Gli effetti dello Spazio sul corpo di Scott Kelly, durante e dopo la missione sulla ISS

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

Lo Spazio non ha riguardi per il corpo umano: da quel poco che sappiamo sulle missioni spaziali di lunga durata, appreso nell'ambiente ancora relativamente protetto della ISS, il nostro organismo risente delle condizioni di microgravità, delle radiazioni, dell'alterata postura e degli spazi angusti della stazione orbitante.

 

Ma i risultati dello studio su Scott e Mark Kelly, i gemelli astronauti della NASA che hanno fatto "da cavie" per la più importante ricerca sugli effetti della permanenza in orbita sul corpo umano, rivelano dettagli inaspettati sulle capacità di adattamento dell'organismo, e sulle conseguenze a lungo termine di una missione spaziale estesa.

 

Di passaggio. Intanto, la buona notizia: nell'anno in cui Scott ha lavorato sulla ISS, tra il 2015 e il 2016, il suo corpo ha subito alterazioni che quello del gemello Mark, rimasto a Terra, non ha avuto. Quasi tutti questi cambiamenti sono stati, però, reversibili, e sono spariti nei primi mesi dal ritorno sulla Terra. Quasi nessuna di queste alterazioni ha portato a conseguenze cliniche significative. 

 



Tra il 2014 e il 2015, nell'ambito della missione Futura, l'astronauta dell'ESA Samantha Cristoforetti ha trascorso 200 giorni sulla ISS. Per approfondire: uomini e donne, nello Spazio il fisico si comporta in modo diverso. | ESA


La prima sorpresa. Il dato più interessante dello studio è forse quello che riguarda i telomeri, le regioni terminali del DNA che si trovano alle estremità dei cromosomi, che proteggono la doppia elica e fanno sì che si replichi correttamente nei processi di divisione cellulare. Di queste capsule, si sa che tendono ad accorciarsi per l'invecchiamento e nelle condizioni di stress cellulare.

 

Curiosamente, nei 340 giorni nello Spazio, quelli di Scott Kelly si sono allungati, salvo essersi accorciati più velocemente quando l'astronauta è tornato a Terra. I telomeri più corti sono connessi a un più veloce invecchiamento cellulare. Ma l'altro lato della medaglia di telomeri più lunghi è un aumentato rischio di cancro: mantenere la lunghezza dei telomeri garantisce infatti alle cellule cancerose di replicarsi ed essere "immortali".

 

Attività dei geni. Un'altra differenza riguarda l'espressione genica, il processo nel quale l'informazione contenuta in un gene diviene funzionale. Sulla Terra è influenzata da cambiamenti ambientali e dalle abitudini (sonno, dieta); nello Spazio, si sono osservate alterazioni notevoli nell'espressione dei geni mitocondriali di Scott - quelli che aiutano le cellule a produrre energia - e in quelli coinvolti nella regolazione del sistema immunitario. Il 90% di questi cambiamenti è rientrato, dopo il ritorno dalla missione (questo non significa che il DNA di Scott Kelly sia "mutato" nello Spazio, notizia circolata qualche tempo fa).

 

Non si sa se queste alterazioni nell'espressione genica siano positive o negative, né se siano il risultato del trovarsi nello Spazio o delle condizioni inusuali e poco confortevoli della scatola di latta che è la ISS: spazi angusti, convivenza forzata, problemi nel sonno, alimenti poco freschi e reidratati...

 



Nello Spazio la vista può diventare meno acuta: il 30% degli astronauti, anche dopo missioni di breve durata, ha riferito di un calo della capacità visiva. Le cause del fenomeno non sono del tutto chiare, ma secondo i medici potrebbero essere scatenate, ancora una volta, dall’assenza di gravità - che fa concentrare i fluidi corporei negli arti inferiori e nella testa. Per approfondire: tutti i rischi degli astronauti, organo per organo. | NASA


Occhi e cervello. Il nervo retinico di Scott Kelly si è ispessito, com'è accaduto ad altri astronauti, ma non è chiaro se questo avrà effetti a lungo termine sulle capacità visive. Una categoria di batteri intestinali è aumentata, un'altra è diminuita, ma gli equilibri si sono ripristinati al rientro sulla Terra.

 

Le capacità cognitive di Scott Kelly, potenziate durante la missione, sono parse deteriorate dopo il suo rientro, forse per effetto del ritorno improvviso alla morsa della gravità. Con il tempo sono migliorate, ma non sono tornate del tutto ai livelli pre-missione.

 

Anche in questo caso è difficile dire in che cosa c'entri lo Spazio in sé e quanto abbiano influito le stressanti condizioni del rientro: tornare a interagire con più di cinque persone per volta, le domande dei giornalisti, gli occhi del mondo puntati addosso.

 

Cosa farne? I dati dello studio sono interessanti quanto difficili da generalizzare: non capita tutti i giorni di poter studiare due gemelli astronauti. Molte delle informazioni che emergono potrebbero riguardare il modo specifico in cui il corpo di Scott Kelly ha reagito, e non è detto che valgano per tutti gli astronauti, né per la popolazione in generale. Difficile poi dire se i risultati si possano estendere a missioni spaziali su Marte e sulla Luna, ben al di là dei 400 km di distanza da casa della ISS, dove si può godere di tutti gli effetti protettivi del campo magnetico terrestre.

