Che cos'è la Nuova Via della Seta?

Pubblicato lunedì, 18 marzo 2019 ‐ Focus.it

Nuova Via della Seta è l'espressione coniata dalla stampa italiana per raccontare la Belt and Road Initiative (BRI), un ambizioso programma del governo cinese che vuole finanziare con oltre 1.000 miliardi di dollari diversi investimenti infrastrutturali in quasi ogni angolo del pianeta: Africa, Europa, India, Russia, Indonesia. L'iniziativa, fortemente voluta da Xi Jinping, Presidente della Repubblica Popolare Cinese, è stata lanciata nel 2013.

 

Dal punto di vista concreto la Belt and Road Initiative è un insieme di progetti pagati dal governo di Pechino e finalizzati alla realizzazione o al potenziamento di infrastrutture commerciali - strade, porti, ponti, ferrovie, aeroporti - e impianti per la produzione e la distribuzione di energia e per sistemi di comunicazione. Il tutto per facilitare e dare ulteriore impulso a scambi e rapporti commerciali tra le imprese cinesi e il resto del mondo: una sorta di piano globale (nel vero senso della parola) di commerci che - secondo la Banca Mondiale (WB, World Bank) - potrebbe arrivare a veicolare un terzo di tutto il commercio mondiale e coinvolgere il 60% della popolazione del pianeta.

 

Un piano che, senza clamore, è comunque in atto da tempo, come rileva un report del Center for Strategic and International Studies (CSIS) pubblicato a febbraio, secondo il quale alla fine del 2018 il governo cinese aveva già finanziato 173 grandi opere collegate alla BRI in 45 Paesi. Come l'acquisizione, avvenuta nel 2016, da parte dell'azienda cinese Cosco, del 51% della società che gestisce il porto greco del Pireo: di fatto, ciò significa che da quasi tre anni uno dei porti più importanti del Mediterraneo è controllato da una compagine che riferisce direttamente al governo di Pechino. Un altro esempio sono i 60 miliardi di dollari di finanziamenti a fondo perduto o a tassi super agevolati assicurati dallo stesso Xi Jinping lo scorso anno ai 50 capi di stato africani riuniti in occasione del terzo Forum on China-Africa Cooperation: giusto per avere un termine di paragone, la manovra economica italiana per il 2019 vale circa 42 milioni di dollari.

 

I sei pilastri. Descrivere nel dettaglio la BRI è quasi impossibile. Per quel che possiamo vedere, Pechino non fa molto per garantire la trasparenza dell'iniziativa - a cominciare dal sito Internet ufficiale per l'iniziativa, che è molto più "marketing" che informativo. In sintesi, la Belt and Road Initiative vedrebbe snodarsi, dalla Cina, sei grandi corridoi commerciali:

 

# quello con il Pakistan (Cpec);

# quello che passa per l'India, il Bangladesh e il Myanmar (Bcimec);

# quello che unisce Iran, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turchia, Turkmenistan e Uzbekistan (Cwaec);

# quello che coinvolge Cambogia, Laos, Malesia, Thailandia, Myanmar e Vietnam (Cicpec);

# quello che collega Pechino con Russia e Mongolia (Cmrec);

# quello che garantisce gli sbocchi in Europa (Nelb).

 



I corridoi commerciali che andranno a comporre la Belt and Road Initiative, la cosiddetta Nuova Via della Seta. | World Bank


 

La Via della Seta passa dal Triveneto. Nell'idea di Pechino la BRI dovrebbe passare anche per il nostro Paese, attraverso il finanziamento di grandi opere stradali e ferroviarie, con il potenziamento dei collegamenti con la Cina via mare e via cielo e con l'iniezione di capitali cinesi in settori chiave come quello dell'energia.

 

Nel mirino dei cinesi ci sarebbero il porto di Trieste, una cooperazione nel comparto dell'energia tra Terna e la State Grid Corporation of China e non meglio specificate collaborazioni tra aziende pubbliche e private orientali e grandi progetti europei come la TAV.

 

L'Europa chiede attenzione. Qualche giorno fa il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha dichiarato che l'Italia potrebbe ufficialmente aderire alla Belt and Road Initiative, diventando così il primo Paese del Gruppo dei 7 (G7: Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito, Usa, Canada) a schierarsi apertamente a fianco di Pechino. Conte ha dichiarato che sarà firmato un memorandum d'intesa sulla BRI in occasione della visita in Italia di Xi Jinping (21-23 marzo).

 

A livello internazionale, diversi Paesi, capitanati da Giappone, Regno Unito e Stati Uniti, hanno apertamente dichiarato di non essere favorevoli alla BRI e la stessa Unione Europea ha chiesto all'Italia prudenza sul contenuto degli accordi che si accinge a firmare. Questo perché (affermano gli analisti) il rischio è che il baricentro economico del nostro Paese e dell'intera Europa si sposti dall'asse occidentale verso un asse orientale e cinese e che la Cina acquisti, se non il controllo, significative aree di influenza in settori considerati strategici per l'economia e la sicurezza nazionale.

