Da tempesta a ciclone: che cosa è successo in Mozambico

Pubblicato giovedì, 21 marzo 2019 ‐ Focus.it

Idai, il nome dato al ciclone che tra il 4 e il 16 marzo 2019 ha imperversato su alcune regioni dell'Africa australe, potrebbe aver fatto oltre mille vittime e aver lasciato dietro di sé quasi 400.000 senzatetto. Al momento, alcune fonti stimano che oltre 1.700.000 persone potrebbero essere state interessate, in un modo o nell'altro, dalle inondazioni e dalle conseguenze dei venti.

 

La città più colpita è Beira, sulla costa del Mozambico, ma effetti spaventosi si sono avuti anche nello Zimbabwe e in Malawi. In una dichiarazione rilasciata da un responsabile dalla Croce Rossa, Jamie LeSueur, si legge che "le perdite sono immense e ci si aspetta che il numero delle persone che hanno perso la vita possa aumentare ancora". A Beira, il 14 marzo Idai ha colpito con venti a oltre 170 chilometri all'ora che si sono trascinati dietro onde alte più di 6 metri. Le piogge ininterrotte, secondo il Servizio Meteorologico del Mozambico, proseguiranno almeno fino al 21 marzo.

 



Beira dopo il passaggio del ciclone Idai.


 

In attesa dei soccorsi. Fortemente colpito è il Gorongosa, uno dei parchi più belli del Mozambico: le strade sono state mangiate dall'acqua e le 260 guardie forestali lavorano senza sosta per soccorrere le numerose persone in difficoltà, alcune addirittura rifugiate sulla cima dei termitai (alti anche 3 metri e più) in attesa che le acque si ritirino.

 

Piogge torrenziali. La statistica ci dice che in Mozambico si abbattono in media 1,5 cicloni l'anno che, pur facendo danni, raramente superano la categoria 2 - in una scala che va da 1 a 5. Corene Matyas (Università della Florida), climatologa, esperta di cicloni, spiega che «generalmente, ciò che crea i maggiori danni alle persone e alle cose durante un ciclone sono le inondazioni, in quanto, da alcuni anni a questa parte, l'atmosfera, più calda della media, contiene più umidità prelevata dal mare, e questo causa violentissime e lunghissime piogge». Significa che nonostante i venti rimangano entro le medie e che perciò gli uragani continuino a essere di intensità medio-bassa, le piogge fortemente aumentate causano ingentissimi danni.

 



Beira dopo il passaggio del ciclone Idai.


 

Il ciclone Idai, in particolare, è "nato" il 4 marzo in forma di tempesta al largo delle coste africane (vedi disegno di apertura), lungo il Canale del Mozambico, un braccio di mare che lo separa dal Madagascar. Ha viaggiato nell'entroterra per poi uscire di nuovo in mare aperto e ricaricarsi di grandi quantità di umidità. Quindi, il 14 marzo, si è abbattuto su Beira: «Un percorso strano e imprevedibile, ma che non è poi così raro per gli uragani che si formano nel Canale del Mozambico», afferma Corene Matyas. La maggior parte dei cicloni nell'Oceano Indiano sud-occidentale si forma tra ottobre e maggio, con il picco tra gennaio e marzo. Idai, secondo la Nasa, è il settimo ciclone della stagione 2018-2019.

 

10 cose + 1 che (forse) non sai sugli uragani


Vai alla gallery (11 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

La conferma arriva dalla Spagna: il calabrone bicolore (Vespa bicolor), un imenottero asiatico dalla colorazione particolarmente brillante, si riproduce in Spagna, nella provincia di Malaga, e potrebbe aver stabilito così una...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

Nella serie televisiva Homeland il protagonista uccide il Vicepresidente degli Stati Uniti manomettendo da remoto il suo pacemaker. Ma quanto è reale questo rischio? È davvero possibile che un hacker riesca ad accedere a un dispositivo medico...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Le più antiche, elementari forme di vita sulla Terra sorsero probabilmente nei laghi poco profondi, e non negli oceani primordiali. Lo sostiene uno studio del MIT pubblicato su Geochemistry, Geophysics, Geosystems, che prende in considerazione...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Il ruolo del microbiota intestinale nella salute dell'organismo è sempre più spesso sotto le lenti degli scienziati: di particolare interesse sono gli studi sul cosiddetto asse intestino-cervello, che indagano la capacità dei microrganismi digerenti...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Uno sbiadito bagliore, molto breve, proveniente da una galassia lontanissima, ha permesso agli astronomi di assistere a una prima assoluta: la nascita di un sistema binario di stelle di neutroni (compact neutron star binary)....

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

L'85 per cento trova subito un impiego e il 45 per cento un contratto a tempo indeterminato: sono alcune delle cifre che rendono la formazione professionale il fiore all'occhiello della Regione Lombardia. “Costruendo voi stessi oggi, costruirete il...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

La capacità dei batteri di sviluppare resistenza agli antibiotici è ben conosciuta: meno spesso si dice che anche i funghi hanno sviuppato questo super potere. È forse anche per questo che un fungo...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

Lo Spazio non ha riguardi per il corpo umano: da quel poco che sappiamo sulle missioni spaziali di lunga durata, appreso nell'ambiente ancora relativamente protetto della ISS, il nostro organismo risente delle condizioni di microgravità, delle...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

I flussi piroclastici sono le valanghe di cenere, gas e rocce che possono precipitare a valle da alcuni vulcani durante un'eruzione, così velocemente che sembrano violare le leggi della fisica. I materiali di cui sono composti dovrebbero fare...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Le origini dell’uovo di cioccolato sono da ricondurre al re Sole, Luigi XIV. Fu lui che per primo, a inizio Settecento, fece realizzare un uovo di crema di cacao al suo chocolatier di corte. L'usanza di regalare le uova a...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Non è facile osservare un "funerale" tra gorilla: i primati morenti spesso si allontanano dal gruppo per andarsene in disparte, e i gesti esibiti dagli esemplari ospiti di riserve o giardini zoologici non sono scientificamente attendibili. Così la...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

La città di New York ha dichiarato uno stato di emergenza sanitaria martedì 9 aprile a causa dell'aggravarsi di un'epidemia di morbillo nei quartieri di Brooklyn e del Queens. Da ottobre 2018 all'8 aprile 2019 ci sono stati almeno 285 casi di contagio, ...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Si ipotizza che gli asteroidi composti quasi unicamente da metalli nacquero all'inizio della storia del Sistema Solare, quando i pianeti si stavano ancora formando. È possibile che in quel caos creativo planetesimali, planetesimi e protopianeti, tutti...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Focus.it

Contenuto sponsorizzato a cura di Enel X   Enel X schiaccia il piede sull'acceleratore e punta dritto verso mobilità sostenibile e smart home. La società che si occupa di innovazione e...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Focus.it

La plastica galleggiante onnipresente nei mari non è che una minuscola frazione di quella che gettiamo: si stima che soltanto 250.000 di 4-12 milioni di tonnellate di plastica che ogni anno si riversano negli oceani affiorino in superficie: di tutto il...