Deicing: perché è necessario eliminare il ghiaccio dalla superficie degli aerei

Pubblicato mercoledì, 09 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Si chiama deicing, è l'operazione con cui si provvede alla rimozione di neve e ghiaccio dalle superfici di un aereo. Perché la formazione di ghiaccio può risultare pericolosa? Innanziutto perché, con il ghiaccio, il profilo dell’ala cambia forma: l’aereo assume caratteristiche aerodinamiche diverse da quelle con cui è progettato (con tutta una serie di conseguenze sulle modalità con cui risponde ai comandi). In più, sempre restando agli effetti sulle ali, il movimento dei flap (parti mobili dell’ala, impiegate in decollo e atterraggio) può risultare ostacolato da un punto di vista meccanico. 

 



Nel corso delle operazioni di deicing, quattro mezzi spruzzano liquido antigelo nelle direzioni indicate dalle frecce. | Illustrazione di Marco Paternostro


Un'altra zona interessata dalla formazione di ghiaccio è la parte anteriore dei motori, da cui i propulsori "inspirano" l'aria necessaria per funzionare: in questo caso la superficie di imbocco si riduce e con essa la quantità d’aria catturata, peggiorando così le prestazioni dei propulsori. Infine il ghiaccio aumenta la resistenza dell'aereo. 

 

In genere l'operazione di deicing dura 10/15 minuti ed è condotta impiegando mezzi speciali che, in una apposita area della pista, spruzzano una miscela di acqua e liquido antigelo (killfrost) a una temperatura di 62/63 °C, nelle direzioni indicate nel disegno.

 

Attorno a ogni aereo devono lavorare contemporaneamente 4 mezzi per il deicing. Lo scalo internazionale di Francoforte, per dire, ne ha 58. A Fiumicino, dove il clima è migliore, ce ne sono 4 in tutto.

 



Il diagramma mostra la probabilità della formazione di ghiaccio in funzione dell'altitudine e della temperatura. | Focus


Perché si forma? Il ghiaccio si forma in seguito all’impatto dell’aereo contro gocce d’acqua sospese nell’aria, in presenza di certe condizioni atmosferiche, con maggiori probabilità a temperature comprese tra –15 e 0 °C.

Significa che sotto i 3 mila metri (dunque, anche quando l’aereo è fermo in pista) si ha un alto rischio solo d’inverno.

 

Oltre questa quota, l’influenza delle condizioni a terra non si sente più e il “pericolo” non dipende dalla stagione: la temperatura resta nell’intervallo di “alto rischio” fino a 5 mila metri circa, per poi allontanarsene con l’aumentare dell’altitudine.

 

E se il ghiaccio si forma in volo? Per rimuovere il ghiaccio che si forma in volo sulle ali, sono impiegati sistemi pneumatici come guaine che, al comando del pilota, si gonfiano e rompono la superficie ghiacciata. Una variante: una serie di camere d’aria, gonfiandosi in sequenza, rompe il ghiaccio e poi ne favorisce il distacco. Altro sistema: si riscaldano le ali e altre superfici, con resistenze elettriche o convogliando gas caldi dall’interno dei motori.



Alcuni sistemi per rimuovere il ghiaccio sull'aereo in volo. | Illustrazione di Marco Paternostro


10 cose che (forse) non sai su aerei, voli e aeroporti


Vai alla gallery (10 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

Nuova Via della Seta è l'espressione coniata dalla stampa italiana per raccontare la Belt and Road Initiative (BRI), un ambizioso programma del governo cinese che vuole finanziare con oltre 1.000 miliardi di...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

Un piccolo studio preliminare compiuto dai ricercatori dell'Imperial College London fornisce nuovi indizi sul perché un trattamento usato per lenire i sintomi del Parkinson su pazienti che non trovano giovamento dai farmaci sia somministrato, con buoni...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

I batteri pericolosi che popolano gli scarichi fognari e i liquami di allevamento e agricoltura possono "scroccare" un passaggio sulle innumerevoli microplastiche che ormai abitano i nostri mari, e portarsi così da un capo all'altro della...

