Eruzioni solari: imprevedibili e più frequenti di quanto si pensi

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

Il Sole ci investe con un flusso continuo di particelle, un flusso talvolta molto energetico. Tra le conseguenze più spettacolari, le aurore polari sono fenomeni innocui, che tuttavia possono "accompagnarsi" a problemi più seri quando appaiono a latitudini molto più basse di quelle polari - quando succede, è perché siamo investiti da un flusso particolarmente intenso di particelle solari in conseguenza a un brillamento (o flare) solare.

 

Quando il flusso che investe la Terra è molto intenso, a rimetterci sono in prima battuta le tecnologie per le comunicazioni e la trasmissione dei dati, a partire dai satelliti, ma possono essere più o meno colpite anche le reti di distribuzione elettrica. In tempi recenti, è accaduto nel 1989 e nel 2003, quando parte delle reti elettriche del Quebec (Canada) e della città di Malmo (Svezia) andarono fuori uso per diverse ore, proprio per le conseguenze di una violenta eruzione solare. Nel 1972 un analogo evento provocò l'esplosione di una serie di mine di prossimità utilizzate dagli Usa per un blocco navale, durante la guerra del Vietnam.

 



Una violenta tempesta solare può mettere fuori uso il sistema di distribuzione dell'energia elettrica. Una tempesta solare molto violenta potrebbe avere conseguenze addirittura irreparabili: ecco, giorno per giorno, che cosa potrebbe succedere all'umanità con una colossale tempesta solare.


 

In passato ci furono fenomeni ancora più violenti, come quelli del 774 d.C. e del 993 d.C., che non ebbero ricadute pratiche, naturalmente, dal momento che non c'erano tecnologie che potessero essere messe al tappeto dal vento solare. Lo studio dei fenomeni avvenuti in tempi lontani è possibile grazie al rilevamento e alle misure quantitative delle particelle arrivate fino a noi perché intrappolate nelle bolle d'aria nei ghiacci polari - e che ritroviamo oggi nelle carote di ghiaccio.

 



Illustrazione - Il campo magnetico circonda e protegge il nostro pianeta, per esempio dal vento solare, che investe la magnetosfera a 700 km al secondo. Vedi: il caos magnetico di 3.000 anni fa. | Nasa


 

Raimund Muscheler, dell'università svedese di Lund, già autore della ricerca che aveva permesso di isolare le tracce dei brillamenti del 774 e del 993, ha identificato - insieme a un nutrito team internazionale di ricercatori - le tracce di un evento molto violento di 2.610 anni fa.

 



Come nasce un brillamento: la fisica delle tempeste solari. | Tahar Amari / Centre de physique théorique - CNRS-Ecole Polytechnique


 

«Se quella tempesta fosse avvenuta ai nostri giorni, e nulla dice che non possa capitare anche in questo momento, le conseguenze sulla nostra vita quotidiana sarebbero state decisamente gravi», afferma Muscheler. I satelliti andrebbero fuori uso, i sistemi per la distribuzione dell'energia elettrica potrebbero saltare del tutto, le comunicazioni radio e telefoniche sarebbero messe ko per un periodo di tempo imprecisabile - da qualche ora a qualche giorno, con conseguenze drammatiche, basti pensare alle attrezzature ospedaliere, ai servizi di emergenza, alle banche, alla gestione delle informazioni... «Bisogna lavorare per mettere in sicurezza tutti gli elementi critici», commenta Muscheler, «ma in apparenza è una questione ampiamente sottovalutata.»

 

I 20 anni del telescopio solare SOHO in 15 grandi foto


Vai alla gallery (15 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Focus.it

Negli anni Novanta le sonde Pioneer 10 e 11 (lancio: marzo 1972 e aprile 1973) furono le prime missioni robotiche ad affacciarsi oltre Nettuno. Nel 2012 e nel 2018 le sonde Voyager 2 e 1 (lancio: agosto e settembre 1977) attraversarono...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Focus.it

Riuscireste ad immaginare un evento che capita una volta ogni mille miliardi di volte l’età dell’Universo che è di 13,8 miliardi di anni?  È difficile, molto difficile. Eppure esiste un fatto che può capitare proprio una volta in questo lasso di ...

