La biodiversità in Europa, tra specie aliene e invasive

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

La conferma arriva dalla Spagna: il calabrone bicolore (Vespa bicolor), un imenottero asiatico dalla colorazione particolarmente brillante, si riproduce in Spagna, nella provincia di Malaga, e potrebbe aver stabilito così una testa di ponte in Europa. La specie, originaria del sud-est asiatico, è stata importata accidentalmente in Europa col commercio di legname o di altri materiali.

 

È solo l’ultima di una lunga serie di animali e piante che arrivano sul nostro continente, accidentalmente o meno, e riescono a sopravvivere, e a volte hanno un impatto importante sugli ecosistemi naturali locali.

 

Da lontano. Il fenomeno della diffusione di specie non autoctone in vari continenti è noto da decenni, e ha spinto la comunità degli ecologi e dei biologi a studiare a fondo cosa avviene, a livello teorico e pratico, quando una specie si affaccia a un nuovo ambiente, lontano dal suo originario. Le analisi sono molte e complesse, e arrivano anche a considerazioni quasi filosofiche su quale specie possa essere considerata “aliena”, “invasiva”, “introdotta” e via dicendo. In generale, si può dire che animali e piante arrivate con l’aiuto dell’uomo in luoghi molto lontani dalla loro area di distribuzione originaria dovrebbero essere considerati “alieni”.

 

Da innocue a dannose. Non sempre, anzi, raramente una specie che si affaccia in un ambiente nuovo si trasforma da aliena a invasiva, e procura danni e conseguenze negative agli ecosistemi. Non considerando le specie allevate e coltivate, che rappresentano la stragrande maggioranza di quelle introdotte, alcune si estinguono senza lasciare traccia, altre stabiliscono una piccola popolazione senza incrementare il loro areale o impattare sugli ambienti, altre ancora (in seguito a circostanze fortunate, per loro) riescono a invadere nuovi ecosistemi e stabilire consistenti popolazioni.

 




Myocastor coypus: la nutria (o castorino) è un mammifero roditore originario del Sud America. È tra le 100 specie invasive più dannose al mondo. | WikiMedia


 

Due esempi: il fagiano, importato da qualche millennio per ragioni venatorie, non ha sconvolto le campagne o i boschi che abita. Al contrario, lo storno, introdotto negli Stati Uniti nel 1800 come parte di uno scellerato piano per far vivere negli Stati Uniti tutti gli uccelli menzionati nelle opere di Shakespeare (!), compete con specie autoctone e distrugge le coltivazioni.

 

Specie decisamente invasive sono invece ratti e topi quando sono liberati sulle isole, o l’ailanto (una pianta cinese), che colonizza rapidamente aree anche molto ampie e soffoca i competitori. Sono specie come queste che recano danni per milioni di euro ai Paesi in cui si trovano.

 

Progetto europeo. Per contrastare le specie invasive, nell’ambito dei progetti Interreg (Progetti interregionali cooperativi dell’Unione Europea) è stato avviato il progetto Invalis. Si parte dal dato di fatto, illustrato in un articolo su Journal of applied ecology, che sono circa 1.300 le specie esotiche invasive presenti in Europa che causano danni significativi alla biodiversità europea.

 

Lo scopo di Invalis è “migliorare le politiche per proteggere la biodiversità dalle specie aliene”. Ha coinvolto fin dall'inizio (giugno 2018) 7 partner in 7 nazioni dell’Unione europea (in Italia è la Fondazione Lombardia per l'ambiente), soprattutto per diffondere la conoscenza del problema, migliorare le politiche per la prevenzione, l'individuazione precoce e il controllo delle specie aliene invasive. Per ora sono stati organizzati alcuni meeting (il prossimo si terrà a Milano il 16 maggio) per i responsabili e le parti interessate al progetto, per discutere di controllo, mitigazione e studio delle specie invasive.