 

Antonio Tajani, Presidente del Parlamento Europeo, in un incontro organizzato dall'Istituto per il Commercio Estero (ICE) a New York con i rappresentanti delle imprese italiane attive negli Stati Uniti, ha sottolineato più volte come la Cina sia un avversario commerciale e che Europa e Stati Uniti dovrebbero allearsi mettendo in campo strategie comuni finalizzate alla tutela dei rispettivi interessi economici.

 

Tag: #Comportamento

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

La conferma arriva dalla Spagna: il calabrone bicolore (Vespa bicolor), un imenottero asiatico dalla colorazione particolarmente brillante, si riproduce in Spagna, nella provincia di Malaga, e potrebbe aver stabilito così una...

Pubblicato venerdì, 19 aprile 2019 ‐ Focus.it

Nella serie televisiva Homeland il protagonista uccide il Vicepresidente degli Stati Uniti manomettendo da remoto il suo pacemaker. Ma quanto è reale questo rischio? È davvero possibile che un hacker riesca ad accedere a un dispositivo medico...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Le più antiche, elementari forme di vita sulla Terra sorsero probabilmente nei laghi poco profondi, e non negli oceani primordiali. Lo sostiene uno studio del MIT pubblicato su Geochemistry, Geophysics, Geosystems, che prende in considerazione...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Il ruolo del microbiota intestinale nella salute dell'organismo è sempre più spesso sotto le lenti degli scienziati: di particolare interesse sono gli studi sul cosiddetto asse intestino-cervello, che indagano la capacità dei microrganismi digerenti...

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Uno sbiadito bagliore, molto breve, proveniente da una galassia lontanissima, ha permesso agli astronomi di assistere a una prima assoluta: la nascita di un sistema binario di stelle di neutroni (compact neutron star binary)....

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

L'85 per cento trova subito un impiego e il 45 per cento un contratto a tempo indeterminato: sono alcune delle cifre che rendono la formazione professionale il fiore all'occhiello della Regione Lombardia. “Costruendo voi stessi oggi, costruirete il...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

La capacità dei batteri di sviluppare resistenza agli antibiotici è ben conosciuta: meno spesso si dice che anche i funghi hanno sviuppato questo super potere. È forse anche per questo che un fungo...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

Lo Spazio non ha riguardi per il corpo umano: da quel poco che sappiamo sulle missioni spaziali di lunga durata, appreso nell'ambiente ancora relativamente protetto della ISS, il nostro organismo risente delle condizioni di microgravità, delle...

Pubblicato mercoledì, 17 aprile 2019 ‐ Focus.it

I flussi piroclastici sono le valanghe di cenere, gas e rocce che possono precipitare a valle da alcuni vulcani durante un'eruzione, così velocemente che sembrano violare le leggi della fisica. I materiali di cui sono composti dovrebbero fare...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Le origini dell’uovo di cioccolato sono da ricondurre al re Sole, Luigi XIV. Fu lui che per primo, a inizio Settecento, fece realizzare un uovo di crema di cacao al suo chocolatier di corte. L'usanza di regalare le uova a...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Non è facile osservare un "funerale" tra gorilla: i primati morenti spesso si allontanano dal gruppo per andarsene in disparte, e i gesti esibiti dagli esemplari ospiti di riserve o giardini zoologici non sono scientificamente attendibili. Così la...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

La città di New York ha dichiarato uno stato di emergenza sanitaria martedì 9 aprile a causa dell'aggravarsi di un'epidemia di morbillo nei quartieri di Brooklyn e del Queens. Da ottobre 2018 all'8 aprile 2019 ci sono stati almeno 285 casi di contagio, ...

Pubblicato martedì, 16 aprile 2019 ‐ Focus.it

Si ipotizza che gli asteroidi composti quasi unicamente da metalli nacquero all'inizio della storia del Sistema Solare, quando i pianeti si stavano ancora formando. È possibile che in quel caos creativo planetesimali, planetesimi e protopianeti, tutti...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Focus.it

Contenuto sponsorizzato a cura di Enel X   Enel X schiaccia il piede sull'acceleratore e punta dritto verso mobilità sostenibile e smart home. La società che si occupa di innovazione e...

Pubblicato lunedì, 15 aprile 2019 ‐ Focus.it

La plastica galleggiante onnipresente nei mari non è che una minuscola frazione di quella che gettiamo: si stima che soltanto 250.000 di 4-12 milioni di tonnellate di plastica che ogni anno si riversano negli oceani affiorino in superficie: di tutto il...