Corsa e scarpe speciali: esiste un doping tecnologico?

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Può una scarpa da corsa dare al runner che la indossa un vantaggio così grande da essere considerata doping tecnologico? A porsi questa domanda è nientemeno che la Iaaf, la Federazione Internazionale dell’atletica leggera, che nei giorni scorsi ha messo sotto i riflettori il modello di scarpe (Nike ZoomX Vaporfly) impiegato di recente da atleti che hanno ottenuto per prestazioni finora inimmaginabili.


Gli ultimi due in ordine di tempo sono stati il maratoneta keniano Eliud Kipchoge e la sua connazionale Brigid Kosgei che, pur in contesti molto diversi tra loro, hanno abbassato tempi che resistevano da anni agli assalti dei migliori atleti.

Record o non record. La Kosgei, in particolare, ha vinto la Maratona di Chicago dello scorso 12 ottobre abbattendo di ben 81 secondi il miglior tempo realizzato 16 anni prima da Paula Radcliffe. Lo stesso giorno il "collega" Kipchoge tentava, con successo, un nuovo assalto alla Breaking2, cioè il tentativo di correre la maratona al di sotto delle due ore: per comprire la distanza regina di 42,195 Km ha impiegato 1h 59’40”.

 



Eliud Kipchoge con le scarpe dei rercod, finite al centro di un'inchiesta della Iaaf | Nike


Ma se Brigid Kosgei ha corso la sua gara nel contesto "normale" di una maratona ufficiale (quella di Chicago, appunto), Eliud Kipchoge ha conseguito il proprio primato in un "ambiente controllato", all’interno di un circuito creato ad hoc nel parco Prater di Vienna, senza altri concorrenti e con l’aiuto di diverse mute di “lepri”, ovvero altri atleti che, correndo davanti a lui, creavano una scia che lo ha sicuramente aiutato.

 

Senza nulla togliere alla prestazione sportiva di Kipchoge, da un punto di vista sportivo ha forse più valore la prova della Kosgei, risultato di una gara combattuta spalla a spalla con le avversarie. E, vale la pena ricordarlo, certificata da controlli antidoping ufficiali che non sono stati fatti nella performance di Vienna...


Un elemento, però, accomuna questi due importanti risultati: le scarpe indossate dai due atleti. Cos’hanno di così speciale? Secondo gli esperti il loro segreto è uno speciale inserto in carbonio "annegato" nella suola, che riuscirebbe a restituire all'atleta gran parte dell’energia dissipata nell’impatto col suolo, favorendo così la spinta in avanti.

Non solo scarpe. Un effetto così dirompente, secondo alcuni, da spingere diversi atleti a scrivere alla Iaaf, secondo quanto riporta il Times, per denunciare come queste scarpe consentirebbero di guadagnare impropriamente fino a 2 minuti sul tempo di maratona. Tantissimo per una competizione i cui record ormai si assottigliano di pochi decimi di secondo alla volta.


Sarà vero? La parola alla Iaaf. Nel frattempo, due cose sono certe: diversi atleti si stanno orientando nella scelta verso queste scarpe prodigiose, mentre i più importanti produttori stanno per presentare un loro modello di scarpa con l’intersuola in carbonio.

In punta di regolamento. Se sarà provato l’ingiusto vantaggio offerto dalle solette in carbonio sarà compito della Iaaf provvedere a regolamentarne l’impiego, così come a metà degli anni ‘80 la Federazione internazionale del tennis si trovò a dover stabilire nuove regole per definire le specifiche tecniche delle racchette in fibra di carbonio che stavano iniziando a sostituire quelle in legno.


Restano comunque aperti diversi interrogativi di natura soprattutto pratica, come per esempio i controlli: come verificare le scarpe di decine di migliaia di persone che si apprestano a partecipare una maratona?

 

Olimpiadi: gli sport più strani che ora non ci sono più


Vai alla gallery (11 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Non è (purtroppo) più una novità che gli insetti di tutto il mondo stiano scomparendo a ritmi preoccupanti. Quello che forse non afferriamo ancora è la reale gravità di questa estinzione di massa: secondo uno studio della Technical University di...

