio del razzo Falcon 9 di Space X che depositerà su un'orbita a 440 chilometri di altezza (dunque poche decine di chilometri sopra la...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

La prima traccia di un documento che consente di circolare su strada con un autoveicolo (dunque un... antenato della patente B!) si trova in un antico regolamento della circolazione “degli automobili” (allora la parola era di genere maschile,...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

In questo periodo, astrofili di ogni parte del mondo seguono con attenzione l'evoluzione della Grande Macchia Rossa di Giove: sembra che la gigantesca tempesta, in atto da almeno 350 anni, descritta con...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

Poter bloccare immediatamente le emorragie è essenziale nella medicina di emergenza e negli interventi chirurgici. Nella maggior parte dei casi, il sanguinamento incontrollato deriva dalla rottura di un'arteria o dalla lesione di un organo...