 

Le più belle foreste d'Italia


Vai alla gallery (11 foto)

Tag: #Ambiente

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Focus.it

Sui libri di scuola il mantello terrestre è quell'involucro dalle tonalità giallo-arancio che separa il nucleo e la crosta. Ma la sua raffigurazione come uno strato omogeneo e uniforme è molto lontana dalla realtà: bisogna invece...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Focus.it

Per la prima volta è stata constatata una variazione secolare del campo magnetico di un altro pianeta, Giove: «una scoperta a cui siamo arrivati solamente grazie agli strumenti della sonda Juno, attorno a Giove dal 2016, proprio per...

Pubblicato sabato, 25 maggio 2019 ‐ Focus.it

Sono giorni difficili (o così si direbbe) per i possessori di smartphone Huawei: il divorzio tra il gigante cinese della tecnologia e Google, imposto dalla Casa Bianca lo scorso 16 maggio, sta suscitando preoccupazioni in milioni di utenti ...

Pubblicato sabato, 25 maggio 2019 ‐ Focus.it

Alito cattivo? Poco importa se mangiare aglio può aiutarci a migliorare la memoria. I ricercatori dell’Università di Louisville (Usa) affermano che consumare abitualmente aglio non solo migliora la memoria, ma...

Pubblicato sabato, 25 maggio 2019 ‐ Focus.it

Più in profondità vive una creatura acquatica, più primitivo sarà il suo sistema visivo: finora questo era uno dei pochi punti fermi di chi studia i pesci abissali, che sono impossibili da prelevare dal loro habitat naturale ...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

La Foresta Rossa, una zona boschiva un tempo costituita da due chilometri di pini silvestri, comincia a soli 500 metri dall'ex complesso nucleare di Chernobyl. Dopo il disastro del 1986, fu una delle aree più colpite dalla ricaduta di...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

Il 24 maggio 1819, duecento anni fa, nacque a Londra Sua Maestà Vittoria, regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda e imperatrice d'India. Il suo lunghissimo regno - durato 63 anni, 7 mesi e due giorni, il secondo più lungo della storia del...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

Che cos'è il populismo? La risposta cambia a seconda che si rivolga la domanda a uno storico o a un politologo, mentre i politici, a seconda di quanto si sentano gratificati o insultati dall'essere chiamati "populisti",...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

Un gruppo di scienziati alimentari che stava studiando il genoma batterico di un ceppo di Salmonella ha individuato in esso un gene che promuove la resistenza alla colistina, un antibiotico di importanza mondiale, perché...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

«Certo che Paperino leggerebbe una rivista scientifica! Così potrebbe vivere avventure fantastiche e straordinarie. Anche con la partecipazione di due scienziati come Archimede e Pico De...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

Venerdì 24 maggio 2019 gli studenti di tutto il mondo scenderanno in piazza per il secondo Global Climate Strike For Future, una manifestazione mondiale per "richiamare" gli adulti, perché siano applicate le disposizioni per arginare il...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

Dopo tre rinvii, si spera che questa sia la volta buona: per le 4:30 (ora italiana) del 24 maggio è previsto il lancio del razzo Falcon 9 di Space X che depositerà su un'orbita a 440 chilometri di altezza (dunque poche decine di chilometri sopra la...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

La prima traccia di un documento che consente di circolare su strada con un autoveicolo (dunque un... antenato della patente B!) si trova in un antico regolamento della circolazione “degli automobili” (allora la parola era di genere maschile,...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

In questo periodo, astrofili di ogni parte del mondo seguono con attenzione l'evoluzione della Grande Macchia Rossa di Giove: sembra che la gigantesca tempesta, in atto da almeno 350 anni, descritta con...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

Poter bloccare immediatamente le emorragie è essenziale nella medicina di emergenza e negli interventi chirurgici. Nella maggior parte dei casi, il sanguinamento incontrollato deriva dalla rottura di un'arteria o dalla lesione di un organo...