Gli asteroidi sono più difficili da distruggere di quanto credessimo

Pubblicato mercoledì, 20 marzo 2019 ‐ Focus.it

Come dovremmo agire, se un asteroide minacciasse la Terra? Meglio deviarlo, o provare a distruggerlo? Dimenticate per un momento la classica scena da film di fantascienza, in cui un gruppo scelto di eroi si sacrifica per disintegrare un pericoloso masso celeste.

 

Con ogni probabilità, gli asteroidi sono più resistenti e difficili da rompere di quanto credessimo: è quanto emerge da uno studio della Johns Hopkins University in prossima pubblicazione su Icarus, che potrebbe tornare utile nei piani di difesa dagli asteroidi near-Earth, e in quelli per avviare, sui massi celesti, attività minerarie.

 

le ipotesi precedenti. I ricercatori comprendono le proprietà fisiche delle rocce che studiano in laboratorio, ma trasferire queste scoperte ad oggetti delle dimensioni di una città, come gli asteroidi, è una vera impresa. A lungo si è creduto che gli oggetti più grandi si disintegrassero più facilmente, perché è più facile che siano pieni di difetti (come crepe o punti più cedevoli).

 

Ad alimentare questa visione c'era anche un modello computerizzato dei primi anni 2000, in cui si simulava l'impatto tra un asteroide di un km di diametro e un altro asteroide, il vero target da colpire, di 25 km di larghezza, a una velocità di impatto di 5 km al secondo. I risultati suggerivano che l'oggetto più grande si sarebbe del tutto disintegrato nello scontro.

 

Simulazione più precisa. Ora lo stesso scenario è stato inserito in un nuovo modello, detto di Tonge-Ramesh dal nome dei ricercatori, che tiene conto di particolari più dettagliati relativi alla collisione, per esempio della ridotta velocità di apertura delle fratture nella roccia degli asteroidi. La simulazione è stata suddivisa in due fasi, la prima, della durata di una frazione di secondo appena, che considera la frammentazione dovuta alla collisione; e la seconda che tiene conto degli effetti della gravità sui pezzi prodotti dall'impatto (il testo continua sotto il video).

 



 

difficile sfuggire. Nella prima fase di collisione si è prodotto un cratere, alcune parti si sono frammentate in granelli simili a sabbia e si sono formate milioni di crepe, le quali, però, non sono bastate a disintegrare del tutto la roccia spaziale. È rimasto comunque un grosso nucleo di asteroide, che nella seconda fase ha esercitato una forte attrazione gravitazionale sui frammenti prodotti, rendendo più difficile separare i cocci dell'asteroide originale.

 



 

Dalla teoria alla pratica (il più tardi possibile). Questo collante gravitazionale spiega perché sia necessaria più energia del previsto per frammentare una grossa roccia spaziale. Poiché piccoli asteroidi come quello di Chelyabinsk colpiscono il nostro pianeta di continuo, ricerche di questo tipo potrebbero diventare in futuro meno teoriche di quanto si pensi. 

 

Le più grandi esplosioni di sempre


Vai alla gallery (11 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Focus.it

Ciascuno di noi potrebbe ingerire in media 5 grammi di frammenti di plastica ogni settimana: messi sul palmo della mano peserebbero circa quanto una carta di credito.   Lo dice l'analisi No Plastic in Nature: Assessing Plastic Ingestion from...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Focus.it

Astenersi dal mangiarle faceva parte del percorso di purificazione perseguito da Pitagora (filosofo greco vissuto alla fine del VI secolo a.C.) e dai suoi discepoli.   Simbolismi. All’origine del divieto ci potrebbero essere...

Pubblicato domenica, 16 giugno 2019 ‐ Focus.it

Due ore di immersione settimanale nella natura sono un toccasana per il benessere psicofisico e la qualità della vita, a prescindere da come si passi questo tempo. Che la vicinanza ad aree verdi o al mare sia un balsamo per la salute è un fatto noto,...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Focus.it

Dopo anni in cui sembrava essere passato di moda, il pianeta Venere sta tornando a destare l'interesse degli scienziati. La prima esplorazione in programma è quella dell'ISRO (l’Agenzia Spaziale Indiana) che, nel 2023, con una sonda dovrebbe entrare...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Focus.it

L’accusa di cannibalismo è sempre stata utilizzata per screditare gli avversari. Così, in tempi di guerra fredda si diffuse la diceria secondo cui “i comunisti mangiano i bambini”.   Nasceva probabilmente dal fatto che in Russia, nel...

Pubblicato sabato, 15 giugno 2019 ‐ Focus.it

Il Giro d'Italia, l'Ironman, gli Ultra trail... alcune competizioni spingono ai limiti della resistenza anche gli atleti più allenati. Ma esiste un tetto oltre al quale non è possibile arrivare? Esiste, e non è solo nella mente, come alcuni...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Focus.it

La radioterapia è uno strumento potente e necessario per neutralizzare le cellule tumorali, ma in alcuni casi finisce per danneggiare, insieme ai tessuti malati, anche quelli sani che li circondano. Ora un...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Focus.it

L’esame di maturità è alle porte e Studenti.it, da più di 20 anni a fianco dei ragazzi come supporto allo studio, presenta in esclusiva assoluta il nuovo brano di Lorenzo Baglioni, Maturandi.   Disponibile da oggi su tutti gli store...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Focus.it

Tante attività da svolgere dopo l'orario scolastico potrebbero non fare bene ai bambini, perché ostacolano lo sviluppo della capacità di gestirsi in modo autonomo. Lo sostiene uno studio dell’Università del Colorado, che ha preso in esame 70...

Pubblicato venerdì, 14 giugno 2019 ‐ Focus.it

La coltivazione di cannabis in Asia orientale da cui ricavare fibre e semi oleosi era già praticata nel 4000 a.C.. Meno conosciuto e più interessante, dal punto di vista culturale, è però il suo utilizzo come sostanza...

Pubblicato giovedì, 13 giugno 2019 ‐ Focus.it

L’esame di maturità è alle porte e Studenti.it, il portale che da più di 20 anni è a fianco dei ragazzi come supporto allo studio, presenta in esclusiva assoluta il nuovo brano di Lorenzo Baglioni, Maturandi.   Il nuovo inno della...

Pubblicato giovedì, 13 giugno 2019 ‐ Focus.it

Non è un mistero che un elevato consumo di carni rosse e di insaccati sia un fattore di rischio per molte malattie croniche, come il diabete di tipo 2, disturbi cardiocircolatori e alcuni tipi di tumori - circostanze che possono favorire i casi di morte ...

Pubblicato giovedì, 13 giugno 2019 ‐ Focus.it

Si direbbero i resti di un metalupo, vissuto realmente non nelle Terre oltre la Barriera del Trono di Spade, ma nella Siberia preistorica: la testa di un esemplare adulto di lupo gigante del Pleistocene è venuta alla luce nel permafrost del...

Pubblicato giovedì, 13 giugno 2019 ‐ Focus.it

Cosimo I de' Medici, duca di Firenze e poi di Siena, granduca di Toscana, nacque a Firenze, 500 anni fa, il 12 giugno 1519, da Giovanni, detto delle Bande Nere (discendente da un ramo cadetto della famiglia Medici, e da Maria Salviati...

Pubblicato giovedì, 13 giugno 2019 ‐ Focus.it

Si direbbero i resti di un metalupo, vissuto realmente non nelle Terre oltre la Barriera del Trono di Spade, ma nella Siberia preistorica: la testa di un esemplare adulto di lupo gigante del Pleistocene è venuta alla luce nel permafrost del...