Glossario galattico per autostoppisti: guida al Sistema Solare

Pubblicato domenica, 10 febbraio 2019 ‐ Focus.it

Ogni anno vengono scoperti nuovi corpi celesti nel nostro Sistema Solare e, per fare ordine, gli astronomi li classificano inserendoli in gruppi che, a volte, hanno confini poco definiti e si sovrappongono. Ecco allora una mini-guida per orientarsi nel cosmo delle definizioni.

 

Meteore e meteoriti. Quando uno dei tanti sassi che sono nello Spazio cade verso la Terra e incontra l'atmosfera, si surriscalda fino a brillare: ecco la nascita di una stella cadente. Questo fenomeno viene chiamato così perché crea luce, ma ovviamente non coinvolge vere e proprie stelle (dove, per definizione, avviene la fusione nucleare).

 



I bolidi possono rilasciare l'energia di una bomba nucleare.


Il nome tecnico della stella cadente è meteora, mentre una pioggia intensa e periodica di stelle cadenti (come ad esempio le Perseidi di agosto) viene chiamata sciame meteorico.

 

Se poi una meteora è davvero brillante, la si chiama bolide. Infine, ciò che rimane di un sasso spaziale dopo essere passato attraverso l'atmosfera ed aver impattato col suolo, è un meteorite.

Il Giardino di Casa: le dimensioni in scala del Sistema Solare e dei suoi pianeti




L'asteroide Bennu, in questo momento visitato dalla sonda OSIRIS-Rex. | NASA/Goddard/University of Arizona/Lockheed Martin


Asteroidi e comete. Finché quegli stessi sassi rimangono nello Spazio hanno però altri nomi, diversi non tanto in base a come sono, ma a come storicamente venivano avvistati. Questi piccoli corpi celesti si dividono in due grandi gruppi: i più comuni sono gli asteroidi, che possono essere visti (se sono sufficientemente grandi) perché riflettono la luce del Sole. Tuttavia, date le loro dimensioni relativamente piccole (da pochi metri a 1.000 km di diametro), al telescopio non appaiono tondi o tondeggianti, ma puntiformi - come le stelle. Da qui il nome: simili ad astri, ossia asteroidi.

Stretti stretti... Tra Terra e Luna c'è spazio per tutti i pianeti?




Il nucleo della cometa 67P, decisamente non sferico e al di sotto dei 4 km. La freccia bianca mostra il ghiaccio diventato gassoso per via del calore solare. Vedi lo Speciale di Focus.it: la sonda Rosetta e la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. | ESA/Rosetta/NavCam – CC BY-SA IGO 3.0.


Il secondo gruppo dei sassi spaziali che restano nello Spazio è quello delle comete. Il corpo solido delle comete si chiama nucleo e, a differenza degli asteroidi, non è fatto solo di roccia, ma anche di ghiaccio.

 

Nella media, il nucleo delle comete misura meno di 20 km di diametro, eppure le vediamo molto bene (nonostante siano piccole), quando si avvicinano al Sole, perché parte del ghiaccio si scioglie, diventa gas e viene spazzato via dal vento solare, creando la spettacolare coda, mentre un'altra parte rimane attorno al nucleo a formare la chioma. Da qui il nome: cometa deriva dal greco per chioma.

 



Nettuno è l'ultimo e il più lontano dei pianeti ufficiali del Sistema Solare. Oltre la sua orbita ci sono gli oggetti transnettuniani. | NASA


A complicare le cose, sotto Natale una cometa viene chiamata stella cometa, ma, ancora una volta, stella non è.

 

Se poi uno di questi corpi celesti si trova oltre l'orbita di Nettuno, gli viene affibbiata l'etichetta di oggetto transnettuniano.

 

Non è finita: tutti questi oggetti possono anche cambiare classificazione e diventare satelliti naturali (cioè delle lune) semplicemente entrando in orbita attorno a un pianeta...

A questo punto bisogna proprio chiederselo: che cos'è un pianeta?



Cerere è l'unico dei 5 pianeti nani ad oggi riconosciuti a non trovarsi oltre l'orbita di Nettuno: è nella fascia principale degli asteroidi, fra Marte e Giove. | JPL-Caltech / UCLA / MPS / DLR / IDA / NASA


Pianeti nani e Giganti gassosi. Dal 2006 i pianeti vengono definiti dall'Unione Astronomica Internazionale come quei corpi celesti che 1) orbitano attorno a una stella, 2) sono abbastanza massicci da essere tondeggianti (non come Ultima Thule, ad esempio) e 3) dominano la loro orbita.

 

Questo in sintesi. Tra l'altro, l'ultimo punto, il 3, ha fatto retrocedere Plutone da pianeta alla nuova categoria dei pianeti nani: questi sono corpi celesti abbastanza grandi (sopra i 1.000 km di diametro), ma che hanno compagnia nella loro orbita (Plutone, infatti, condivide la sua orbita con tanti altri piccoli oggetti: non sono le sue lune, ma compagni di viaggio lungo la sua orbita).

 

I piccoli corpi celesti simili a pianeti sono genericamente chiamati planetoidi, da non confondere coi planetesimi, ovvero i corpi celesti che orbitano attorno a una giovane stella e che, unendosi, prima o poi daranno forma a pianeti veri e propri. Gli astronomi studiano con interesse le stelle circondate da nubi di planetesimi proprio per comprendere meglio i meccanismi di formazione dei pianeti.