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Il rover Curiosity si trova sulla superficie marziana dal 2012 e ha trascorso dunque, circa tre anni (marziani) sul Pianeta Rosso (un anno marziano dura circa due anni terrestri). La notizia è che durante le stagioni primaverili ed estive ha...

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Ormai sono anni che la parola Black Friday è entrata a far parte del nostro linguaggio comune. Sicuramente ne avrete sentito parlare anche voi, da amici, colleghi, parenti o semplici conoscenti. Oppure l'avrete letto in rete, quasi sempre spulciando tra ...

Pubblicato giovedì, 14 novembre 2019 ‐ Focus.it

Uno studio pubblicato su Science denuncia come l'uso dei pesticidi neonicotinoidi nelle risaie vicino al lago Shinji, nell'ovest del Giappone, abbia avuto conseguenze devastanti sulla fauna lacustre: in un solo anno la pesca di anguille e sperlani...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

Diabete è un "termine contenitore" che racchiude un insieme di sindromi diverse con una caratteristica comune: gli alti livelli di glucosio nel sangue per un'alterata quantità o per l'inefficacia dell'insulina, un...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

Il più grande "cimitero di mammut" mai scoperto è in realtà una trappola, creata ad hoc per catturare e uccidere questi animali: il sito è stato identificato in Messico da ricercatori dell'Instituto Nacional de Antropología e Historia, che riportano ...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

C'è voluto il lavoro di 35 gruppi di ricerca di tutta Europa per confermare, se mai ce ne fosse stato bisogno, che i capricci del clima stanno alterando la portata dei fiumi e modificando la severità delle esondazioni, tra i più frequenti e onerosi...

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019 ‐ Focus.it

L'olfatto di una squadra di cani poliziotto ha reso possibile un importante ritrovamento archeologico sulle Alpi Bebie, lungo la costa adriatica croata, dove un gruppo di archeologi ha rinvenuto diverse tombe risalenti all'Età del Ferro europea, con...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Focus.it

Una dieta formulata con le nobili intenzioni di nutrire una popolazione mondiale in crescita, prevenendo le morti dovute a una cattiva alimentazione e migliorando il nostro impatto ecologico, risulterebbe tuttavia troppo costosa per almeno 1,58 miliardi...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Focus.it

Un gruppo di astronomi ha rilevato, da un agglomerato galattico, una enorme emissione di gas, ampia centinaia di migliaia di anni luce o più. Stando a quanto pubblicato su Nature sarebbe la prima osservazione diretta di venti...

Pubblicato martedì, 12 novembre 2019 ‐ Focus.it

Chi vola spesso può incorrere più facilmente nelle batoste in bolletta del roaming, e gli uccelli non sono da meno: se ne sono accorti, a loro spese, alcuni ornitologi russi impegnati nel monitoraggio di 13 aquile delle steppe (Aquila...

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Il pomeriggio dell'11 novembre Mercurio si troverà fra la Terra e il Sole. Potremo quindi ammirare la silhouette del piccolo pianeta stagliata sull'enorme disco solare. Il transito di...

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Una speranza dopo 15 anni di stallo nelle ricerche sulla malattia di Alzheimer - la più comune forma di demenza, che interessa quasi 30 milioni di persone nel mondo - arriva dalla Colombia: una donna geneticamente...

Pubblicato lunedì, 11 novembre 2019 ‐ Focus.it

Anche in passato X-37B, lo spazioplano dell'U.S. Air Force, aveva affrontato missioni di durata lunghissima, da più di 700 giorni. Ma l'ultima, la quinta, l'ha visto fissare un nuovo record: ben 780 giorni in orbita attorno alla Terra....

Pubblicato domenica, 10 novembre 2019 ‐ Focus.it

Il pomeriggio dell'11 novembre Mercurio si troverà fra la Terra e il Sole. Potremo quindi ammirare la silhouette del piccolo pianeta stagliata sull'enorme disco solare. Il transito di...