COP24: che cosa ha sancito? E soprattutto, basterà?

Pubblicato lunedì, 07 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un regolamento per mettere in pratica quanto discusso a Parigi nel 2015, più una serie di malumori dovuti agli inevitabili compromessi: è quanto ci lascia in eredità la COP24, la Conferenza delle Parti sul Clima conclusasi il 15 dicembre a Katowice, in Polonia, dopo due settimane di serrate negoziazioni tra i rappresentanti dei governi di 196 Paesi (qui i principali documenti approvati).

 

Un punto messo a segno. Tra i risultati più importanti c'è la stesura di un sistema di regole (rulebook) - una sorta di prontuario - per implementare quanto stabilito negli Accordi di Parigi: parametri di riferimento comuni per verificare e riportare i progressi di ciascuna nazione sugli obiettivi climatici, prendendo così atto di quanto si è indietro e del distacco da colmare. Si tratta di un risultato positivo perché fa in modo che i Paesi aderenti si attengano agli standard dichiarati e che difficilmente possano svicolarsi dagli impegni presi.

 

i vincoli che mancano. Quello che manca, tuttavia, è il nodo chiave su come ciascuna nazione dovrà implementare i propri obiettivi di riduzione delle emissioni. Con i target attuali si riuscirà a contenere il riscaldamento globale entro i 3 °C di aumento di temperatura dai livelli preindustriali entro il 2100, un incremento che avrebbe effetti disastrosi, come ricordato nell'ultimo rapporto dell'IPCC. In pratica abbiamo gli strumenti politici per accorgerci di quanto dovremmo fare, ma non (ancora) quelli che ci obblighino a fare di più.

 

In base all'ultimo Rapporto del Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente, gli attuali target climatici dovrebbero essere incrementati di circa 5 volte per una chance di limitare il global warming a +1,5 °C, un aumento che il documento dell'IPCC di recente pubblicato dà come inevitabile entro i prossimi 12 anni.

 

Le nuove regole definite a Katowice non offrono una strada per inserirci in questa traiettoria, anche se molto si vedrà nella COP26 convocata per il 2020, in cui i vari Paesi dovranno dimostrare di aver raggiunto gli obiettivi di taglio delle emissioni stabiliti un decennio fa, e fissarne di nuovi e più stringenti. L'Italia e il Regno Unito (bisognoso di ritagliarsi un ruolo internazionale in tempi di Brexit) si sono candidati come Paesi ospiti del nuovo meeting.

 



Secondo l'ultimo Rapporto dell'IPCC, per "limitarci" a +1,5 °C le emissioni globali di gas serra andranno tagliate del 45% entro il 2030. | Shutterstock


Nessun doppio binario. Nel rulebook viene inoltre abolita la tradizionale differenziazione degli obblighi sul clima tra Paesi industrializzati e in via di sviluppo. Si prevede invece l'adozione di regole comuni, con la previsione di una maggiore flessibilità per i Paesi economicamente più svantaggiati, che possono chiedere un sostegno per muoversi in quella direzione, dopo aver dichiarato le loro difficoltà. L'intero sistema di monitoraggio comune delle politiche sul clima adottato dalle Parti si ispira ai criteri di trasparenza, accuratezza, completezza, coerenza e comparabilità (TACCC). 

 

Finanziamenti. Per quanto riguarda la finanza climatica è stato ribadito l'impegno a stanziare 100 miliardi all'anno dal 2020 per aiutare i Paesi in via di Sviluppo a raggiungere i propri obiettivi sul clima, e - per i Paesi industrializzati - a riferire ogni due anni quanto si può mettere a disposizione a questo scopo.

 

Riguardo al Global Stocktake, l'inventario globale delle emissioni serra da redigere ogni 5 anni auspicato dagli accordi di Parigi per vedere se, collettivamente, si è sulla strada giusta per contenere il global warming, il testo della COP24 sancisce che dovrà essere ispirato a un principio di equità (non meglio definito) e alla migliore scienza disponibile. 

 



Cambiamenti climatici: il rischio è una discussione non aderente alla realtà scientifica. | Shutterstock


Una questione terminologica. Proprio la "scienza disponibile" ha tenuto banco, per una volta considerata come punto centrale della conferenza, nel momento dell'analisi del Rapporto speciale dell'IPCC commissionato proprio dalla COP21 (ne abbiamo scritto qui).

 

Stati Uniti, Arabia Saudita, Russia e Kuwait, produttori e investitori in combustibili fossili, hanno spinto affinché non si "accogliesse favorevolmente" il testo, ma "se ne prendesse atto". Come a dire, si riconosce l'importanza dello studio, senza adottarne in modo vincolante le conclusioni. Come riporta Climalteranti.it, questo confronto è stato un momento di chiarezza e anche una prova dell'importanza del lavoro dell'IPCC, davanti al quale è impossibile voltarsi dall'altra parte.

