I misteri di Roopkund

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Il lago Roopkund è una piccola perla d'acqua incastonata tra le montagne dell’Himalaya, a 5.029 metri sul livello del mare: piccola, perché è più una pozza che un lago, con i suoi 40 metri appena di diametro. Con una brutta fama, oltretutto: Roopkund è infatti chiamato anche Skeleton Lake perché nelle immediate vicinanze sono state trovate le ossa di centinaia di persone, sparse un po’ ovunque.

 



Il Roopkund, nel cuore dell'Himalaya, conserva un mistero mai svelato, quello delle centinaia di persone morte attorno ad esso. Solo ora si inizia a capire da dove arrivavano. | Himadri Sinha Roy, Atish Waghwase


Un ritrovamento sorprendente e misterioso avvenuto durante la Seconda guerra mondiale, quanto un militare britannico scoprì il lago ghiacciato e il suo contorno di scheletri umani.

 

È stato finora impossibile fare ipotesi attendibili sui fatti che causarono la morte di centinaia di persone attorno a quella pozza d'acqua, sia per le difficoltà per raggiungere quel luogo e approfondire le indagini, sia perché nel tempo le persone arrivate sin lì hanno manipolato i resti e portato via importanti reperti.

 

Le storie, in ogni caso, non mancano: una narra che quegli uomini e donne furono uccisi della dea del Nanda Devi, offesa dai comportamenti delle persone salite fin lassù per una cerimonie; un’altra storia narra di un esercito sorpreso da una tempesta micidiale, un'altra ancora di una micidiale epidemia... Tutte storie da raccontare attorno al fuoco.

 



Uno scenario che poteva avere senso quando si pensava che lì fosse avvenunta una tragedia che aveva spazzato via centinaia di persone in un sol colpo o quasi. Oggi sappiamo che non è così, che si tratta di centinaia di persone arrivate e morte lì da luoghi e tempi differenti: il mistero si infittisce. | Himadri Sinha Roy


 

La storia del DNA. Un gruppo internazionale di ricercatori ha però pubblicato su Nature i risultati dell'analisi del DNA di 38 scheletri completi, che sono anche stati datati e studiati con vari metodi per estrapolare informazioni, per esempio, sull'alimentazione di quelle persone. I risultati non sono meno sorprendenti del mistero di Skeleton Lake:

le ossa appartengono a tre gruppi geneticamente distinti, arrivati fin lì in momenti diversi e separati anche da un migliaio di anni!



Ciò che rende difficile il lavoro dei ricercatori è il fatto che nel tempo le ossa sono state trafugate o spostate e mescolate per comporre bizzarri monumenti, come in questo caso.


Un primo gruppo di resti appartiene a indiani, ma di diverse popolazioni vissute anche a grande distanza tra loro. Un secondo gruppo identifica individui originari del Mediterraneo orientale, in particolare dalla Grecia e da Creta. Un terzo gruppo appartiene a popolazioni del sud-est asiatico.

 

L'esperto di biologia evolutiva dell'Università di Harvard, Éadaoin Harney, coordinatore delle ricerca, ammette la sorpresa provata alla scoperta di tale varietà e, in particolare, della presenza di individui provenienti dall'area del Mediterraneo. E non è tutto: quegli individui arrivarono e morirono in quel luogo in tempi diversi, nell'arco di 1.000-1.300 anni. Alcuni reperti identificano infatti una prima serie di decessi diluiti tra il 600 e il 900 d.C.; altri reperti portano a tempi più vicini, diluiti tra il 1600 e il 1900. Infine, e per sottolineare il mistero, le analisi non hanno ancora permesso di capire di che cosa sono morte tutte quelle persone.

 

13 civiltà misteriosamente scomparse


Vai alla gallery (14 foto)


 

Archeologia con la TAC: 10 scansioni piene di sorprese


Vai alla gallery (11 foto)

Tag: #Cultura

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato domenica, 20 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Si è conclusa la tappa di Trento di Focus Live 2019 al Muse: in tre giorni, da venerdì a domenica sera, abbiamo accompagnato oltre 6.000 visitatori alla scoperta e alle meraviglie della scienza. Dopo la giornata di venerdì, dedicata soprattutto alle...