VIDEO - Le misure dell'Universo, dalle lucciole al Multiverso




Illustrazione: Kelt-9b, un gioviano caldo a 650 anni luce da noi, orbita "perdendo" atmosfera dietro di sé, strappata via dal vento solare della sua stella (vedi Il più caldo pianeta gigante). | NASA/ESA/G. Bacon


Il Sole e le altre stelle. Anche fra i pianeti possono essere fatte delle distinzioni. I pianeti interni, o del Sistema Solare interno (Mercurio, Venere, Terra e Marte), sono pianeti terrestri (o rocciosi): hanno dimensioni differenti, ma sempre nell'ordine di grandezza della Terra. Oltre Marte, ecco invece i grandi pianeti del nostro sistema: i giganti gassosi, con massa e dimensioni di molto superiori a quelle della Terra.

 

Osservando i pianeti che orbitano attorno ad altre stelle (sono chiamati esopianeti o pianeti extrasolari), sono state però scovate delle eccezioni alla nostra classificazione. Esistono infatti pianeti rocciosi molto più grandi della Terra (detti super terre) o giganti gassosi molti vicini alla loro stella madre (chiamati gioviani caldi). A noi fanno comodo, etichette e classificazioni, ma l'Universo non sembra rispettarle granché.

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Focus.it

Lo Stratolaunch, l'aereo con l'apertura alare più ampia ad aver mai volato, ha appena svolto un ottimo volo di prova. Ha superato i 300 km/h e raggiunto un'altitudine di 5,8 km. Ma il suo obiettivo è arrivare a 10 km, per "lanciare" satelliti...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Focus.it

Oumuamua, l’asteroide interstellare che ha fatto parlare tanto di sé, potrebbe non essere il primo visitatore del nostro sistema solare proveniente da un’altra stella. Una meteora, che bruciò nell’atmosfera terrestre nel 2014, potrebbe averlo...

Pubblicato sabato, 20 aprile 2019 ‐ Focus.it

Volete prestare un libro a un amico? Facile, non dovete fare altro che consegnarglielo (sperando che poi si ricordi di restituirvelo!). Ma che succede se invece voleste prestargli un ebook? La questione è più complicata. Talmente complicata che... in...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

Pasqua e Natale sono festività della Chiesa Cattolica che si accompagnano a giorni di festa e di vacanza in quasi tutti i Paesi del mondo, osservate anche da confessioni e fedi diverse e da non credenti. Quando cadono, esattamente? Per il Natale non ci...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

Gli aborti selettivi in base al genere praticati negli ultimi decenni hanno causato una distorsione imprevista nel rapporto numerico tra maschi e femmine. È quanto emerge da uno studio quinquennale su genere dei nuovi nati e popolazione...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

La conferma arriva dalla Spagna: il calabrone bicolore (Vespa bicolor), un imenottero asiatico dalla colorazione particolarmente brillante, si riproduce in Spagna, nella provincia di Malaga, e potrebbe aver stabilito così una...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

Nella serie televisiva Homeland il protagonista uccide il Vicepresidente degli Stati Uniti manomettendo da remoto il suo pacemaker. Ma quanto è reale questo rischio? È davvero possibile che un hacker riesca ad accedere a un dispositivo medico...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Le più antiche, elementari forme di vita sulla Terra sorsero probabilmente nei laghi poco profondi, e non negli oceani primordiali. Lo sostiene uno studio del MIT pubblicato su Geochemistry, Geophysics, Geosystems, che prende in considerazione...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Il ruolo del microbiota intestinale nella salute dell'organismo è sempre più spesso sotto le lenti degli scienziati: di particolare interesse sono gli studi sul cosiddetto asse intestino-cervello, che indagano la capacità dei microrganismi digerenti...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Uno sbiadito bagliore, molto breve, proveniente da una galassia lontanissima, ha permesso agli astronomi di assistere a una prima assoluta: la nascita di un sistema binario di stelle di neutroni (compact neutron star binary)....

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

L'85 per cento trova subito un impiego e il 45 per cento un contratto a tempo indeterminato: sono alcune delle cifre che rendono la formazione professionale il fiore all'occhiello della Regione Lombardia. “Costruendo voi stessi oggi, costruirete il...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

La capacità dei batteri di sviluppare resistenza agli antibiotici è ben conosciuta: meno spesso si dice che anche i funghi hanno sviuppato questo super potere. È forse anche per questo che un fungo...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

Lo Spazio non ha riguardi per il corpo umano: da quel poco che sappiamo sulle missioni spaziali di lunga durata, appreso nell'ambiente ancora relativamente protetto della ISS, il nostro organismo risente delle condizioni di microgravità, delle...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

I flussi piroclastici sono le valanghe di cenere, gas e rocce che possono precipitare a valle da alcuni vulcani durante un'eruzione, così velocemente che sembrano violare le leggi della fisica. I materiali di cui sono composti dovrebbero fare...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Le origini dell’uovo di cioccolato sono da ricondurre al re Sole, Luigi XIV. Fu lui che per primo, a inizio Settecento, fece realizzare un uovo di crema di cacao al suo chocolatier di corte. L'usanza di regalare le uova a...