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

Il Sole ci investe con un flusso continuo di particelle, un flusso talvolta molto energetico. Tra le conseguenze più spettacolari, le aurore polari sono fenomeni innocui, che tuttavia possono "accompagnarsi" a problemi più seri quando...

Pubblicato domenica, 17 marzo 2019 ‐ Focus.it

Che cosa succede nel nostro cervello quando vediamo un'opera d'arte, o quando ci appassioniamo a un argomento? È possibile “manipolare” la nostra mente per convincerci a fare qualcosa? E come cambiano i nostri comportamenti quando ci sono di mezzo i ...

Pubblicato domenica, 17 marzo 2019 ‐ Focus.it

Da uno studio da poco pubblicato su Review of Economic Studies, che ci tocca da vicino e che ci vede tra i protagonisti, emerge che gli Stati USA che storicamente hanno accolto più migranti europei ci hanno guadagnato in innovazione,...

Pubblicato domenica, 17 marzo 2019 ‐ Focus.it

L’ultima in ordine di tempo è la scoperta, qualche giorno fa, di 1.500 tartarughe legate con lo scotch e stipate in 4 valigie: partite dall’aeroporto di Hong Kong sono arrivate fino a Manila, nelle Filippine, dove qualcuno le ha poi ...

Pubblicato domenica, 17 marzo 2019 ‐ Focus.it

Non esistono tecnologie né metodi che permettano di prevedere i terremoti: è meglio chiarirlo subito e, finché non cambierà qualcosa, tutte le volte che se ne parla. Ci sono però delle novità: l'evoluzione dei sistemi di...

Pubblicato sabato, 16 marzo 2019 ‐ Focus.it

In uno studio preliminare su un numero piuttosto ristretto di pazienti, i ricercatori dell'Imperial College London hanno analizzato gli spermatozoi di un gruppo di 50 uomini, le cui partner avevano vissuto tre o più aborti spontanei consecutivi....

Pubblicato sabato, 16 marzo 2019 ‐ Focus.it

Prima o poi sarebbe dovuto accadere. E così è stato: alcuni emoji col passare del tempo hanno assunto loro malgrado un significato equivoco. Succede con le parole e i gesti da sempre. Già Cicerone nelle sue lettere stigmatizzava la...

Pubblicato sabato, 16 marzo 2019 ‐ Focus.it

Che cosa succede quando due galassie si scontrano? La Via Lattea, la nostra galassia, e quella di Andromeda, per esempio, sono in rotta di collisione e tra 2-3 miliardi di anni si incontreranno in un abbraccio totale. Possiamo farci un'idea di quello che ...

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Focus.it

Greta Thunberg, la 16enne svedese che con i suoi sit-in davanti al Parlamento svedese ha dato vita al movimento dei #FridaysForFuture, sfociato nello sciopero mondiale per il clima di venerdì 15 marzo, è stata candidata al Nobel per la Pace. La...

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Focus.it

Ringiovanire anziché invecchiare. Riaggiustare un uovo scivolato dalle mani. Spingere indietro la lava eruttata da un vulcano. Il tornare indietro o, più in generale, i processi che permettono di tornare da un sistema caotico a uno ordinato, sono...

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Focus.it

Negli ultimi decenni abbiamo scoperto quasi 4.000 esopianeti: corpi più o meno grandi che orbitano attorno a stelle lontane. Sappiamo però che ci sono anche pianeti che vagano solitari nel cosmo, i pianeti interstellari: se ne...

Pubblicato venerdì, 15 marzo 2019 ‐ Focus.it

Nell'agosto 2018, Greta Thunberg, una ragazza svedese di 15 anni, cominciò una protesta solitaria per il clima davanti al Parlamento a Stoccolma: ogni venerdì si preparava per andare a scuola, ma poi sedeva in strada accanto a un cartello che chiedeva...