L'America in 5 contraddizioni

Pubblicato venerdì, 11 gennaio 2019 ‐ Focus.it

L'America è una nazione di nazioni, diceva Lyndon Johnson, trentaseiesimo presidente degli Stati Uniti, terra ricca di contraddizioni, a partire dal clima: i meteorologi ne contano addirittura nove, da quello desertico del sud-ovest al clima umido continentale del nord-est, dove anche le estati sono fredde. Ma, ancora di più, gli Stati Uniti sono ricchi di contraddizioni culturali e sociali, talmente radicate e complesse che in Europa facciamo fatica a capirle. Eccone alcune.

 

1. Melting pot VS razzismo

L'America è solitamente definita un melting pot, ossia un calderone (di razze) per come si è formata - da genti provenienti da tutto il mondo, emigrate qui in cerca di fortuna e opportunità o anche deportate - col risultato che oggi vi troviamo un'ampia gamma di culture e lingue: ben 21 quelle più parlate, secondo un censimento del 2000. La lingua comune è l'inglese, ma spagnolo, cinese, francese, tedesco, vietnamita, italiano e persino lo yiddish (un ebraico contaminato da diverse lingue europee).

 




Storia dell'emigrazione italiana.


 

Una ricchezza linguistica che di recente è stata messa in discussione: sui social sono apparsi video di persone che litigano proprio sull'uso della lingua nei luoghi pubblici, con i nazionalisti che pretendono che non si parli altra lingua all'infuori dell'inglese - di recente c'è stata anche una recrudescenza del razzismo, che secondo un sondaggio della NBC News, rappresenta ancora un grave problema per il 64% degli americani.

 

2. Solide istituzioni politiche VS un sistema elettorale che esclude gli ultimi

Nel complesso, le istituzioni politiche americane, con la loro attenzione ai diritti civili e la capacità di correggere gli errori nel tempo, hanno rappresentato una delle più evolute forme di democrazia del mondo. Il sistema politico statunitense è generalmente apprezzato perché prevede numerosi controlli ed equilibri che evitano abusi di potere. Non solo: permette a chiunque di candidarsi a un incarico politico, e i cittadini hanno voce in capitolo su come dovrebbero essere fatte le cose sia a livello locale, sia a livello federale. Non è un sistema perfetto, ma permette a chi vuole di far sentire la propria voce all'interno della sua comunità, e, soprattutto, è stabile: i presidenti vengono eletti con cadenza precisa ogni 4 anni, senza sgarrare neppure di un'ora.

La censura americana sui cambiamenti climatici

Per contrasto, gli Stati Uniti hanno però un sistema elettorale complicato, che prevede tra l'altro che non basti avere il diritto di voto per votare: bisogna registrarsi. Scrive Repubblica: "Bisogna anche iscriversi, "registrarsi" come elettore, in certi Stati, dichiarando anche la propria affiliazione (democratico o repubblicano o indipendente). Ci si registra, di solito, negli stessi uffici dove si fa la patente di guida; ma anche per corrispondenza, oppure online, sugli appositi siti governativi...". Questa complicazione, sommata ad altre, come una divisione in collegi che non premia il voto popolare e la richiesta della carta di identità per la registrazione (quando negli Usa questo documento non è obbligatorio) fa sì che gli elettori in grado di eleggere il Presidente passino dai 220 milioni di aventi diritto a meno di 130 milioni, con l'esclusione soprattutto dei più poveri, in particolare di neri e ispanici.

 

3. Bassa disoccupazione VS stacanovismo

In parte varia da stato a stato, ma, nel complesso, l'economia americana, che è la più ricca del mondo, è una delle migliori per le opportunità di lavoro, con molte industrie e imprese tra cui scegliere. Le statistiche sull'occupazione mostrano che chi ha una buona istruzione e spirito di iniziativa, viene ricompensato dei suoi sforzi. A giugno 2018 la disoccupazione negli Usa era infatti tra le più basse del mondo: 4% (in Italia sfiora il 10%). Ma lo stacanovismo è dietro l'angolo: la settimana lavorativa americana è di 40 ore, suddivisa in 5 giorni, ma almeno un americano su 3 lavora molte più ore, al punto che secondo uno studio dell'Arizona State University l'europeo medio lavorerebbe il 19 per cento in meno rispetto a un americano (circa 258 ore di lavoro in meno all'anno, una in meno al giorno). In pratica, secondo questo studio negli Usa le persone lavorano quasi il 25 per cento di ore in più degli europei, e ben il 29% in più degli italiani.

 




Americani e americanate: la pizza, i pellegrini, le mucche (molto) più numerose degli umani, un consumo energetico da paura e la storia del vero Zio Sam. | Shutterstock


 

4. Eccellenza universitaria VS debito studentesco

Negli Usa hanno sede alcune delle migliori università del mondo, tra cui Harvard, Yale, Stanford, il MIT di Boston, Caltech, che occupano le prime posizioni della classifica delle migliori università secondo il QS World University Ranking. Ma la qualità ha un prezzo, secondo alcuni eccessivo: l'enorme costo delle rate, che finisce per gravare sugli studenti. Scrive il Sole 24 ore: "Il debito universitario americano oggi è pari a 1.300 miliardi di dollari, circa la metà di quello pubblico italiano: solo nel quarto trimestre 2016 i debiti per lo studio statunitensi sono aumentati di 31 miliardi di dollari. A dover pagare questi particolari "mutui" sono qualcosa come 42,4 milioni di cittadini statunitensi, dicono i dati del Department of Education, ossia circa un settimo della popolazione. In media, nel 2015 ogni studente californiano aveva oltre ventiduemila dollari di debiti, che salgono a oltre trentaseimila nel New Hampshire".