 

10 modi in cui gli astronauti aiutano la tua salute


Vai alla gallery (10 foto)


 

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Piuttosto basso, sanguigno, eccelso suonatore di mandolino. Vincenzo Peruggia, ventinovenne stuccatore e decoratore originario di Dumenza, in provincia di Varese, risponde a parecchi degli stereotipi sugli immigrati.   La mattina di lunedì 21...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Il lago Roopkund è una piccola perla d'acqua incastonata tra le montagne dell’Himalaya, a 5.029 metri sul livello del mare: piccola, perché è più una pozza che un lago, con i suoi 40 metri appena di diametro. Con una brutta fama,...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Il primo viaggio di andata e ritorno a Marte vedrà impegnata anche l’Europa, impegnata a riportare a Terra campioni di suolo marziano. Sarà un passo decisivo per verificare se sul Pianeta Rosso siano mai esistite la vita o le condizioni per...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Da alcuni anni un gruppo di scienziati dell'Università di Harvard si prepara a lanciare un pallone atmosferico a 20 km dalla superficie terrestre con l'obiettivo di rilasciare aerosol riflettenti che possano rispedire al mittente parte della...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Il tardigrado, chiamato anche orsetto d'acqua, è un minuscolo animale conosciuto da biologi (anche) per la sua incredibile resistenza. Può infatti sopravvivere alle alte e basse temperature, alle radiazioni e alle pressioni estreme. Resiste...

Pubblicato martedì, 20 agosto 2019 ‐ Focus.it

Lo ha colpito con violenza con una mazza, forse di pietra, che gli ha spezzato l'osso parietale e occipitale, e poi lo ha lasciato morire. I nomi dell'omicida e della vittima non li sapremo mai. Ma ora abbiamo la certezza che il fossile di Cioclovina, il ...

Pubblicato martedì, 20 agosto 2019 ‐ Focus.it

Nel pomeriggio del 31 luglio una nuova versione della storica navicella da carico russa Progress, la MS-12, è stata lanciata verso la Stazione spaziale internazionale con carburante, esperimenti e rifornimenti per gli astronauti (le Progress non portano ...

Pubblicato martedì, 20 agosto 2019 ‐ Focus.it

La nuova invenzione di un team di ricercatori dell’Arabia Saudita potrebbe rivoluzionare la vita a milioni di persone costrette a combattere quotidianamente con la mancanza di acqua potabile ed energia. Peng Wang e i suoi colleghi della King...

Pubblicato martedì, 20 agosto 2019 ‐ Focus.it

Una importante organizzazione non profit per la ricerca sul cancro, Cancer Research UK, è stata sommersa da critiche sui social per una recente campagna pubblicitaria un po' controversa: una serie di cartelloni che mostrano pacchetti di sigarette con...

Pubblicato lunedì, 19 agosto 2019 ‐ Focus.it

Il Doodle di oggi 20 agosto celebra una famosissima cantante taiwanese, Fong Fei-Fei (qui il suo sito ufficiale), forse a noi italiani poco nota, ma molto celebre in Estremo Oriente. Era nata proprio 66 anni fa, il 20 agosto 1953 a Taoyuan, una città...

Pubblicato lunedì, 19 agosto 2019 ‐ Focus.it

Una importante organizzazione non profit per la ricerca sul cancro, Cancer Research UK, è stata sommersa da critiche sui social per una recente campagna pubblicitaria un po' controversa: una serie di cartelloni che mostrano pacchetti di sigarette con...

Pubblicato lunedì, 19 agosto 2019 ‐ Focus.it

Ogni anno in autunno ha luogo un'imponente migrazione di farfalle monarca (Danaus plexippus) da Canada e Stati Uniti, verso il sud. Questi lepidotteri nero-arancio, per sfuggire ai rigori invernali del Nord America, raggiungono una piccola valle ...

Pubblicato lunedì, 19 agosto 2019 ‐ Focus.it

Per erodere la comune percezione della gravità dei cambiamenti climatici non occorre censurare con clamore gli studi scientifici sul tema: è sufficiente rimuovere chirurgicamente i termini che si riferiscono al riscaldamento globale dai comunicati...

Pubblicato domenica, 18 agosto 2019 ‐ Focus.it

Da circa 100 milioni di anni fa a oggi la Via Lattea, la nostra galassia, sta vibrando come fosse una campana. Le possibili cause sono due: le conseguenze dello scontro con una piccola galassia che ci faceva da satellite oppure l'impatto con un corpo...

Pubblicato domenica, 18 agosto 2019 ‐ Focus.it

Una nuova tattica si aggiunge alla guerra senza esclusione di colpi tra insetti e pipistrelli: in base a uno studio pubblicato su Current Biology, i piccoli mammiferi sanno regolare l'angolazione del loro sonar biologico per scovare anche le...