I gorilla manifestano il lutto quando muore qualcuno?

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Non è facile osservare un "funerale" tra gorilla: i primati morenti spesso si allontanano dal gruppo per andarsene in disparte, e i gesti esibiti dagli esemplari ospiti di riserve o giardini zoologici non sono scientificamente attendibili. Così la triste circostanza della morte di Tuck e Titus, due gorilla di montagna "silverback" (dal dorso argentato) del Volcanoes National Park, in Ruanda, ha fornito a due scienziati del Dian Fossey Gorilla Fund International di Atlanta l'occasione per studiare la gestualità associata agli eventi luttuosi tra questi primati.

 

Forza, alzati. Subito dopo la morte dei gorilla (Gorilla beringei beringei), entrambi avanti con gli anni e deceduti di malattia, i membri del gruppo si sono raccolti intorno ai loro corpi e hanno cercato di interagire, ognuno come poteva: stuzzicandoli, toccandoli, praticando il grooming, fronteggiandoli con aggressività, battendosi le mani sul petto, colpendo e calciando la salma o emettendo vocalizzi.

 

Un giovane gorilla particolarmente legato a Titus, un maschio adulto di 35 anni, ha dormito per due giorni accanto al corpo, sullo stesso letto di foglie dell'esemplare morto. Un altro, figlio di Tuck, la femmina di 38 anni, ha cercato di succhiare latte, nonostante fosse già stato svezzato.


Le reazioni animali di fronte alla morte



Anche per gli sconosciuti. Ma a colpire i ricercatori è stato soprattutto l'atteggiamento dei gorilla di montagna del Kahuzi-Biega National Park nella Repubblica Democratica del Congo, con un animale morto della stessa specie, ma di un diverso gruppo sociale. Nell'articolo pubblicato su PeerJ gli scienziati hanno descritto anche questo caso.

 

Quando si sono imbattuti nel corpo, i membri del gruppo estraneo si sono fermati a fissarlo e a praticare il grooming. Non si è trattato di reazioni esasperate come quelle espresse per gli amici e parenti, ma comunque il lutto non è passato inosservato.

 



Un gruppo di gorilla di montagna circonda il corpo morto di un altro gorilla, esterno al clan. | Dian Fossey Gorilla Fund International


 

Un funerale? Nonostante venga immediato descrivere queste manifestazioni come una forma di lutto, non ci è dato sapere che cosa provino realmente questi animali, che pure sappiamo molto intelligenti. L'aspetto emotivo dei  comportamenti osservati rimane, per il momento, ancora misterioso: per quanto possiamo, è meglio non cedere alla tentazione di interpretare i loro comportamenti come una diversa versione dei nostri.


Le veglie funebri delle scimmie



Esposti ai pericoli. L'usanza di vegliare sul corpo di un esemplare morto e provare a interagirvi è per molti versi rischiosa, per questi animali: per esempio per il pericolo di entrare in contatto con carcasse di primati uccisi dal virus Ebola (in Africa ce ne sono stati a migliaia). Inoltre, vegliare sul corpo di un esemplare ucciso da una trappola umana potrebbe minacciare l'incolumità dei gorilla ancora liberi.

 

Eppure, se questo comportamento è così diffuso, deve essere stato in qualche modo vantaggioso, dal punto di vista evolutivo. Un'ipotesi vorrebbe che i gorilla capaci di vegliare i propri morti abbiano maggiore successo di quelli meno legati al proprio gruppo.

 

Primati: 11 comportamenti tipicamente umani


Vai alla gallery (12 foto)

Tag: #Ambiente

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Focus.it

Sui libri di scuola il mantello terrestre è quell'involucro dalle tonalità giallo-arancio che separa il nucleo e la crosta. Ma la sua raffigurazione come uno strato omogeneo e uniforme è molto lontana dalla realtà: bisogna invece...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Focus.it

Per la prima volta è stata constatata una variazione secolare del campo magnetico di un altro pianeta, Giove: «una scoperta a cui siamo arrivati solamente grazie agli strumenti della sonda Juno, attorno a Giove dal 2016, proprio per...

Pubblicato sabato, 25 maggio 2019 ‐ Focus.it

Sono giorni difficili (o così si direbbe) per i possessori di smartphone Huawei: il divorzio tra il gigante cinese della tecnologia e Google, imposto dalla Casa Bianca lo scorso 16 maggio, sta suscitando preoccupazioni in milioni di utenti ...

Pubblicato sabato, 25 maggio 2019 ‐ Focus.it

Alito cattivo? Poco importa se mangiare aglio può aiutarci a migliorare la memoria. I ricercatori dell’Università di Louisville (Usa) affermano che consumare abitualmente aglio non solo migliora la memoria, ma...

Pubblicato sabato, 25 maggio 2019 ‐ Focus.it

Più in profondità vive una creatura acquatica, più primitivo sarà il suo sistema visivo: finora questo era uno dei pochi punti fermi di chi studia i pesci abissali, che sono impossibili da prelevare dal loro habitat naturale ...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

La Foresta Rossa, una zona boschiva un tempo costituita da due chilometri di pini silvestri, comincia a soli 500 metri dall'ex complesso nucleare di Chernobyl. Dopo il disastro del 1986, fu una delle aree più colpite dalla ricaduta di...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

Il 24 maggio 1819, duecento anni fa, nacque a Londra Sua Maestà Vittoria, regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda e imperatrice d'India. Il suo lunghissimo regno - durato 63 anni, 7 mesi e due giorni, il secondo più lungo della storia del...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

Che cos'è il populismo? La risposta cambia a seconda che si rivolga la domanda a uno storico o a un politologo, mentre i politici, a seconda di quanto si sentano gratificati o insultati dall'essere chiamati "populisti",...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

Un gruppo di scienziati alimentari che stava studiando il genoma batterico di un ceppo di Salmonella ha individuato in esso un gene che promuove la resistenza alla colistina, un antibiotico di importanza mondiale, perché...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

«Certo che Paperino leggerebbe una rivista scientifica! Così potrebbe vivere avventure fantastiche e straordinarie. Anche con la partecipazione di due scienziati come Archimede e Pico De...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

Venerdì 24 maggio 2019 gli studenti di tutto il mondo scenderanno in piazza per il secondo Global Climate Strike For Future, una manifestazione mondiale per "richiamare" gli adulti, perché siano applicate le disposizioni per arginare il...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

Dopo tre rinvii, si spera che questa sia la volta buona: per le 4:30 (ora italiana) del 24 maggio è previsto il lancio del razzo Falcon 9 di Space X che depositerà su un'orbita a 440 chilometri di altezza (dunque poche decine di chilometri sopra la...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

La prima traccia di un documento che consente di circolare su strada con un autoveicolo (dunque un... antenato della patente B!) si trova in un antico regolamento della circolazione “degli automobili” (allora la parola era di genere maschile,...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

In questo periodo, astrofili di ogni parte del mondo seguono con attenzione l'evoluzione della Grande Macchia Rossa di Giove: sembra che la gigantesca tempesta, in atto da almeno 350 anni, descritta con...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

Poter bloccare immediatamente le emorragie è essenziale nella medicina di emergenza e negli interventi chirurgici. Nella maggior parte dei casi, il sanguinamento incontrollato deriva dalla rottura di un'arteria o dalla lesione di un organo...