Da dove arrivarono i primi americani?

5. Ricerca medica all'avanguardia VS sistema sanitario costoso

L'America ha alcuni dei migliori ospedali del mondo, molti dei quali sono anche all'avanguardia nella ricerca medica. Dalla Mayo Clinic alla John Hopkins, questi ospedali sono celebri in tutto il mondo per la varietà di specializzazioni e per il numero di ricerche prodotte. Non solo: gli Usa sono anche all'avanguardia nella ricerca di biologia e medicina, e nella creazione di nuovi farmaci e trattamenti.

 

A questo si contrappone però un sistema sanitario che, secondo uno studio del The Commonwealth Fund sui sistemi sanitari delle nazioni sviluppate, è il peggiore dell'Occidente. I costi sanitari sono così alti che potrebbero facilmente portare un paziente alla bancarotta, se sprovvisto di un'assicurazione - i cui costi per il cittadino partono da circa 300 dollari al mese per arrivare a cifre molto più alte.

 




Curiosità: quante armi circolano negli Usa? | Shutterstock


 

Prima dell'Obamacare, la polizza sanitaria agevolata introdotta dall'amministrazione Obama nel 2010, circa 42 milioni di americani non erano coperti da assicurazione sanitaria. Gli ultimi dati del primo trimestre del 2016 mostrano, invece, che a non essere coperti erano 27,3 milioni di americani, l'8,6% della popolazione. L'attuale amministrazione, guidata da Donald Trump, con l'appoggio di parte dei repubblicani al congresso e di un giudice del Texas che recentemente l'ha dichiarata incostituzionale, vorrebbe smantellare il sistema: la decisione ultima è affidata alla Corte Suprema.

 

Ad oggi il costo complessivo della sanità americana è il più alto del mondo: circa 3.500 miliardi di dollari all'anno per una popolazione di circa 320 milioni di abitanti, che fa quasi 11.000 dollari procapite l'anno contro i 3.600 della media dei paesi OCSE.

Tag: #Cultura

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Provate a immaginare: un parassita trova la via per entrare nel vostro corpo e, in men che non si dica, prende possesso della vostra mente. Vi sembra un'ipotesi suggestiva, ma poco realistica, che potrebbe al massimo ispirare romanzi e film horror? Vi...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati coordinati da Mark Cheung, del Lockheed Martin Solar and Astrophysics Laboratory di Palo Alto (Usa), ha sviluppato la prima simulazione completa del ciclo di vita di un brillamento solare (flare): dall'accumulo di energia...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Se immaginiamo un miniatore chino su un manoscritto antico a decorare l'iniziale di un paragrafo, pensiamo tipicamente a un uomo, un monaco dotto e di una certa età. Ma l'arte di copiare i codici classici e dipingerne i capilettera non era soltanto...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Il nome vuol dire “piccolo cervello”, e finora al cervelletto, per quanto importante, era stato riconosciuto il ruolo di protagonista solo nella funzione del controllo del movimento, in particolare della coordinazione e dell’equilibrio. Invece pare ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

I batteri che colonizzano in modo pacifico il nostro intestino hanno un ruolo importante nella digestione, nella regolazione del sistema immunitario, forse persino nella genesi di alcune malattie neurodegenerative. Ora un'analisi di questi microrganismi...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

L’asteroide dei dinosauri, quello da 14 chilometri di diametro che impattò tra il Messico e l’Oceano Atlantico circa 66 milioni di anni fa, non solo scombussolò il clima del pianeta al punto da causare o con-causare la scomparsa di ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Addio foglioline lunari: è stato bello, finché è durato. A tre giorni dalla notizia del primo seme germogliato sulla Luna, all'interno del lander cinese Chang'E-4, la pianta di cotone di cui tutti parlavano è morta... congelata. Per sopravvivere...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Siamo abituati a vederle come pacifiche divoratrici di plancton, ma un tempo i banchetti delle balene erano più variegati e cruenti: l'analisi di un fossile di Basilosaurus isis (un gigantesco cetaceo del passato) e di alcuni reperti animali...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati di Harvard e della Columbia University ha messo a punto un processo chimico per trasformare la luce infrarossa in luce visibile, una tecnica che in futuro permetterà di utilizzare innocue radiazioni luminose a scopo terapeutico...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Secondo una recente e bizzarra teoria c'è un altro Universo dove tutto è fatto principalmente di antimateria, un Universo speculare al nostro. Bizzarra o meno, con questa ipotesi un team di scienziati canadesi afferma di poter rispondere ad alcune...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Non crescono più in fretta se glielo chiedete, e non è detto che apprezzino Mozart: in ogni caso può darsi che le piante ci sentano, ma soprattutto, che sentano gli esseri viventi cui più di tutti sono interessate, gli impollinatori. Due...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Chi vive nelle grandi città si rassegni: ha più probabilità di ammalarsi perché l'influenza dura di più. Anche se, sian ben chiaro, non esistono metropoli più o meno sicure. È quanto rivela una ricerca basata su un'analisi di tipo ...

Pubblicato martedì, 15 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Fino a non molto tempo capitava di sentire parlare di Venere come del gemello sfortunato della Terra. In realtà quanto più lo si studia, tanto più ci si rende conto della profonda diversità tra i due pianeti, la cui...