Come si conquista la Galassia

Pubblicato domenica, 14 luglio 2019 ‐ Focus.it

Mentre ancora appena si parla di tornare sulla Luna, la NASA e altre Agenzie spaziali pensano già a come colonizzare l'intera Galassia. Alla 10° edizione della Global Trajectory Optimisation Competition (GTOC), ai partecipanti è stato chiesto di tracciare la rotta verso il maggior numero di sistemi stellari. La consegna fornisce 100.000 ipotetici sistemi colonizzabili con posizioni ben precise: "vince" chi ne raggiunge di più consumando meno energia.

 

Fantaproblema. Si tratta di un esercizio di fantasia e di scienza missilistica: la consegna della competizione presuppone che fra 10.000 anni la razza umana deciderà di dare il via alla colonizzazione sfrenata della Via Lattea con 5 navi generazionali, ovvero enormi navi spaziali sulle quali tra la partenza e l'arrivo possono passare diverse generazioni. Nella consegna, il tempo limite per colonizzare la Via Lattea è di 90 milioni di anni, quindi abbastanza perché sulle navi si susseguano milioni e milioni di generazioni di coloni.

 

La competizione è stata vinta da un team composto da importanti istituti di ricerca cinesi (qui il breve video con lo schema della soluzione). Qui sotto, invece, la soluzione proposta dall'Advanced Concept Team (ACT) dell'ESA (l'Agenzia spaziale europea), che si è classificato terzo.

 



 

La soluzione dell'ACT dell'ESA: dal Sistema Solare (in giallo) partono le 5 navi generazionali (in blu e verde) che raggiungono i diversi sistemi stellari. Mentre la nave madre prosegue la sua corsa, parte della popolazione di coloni spaziali si trasferisce su di un pianeta, da cui partiranno altri coloni (in rosso) verso nuovi sistemi stellari. | ESA


 

Lontani, ma umani. L'ACT ha inoltre preso la palla al balzo per esaminare altri aspetti interessanti di questo scenario fantascientifico. Ogni nave generazionale sviluppa infatti il proprio sistema sociale ed evolve la propria lingua fino a renderla del tutto nuova. Del resto, la distanza (centinaia e migliaia di anni luce) rende infatti impossibile la comunicazione con la Terra e le altre navi generazionali.

 

 

 

Tecnologia aliena. Inoltre, una volta in viaggio, la nave non può fermarsi per fare delle riparazioni, per esempio, perciò, a bordo, molti sistemi devono essere in grado di autoripararsi. Se in futuro queste idee troveranno una realizzazione, le astronavi finiranno per essere più simili a un organismo che ad una macchina.

 

Inerzia tiranna. Per la nave sarà impossibile anche fare rifornimento: è per questo che nella competizione sono state favorite le soluzioni che impiegano meno energia di propulsione. Ed è sempre questo il motivo per cui le navi generazionali, dopo averci reso una "specie interstellare", proseguiranno per sempre il loro viaggio, inoltrandosi infine nello spazio intergalattico.

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Focus.it

Grande sorpresa per chi, il 18 agosto, si trovava sulla spiaggia Eloro-Pizzuta di Noto (Siracusa). I bagnanti hanno assistito a un fenomeno davvero inusuale, la nascita di un centinaio di tartarughe comuni (Caretta caretta): inusuale perché...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Focus.it

Lo stress è contagioso e l'osmosi emozionale (cioè la "trasmissione di emozioni") positiva, ma anche negativa, fra individui della stessa specie è dimostrata da numerose ricerche: il topolino di campagna mostra elevati livelli di stress se il suo...

Pubblicato sabato, 24 agosto 2019 ‐ Focus.it

Nell'estate del 2018, dopo un viaggio di 300 milioni di chilometri durato 1.302 giorni, la sonda Hayabusa-2 ha raggiunto l'asteroide Ryugu, un piccolo oggetto di 850 metri circa di diametro: da allora, la sonda...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Focus.it

L'Amazzonia brucia, e diversamente dagli incendi che hanno interessato diversi Paesi artici nelle ultime settimane, non si tratta di roghi spontanei. L'abbondanza di incendi che nel mese di agosto ha investito la più grande foresta...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Focus.it

Tra i resti fossili di un piccolo dinosauro con quattro ali vissuto attorno a 125 milioni di anni fa, un Microraptor zhaoianus, poco più grande di un corvo, sono stati rivenuti i resti non ancora digeriti del suo ultimo pasto, una nuova specie...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Focus.it

È opinione comune che molti asteroidi siano una miniera di metalli preziosi, utili e rari, tanto che l'estrazione spaziale potrebbe diventare in futuro un business al pari dell'odierna estrazione petrolifera. Per aprire la strada verso questa...

Pubblicato venerdì, 23 agosto 2019 ‐ Focus.it

Le immagini del NASA Earth Observatory mostrano impietosamente le conseguenze più evidenti dell’aumento delle temperature nelle aree più a nord del Pianeta: l'immagine simbolo è quella della totale scomparsa di un grande ghiacciaio islandese,...

Pubblicato giovedì, 22 agosto 2019 ‐ Focus.it

A scanso di equivoci: l'immagine qui sopra non è una fotografia del pianeta LHS 3844b, ma una ricostruzione affidabile e verosimile della superficie come non era mai stato fatto, con questa precisione, per nessun pianeta extrasolare di...

Pubblicato giovedì, 22 agosto 2019 ‐ Focus.it

Gli esperti della NASA stanno offrendo consulenze gratuite alle space company, le agenzie spaziali private che stanno sviluppando le tecnologie per raggiungere e superare la Luna. Così facendo, l'agenzia americana getta benzina sul fuoco della...

Pubblicato giovedì, 22 agosto 2019 ‐ Focus.it

Se lo dice il dottore... Il presupposto della maggior parte delle persone che si rivolgono a un medico è che i consigli e i farmaci prescritti, le cure e trattamenti ricevuti siano, se non certezze granitiche, almeno il frutto della migliore...

Pubblicato giovedì, 22 agosto 2019 ‐ Focus.it

Nel 2018 il numero di persone senza cibo a sufficienza è salito a 820 milioni, pari al 10,8% della popolazione mondiale. Nel 2017, erano 811 milioni: per il terzo anno di seguito i numeri della malnutrizione risultano in crescita - una...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Piuttosto basso, sanguigno, eccelso suonatore di mandolino. Vincenzo Peruggia, ventinovenne stuccatore e decoratore originario di Dumenza, in provincia di Varese, risponde a parecchi degli stereotipi sugli immigrati.   La mattina di lunedì 21...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Il lago Roopkund è una piccola perla d'acqua incastonata tra le montagne dell’Himalaya, a 5.029 metri sul livello del mare: piccola, perché è più una pozza che un lago, con i suoi 40 metri appena di diametro. Con una brutta fama,...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Il primo viaggio di andata e ritorno a Marte vedrà impegnata anche l’Europa, impegnata a riportare a Terra campioni di suolo marziano. Sarà un passo decisivo per verificare se sul Pianeta Rosso siano mai esistite la vita o le condizioni per...

Pubblicato mercoledì, 21 agosto 2019 ‐ Focus.it

Da alcuni anni un gruppo di scienziati dell'Università di Harvard si prepara a lanciare un pallone atmosferico a 20 km dalla superficie terrestre con l'obiettivo di rilasciare aerosol riflettenti che possano rispedire al mittente parte della...