Il polo nord magnetico si sposta più velocemente che in passato

Pubblicato sabato, 12 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Il campo magnetico terrestre è fondamentale per la vita sul nostro pianeta, perché lo protegge dai raggi cosmici e dalle radiazioni letali provenienti dal Sole, che altrimenti lo sterilizzerebbero. È prodotto qualche migliaio di chilometri sotto i nostri piedi dai moti che avvengono all'interno del nucleo, in particolare del nucleo esterno, composto soprattutto da ferro che - per la pressione e le temperature estremamente elevate, resta liquido: un fluido metallico in continuo movimento che crea correnti elettriche che, a loro volta, generano il campo magnetico.

 



Il campo magnetico della Terra si forma a partire dal nucleo esterno del pianeta, dove i moti del nucleo ferroso fluido generano fortissime correnti elettriche.


Il fenomeno, però, non è stabile nel tempo. Cambia, e questo è noto da tempo agli scienziati, ma attualmente c'è qualcosa di particolare che ha messo in apprensione i ricercatori, preoccupati al punto che si sono dati un appuntamento ad hoc per il prossimo 30 gennaio, per discutere l'aggiornamento anticipato del World Magnetic Model - un codice di dati che fa da riferimento per la moderna navigazione, dal "semplice" Google Maps che abbiamo sugli smartphone ai sistemi a bordo delle navi.

 



La posizione del polo nord magnetico dal 1900 al 2020,


 

Di tanto in tanto il sistema viene aggiornato proprio perché il campo magnetico muta nel tempo, ma l'ultima volta è successo nel 2015 e nessuno pensava di doverci mettere mano prima del 2020. La sorpresa è invece che il campo magnetico terrestre sta mutando così rapidamente che i ricercatori sono dovuti correre ai ripari molto prima del previsto. Arnaud Chulliat, geomagnetista all'Università del Colorado Boulder e al NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration), afferma che «la discrepanza tra i dati che stiamo rilevando negli ultimi mesi ci dice che c'è qualcosa di anomalo sia in prossimità del polo magnetico, sia nelle profondità del pianeta».

 



Una semplice analogia: si può immaginare il campo magnetico come il prodotto di una potentissima calamita posta al centro del pianeta.


Altre anomalie. Non è solo il nord magnetico a mostrare anomalie: nel 2016 il campo magnetico sotto l'Oceano Pacifico orientale, sotto gran parte del nord del Sud America e sotto una parte dell'Oceano Atlantico ha mostrato un picco di intensità, registrato da satelliti come Swarm, dell'Agenzia spaziale europea. In quelle regioni del pianeta si sono verificati diversi problemi con i GPS, attribuiti a malfunzionamenti dei satelliti finché non si è capito che erano correlati al campo magnetico terrestre.

 

Con tutto ciò, nessuno pensa che sia in atto qualcosa di catastrofico all'interno del pianeta: si tratta solo di anomalie che, seppure difficili da spiegare, rientrano nell'enorme complessità del meccanismo che causa il campo magnetico. Per Arnaud Chulliat, «il fatto che dobbiamo ricorrere velocemente alla modifica dei dati può dipendere dal fatto che l'impulso registrato nel 2016 è avvenuto subito dopo avere aggiornato i dati del World Magnetic Model, che perciò sono diventati obsoleti nonostante fossero recenti. In più, dobbiamo considerare che il nord magnetico ha visto un'accelerazione nel movimento in atto almeno dal 1800, probabilmente legata a un getto ad alta velocità che si è verificato nel ferro liquido in profondità, in corrispondenza del Canada».

 



Polo nord magnetico, dati storici. | Wikipedia


 

Il getto ha ovviamente interessato solo il nucleo del pianeta, ma ha fatto sentire le conseguenze fin sulla superficie. Se alla metà degli anni Novanta la velocità di spostamento del polo nord magnetico della Terra era di circa 15 chilometri all'anno, adesso pare essere di ben 55 chilometri all'anno: il polo nord magnetico, che nel 2001 si trovava nell'Oceano Artico, nel 2018 ha attraversato la linea della data internazionale e si sta muovendo verso la Siberia.

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Provate a immaginare: un parassita trova la via per entrare nel vostro corpo e, in men che non si dica, prende possesso della vostra mente. Vi sembra un'ipotesi suggestiva, ma poco realistica, che potrebbe al massimo ispirare romanzi e film horror? Vi...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati coordinati da Mark Cheung, del Lockheed Martin Solar and Astrophysics Laboratory di Palo Alto (Usa), ha sviluppato la prima simulazione completa del ciclo di vita di un brillamento solare (flare): dall'accumulo di energia...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Se immaginiamo un miniatore chino su un manoscritto antico a decorare l'iniziale di un paragrafo, pensiamo tipicamente a un uomo, un monaco dotto e di una certa età. Ma l'arte di copiare i codici classici e dipingerne i capilettera non era soltanto...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Il nome vuol dire “piccolo cervello”, e finora al cervelletto, per quanto importante, era stato riconosciuto il ruolo di protagonista solo nella funzione del controllo del movimento, in particolare della coordinazione e dell’equilibrio. Invece pare ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

I batteri che colonizzano in modo pacifico il nostro intestino hanno un ruolo importante nella digestione, nella regolazione del sistema immunitario, forse persino nella genesi di alcune malattie neurodegenerative. Ora un'analisi di questi microrganismi...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

L’asteroide dei dinosauri, quello da 14 chilometri di diametro che impattò tra il Messico e l’Oceano Atlantico circa 66 milioni di anni fa, non solo scombussolò il clima del pianeta al punto da causare o con-causare la scomparsa di ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Addio foglioline lunari: è stato bello, finché è durato. A tre giorni dalla notizia del primo seme germogliato sulla Luna, all'interno del lander cinese Chang'E-4, la pianta di cotone di cui tutti parlavano è morta... congelata. Per sopravvivere...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Siamo abituati a vederle come pacifiche divoratrici di plancton, ma un tempo i banchetti delle balene erano più variegati e cruenti: l'analisi di un fossile di Basilosaurus isis (un gigantesco cetaceo del passato) e di alcuni reperti animali...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati di Harvard e della Columbia University ha messo a punto un processo chimico per trasformare la luce infrarossa in luce visibile, una tecnica che in futuro permetterà di utilizzare innocue radiazioni luminose a scopo terapeutico...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Secondo una recente e bizzarra teoria c'è un altro Universo dove tutto è fatto principalmente di antimateria, un Universo speculare al nostro. Bizzarra o meno, con questa ipotesi un team di scienziati canadesi afferma di poter rispondere ad alcune...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Non crescono più in fretta se glielo chiedete, e non è detto che apprezzino Mozart: in ogni caso può darsi che le piante ci sentano, ma soprattutto, che sentano gli esseri viventi cui più di tutti sono interessate, gli impollinatori. Due...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Chi vive nelle grandi città si rassegni: ha più probabilità di ammalarsi perché l'influenza dura di più. Anche se, sian ben chiaro, non esistono metropoli più o meno sicure. È quanto rivela una ricerca basata su un'analisi di tipo ...

Pubblicato martedì, 15 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Fino a non molto tempo capitava di sentire parlare di Venere come del gemello sfortunato della Terra. In realtà quanto più lo si studia, tanto più ci si rende conto della profonda diversità tra i due pianeti, la cui...