Pubblicato giovedì, 25 aprile 2019 ‐ Focus.it

Un pesce pallido e sfuggente che si aggira come un fantasma nella Fossa delle Marianne è il primo organismo degli abissi estremi di cui si sia riusciti a sequenziare il DNA. La speranza degli scienziati è che questa mappa genetica descritta su...

Pubblicato mercoledì, 24 aprile 2019 ‐ Focus.it

La bandiera italiana nasce come bandiera militare: fu proposta nel 1796 per distinguere il contingente italiano all’interno dell’esercito di Napoleone, nelle repubbliche Cispadana e Cisalpina. Il 7 gennaio del 1797 il Tricolore fu adottato, a Reggio...

Pubblicato mercoledì, 24 aprile 2019 ‐ Focus.it

Con la liberazione delle grandi città del Settentrione e la resa dei tedeschi in Italia, la primavera del 1945 segnò la fine del nazifascismo nel nostro Paese. La data del 25 aprile, giorno della liberazione di Milano, fu scelta in seguito come...

Pubblicato mercoledì, 24 aprile 2019 ‐ Focus.it

Tempi duri per l’intelligenza artificiale: dopo gli errori del sistema di guida semi-autonoma di Tesla, altri due test condotti nelle ultime settimane accendono i riflettori sull’effettiva affidabilità dei software che replicano i meccanismi di...

Pubblicato mercoledì, 24 aprile 2019 ‐ Focus.it

Lo scorso 6 aprile un debole segnale sismico è stato registrato dallo strumento Seismic Experiment for Interior Structure (SEIS), il sismometro deposto su Marte dalla sonda InSight (Nasa), atterrata sul Pianeta Rosso il 26 novembre...

Pubblicato mercoledì, 24 aprile 2019 ‐ Focus.it

Per cinque mesi tra il 2017 e il 2018, una media giornaliera di 365 particelle di plastica si è depositata su ogni metro quadrato di un'area disabitata e teoricamente incontaminata dei Pirenei francesi, a 1500 metri di quota: in questa zona...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Focus.it

Quando il 24 aprile del 1990 il telescopio spaziale Hubble fu messo in orbita attorno alla Terra, alla Nasa si pensava che sarebbe rimasto in servizio fino al 2005. Oggi, superato di 14 anni il fine-vita previsto, Hubble ha qualche...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Focus.it

Sabato 20 aprile, durante i test a terra di una Crew Dragon di SpaceX, qualcosa è andato storto: la capsula spaziale destinata a traghettare gli astronauti della NASA da e verso la ISS è andata distrutta in una violenta esplosione...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Focus.it

Circa 10 mila anni fa, una popolazione di cacciatori-raccoglitori si stabilì in una pianura dell'odierna Turchia, e vi rimase per un migliaio di anni. Di quel villaggio, nel sito di Aşıklı Höyük, sono rimaste testimonianze importanti: i resti di...

Pubblicato martedì, 23 aprile 2019 ‐ Focus.it

I ricercatori del MIT, in collaborazione con la Nasa, hanno messo a punto un nuovo tipo di ala che potrebbe rivoluzionare la progettazione e la costruzione degli aeroplani. La nuova struttura è formata da centinaia di pezzi, tutti uguali tra loro,...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Focus.it

Un evento meteo letale che si è riversato sul Nepal sudorientale alla fine di marzo potrebbe essere il primo tornado mai verificatosi nel Paese: una circostanza talmente rara, che per riconoscerla e ricostruirne il percorso è stato necessario ricorrere ...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Focus.it

Alcuni scienziati cinesi hanno dato vita a un nuovo, inquietante ibrido animale: hanno creato macachi recanti nel loro DNA un gene importante per lo sviluppo del cervello e dell'intelligenza umana. Lo studio dell'Accademia Cinese delle Scienze pubblicato ...

Pubblicato lunedì, 22 aprile 2019 ‐ Focus.it

Scienziati e ricercatori di tutto il mondo sono costantemente a caccia di nuovi materiali da utilizzare nei più diversi ambiti dell’industria e della ricerca. Che siano più resistenti o più sottili, più rigidi o più flessibili, più isolanti o...