Pubblicato domenica, 20 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Il sesso è sempre stato materia di conversazione e di dibattiti, oggi diventa spesso argomento di studio per i ricercatori - basti pensare che la celeberrima università americana di Harvard, dove studiarono anche Mark Zuckerberg e...

Pubblicato domenica, 20 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Vi è mai capitato di tornare a casa dopo un pranzo in famiglia tenendovi la pancia dolorante e maledicendovi perché avete mangiato troppo? Be', la colpa non è della cucina della nonna ma della nostra storia evolutiva. È la conclusione a cui...

Pubblicato sabato, 19 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Quando si parla di commercio degli animali il pensiero va subito a pochi, eclatanti casi di specie portate sull'orlo dell'estinzione dal bracconaggio, per esempio gli elefanti africani e i rinoceronti. Ma la tratta di specie selvatiche è un'industria...

Pubblicato sabato, 19 ottobre 2019 ‐ Focus.it

La megattera è una delle balene più grandi, e per molti anni una delle più minacciate: nel 1966 la popolazione mondiale di Megaptera novaeangliae si era ridotta del 90%, e solo negli ultimi cinquant'anni i loro numeri sono...

Pubblicato sabato, 19 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Uno studio da poco commissionato dall'OMS non lascia spazio a dubbi: il mondo non è pronto per fronteggiare una pandemia. Che la minaccia arrivi da un virus influenzale aggressivo come quello della Spagnola, da un patogeno subdolo e letale come Ebola,...

Pubblicato sabato, 19 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Corallo di fuoco avvelenato... non è l'ultima maledizione di Harry Potter ma il nome comune di un fungo mortale (il Podostroma cornu-damae) che di corallo ha solo l'aspetto. Già noto agli esperti, fa notizia il luogo del suo ultimo...

Pubblicato venerdì, 18 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Oggi nella splendida cornice del Muse di Trento ha aperto i battenti FocusLive, il nostro festival della divulgazione scientifica che, in questa tappa, si pone un obiettivo davvero ambizioso: approfondire con conferenze, spettacoli ed esperienze...

Pubblicato venerdì, 18 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Un problema tecnico a bordo della Stazione Spaziale Internazionale ha scombinato la scaletta delle attività extraveicolari già fissate, stabilendo che il 18 ottobre 2019 sarà il giorno della prima EVA eseguita - all'esterno - soltanto da astronaute...

Pubblicato venerdì, 18 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Di tanto in tanto sbucano fuori nuove idee per tentare di accelerare i voli spaziali fino a velocità prossime a quella della luce: questo perché siamo troppo lenti per poter raggiungere le stelle in tempi umani. Purtroppo fino a oggi tutti i progetti...

Pubblicato venerdì, 18 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Il benessere soggettivo, ossia il grado di soddisfazione espresso da ciascuno per la propria esistenza e per le prospettive future, è legato a una migliore qualità di vita, a minori problemi di salute e a una maggiore produttività: anche per queste...

Pubblicato venerdì, 18 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Continuano le operazioni per contenere e riparare i danni del tifone Hagibis, il più forte di quest'anno; sale il numero di vittime causate dall'alluvione e dai forti venti, che hanno raggiunto i 155 km/h sulle città. Le piogge...

Pubblicato giovedì, 17 ottobre 2019 ‐ Focus.it

«Bisogna trasformare l'informazione in conoscenza, e trasformare la conoscenza in coscienza», ha affermato il Premio Nobel per la pace Elie Wiesel, anche scrittore e saggista. Non importa quali siano i mezzi usati, è importante che ciò accada. Il...

Pubblicato giovedì, 17 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Pulire un pavimento, asciugare una tazza, prendere un bicchiere da un armadio... Operazioni semplici ma che possono risultare impossibili a persone anziane, ammalate o disabili.   In un futuro non lontano queste categorie di persone potrebbero...

Pubblicato giovedì, 17 ottobre 2019 ‐ Focus.it

La data di consegna segnata in Agenda è il 2030. Ma sul raggiungimento dei Sustainable Development Goals (SDG), ossia i 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile che dettano il programma di lavoro ufficiale delle Nazioni Unite...