Geoingegneria solare: prove di accettabilità

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Da alcuni anni un gruppo di scienziati dell'Università di Harvard si prepara a lanciare un pallone atmosferico a 20 km dalla superficie terrestre con l'obiettivo di rilasciare aerosol riflettenti che possano rispedire al mittente parte della radiazione solare, e rinfrescare moderatamente il Pianeta. Le molti voci critiche che si sono sollevate contro l'esperimento sottolineano che il test possa poi legittimare tentativi di alterazione del clima di cui non siamo in grado di valutare i rischi, oltre a ridurre l'attenzione su ciò che è necessario fare per ridurre le emissioni dovute alle attività umane.

 

I ricercatori dell'università statunitense rispondono annunciando che sarà costituito un comitato di vigilanza sull'esperimento, per assicurarsi che non comporti rischi per la salute o per l'ambiente, che sia gestito con trasparenza e in modo credibile, e che non abbia effetti controproducenti - come la riduzione dell'impegno nel taglio dei gas serra.


Mitigazione del clima: le strategie più bizzarre



Ingegneria climatica. Come spiegato in un articolo scientifico del 2014, l'esperimento SCoPEx (Stratospheric Controlled Perturbation Experiment, SCoPEx) libererebbe su una distanza di un chilometro una quantità compresa tra 100 grammi e 2 chili di microparticelle di carbonato di calcio, e misurerebbe, con appositi sensori, il loro potere riflettente, le modalità di dispersione e le interazioni con altre componenti atmosferiche.

 

Per i ricercatori, il test nei cieli del Nuovo Messico (Usa) dovrebbe servire a valutare "sul campo" alcune tecniche di ingegneria climatica testate, finora, soltanto su modelli computerizzati: sarebbe uno strumento in più per sondare rischi e potenzialità di interventi di "semina" dell'atmosfera volti a contrastare l'aumento della temperatura del Pianeta.

 

Per il test, il carbonato di calcio (CaCo3: un sale inorganico che si trova anche nel calcare e nei gusci degli animali) sarebbe disperso in concentrazioni troppo basse per essere nocivo, e la quantità di aerosol liberati non raggiungerebbe neanche lontanamente quanto teoricamente necessario ad alterare la temperatura locale.

 



Un altro piano di geoingegneria estrema: puntelliamo i ghiacciai antartici! | NASA IceBridge


autogestione. Tuttavia l'idea che un'istituzione di così alto profilo come Harvard abbia deciso di procedere da sola, senza aspettare l'istituzione di un'autorità scientifica nazionale che stabilisca linee guida da seguire, lascia perplessa buona parte della comunità scientifica.

 

Negli Stati Uniti non esiste un'autorità federale che regoli questo campo di ricerca, ma l'importanza della crisi climatica impone che ne venga istituita una, così come accade in altri delicati settori, come quello dell'editing genetico. 

 

Come evidenziato in un articolo su Technology Review, si teme che i vantaggi di questo test tutto sommato di piccola scala siano limitati, rispetto al rischio di "rompere il ghiaccio" aprendo la strada ad altri esperimenti climatici sul campo. C'è inoltre chi critica la scarsa indipendenza del comitato di valutazione che, almeno nelle prime fasi, coinvolgerebbe la stessa Università di Harvard. Oltretutto, la commissione sarebbe di soli cittadini americani - e la questione climatica è, come sappiamo, un fatto globale.

 

Chi valuta, e che cosa. Nel mirino anche i molti finanziamenti privati al progetto, che ha ricevuto oltre 16 milioni di dollari (14 milioni di euro) da Bill Gates ed è supportato da altre fondazioni filantropiche. Una collaborazione che, su temi "globali", sposta interessi privati, non dovrebbe essere vagliata da un organismo nazionale super partes? A prescindere dalla risposta, non è detto che servirebbe: negli Usa, i progetti federali vengono di solito valutati per i rischi per la salute e per l'ambiente, non per i loro obiettivi. Il pericolo di emulazione che molti temono potrebbe perciò sfuggire alle maglie dei revisori.

 

Da un punto di vista ingegneristico, i primi test di volo di SCoPEx potrebbero essere pronti nel giro di sei mesi. I ricercatori hanno però fatto sapere che non partiranno prima che il comitato abbia completato la revisione del progetto.

