Enormi emissioni di gas dalla collisione tra due galassie

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Focus.it

Un gruppo di astronomi ha rilevato, da un agglomerato galattico, una enorme emissione di gas, ampia centinaia di migliaia di anni luce o più. Stando a quanto pubblicato su Nature sarebbe la prima osservazione diretta di venti galattici in grado di alimentare il mezzo intergalattico, costituito da enormi nubi di gas che fluttuano nello Spazio allungandosi da una galassia all’altra fino ad avvolgerle.

 

Il fenomeno permetterà agli astronomi di comprendere meglio le dinamiche generate dalle collisioni galattiche, perché l'oggetto in questione, SDSS J211824.06 + 001729.4, soprannominato Makani (vento, in lingua hawaiana), non è una galassia come tutte le altre, ma il risultato delle fusione di due galassie, avvenuta in tempi molto lontani, e le sue dimensioni sono infatti enormi.

 



 

Un fenomeno possibile, quello della collisione tra galassie, nonostante l'Universo sia in espansione e perciò gli oggetti siano in allontanamento, tutti rispetto a tutti gli altri: può però accadere che la gravità prevalga rispetto alle forze di espansione, e che due oggetti con miliardi di stelle diventino uno solo.

 

Gas a clessidra. Gli astronomi hanno già osservato galassie in fase di fusione, ma in questo caso è qualcosa di già molto avanzato nel processo e la situazione attuale può spiegare perché possono esserci grandi eruzioni di gas. «Quando due galassie si fondono possono creare spaventose esplosioni, che si verificano allorché una grande quantità di gas viene compressa», commenta Alison Coil (California University): «in questo modo popssono nascere nuove stelle, e forse proprio le nuove stelle di Makani, o anche altre sue stelle morenti in supernovae, possono aver causato i grandi deflussi di gas osservati.»

 



Arp-Madore 2026-424: due galassie in fase di fusione disegnano nello Spazio un volto spettrale, che il telescopio spaziale Hubble ha scelto come "fantasmino" per Halloween 2019. | NASA, ESA, J. Dalcanton, B.F. Williams, and M. Durbin/University of Washington


 

Gli astronomi hanno visto, attraverso il Keck Cosmic Web Imager  (uno strumento posto sul telescopio Keck, alle Hawaii) una regione di ossigeno ionizzato che si estende per circa 52 miliardi di anni luce. In realtà si possono osservare due bolle di gas che disegnano nello Spazio una sorta di clessidra, e che potrebbero essere state emesse in tempi diversi, dove le temperature sono dell’ordine dei 10.000 °C.

 

Secondo le stime dei ricercatori la prima bolla potrebbe essere stata emessa circa 400 milioni di anni fa, e quel gas si muove ancora a una velocità di circa 1.400 chilometri al secondo. La seconda sarebbe più giovane: potrebbe essersi formata circa 7 milioni di anni fa, con il gas che viaggia a 2.100 chilometri al secondo.

 



La meraviglia astronomica chiamata Arp 273 o, più romanticamente, la rosa. Si tratta di una coppia di galassie lontane da noi 300 milioni di anni luce, molto vicine fra loro. Talmente vicine che gli astronomi pensano che in tempi remoti la più piccola sia passata attraverso la maggiore. Per meravigliarsi un po': 9 fotografie dell'Universo per celebrare il telescopio spaziale Hubble. | Hubble, NASA, Esa.


 

Per ricostruire il complesso puzzle non è stato sufficiente del telescopio Keck, tra i più potenti al mondo, ma si è dovuti ricorrere anche al telescopio spaziale Hubble e al radiotelescopio ALMA, in Cile. Grazie ad Hubble gli astronomi hanno potuto osservare le stelle della galassia e da ciò desumere la sua massa (da questi dati si è arrivati a ipotizzare la fusione). ALMA, invece, ha permesso di capire che la galassia è composta da un insieme di stelle di varie età, da giovani a molto vecchie, che circondano un possibile buco nero.

