Autismo, benefici da un nuovo mix di batteri intestinali

Pubblicato giovedì, 18 aprile 2019 ‐ Focus.it

Il ruolo del microbiota intestinale nella salute dell'organismo è sempre più spesso sotto le lenti degli scienziati: di particolare interesse sono gli studi sul cosiddetto asse intestino-cervello, che indagano la capacità dei microrganismi digerenti di influire sull'umore, sui fenomeni depressivi e su disturbi del neurosviluppo come l'autismo.

 

L'idea che il microbiota intestinale possa avere effetti che si estendono al comportamento a tal punto da influire o determinare disturbi dello spettro autistico è controversa, e supportata, finora, soltanto da alcuni studi sui topi. Ma è una delle tante strade battute per contrastare questa famiglia di condizioni che conosciamo ancora poco. Tanto più che dal 30 al 50 per cento delle persone con disturbi dello spettro autistico soffre anche di problemi intestinali come diarrea, costipazione e dolori di pancia: disagi legati forse anche a una dieta alterata, dato che molti hanno un approccio molto selettivo al cibo.

 

Il sospetto di un legame. «Molti bambini con autismo hanno problemi gastrointestinali, e alcuni studi, incluso il nostro, hanno trovato che in questi bambini i sintomi legati all'autismo sono più evidenti», spiega Rosa Krajmalnik-Brown (Arizona State University). Insieme ai colleghi, Krajmalnik-Brown si è chiesta se trattare i problemi "di pancia" potesse portare a un miglioramento dei disturbi comportamentali.

 

Batteri in prestito. Per introdurre batteri "migliori" nell'intestino dei pazienti, il team è ricorso al trapianto fecale, il trasferimento di materia fecale da un donatore sano alla persona con disequilibri nel microbiota, mirato a ricostituire una popolazione batterica equilibrata. In precedenza, lo stesso trattamento testato su 18 pazienti aveva migliorato anche i loro sintomi comportamentali (nella capacità di comunicazione e di interazioni sociali) per un paio di mesi.

 

Lo studio, pubblicato su Scientific Reports, è servito a capire se questi effetti positivi potessero durare più a lungo. Diciotto bambini e ragazzi con disturbi dello spettro autistico e 20 soggetti di controllo sono stati sottoposti a trapianto di batteri fecali per un periodo di 7-8 settimane. Prima del trattamento, i ragazzi con autismo avevano una minore ricchezza di batteri nel microbiota, tuttavia non esiste, che si sappia, una alterazione microbica tipicamente riconducibile all'autismo.

 

Risultati incoraggianti. Dopo otto settimane, insieme alle condizioni dell'intestino erano migliorati anche alcuni sintomi dell'autismo, calati nei pazienti del 24%. A due anni dal trattamento, questi tratti risultavano ridotti del 45%, in base alla valutazione di professionisti esterni. Prima dello studio, l'83% dei partecipanti aveva una forma di autismo grave. A due anni di distanza, soltanto il 17% dei pazienti trattati rientrava in questa categoria, mentre gli altri mostravano un miglioramento dei sintomi psicologici.

 

I limiti dello studio. La ricerca non è stata condotta in doppio cieco (sperimentatori e pazienti erano perciò al corrente di tutte le condizioni), e non si possono quindi escludere i benefici dell'effetto placebo. Il numero di partecipanti è ancora molto esiguo, e il trapianto fecale, che rimpiazza l'intera popolazione di microbi intestinali, è ancora una soluzione dibattuta e piuttosto radicale, che si utilizza per esempio nei pazienti con infezioni intestinali gravi e non trattabili in altro modo.

 

Altri ricercatori stanno lavorando a strade meno drastiche, per esempio analizzando il contributo di probiotici e antibiotici sui sintomi dell'autismo. Va ricordato però che si tratta di ricerche complementari ai metodi di supporto classico.