 

Tutti pazzi per la Terra


Vai alla gallery (12 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato domenica, 20 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Si è conclusa la tappa di Trento di Focus Live 2019 al Muse: in tre giorni, da venerdì a domenica sera, abbiamo accompagnato oltre 6.000 visitatori alla scoperta e alle meraviglie della scienza. Dopo la giornata di venerdì, dedicata soprattutto alle...

Pubblicato domenica, 20 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Il sesso è sempre stato materia di conversazione e di dibattiti, oggi diventa spesso argomento di studio per i ricercatori - basti pensare che la celeberrima università americana di Harvard, dove studiarono anche Mark Zuckerberg e...

Pubblicato domenica, 20 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Vi è mai capitato di tornare a casa dopo un pranzo in famiglia tenendovi la pancia dolorante e maledicendovi perché avete mangiato troppo? Be', la colpa non è della cucina della nonna ma della nostra storia evolutiva. È la conclusione a cui...

Pubblicato sabato, 19 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Quando si parla di commercio degli animali il pensiero va subito a pochi, eclatanti casi di specie portate sull'orlo dell'estinzione dal bracconaggio, per esempio gli elefanti africani e i rinoceronti. Ma la tratta di specie selvatiche è un'industria...

Pubblicato sabato, 19 ottobre 2019 ‐ Focus.it

La megattera è una delle balene più grandi, e per molti anni una delle più minacciate: nel 1966 la popolazione mondiale di Megaptera novaeangliae si era ridotta del 90%, e solo negli ultimi cinquant'anni i loro numeri sono...

Pubblicato sabato, 19 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Uno studio da poco commissionato dall'OMS non lascia spazio a dubbi: il mondo non è pronto per fronteggiare una pandemia. Che la minaccia arrivi da un virus influenzale aggressivo come quello della Spagnola, da un patogeno subdolo e letale come Ebola,...

Pubblicato sabato, 19 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Corallo di fuoco avvelenato... non è l'ultima maledizione di Harry Potter ma il nome comune di un fungo mortale (il Podostroma cornu-damae) che di corallo ha solo l'aspetto. Già noto agli esperti, fa notizia il luogo del suo ultimo...

Pubblicato venerdì, 18 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Oggi nella splendida cornice del Muse di Trento ha aperto i battenti FocusLive, il nostro festival della divulgazione scientifica che, in questa tappa, si pone un obiettivo davvero ambizioso: approfondire con conferenze, spettacoli ed esperienze...

Pubblicato venerdì, 18 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Un problema tecnico a bordo della Stazione Spaziale Internazionale ha scombinato la scaletta delle attività extraveicolari già fissate, stabilendo che il 18 ottobre 2019 sarà il giorno della prima EVA eseguita - all'esterno - soltanto da astronaute...

Pubblicato venerdì, 18 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Di tanto in tanto sbucano fuori nuove idee per tentare di accelerare i voli spaziali fino a velocità prossime a quella della luce: questo perché siamo troppo lenti per poter raggiungere le stelle in tempi umani. Purtroppo fino a oggi tutti i progetti...

Pubblicato venerdì, 18 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Il benessere soggettivo, ossia il grado di soddisfazione espresso da ciascuno per la propria esistenza e per le prospettive future, è legato a una migliore qualità di vita, a minori problemi di salute e a una maggiore produttività: anche per queste...

Pubblicato venerdì, 18 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Continuano le operazioni per contenere e riparare i danni del tifone Hagibis, il più forte di quest'anno; sale il numero di vittime causate dall'alluvione e dai forti venti, che hanno raggiunto i 155 km/h sulle città. Le piogge...

Pubblicato giovedì, 17 ottobre 2019 ‐ Focus.it

«Bisogna trasformare l'informazione in conoscenza, e trasformare la conoscenza in coscienza», ha affermato il Premio Nobel per la pace Elie Wiesel, anche scrittore e saggista. Non importa quali siano i mezzi usati, è importante che ciò accada. Il...

Pubblicato giovedì, 17 ottobre 2019 ‐ Focus.it

Pulire un pavimento, asciugare una tazza, prendere un bicchiere da un armadio... Operazioni semplici ma che possono risultare impossibili a persone anziane, ammalate o disabili.   In un futuro non lontano queste categorie di persone potrebbero...

Pubblicato giovedì, 17 ottobre 2019 ‐ Focus.it

La data di consegna segnata in Agenda è il 2030. Ma sul raggiungimento dei Sustainable Development Goals (SDG), ossia i 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile che dettano il programma di lavoro ufficiale delle Nazioni Unite...