Eruzioni solari: imprevedibili e più frequenti di quanto si pensi

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

Il Sole ci investe con un flusso continuo di particelle, un flusso talvolta molto energetico. Tra le conseguenze più spettacolari, le aurore polari sono fenomeni innocui, che tuttavia possono "accompagnarsi" a problemi più seri quando appaiono a latitudini molto più basse di quelle polari - quando succede, è perché siamo investiti da un flusso particolarmente intenso di particelle solari in conseguenza a un brillamento (o flare) solare.

 

Quando il flusso che investe la Terra è molto intenso, a rimetterci sono in prima battuta le tecnologie per le comunicazioni e la trasmissione dei dati, a partire dai satelliti, ma possono essere più o meno colpite anche le reti di distribuzione elettrica. In tempi recenti, è accaduto nel 1989 e nel 2003, quando parte delle reti elettriche del Quebec (Canada) e della città di Malmo (Svezia) andarono fuori uso per diverse ore, proprio per le conseguenze di una violenta eruzione solare. Nel 1972 un analogo evento provocò l'esplosione di una serie di mine di prossimità utilizzate dagli Usa per un blocco navale, durante la guerra del Vietnam.

 



Una violenta tempesta solare può mettere fuori uso il sistema di distribuzione dell'energia elettrica. Una tempesta solare molto violenta potrebbe avere conseguenze addirittura irreparabili: ecco, giorno per giorno, che cosa potrebbe succedere all'umanità con una colossale tempesta solare.


 

In passato ci furono fenomeni ancora più violenti, come quelli del 774 d.C. e del 993 d.C., che non ebbero ricadute pratiche, naturalmente, dal momento che non c'erano tecnologie che potessero essere messe al tappeto dal vento solare. Lo studio dei fenomeni avvenuti in tempi lontani è possibile grazie al rilevamento e alle misure quantitative delle particelle arrivate fino a noi perché intrappolate nelle bolle d'aria nei ghiacci polari - e che ritroviamo oggi nelle carote di ghiaccio.

 



Illustrazione - Il campo magnetico circonda e protegge il nostro pianeta, per esempio dal vento solare, che investe la magnetosfera a 700 km al secondo. Vedi: il caos magnetico di 3.000 anni fa. | Nasa


 

Raimund Muscheler, dell'università svedese di Lund, già autore della ricerca che aveva permesso di isolare le tracce dei brillamenti del 774 e del 993, ha identificato - insieme a un nutrito team internazionale di ricercatori - le tracce di un evento molto violento di 2.610 anni fa.

 



Come nasce un brillamento: la fisica delle tempeste solari. | Tahar Amari / Centre de physique théorique - CNRS-Ecole Polytechnique


 

«Se quella tempesta fosse avvenuta ai nostri giorni, e nulla dice che non possa capitare anche in questo momento, le conseguenze sulla nostra vita quotidiana sarebbero state decisamente gravi», afferma Muscheler. I satelliti andrebbero fuori uso, i sistemi per la distribuzione dell'energia elettrica potrebbero saltare del tutto, le comunicazioni radio e telefoniche sarebbero messe ko per un periodo di tempo imprecisabile - da qualche ora a qualche giorno, con conseguenze drammatiche, basti pensare alle attrezzature ospedaliere, ai servizi di emergenza, alle banche, alla gestione delle informazioni... «Bisogna lavorare per mettere in sicurezza tutti gli elementi critici», commenta Muscheler, «ma in apparenza è una questione ampiamente sottovalutata.»

 

I 20 anni del telescopio solare SOHO in 15 grandi foto


Vai alla gallery (15 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Focus.it

Per prepararsi al primo, grande passo sulla Luna, gli astronauti Neil Armstrong e Buzz Aldrin (e poi tutti i moonwalker dopo di loro) si addestrarono sia in una base in prossimità del Grand Canyon sia in un antico cratere da impatto, il Meteor...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Focus.it

Per l'Europa, sulle emissioni di importanti agenti inquinanti antropogenici (ossia prodotti dalle attività umane), i dati aggregati completi più recenti sono del 2017: i livelli di ossidi di azoto (NOx: prodotti dai motori a...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Focus.it

Da una quindicina di anni a questa parte la questione della possibile presenza di una qualche forma di vita su Marte è al centro di molte discussioni, da quando sul Pianeta Rosso è stato rilevato il metano - un gas che può anche essere il prodotto di...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Focus.it

Aggiornamento del 15 luglio 2019, ore 10.35 - Il lancio della sonda lunare indiana Chandrayaan-2 è stato annullato 56 minuti prima della partenza, alle 23.00 circa ora italiana del 14 luglio, a causa di un problema tecnico emerso...

