La nostra nuova rappresentazione della Via Lattea

Pubblicato lunedì, 11 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Nell'immaginario collettivo la galassia che ci ospita, la Via Lattea, è vista come una specie di disco abbastanza regolare e piuttosto piatto (per quanto, un migliaio di anni luce di spessore non siano proprio "piatto"), composto da qualcosa come 200-300 miliardi di stelle (ed è solamente una stima), con un rigonfiamento al nucleo, attorno al quale ruota tutto il resto (alla velocità stimata di 828.000 km/h: la regione del Sistema Solare fa un giro completo in circa 230 milioni di anni).

 

Se però verrà confermata l'ipotesi avanzata dagli astronomi dell'Accademia cinese delle Scienze bisognerà rivedere questa rappresentazione: per gli scienziati dell'Osservatorio astronomico nazionale cinese (NAOC) la Via Lattea non è un disco ma un piatto deformato, distorto quanto più ci si allontana dal suo centro.

 



Illustrazione schematica: le dimensioni della Via Lattea e la posizione del Sole rispetto al centro galattico. | Luigi Bignami


 

La causa della distorsione sarebbe dovuta all'indebolimento della forza di gravità a mano a mano che ci si allontana dal cuore della Galassia, mentre progressivamente si fanno sentire con maggiore intensità le "forze di contorsione" del disco, col risultato che la vera forma della Via Lattea sarebbe appunto quella di un piatto deformato, quasi una "esse".

 

Xiaodian Chen, coordinatore dello studio (pubblicato su Nature Astronomy), afferma che «gli astronomi sanno bene quanto sia complesso misurare le distanze delle stelle rispetto al Sole nelle parti più esterne della Via Lattea, ma ora, grazie a un nuovo catalogo di stelle che variano la loro luminosità - le cefeidi - e per le quali è possibile determinare la distanza con un margine di errore del 5 per cento, siamo in grado di determinare la forma tridimensionale della Galassia fino alle sue regioni più periferiche».

 



Schema tridimensionale della posizione delle stelle cefeidi, che ha permesso di ottenere un quadro più preciso della morfologia della Via Lattea. Vedi: Che cosa sono le stelle cefeidi? | NAOC


Le cefeidi sono stelle di breve durata, con massa da quattro a venti volte quella del nostro Sole: sono anche 100.000 volte più luminose della nostra stella e variano di luminosità con ritmi ben precisi. Gli astronomi hanno scoperto che c'è una stretta relazione tra il periodo di variabilità e la luminosità assoluta dell'astro, e grazie a queste caratteristiche è possibile risalire con buona precisione alla loro distanza dal Sole.

 

Non è l'unica. Dal catalogo delle cefeidi, alla loro distanza e posizione relativa, alla forma della Via Lattea... Richard de Grijs, uno dei coautori dello studio, aggiunge: «Questo lavoro ha permesso di scoprire che le 1.339 stelle cefeidi studiate si dispongono nella Galassia proprio come il gas che la permea e che nelle regioni esterne della Via Lattea il disco stellare a forma di "esse" è deformato in una spirale che diventa progressivamente più contorta».

Curiosità - Le galassie sono come orologi svizzeri: grandi o piccole che siano, il "bordo" più esterno fa un giro completo attorno al centro in circa un miliardo di anni, anno più, anno meno

La "nuova" struttura della Via Lattea riporta ad alcune precedenti osservazioni di una dozzina di altre galassie che mostrano simili modelli a spirale progressivamente contorti, e fornisce una mappa fondamentale per gli studi sui moti stellari e sulle origini del disco della Via Lattea.

 

12 galassie lontane lontane


Vai alla gallery (12 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

La conferma arriva dalla Spagna: il calabrone bicolore (Vespa bicolor), un imenottero asiatico dalla colorazione particolarmente brillante, si riproduce in Spagna, nella provincia di Malaga, e potrebbe aver stabilito così una...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

Nella serie televisiva Homeland il protagonista uccide il Vicepresidente degli Stati Uniti manomettendo da remoto il suo pacemaker. Ma quanto è reale questo rischio? È davvero possibile che un hacker riesca ad accedere a un dispositivo medico...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Le più antiche, elementari forme di vita sulla Terra sorsero probabilmente nei laghi poco profondi, e non negli oceani primordiali. Lo sostiene uno studio del MIT pubblicato su Geochemistry, Geophysics, Geosystems, che prende in considerazione...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Il ruolo del microbiota intestinale nella salute dell'organismo è sempre più spesso sotto le lenti degli scienziati: di particolare interesse sono gli studi sul cosiddetto asse intestino-cervello, che indagano la capacità dei microrganismi digerenti...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Uno sbiadito bagliore, molto breve, proveniente da una galassia lontanissima, ha permesso agli astronomi di assistere a una prima assoluta: la nascita di un sistema binario di stelle di neutroni (compact neutron star binary)....

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

L'85 per cento trova subito un impiego e il 45 per cento un contratto a tempo indeterminato: sono alcune delle cifre che rendono la formazione professionale il fiore all'occhiello della Regione Lombardia. “Costruendo voi stessi oggi, costruirete il...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

La capacità dei batteri di sviluppare resistenza agli antibiotici è ben conosciuta: meno spesso si dice che anche i funghi hanno sviuppato questo super potere. È forse anche per questo che un fungo...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

Lo Spazio non ha riguardi per il corpo umano: da quel poco che sappiamo sulle missioni spaziali di lunga durata, appreso nell'ambiente ancora relativamente protetto della ISS, il nostro organismo risente delle condizioni di microgravità, delle...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

I flussi piroclastici sono le valanghe di cenere, gas e rocce che possono precipitare a valle da alcuni vulcani durante un'eruzione, così velocemente che sembrano violare le leggi della fisica. I materiali di cui sono composti dovrebbero fare...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Le origini dell’uovo di cioccolato sono da ricondurre al re Sole, Luigi XIV. Fu lui che per primo, a inizio Settecento, fece realizzare un uovo di crema di cacao al suo chocolatier di corte. L'usanza di regalare le uova a...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Non è facile osservare un "funerale" tra gorilla: i primati morenti spesso si allontanano dal gruppo per andarsene in disparte, e i gesti esibiti dagli esemplari ospiti di riserve o giardini zoologici non sono scientificamente attendibili. Così la...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

La città di New York ha dichiarato uno stato di emergenza sanitaria martedì 9 aprile a causa dell'aggravarsi di un'epidemia di morbillo nei quartieri di Brooklyn e del Queens. Da ottobre 2018 all'8 aprile 2019 ci sono stati almeno 285 casi di contagio, ...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Si ipotizza che gli asteroidi composti quasi unicamente da metalli nacquero all'inizio della storia del Sistema Solare, quando i pianeti si stavano ancora formando. È possibile che in quel caos creativo planetesimali, planetesimi e protopianeti, tutti...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Focus.it

Contenuto sponsorizzato a cura di Enel X   Enel X schiaccia il piede sull'acceleratore e punta dritto verso mobilità sostenibile e smart home. La società che si occupa di innovazione e...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Focus.it

La plastica galleggiante onnipresente nei mari non è che una minuscola frazione di quella che gettiamo: si stima che soltanto 250.000 di 4-12 milioni di tonnellate di plastica che ogni anno si riversano negli oceani affiorino in superficie: di tutto il...