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Non è (purtroppo) più una novità che gli insetti di tutto il mondo stiano scomparendo a ritmi preoccupanti. Quello che forse non afferriamo ancora è la reale gravità di questa estinzione di massa: secondo uno studio della Technical University di...

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Il rover Curiosity si trova sulla superficie marziana dal 2012 e ha trascorso dunque, circa tre anni (marziani) sul Pianeta Rosso (un anno marziano dura circa due anni terrestri). La notizia è che durante le stagioni primaverili ed estive ha...

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Ormai sono anni che la parola Black Friday è entrata a far parte del nostro linguaggio comune. Sicuramente ne avrete sentito parlare anche voi, da amici, colleghi, parenti o semplici conoscenti. Oppure l'avrete letto in rete, quasi sempre spulciando tra ...

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Uno studio pubblicato su Science denuncia come l'uso dei pesticidi neonicotinoidi nelle risaie vicino al lago Shinji, nell'ovest del Giappone, abbia avuto conseguenze devastanti sulla fauna lacustre: in un solo anno la pesca di anguille e sperlani...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

Diabete è un "termine contenitore" che racchiude un insieme di sindromi diverse con una caratteristica comune: gli alti livelli di glucosio nel sangue per un'alterata quantità o per l'inefficacia dell'insulina, un...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

Il più grande "cimitero di mammut" mai scoperto è in realtà una trappola, creata ad hoc per catturare e uccidere questi animali: il sito è stato identificato in Messico da ricercatori dell'Instituto Nacional de Antropología e Historia, che riportano ...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

C'è voluto il lavoro di 35 gruppi di ricerca di tutta Europa per confermare, se mai ce ne fosse stato bisogno, che i capricci del clima stanno alterando la portata dei fiumi e modificando la severità delle esondazioni, tra i più frequenti e onerosi...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

L'olfatto di una squadra di cani poliziotto ha reso possibile un importante ritrovamento archeologico sulle Alpi Bebie, lungo la costa adriatica croata, dove un gruppo di archeologi ha rinvenuto diverse tombe risalenti all'Età del Ferro europea, con...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Focus.it

Una dieta formulata con le nobili intenzioni di nutrire una popolazione mondiale in crescita, prevenendo le morti dovute a una cattiva alimentazione e migliorando il nostro impatto ecologico, risulterebbe tuttavia troppo costosa per almeno 1,58 miliardi...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Focus.it

Chi vola spesso può incorrere più facilmente nelle batoste in bolletta del roaming, e gli uccelli non sono da meno: se ne sono accorti, a loro spese, alcuni ornitologi russi impegnati nel monitoraggio di 13 aquile delle steppe (Aquila...

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Il pomeriggio dell'11 novembre Mercurio si troverà fra la Terra e il Sole. Potremo quindi ammirare la silhouette del piccolo pianeta stagliata sull'enorme disco solare. Il transito di...

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Una speranza dopo 15 anni di stallo nelle ricerche sulla malattia di Alzheimer - la più comune forma di demenza, che interessa quasi 30 milioni di persone nel mondo - arriva dalla Colombia: una donna geneticamente...

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Anche in passato X-37B, lo spazioplano dell'U.S. Air Force, aveva affrontato missioni di durata lunghissima, da più di 700 giorni. Ma l'ultima, la quinta, l'ha visto fissare un nuovo record: ben 780 giorni in orbita attorno alla Terra....

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Può una scarpa da corsa dare al runner che la indossa un vantaggio così grande da essere considerata doping tecnologico? A porsi questa domanda è nientemeno che la Iaaf, la Federazione Internazionale dell’atletica leggera, che nei giorni scorsi ha...

Pubblicato domenica, 10 novembre 2019 ‐ Focus.it

Il pomeriggio dell'11 novembre Mercurio si troverà fra la Terra e il Sole. Potremo quindi ammirare la silhouette del piccolo pianeta stagliata sull'enorme disco solare. Il transito di...