Pubblicato lunedì, 15 luglio 2019 ‐ Focus.it

Fino a 170 milioni di anni fa, la vita negli oceani era regolata da fattori prevalentemente non biologici, come la composizione chimica dei mari, o le condizioni climatiche terrestri: il successo ecologico degli organismi marini dipendeva soprattutto...

Pubblicato domenica, 14 luglio 2019 ‐ Focus.it

È pronta per il suo viaggio verso la Luna la sonda indiana Chandrayaan-2, che il 14 luglio, alle 23:21 ora italiana, sarà lanciata grazie al più potente razzo indiano, l'GSLV Mk.3 (Geosynchronous Satellite Launch Vehicle Mk.3), per...

Pubblicato domenica, 14 luglio 2019 ‐ Focus.it

Mentre ancora appena si parla di tornare sulla Luna, la NASA e altre Agenzie spaziali pensano già a come colonizzare l'intera Galassia. Alla 10° edizione della Global Trajectory Optimisation Competition (GTOC), ai partecipanti ...

Pubblicato domenica, 14 luglio 2019 ‐ Focus.it

L’Italia potrebbe essere tra i primi paesi in Europa a veder sfrecciare sul proprio territorio le capsule di Hyperloop, il treno a levitazione magnetica ad altissima velocità ideato da Elon Musk. Secondo quanto riportato dal Sole 24 Ore, i vertici di...

Pubblicato sabato, 13 luglio 2019 ‐ Focus.it

Il 14 luglio 1789 il carcere della Bastiglia è preso d'assalto da una folla inferocita: un evento (diventato simbolico) che dà inizio a un processo di emancipazione che, il 26 agosto...

Pubblicato sabato, 13 luglio 2019 ‐ Focus.it

Baciarsi è un'attività piuttosto faticosa! Bisogna mettere in moto ben 34 muscoli facciali e 112 muscoli posturali e, se appassionato, può bruciare due calorie al minuto. Comunque, è (in genere) un'attività gradevole, che vale la fatica,...

Pubblicato sabato, 13 luglio 2019 ‐ Focus.it

Si dice che il coccodrillo non metta mai il cappotto, che con i denti punga e molto spesso pianga, ma se è vero che nessuno sa come fa, tutti abbiamo ben presente che cosa mangia - e non vorremmo essere noi, gli invitati a pranzo. Tuttavia, pare che non ...

Pubblicato venerdì, 12 luglio 2019 ‐ Focus.it

Luglio 1969 - Gli astronauti dell'Apollo 11 Neil A. Armstrong, Edwin E. "Buzz" Aldrin e Michael Collins sono pronti a partire per quello che diventerà il viaggio. L'obiettivo è quello indicato da John F. Kennedy, 35°...

Pubblicato venerdì, 12 luglio 2019 ‐ Focus.it

La storia del complottismo è antica. Il momento in cui la cosiddetta "teoria della cospirazione" divenne un metodo politico esplicito e consapevole -  utile per giustificare le proprie azioni politiche - fu quello della Rivoluzione Francese (1789) e...

Pubblicato venerdì, 12 luglio 2019 ‐ Focus.it

Il settore energetico è tra i maggiori produttori di emissioni dannose per il clima, ma allo stesso tempo è tra i sistemi più sensibili ai cambiamenti climatici. In base a uno studio pubblicato su Nature Communications, nei prossimi 30 anni...

Pubblicato venerdì, 12 luglio 2019 ‐ Focus.it

Un gruppo internazionale di ricercatori ha scoperto che il pianeta nano Cerere (940 km di diametro), che ruota attorno al Sole nella fascia degli asteroidi, mostra sulla sua superficie "profonde rughe e spaccature", ossia quello che i geologi chiamano...