 

11 cose scoperte da poco sul corpo umano


Vai alla gallery (11 foto)

Tag: #Scienza

Altri articoli pubblicati da Focus.it

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Focus.it

Sui libri di scuola il mantello terrestre è quell'involucro dalle tonalità giallo-arancio che separa il nucleo e la crosta. Ma la sua raffigurazione come uno strato omogeneo e uniforme è molto lontana dalla realtà: bisogna invece...

Pubblicato domenica, 26 maggio 2019 ‐ Focus.it

Per la prima volta è stata constatata una variazione secolare del campo magnetico di un altro pianeta, Giove: «una scoperta a cui siamo arrivati solamente grazie agli strumenti della sonda Juno, attorno a Giove dal 2016, proprio per...

Pubblicato sabato, 25 maggio 2019 ‐ Focus.it

Sono giorni difficili (o così si direbbe) per i possessori di smartphone Huawei: il divorzio tra il gigante cinese della tecnologia e Google, imposto dalla Casa Bianca lo scorso 16 maggio, sta suscitando preoccupazioni in milioni di utenti ...

Pubblicato sabato, 25 maggio 2019 ‐ Focus.it

Alito cattivo? Poco importa se mangiare aglio può aiutarci a migliorare la memoria. I ricercatori dell’Università di Louisville (Usa) affermano che consumare abitualmente aglio non solo migliora la memoria, ma...

Pubblicato sabato, 25 maggio 2019 ‐ Focus.it

Più in profondità vive una creatura acquatica, più primitivo sarà il suo sistema visivo: finora questo era uno dei pochi punti fermi di chi studia i pesci abissali, che sono impossibili da prelevare dal loro habitat naturale ...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

La Foresta Rossa, una zona boschiva un tempo costituita da due chilometri di pini silvestri, comincia a soli 500 metri dall'ex complesso nucleare di Chernobyl. Dopo il disastro del 1986, fu una delle aree più colpite dalla ricaduta di...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

Il 24 maggio 1819, duecento anni fa, nacque a Londra Sua Maestà Vittoria, regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda e imperatrice d'India. Il suo lunghissimo regno - durato 63 anni, 7 mesi e due giorni, il secondo più lungo della storia del...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

Che cos'è il populismo? La risposta cambia a seconda che si rivolga la domanda a uno storico o a un politologo, mentre i politici, a seconda di quanto si sentano gratificati o insultati dall'essere chiamati "populisti",...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

Un gruppo di scienziati alimentari che stava studiando il genoma batterico di un ceppo di Salmonella ha individuato in esso un gene che promuove la resistenza alla colistina, un antibiotico di importanza mondiale, perché...

Pubblicato venerdì, 24 maggio 2019 ‐ Focus.it

«Certo che Paperino leggerebbe una rivista scientifica! Così potrebbe vivere avventure fantastiche e straordinarie. Anche con la partecipazione di due scienziati come Archimede e Pico De...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

Venerdì 24 maggio 2019 gli studenti di tutto il mondo scenderanno in piazza per il secondo Global Climate Strike For Future, una manifestazione mondiale per "richiamare" gli adulti, perché siano applicate le disposizioni per arginare il...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

Dopo tre rinvii, si spera che questa sia la volta buona: per le 4:30 (ora italiana) del 24 maggio è previsto il lancio del razzo Falcon 9 di Space X che depositerà su un'orbita a 440 chilometri di altezza (dunque poche decine di chilometri sopra la...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

La prima traccia di un documento che consente di circolare su strada con un autoveicolo (dunque un... antenato della patente B!) si trova in un antico regolamento della circolazione “degli automobili” (allora la parola era di genere maschile,...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

In questo periodo, astrofili di ogni parte del mondo seguono con attenzione l'evoluzione della Grande Macchia Rossa di Giove: sembra che la gigantesca tempesta, in atto da almeno 350 anni, descritta con...

Pubblicato giovedì, 23 maggio 2019 ‐ Focus.it

Poter bloccare immediatamente le emorragie è essenziale nella medicina di emergenza e negli interventi chirurgici. Nella maggior parte dei casi, il sanguinamento incontrollato deriva dalla rottura di un'arteria o dalla lesione di un organo...