 

Una questione aperta. Disaccordi tra le parti hanno di fatto rimandato gli accordi sulla regolamentazione del mercato del carbonio, cioè un meccanismo di scambio di quote di emissioni che consente ai Paesi di acquisire crediti per le emissioni non emesse (che possono essere acquistati da Paesi fortemente emettitori, che in questo modo si lavano la coscienza). 

 

In generale, nonostante i tentativi degli USA di sostenere in seno al meeting un'economia basata sul carbone e il rifiuto del Brasile di Bolsonaro di ospitare la COP25 il prossimo anno, i negoziati di Katowice hanno segnato un successo del multilateralismo. La strada della politica è l'unica possibile, anche se ancora troppo lenta.

 

I siti turistici più famosi, in assenza d'acqua


Vai alla gallery (11 foto)


L'Artico che cambia: tre anni di riscaldamento globale


Vai alla gallery (18 foto)


 

Tag: #Ambiente

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Provate a immaginare: un parassita trova la via per entrare nel vostro corpo e, in men che non si dica, prende possesso della vostra mente. Vi sembra un'ipotesi suggestiva, ma poco realistica, che potrebbe al massimo ispirare romanzi e film horror? Vi...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati coordinati da Mark Cheung, del Lockheed Martin Solar and Astrophysics Laboratory di Palo Alto (Usa), ha sviluppato la prima simulazione completa del ciclo di vita di un brillamento solare (flare): dall'accumulo di energia...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Se immaginiamo un miniatore chino su un manoscritto antico a decorare l'iniziale di un paragrafo, pensiamo tipicamente a un uomo, un monaco dotto e di una certa età. Ma l'arte di copiare i codici classici e dipingerne i capilettera non era soltanto...

Pubblicato venerdì, 18 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Il nome vuol dire “piccolo cervello”, e finora al cervelletto, per quanto importante, era stato riconosciuto il ruolo di protagonista solo nella funzione del controllo del movimento, in particolare della coordinazione e dell’equilibrio. Invece pare ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

I batteri che colonizzano in modo pacifico il nostro intestino hanno un ruolo importante nella digestione, nella regolazione del sistema immunitario, forse persino nella genesi di alcune malattie neurodegenerative. Ora un'analisi di questi microrganismi...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

L’asteroide dei dinosauri, quello da 14 chilometri di diametro che impattò tra il Messico e l’Oceano Atlantico circa 66 milioni di anni fa, non solo scombussolò il clima del pianeta al punto da causare o con-causare la scomparsa di ...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Addio foglioline lunari: è stato bello, finché è durato. A tre giorni dalla notizia del primo seme germogliato sulla Luna, all'interno del lander cinese Chang'E-4, la pianta di cotone di cui tutti parlavano è morta... congelata. Per sopravvivere...

Pubblicato giovedì, 17 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Siamo abituati a vederle come pacifiche divoratrici di plancton, ma un tempo i banchetti delle balene erano più variegati e cruenti: l'analisi di un fossile di Basilosaurus isis (un gigantesco cetaceo del passato) e di alcuni reperti animali...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Un team di scienziati di Harvard e della Columbia University ha messo a punto un processo chimico per trasformare la luce infrarossa in luce visibile, una tecnica che in futuro permetterà di utilizzare innocue radiazioni luminose a scopo terapeutico...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Secondo una recente e bizzarra teoria c'è un altro Universo dove tutto è fatto principalmente di antimateria, un Universo speculare al nostro. Bizzarra o meno, con questa ipotesi un team di scienziati canadesi afferma di poter rispondere ad alcune...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

La storia si ripete: gli imperi crescono e crollano, le grandi potenze si sfidano, le società deboli chiedono "uomini forti", le rivoluzioni talvolta sfociano in dittature. È sempre vero? Ne parliamo su Focus Storia n° 148 in edicola... e in questo...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Non crescono più in fretta se glielo chiedete, e non è detto che apprezzino Mozart: in ogni caso può darsi che le piante ci sentano, ma soprattutto, che sentano gli esseri viventi cui più di tutti sono interessate, gli impollinatori. Due...

Pubblicato mercoledì, 16 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Chi vive nelle grandi città si rassegni: ha più probabilità di ammalarsi perché l'influenza dura di più. Anche se, sian ben chiaro, non esistono metropoli più o meno sicure. È quanto rivela una ricerca basata su un'analisi di tipo ...

Pubblicato martedì, 15 gennaio 2019 ‐ Focus.it

Fino a non molto tempo capitava di sentire parlare di Venere come del gemello sfortunato della Terra. In realtà quanto più lo si studia, tanto più ci si rende conto della profonda diversità tra i due pianeti, la cui...